Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Caio Ottavio

L'Adoa. Spunti di ricerca.

Risposte migliori

Caio Ottavio

<< Adoa o adhoum, dal vocabolo normanno desunto (adhoamento), significava il servizio personale che prestar dovea il possessore di feudi producenti la rendita di venti once, che poi cambiossi nel pagamento di un'annua pensione, la quale era del trenta per cento sulle rendite dei feudi rustici, cioè senza vassalli. Ma nel 1564 pel donativo fatto a Filippo 2.° transigendo i baroni e le loro adoe per cinquanta mila ducati, questa somma fu ripartita a proporzione delle rispettive rendite feudali, e fu nel cedolario fissata senza alcuno aumento o diminuzione; nè per mancanza di pagamento perdevasi il feudo, ma pagavasi una multa per mezzo dei commissarî che si spedivano precedente citazione, atteso che in questo debito dies interpellabat pro homine. Solo esentavansi dal pagamento dell'adoa: 1.° coloro che prestavano servizio personale anche nella milizia togata; il che riguardava una volta i Reggenti del Collaterale, ed era ristretto ai Presidenti e Razionali della Regia Camera della Sommaria; 2.° coloro che nello stesso anno avevano pagato il rilevio; 3.° quelli che per patto apposto nell'investitura ne fossero stati esentati; 4.° e finalmente il barone povero. >>

Tratto da:

<< "Comento sulle Leggi Civili del Regno delle Due Sicilie".

Ove si espongono i principj delle stesse leggi; le variazioni tra l'antica e la moderna legislazione; un cenno sulla concordanza coi Codici esteri; il confronto colle Leggi Romane e col Diritto Patrio; la giurisprudenza fornita dalle comuni teorie dei giureconsulti ricevuti nel foro; la estesa menzione dei decreti, rescritti, ministeriali ed arresti e decisioni delle Corti giudicatrici, applicati a ciascuno articolo.

Di Annibale Giordano, Procuratore del Re presso presso il Tribunale Civile di Lecce.

Volume V.

Napoli, nella stamperia del Fibreno, 1850. >>

Più precisamente:

<<Titolo III. Dei contratti, o delle obbligazioni convenzionali in generale. Capitolo I. Disposizioni preliminari, Art. 1055 a 1061. § IV. "Diritto Patrio". >> Pagg. 14 e 15.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×