Jump to content
IGNORED

Strappi/graffi di conio


Recommended Posts

4 ore fa, lukas1984 dice:

SPERO SI NOTINO QUEI GRAFFI SULLA GUANCIA, SONO UGUALI ED EQUIDISTANTI E NON SI INTERSECANO... NON CREDO SIA PER AGGIUSTARE IL PESO. FATEMI SAPERE COSA NE PENSATE.

13445222_10208088467082710_3060367223039433167_n.jpg

13423869_10208088469802778_683545905699153497_n.jpg

13442251_10208084942994610_5269721272678808018_n.jpg

13407181_10208084946114688_6290338272473729177_n.jpg

Secondo me è usura

Link to comment
Share on other sites


No questi non c'entrano nulla con gli aggiustamenti di peso..

Sono semplici graffietti...

Non cerchiamo il pelo nell'uovo altrimenti diventa sindrome..:D

 

Link to comment
Share on other sites


  • 5 months later...
  • 4 months later...
Supporter

Vorrei segnalare questo interessante passo di Alan M. Stahl, Zecca. La Zecca di Venezia nell'età medioevale. A voi le conclusioni.

nw0jr6.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


La conclusione è che l'ipotesi avanzata da A.Stahl fa riferimento ad altri segni e segnatamente ai segni nei campi, vedi immagine allegata...

42424133_IMG_20180717_203613bis.jpg.a04922d29383275b67f8b2b734dbe769.jpg  

L'effetto della raspatura dei conii con spianamento dei rilievi, in assenza di una levigatura accurata e di una eventuale lucidatura, poteva infatti lasciare dei segni sul "piatto" che si veniva a creare. Nel nuovo conio rilavorato, lettere e figure, impresse per mezzo di punzoni o incise con il bulino, sarebbero invece risultate in negativo (in incuso) e quindi su livelli inferiori a quelli del "piatto" spianato e quindi non soggette agli effetti e ai segni della raspatura.

Il difetto di cui si tratta in questa discussione è invece relativo ai graffi sui rilievi  (rilievi che sono in incuso nei conii) e quindi a mio parere non riferibili  a difetti del conio ma ad operazioni svolte sui tondelli 

ciao

Mario

Edited by mariov60
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


  • 11 months later...
Supporter

Pierpaolo Irpino in un suo articolo (https://storianumismatica.wordpress.com/2017/12/12/limature-e-graffi/) pubblica i seguenti documenti, a mio avviso interessanti.

rEtU7pJ.png

Vr5TCwi.png

k0QX2Cc.png

  • Like 3
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


  • uzifox pinned this topic
  • 4 weeks later...
Supporter
Link to comment
Share on other sites


  • Rex Neap unpinned this topic
  • 1 month later...
Supporter

Nell'articolo "Pio VIII il papa numismatico" apparso su PN n. 363, ho letto diversi passi dove gli autori riportano documenti d'archivio attestanti l'utilizzo della lima per portare al giusto peso i tondelli; siamo nella Bologna della prima metà del XIX secolo.

Penso ormai che il mistero dei graffi sulle monete napoletane sia ormai risolto.

"Il nostro metodo di mettere a peso i tondini colla lima non ha potuto servire; e ci siamo dovuti risolvere di metterli a peso con vari ripieghi, mediante raschiatoi, perché si vede che il conio non copre i segni della lima."

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


41 minuti fa, demonetis dice:

Nell'articolo "Pio VIII il papa numismatico" apparso su PN n. 363, ho letto diversi passi dove gli autori riportano documenti d'archivio attestanti l'utilizzo della lima per portare al giusto peso i tondelli; siamo nella Bologna della prima metà del XIX secolo.

Penso ormai che il mistero dei graffi sulle monete napoletane sia ormai risolto.

"Il nostro metodo di mettere a peso i tondini colla lima non ha potuto servire; e ci siamo dovuti risolvere di metterli a peso con vari ripieghi, mediante raschiatoi, perché si vede che il conio non copre i segni della lima."


confermo, però c’è un dubbio che rimarrà sempre. Perché farlo nei punti più esposti della moneta? La maggior parte delle volte sono proprio a centro del rovescio. Perché non farlo al bordo? Non avrebbe avuto risultati così antiestetici, e soprattutto non sarebbero stati veri e propri sfregi a volte. Alla fine il lavoro di lima poco cambiava dove farlo, bastava riportare a peso il tondello. 
Penso che la vera domanda possa essere questa, e la risposta non penso sia la poca voglia di lavorare in zecca, e quindi i tagli andavano alla “do cojo cojo” 

che ne dite? 

