Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Arcano

Titus Flavius Vespasianus

Risposte migliori

Arcano

Salve ragazzi non scrivevo su questo sito da un'eternità. Ripropongo magari per i nuovi iscritti un articolo scritto da me qualche anno fa in omaggio ad uno degli imperatori che ha salvato l'impero romano da un collasso prematuro. Secondo me il migliore fra tutti.

Buona lettura

Basso e tarchiato, calvo con qualche capello crespo e ruvido, gli occhi penetranti, il naso aquilino, la bocca poco pronunciata e la mascella robusta. Per quanto riguarda l'aspetto Vespasiano aveva pochi punti a suo favore, zero per raffinatezza e buone maniere, ma per realismo e buon senso era il migliore, un uomo solido come una roccia, deciso, affidabile e sopratutto romano. Vespasiano nasce nel 9 d.c. a Rieti. Rapprenta l'ideale romano, un romano veccho stile di un'antica stirpe cresciuto nei valori di altri tempi: coraggio, magnanimità nella vittoria, un buon soldato e un buon contadino.

La prima scalata di Vespasiano verso il senato romano comincia nell'esercito. Come tribuno inizia ad osservare come viene guidato l'impero. Per entrare in carriera come politico e quindi al senato bisogna avere amici influenti e molto denaro. C'è un requesito minimo di ammissione di 1.000.000 di sesterzi. I soldati guadagnano circa 900 sesterzi l'anno, quindi avere un capitale di 1.000.000 di sesterzi era molto. La ricchezza della madre porta il diciottenne Vespasiano in corsa per il senato, ma il suo denaro non garantisce nulla oltre una buona posizione di partenza.

La società romana è una società militare, la sua forza dipende dall'avere, nelle alte sfere, persone che possono comandare le armate e difendere le frontiere. Così tutti i giovani aristocratici, che dovranno entrare in politica, devono avere un'esperienza militare, così come il giovane Vespasiano, che prima di tutto venne mandato a fare il militare nel nord della Grecia in Tracia. Vespasiano ha 23 anni quando fa la prima esperienza a Roma. E' stato assegnato alla citta come triunvito "triumph capitalis". All'età di circa 26 anni diventa questore di Creta e Cirene in Africa settentrionale. Con questa nuova esperienza il giovane Vespasiano getta uno sguardo più ravvicinato al modo in cui Roma raccoglie il suo denaro, esperienza che gli consentirà di diventare un grande imperatore ed un grande salvatore dell'impero romano. Le cariche di questore sono 20 distribuite dal senato: 10 a seconda del rango e 10 ad estrazione. Vespasiano ottiene la sua per estrazione, che risultò essere quella più bassa dell'ordine gerarchico cioè quella di proconsole a Creta e Cirene, una carica che risultò la più sconosciuta. Al suo ritorno a Vespasiano entra nel gruppo di comando, a 26 anni ha conosciuto il funzionamento dell'impero ma non sà ancora nulla delle politiche di palazzo, cosa che imparerà presto.

Pochi mesi dopo per ben 2 volte Vespasiano deve fare domanda per la sua ulteriore promozione, la prima era stata rifiutata. Ma gli ostacoli si fanno sempre più difficili, infatti tra una domanda e l'altra l'imperatore Tiberio muore. Vespasiano riesce comunque a salire di grado ma non come avrebbe voluto lui. Infatti ottiene l'incarico di edile e tra i suoi compiti c'è quello di tenere le strade pulite. Questo incarico gli spetta durante il regno dell'imperatore Caligola che notando le strade ricoperte di fango, diede a Vespasiano l'incarico di ripulirle.

E' durante questo suo soggiorno a Roma che Vespasiano si sposa e nasce suo figlio Tito. Successivamente gli viene attribuito un protettore di nome Narciso, che si rivelerà molto importante per la sua carriera. Si tratta di uno schiavo, ma non dell'imperatore, ma di uno schiavo di Claudio e precisamente lo zio di quest'ultimo. L'influenza di questo schiavo, che era più un liberto, fece ottenere a Vespasiano l'incarico dei suoi sogni ovvero comandante di una legione "La Seconda Augusta" situata in Germania. Con la morte di Caligola viene eletto un nuovo imperatore, Claudio. Vespasiano entrerà a far parte delle ambizioni personali del nuovo imperatore che lo mette al comando di una nuova legione per la conquista della Britannia.

Ed è proprio in seguito a questa nomina che Vespasiano vede la sua prima occasione di gloria.

Con una coordinazione magistrale lancia un assalto simultaneo da fronte e da retro che si rivelerà un grande successo riuscendo a conquistare la parte sud occidentale della Britannia.

Così Vespasiano ritorna trionfante a Roma, ma alla corte dell'mperatore un uomo trionfante è un uomo pericoloso. Il suo protettore Narciso non può aiutarlo, l'imperatore ha sposato Agrippina sorella di Caligola. Agrippina è piena di odio e Narciso viene messo fuori gioco, così come Vespasiano che fin quando è sgradito ad Agrippina non va da nessuna parte.

