Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Sono iniziati i lavori di aggiornamento della piattaforma, potrebbero verificarsi problemi sia sul forum che nei cataloghi.

Sign in to follow this  
petronius arbiter

Quando pulire le monete fa male...

Recommended Posts

petronius arbiter

...non alle monete, a quello che le pulisce :rolleyes:

E' la triste storia di John Sanford Saltus, che probabilmente qualcuno di voi già conosce, ma del quale mi pare non si sia mai parlato nel forum.

Saltus, nato nel Connecticut nel 1853, ricoprì importanti cariche all'interno dell'American Numismatic Society (ANS), prima Vicepresidente, poi Segretario.

Autore anche di diverse pubblicazioni, era un nome molto conosciuto e rispettato nell'ambiente numismatico, e quando fu trovato morto nella sua camera all'Hotel Metropole di Londra, la notizia fece molto scalpore.

Saltus, che si trovava a Londra per partecipare a una riunione della British Numismatic Society, di cui era stato uno dei soci fondatori, venne trovato morto nella sua stanza, la mattina del 24 giugno 1922, dal cameriere che era andato per servirgli la colazione, steso a terra completamente vestito, con la porta della camera chiusa a chiave dall'interno.

In un primo momento furono prese in considerazione varie ipotesi, tra cui quella del suicidio, ma il coroner stabilì che le cose erano andate diversamente.

petronius :ph34r:

post-206-0-38159500-1341334717_thumb.jpg

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

Le conclusioni a cui giunse l'inchiesta furono che Saltus era "morto per una disavventura".

La sera prima, aveva comprato una piccola quantità di cianuro di potassio, che intendeva usare per pulire alcune monete d'argento che aveva appena acquistato. Anche se il cianuro era un veleno, sembra che i collezionisti dell'epoca ogni tanto lo usassero per pulire le loro monete.

Sfortunamente, a un certo punto, quando si era ormai ritirato nella sua stanza per svolgere con calma il lavoro, a Saltus venne sete, e così ordinò una bottiglia di ginger ale.

Leggiamo a questo punto cosa scrisse la rivista The Numismatist nell'agosto del 1922:

"Un bicchiere contenente il veleno, e un altro bicchiere contenente il ginger ale, furono ritrovati l'uno accanto all'altro su un tavolo. Si pensa che, mentre era preso dal pulire le monete, Saltus abbia scambiato per errore i due bicchieri, bevendo da quello contenente il veleno".

Poi ditemi se non hanno ragione quelli che consigliano di non pulire MAI le monete! :lol:

Vediamo ancora John Sanford Saltus, a quanto pare un tipo dai molteplici interessi :rolleyes: con un costume di Carnevale.

post-206-0-16166800-1341335794_thumb.jpg

petronius :drinks:

  • Like 8

Share this post


Link to post
Share on other sites

Utente.Anonimo3245

Interessante Petronius, devo dire che il suo costume è bellissimo, sarà il pizzetto ma sembra Belzebù in persona, anche se dovrebbe imitare un giullare credo...

Bere il cianuro...queste sono sviste che capitano a chi è troppo assorbito dalle proprie passioni.

Attenzione, attenzione...o si finisce in :angel: :angel: . Giò :lol: :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67

E per fortuna che ha sbagliato bicchiere nel momento in cui voleva bere, pensate che tragedia se avesse fatto l'errore inverso e avesse pulito le monete con il ginger ale, rovinandole irrimediabilmente!!

:crazy: :pleasantry:

Edited by Paolino67
  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

skubydu

ciao,

allora.. esisteva già la Legge di Murphy... :P

ciao

sku

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Layer1986

un po' come oggi il benzotriazolo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

balkan

Interessante, sembra un giallo classico dei primi anni del novecento con tema "il delitto in una camera chiusa".

Share this post


Link to post
Share on other sites

acraf

Molto interessante la storia, che non conoscevo.

Piuttosto mi piacerebbe sapere se esistono presupposti chimici per giustificare l'impiego del cianuro di potassio (a prescindere dalla sua ben nota tossicità) per la pulizia delle monete d'argento.

Non sono un chimico e gradirei conoscere il parere di un esperto per capire come tale composto possa riuscire a togliere probabilmente le macchie di forte ossidazione. Per l'argento mi sembra strano che non abbiano pensato al molto più semplice succo di limone (acido citrico, un tipico acido debole).

Share this post


Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

Purtroppo non sono un chimico neanch'io. La mia fonte specifica che il cianuro veniva usato "qualche volta", quindi usavano sicuramente anche altre cose meno pericolose come il limone, ma perchè proprio il cianuro, che effetto fa alle monete d'argento, non saprei dirti, nè ho intenzione di sperimentarlo di persona :lol:

Vediamo se c'è qualche tecnico che sa dirci di più.

petronius :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ascamanaut

Il cianuro ( CN- ) è un potente agente complessante ,e reagisce con tutti i sali dell' argento compreso il solfuro Ag2S ( è il composto responsabile delle patine nere e spesse che ricoprono alcune monete d'argento , si forma in quanto lo zolfo era usato per conciare i sacchetti di pelle che una volta erano usati per contenere le monete ) il solfuro può essere eliminato dalle monete solo con il cianuro secondo la seguente reazione

Ag2S + 4 NaCN = 2 Na[Ag(CN)2] + Na2S in quanto il sale complesso che si forma a differenza del solfuro di partenza è solubile

Edited by ascamanaut
  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Utente.Anonimo3245

Il cianuro ( CN- ) è un potente agente complessante ,e reagisce con tutti i sali dell' argento compreso il solfuro Ag2S ( è il composto responsabile delle patine nere e spesse che ricoprono alcune monete d'argento , si forma in quanto lo zolfo era usato per conciare i sacchetti di pelle che una volta erano usati per contenere le monete ) il solfuro può essere eliminato dalle monete solo con il cianuro secondo la seguente reazione

Ag2S + 4 NaCN = 2 Na[Ag(CN)2] + Na2S in quanto il sale complesso che si forma a differenza del solfuro di partenza è solubile

Grazie per la spiegazione. Giò

Share this post


Link to post
Share on other sites

Utente.Anonimo3245

Dopo ulteriori ricerche ho trovato questo articolo !

Grazie, questo metodo lo conosco, si può usare anche del sale al posto del bicarbonato. Ciao e grazie ancora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tinia Numismatica

altri metodi meno micidiali del cianuro ed efficaci anche sulla cirargirite?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ianva

Che razza di storia!!! Ha un po' del grottesco direi, poverino...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ascamanaut

Per la cerargirite ( minerale a base di AgCl) è sufficiente l'ammoniaca anche diluita ( AgCl +2 NH3 = [Ag(NH3)2]Cl ),metodo NON adatto per la pulizia del minerale in quanto verrebbe totalmente solubilizzato

Edited by ascamanaut

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.