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, demonetis dice:

Nell'articolo "Pio VIII il papa numismatico" apparso su PN n. 363, ho letto diversi passi dove gli autori riportano documenti d'archivio attestanti l'utilizzo della lima per portare al giusto peso i tondelli; siamo nella Bologna della prima metà del XIX secolo.

Penso ormai che il mistero dei graffi sulle monete napoletane sia ormai risolto.

"Il nostro metodo di mettere a peso i tondini colla lima non ha potuto servire; e ci siamo dovuti risolvere di metterli a peso con vari ripieghi, mediante raschiatoi, perché si vede che il conio non copre i segni della lima."

Non è assolutamente così ,perlomeno per quanto concerne le emissioni della Zecca di Napoli che vanno dal 1684 al 1859.

I graffi sulle monete originati durante le emissioni monetali da parte della Zecca di Napoli erano originati da un procedimento che avveniva tramite i macchinari utilizzati dalla Zecca.Grazie all'aiuto di un altro appassionato di Numismatica partenopea,presente su facebook, e grazie alla lettura di altri articoli scritti da studiosi che si sono posti le domande a questo problema, sono riuscito a giungere ad una conclusione plausibile che è pubblicata nel libro" La rinascita del sud Italia. Carlo di Borbone. Le monete napoletane a suo nome dalla collezione numismatica di Paolo GABRIELE".

Salutoni

odjob  

Link to comment
Share on other sites


  • 5 months later...
Supporter

Francesco di Rauso, in una discussione su FB, interviene sull'argomento e attribuisce una corretta denominazione del fenomeno: non graffi di conio, bensì graffi di zecca.

20210108-175016.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • 4 months later...

Buongiorno, in questa discussione secondo me ci sono delle risposte interessanti, la riprendo perché la trovo veramente utile per chi come me vuole approfondire. 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Dracma_97 dice:

Buongiorno, in questa discussione secondo me ci sono delle risposte interessanti, la riprendo perché la trovo veramente utile per chi come me vuole approfondire. 

Da tempo, perchè l'argomento è sempre stato trattato senza prove documentate, e incuriosito dalla probabilità che non fosse la soluzione corretta, la supposizione di togliere il metallo, indiscriminatamente, da qualsiasi parte della moneta, già coniata (nell'80 anche 90 per cento dei casi sempre al rovescio), mi presi il pallino di effettuare personalemente delle pesature di monete Borboniche in alto stato di conservazione e con la presenza di graffi e vi dico che gran parte di loro erano e sono comunque fuori peso.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Supporter

@Rex Neap, quindi tu sei contrario alla tesi di Pierpaolo Irpino dove riporta alcuni testi in cui si parla dell'utilizzo della lima in zecca (v. post 106).

Tempo fa, mi sembrava di aver letto che secondo te sono i macchinari utilizzati in zecca a creare questa "particolarità". Ricordo bene?

Link to comment
Share on other sites


18 ore fa, demonetis dice:

@Rex Neap, quindi tu sei contrario alla tesi di Pierpaolo Irpino dove riporta alcuni testi in cui si parla dell'utilizzo della lima in zecca (v. post 106).

Tempo fa, mi sembrava di aver letto che secondo te sono i macchinari utilizzati in zecca a creare questa "particolarità". Ricordo bene?

Ciao @demonetis, non è che sono contro altre tesi o studi/scritti, è solo che io la penso diversamente, almeno per la zecca Partenopea. Ripeto, non trovo monete di giusto peso pur essendo in alta conservazione, e pur avendo i "graffi".

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Qui, ad esempio, pur non essendo in alta conservazione (quindi all'origine pesava anche di più), hanno dimenticato di "grattare" un altro pochino......

Immagine.jpg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Ci sono anche i terrappiattisti e i no-vax. Ognuno può credere a quel che vuole, però i dati sulla lima in zecca sono inconfutabili. Mi pare la storia infinita ...