Quando nel 54 d.c. Claudio muore ed il suo giovane figlio, Nerone, diventa imperatore,la sua nemica diventa la donna più potente al mondo.

Ma dopo 5 anni Nerone uccide sua madre. Vespasiano torna in pista.

Viene nominato proconsole governatore d'Africa, che rappresentava il rango più alto della scala senatoriale. In questa provincia Vespasiano rappresenta l'imperatore in persona con pieni poteri. Dppo un anno il suo governatorato finisce. Nel periodo in cui egli avrebbe potuto far soldi, ha preferito farsi degli amici. E' stato un buon investimento, infatti dove altri guadagnano sesterzi lui guadagna rispetto. Quando torna a Roma è piuttosto dura. Deve tornare a lavorare nell'impresa dei trasporti con i convogli di muli. Ed è qui che gli viene dato l'appellativo di "mulattiere".

Inaspettatamente Nerone lo chiama a sè.

Nel 66 d.c. i giudei, da sempre disadattati all'impero pagano, si ribellano contro la tirannia pagana e scandalosa di Nerone piombando su una legione romana e annientandola. Inizialmente Vespasiano si muove contro la città di Galilea e per 40 giorni e 40 notti viene messa sotto assedio, scatenado le forze massicce dell'impero contro i ribelli giudei. E' una battaglia feroce che si conclude con l'annientamento di tutti gli abitanti, tutti tranne uno, Giuseppe, il generale in carica delle forze di difesa. Giuseppe sopravvive e passa attraverso una miracolosa conversione per diventare un grande studioso e storico. Egli offre i propri servigi a Vespasiano ed a suo figlio Tito. Comincia a fare la cronaca delel avventure di Vespasiano ed a scrivere una storia della guerra di Giudea. Ed è grazie a lui che conosciamo un lato oscuro di Vespasiano cioè un uomo capace di compiere a pieno la vendetta di Roma.

Anziani e bambini vennero uccisi insieme a coloro che avevano combattuto in battaglia, gli altri invece venduti come schiavi.

Ma è in questi luoghi che Vespasiano rischia per la prima volta di morire. nella città di Gamla infatti dopo una prima sconfitta delle truppe romane, Vespasiano rimane solo con pochi soldati i quali lo coprono con i loro scudi riuscendo a salvarlo. Per il guerriero 58enne è un momento pericoloso. Ma nel giro di pochi giorni un secondo assalto ha successo ed i ribelli vengono uccisi, (molti dei quali decisero di suicidarsi buttandosi nello strapiombo della vallata).

E' proprio in questo periodo, probabilmente intorno al giugno del 68, che Vespasiano apprende la notizia del suicidio di Nerone. Vespasiano sà che Roma è in pericolo perchè Nerone non ha lasciato eredi e sopratutto perchè aveva molti nemici.

Decide di attendere osservando quale strada avrebbe preso l'impero. In pochi mesi cadono 2 imperatori: Galba e Otone. Ed è allora che si accorge che l'impero che ama si sta disintegrando. Si accorge anche che le regole che ha sempre seguito vengono infrante.

Con un esercito fortificato dalle battaglie sotto il suo comando diretto e la lealtà di altre 5 legioni al nord e al sud, con 2 figli adulti a loro volta comandanti militari, decide che è arrivato il momento di fare il suo gioco, e gioca da maestro.

Non si dirige però a Roma, l'esperienza gli aveva insegnato molte cose. Lascia Tito a tenere a bada i giudei. Manda una parte dell'esercito a marciare verso Roma. Lui invece si dirige verso L'Africae qui si limita ad impedire i rifornimenti di grano diretti a Roma.

In un colpo solo Vespasiano rende Roma ingovernabile e senza pane le rivolte a Roma sono inevitabili. L'imperatore Vitelio intanto inizia a perdere il suo potere.

Successivamente Vespasiano decide di radunare a se le forze del Danubio, le stesse forze che entrarono a Roma il 20 dicembre del 69 d.c. Il ragazzo delle colline di Rieti è imperatore. Egli fa ritorno a Roma nell'ottobre dell'70 d.c.

I tesori sottratti ai giudei diventarono capitaleper la ricostruzione di Roma.

La guerra e la ribellione hanno minato fortemente le basi dell'impero. Ma l'imperatore Vespasiano sa cosa fare.

Ripara il sistema di acquedotto a sue spese e si accerta che i cittadini lo vengano a sapere;

Ricostruisce i templi;

Regala alle città provinciali il diritto di diventare romane ed ai loro cittadini il diritto di diventare cittadini romani;

Nel parco della Domus Aurea di Nerone fa costruire l'anfiteatro più grande del mondo e lo fa costruire con il capitale che lui stesso ha portato da Gerusalemme.

Questo è il suo regalo al popolo, lo chiama anfiteatro Flavio ma il mondo lo conosce come il Colosseo.

Vespasiano ha salvato Roma, è stato imperatore di Roma per 10 anni ma l'ha servita fedelmente per ben 50 anni.