Il motivo per cui si vedono meglio sui rilievi è che i rilievi sono le parti della moneta che risentono meno degli sforzi della coniazione (non a caso sono i punti in cui più frequentemente si hanno "debolezze") e pertanto i graffi si apprezzano maggiormente.

Diritto e rovescio sono delle particolarità non sempre rispettate (per quanto gli annulli filatelici del Regno delle due Sicilie fossero a ferro-di cavallo proprio per risparmiare l'immagine di Ferdinando) e anche nel Regno d'Italia Napoleonico fosse stato indicato di limare le monete su una sola faccia (rovescio) tenendo conto che la fretta di impilare le monete per la coniazione o altro potevano causare limature al diritto o financo su entrambe le facce. Il fatto che alcune monete fossero "fuori peso" nonostante le limate sul tondello (precedenti la coniazione) ricade sia nell'ambito della tolleranza che della valutazione soggettiva di chi rimetteva a peso.

L'ipotesi delle macchine di zecca che graffiavano le monete è una "strampaleria" che sfido chiunque a documentare e non merita di essere commentata: avrebbero dovuto essere inventate "ad hoc" (ogni tanto qualcuno ricorre a uncini per strappare monete arroventate dal conio, ma la coniazione avveniva a freddo!).

Poi in casi singoli i graffi possono avere altra origine.

Edited by Giov60
  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


Supporter
Il 5/6/2021 alle 15:30, Rex Neap dice:

mi presi il pallino di effettuare personalemente delle pesature di monete Borboniche in alto stato di conservazione e con la presenza di graffi e vi dico che gran parte di loro erano e sono comunque fuori peso.

 

4 ore fa, Rex Neap dice:

Qui, ad esempio, pur non essendo in alta conservazione (quindi all'origine pesava anche di più), hanno dimenticato di "grattare" un altro pochino......

Immagine.jpg

La legge n. 1176 del 20 aprile 1818 all'art. 15 prescrive il peso e la relativa tolleranza per i sei carlini. Il peso deve essere di 309 acini con tolleranza di un acino. Dato che un acino è uguale a 0,044550 g la mezza piastra ha un peso legale di 13,765 g (come d'altronde riportato dalla stessa legge monetaria); quindi le mezze piastre, per non finire nel crogiuolo, devono pesare tra i 13,72 e i 13,81g. 

La moneta dell'asta Varesi è superiore di 0,02 g, plusvalenza trascurabile visto che è stata messa in circolazione?

Concludendo: le monete da te pesate in alta conservazione con i graffi quanto pesavano?

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)
6 minuti fa, demonetis dice:

 

La legge n. 1176 del 20 aprile 1818 all'art. 15 prescrive il peso e la relativa tolleranza per i sei carlini. Il peso deve essere di 309 acini con tolleranza di un acino. Dato che un acino è uguale a 0,044550 g la mezza piastra ha un peso legale di 13,765 g (come d'altronde riportato dalla stessa legge monetaria); quindi le mezze piastre, per non finire nel crogiuolo, devono pesare tra i 13,72 e i 13,81g. 

La moneta dell'asta Varesi è superiore di 0,02 g, plusvalenza trascurabile visto che è stata messa in circolazione?

Concludendo: le monete da te pesate in alta conservazione con i graffi quanto pesavano?

Perchè nel crogiuolo, bastava dargli un'altra piccola strisciata.......😁...altrimenti l'addetto che stava lì a pesare.

Edited by Rex Neap
  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

@Giov60, sai spiegare perché la monetazione napoletana è l'unica (a quanto mi risulta, ma se sbaglio correggimi) ad avere dei graffi così evidenti e frequenti che altre monetazioni non presentano?

Grazie.

Link to comment
Share on other sites


6 ore fa, Giov60 dice:

Ci sono anche i terrappiattisti e i no-vax. Ognuno può credere a quel che vuole, però i dati sulla lima in zecca sono inconfutabili. Mi pare la storia infinita ...

Il motivo per cui si vedono meglio sui rilievi è che i rilievi sono le parti della moneta che risentono meno degli sforzi della coniazione (non a caso sono i punti in cui più frequentemente si hanno "debolezze") e pertanto i graffi si apprezzano maggiormente.