Non ha mai sognato di essere imperatore e quando è sul punto di morte, primo imperatore a morire pacificamente dopo augusto, fa una battuta sulla sua strana carriera: "chi sono"? disse, "credo che mi stia trasformando in un dio"

Ecco a voi ragazzi la storia del mitico imperatore Vespasiano, senza il quale l'impero romano non sarebbe diventato quello che è stato, che è e che sarà nei prossimi secoli.

Saluti

Modificato da Arcano
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Claudio I

Gran bella lettura molto interessnte. Grazie Arcano.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Grazie Arcano, bentornato!

Leggo sempre con piacere i tuoi scritti. Casualmente ho appena terminato di leggere "il tribuno" la "storia" di Vespasiano da giovane fino all'arrivo in Tracia, anche se ovviamente romanzato, esprime bene le sue caratteristiche peculiari, un Romano con la R maiuscola, un uomo solido, abile amministratore e soldato, a mio avviso l'età dell'oro è cominciata con lui, non fosse stato per Domiziano...

Ciao, Exergus :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

Grazie Arcano, bentornato!

Leggo sempre con piacere i tuoi scritti. Casualmente ho appena terminato di leggere "il tribuno" la "storia" di Vespasiano da giovane fino all'arrivo in Tracia, anche se ovviamente romanzato, esprime bene le sue caratteristiche peculiari, un Romano con la R maiuscola, un uomo solido, abile amministratore e soldato, a mio avviso l'età dell'oro è cominciata con lui, non fosse stato per Domiziano...

Ciao, Exergus :)

Gli studiosi che recentemente si sono occupati della figura di Domiziano hanno largamente rivalutato la sua figura, grandemente penalizzata da "cattiva stampa" dell'epoca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Scusa Flavius... :) non volevo offendere... :P Naturalmente la "stampa" dell'epoca non era a favore di Domiziano, sicuramente non dopo la sua morte... si potrebbe dire quindi che il "secolo d'oro" è durato più di un secolo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Salve ragazzi non scrivevo su questo sito da un'eternità. Ripropongo magari per i nuovi iscritti un articolo scritto da me qualche anno fa in omaggio ad uno degli imperatori che ha salvato l'impero romano da un collasso prematuro. Secondo me il migliore fra tutti.

Ciao e bentornato ad Arcano,

uno dei miei primi "amici" in ordine temporale qui sul Forum.

Spero che questo tuo post rappresenti una ripresa del tuo interesse per la numismatica romana e della frequentazione per il Forum, ben sapendo che negli ultimi anni avevi avuto pensieri ben più importanti nella sfera personale privata...

Ciao,

a risentirci

Illyricum

:)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arcano

Salve ragazzi non scrivevo su questo sito da un'eternità. Ripropongo magari per i nuovi iscritti un articolo scritto da me qualche anno fa in omaggio ad uno degli imperatori che ha salvato l'impero romano da un collasso prematuro. Secondo me il migliore fra tutti.

Ciao e bentornato ad Arcano,

uno dei miei primi "amici" in ordine temporale qui sul Forum.

Spero che questo tuo post rappresenti una ripresa del tuo interesse per la numismatica romana e della frequentazione per il Forum, ben sapendo che negli ultimi anni avevi avuto pensieri ben più importanti nella sfera personale privata...

Ciao,

a risentirci

Illyricum

:)

Grazie tante Illirycum ho ricomicniato a fare offerte nelle aste, speriamo bene :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Gli studiosi che recentemente si sono occupati della figura di Domiziano hanno largamente rivalutato la sua figura, grandemente penalizzata da "cattiva stampa" dell'epoca.

Intanto complimenti! :good:

Per il quotato...io è dalle elementari che apprezzo la figura di Domiziano (che da bambino confondevo sempre con Diocleziano :P)...

Quando ho iniziato a studiare meglio ho realmente rivalutato anche io la sua figura; decisamente un personaggio "interessante".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

Gli studiosi che recentemente si sono occupati della figura di Domiziano hanno largamente rivalutato la sua figura, grandemente penalizzata da "cattiva stampa" dell'epoca.

Intanto complimenti! :good:

Per il quotato...io è dalle elementari che apprezzo la figura di Domiziano (che da bambino confondevo sempre con Diocleziano :P)...

Quando ho iniziato a studiare meglio ho realmente rivalutato anche io la sua figura; decisamente un personaggio "interessante".

Se apprezzi il personaggio e ti piacciono i romanzi storici, ti consiglio la lettura di Domitia and Domitian di David Corson, apprezzato anche da Brian W. Jones, l'autore di The Emperor Domitian. Si trova anche in Italia (io l'ho preso da I.B.S.).

Ci sono anche riferimenti alle monete: per esempio il denario con al rovescio Pegaso coniato sotto Vespasiano sarebbe stato coniato per celebrare la vena artistica del futuro imperatore.

E' scorrevolissimo anche per chi non è di madrelingua inglese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×