Diritto e rovescio sono delle particolarità non sempre rispettate (per quanto gli annulli filatelici del Regno delle due Sicilie fossero a ferro-di cavallo proprio per risparmiare l'immagine di Ferdinando) e anche nel Regno d'Italia Napoleonico fosse stato indicato di limare le monete su una sola faccia (rovescio) tenendo conto che la fretta di impilare le monete per la coniazione o altro potevano causare limature al diritto o financo su entrambe le facce. Il fatto che alcune monete fossero "fuori peso" nonostante le limate sul tondello (precedenti la coniazione) ricade sia nell'ambito della tolleranza che della valutazione soggettiva di chi rimetteva a peso.

L'ipotesi delle macchine di zecca che graffiavano le monete è una "strampaleria" che sfido chiunque a documentare e non merita di essere commentata: avrebbero dovuto essere inventate "ad hoc" (ogni tanto qualcuno ricorre a uncini per strappare monete arroventate dal conio, ma la coniazione avveniva a freddo!).

Poi in casi singoli i graffi possono avere altra origine.

Carissimo Giov, se si apre una risposta a un commento con un paragone a delle categorie che non hanno nulla a che vedere con la Numismatica, oltretutto fuori luogo (almeno l’inizio) se correlato a un mio pensiero, o a chi mi ha preceduto pensandola diversamente, e scritta tanto per…non capisco a che pro cosa, credo che già non dovrebbe meritare una risposta. Intanto rispetta le ipotesi di altre persone che scrivono, perché in mancanza di documentazione certa (almeno per la zecca di Napoli), anche le tue possono esserlo. Comunque sia non mi astengo dal commentare, ma brevemente, perché in quello che hai scritto mi vado a pescare l’essenza: a Napoli, e non era un usanza, vigevano dei regolamenti fiscalissimi e ben determinati, specificati, definiti anche in epoche più antiche da quelle dei Borbone; questi ultimi però li resero applicabili allo stremo, alla lettera, quando si operava in zecca e la tolleranza che tu indichi come un qualcosa dalla quale ci si poteva discostare, era ben regolamentata. Si fecero, all’epoca, e in maniera maniacale con la riforma del Diodati, saggi sulle monete per accertarne il corretto peso e la corretta tolleranza che doveva essere applicata, basta leggere alcuni documenti che per fortuna esistono. Tu sei certo che quei, alcuni minimi graffi, a volte di più, dovessero servire a ricondurre il tondello nel giusto peso? e nella regolamentata tolleranza? …. mi viene da sorridere quando poi trovo scritto che il tutto poteva anche ricadere nella valutazione “soggettiva” di chi rimetteva a peso i tondelli.  Nella zecca di Napoli, per queste cosette qui, a parte il permesso/concessione, perchè scuola d'arte,  fatta nei confronti degli alunni incisori correlato al loro insegnamento ma solo ed esclusivamente nell’arte d’incisione, non era permesso nulla, almeno per l’oro e l’argento. Avrei altro da scrivere ….

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


23 minuti fa, demonetis dice:

@Giov60, sai spiegare perché la monetazione napoletana è l'unica (a quanto mi risulta, ma se sbaglio correggimi) ad avere dei graffi così evidenti e frequenti che altre monetazioni non presentano?

Grazie.

 

image00159.jpg

image00315.jpg

image00404.jpg

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter
17 minuti fa, Giov60 dice:

 

image00159.jpg

image00315.jpg

image00404.jpg

Grazie, ma sulle napoletane i graffi sono spesso molto più profondi, e quindi evidenti, rispetto alle monete di altre zecche (nel limite della mia conoscenza).

Piastra di Carlo di Borbone del 1754.

Faccio le mie scuse a @Scudo1901 che utilizzo le immagini della sua piastra.

2-B0-F01-DC-CE79-4-B7-C-BD9-D-7-CD356-F8

14892-BD8-6-AD0-4-FEC-A9-D8-E9-C798753-D

 

Link to comment
Share on other sites


20 minuti fa, demonetis dice:

Grazie, ma sulle napoletane i graffi sono spesso molto più profondi, e quindi evidenti, rispetto alle monete di altre zecche (nel limite della mia conoscenza).

Piastra di Carlo di Borbone del 1754.

Faccio le mie scuse a @Scudo1901 che utilizzo le immagini della sua piastra.

2-B0-F01-DC-CE79-4-B7-C-BD9-D-7-CD356-F8

14892-BD8-6-AD0-4-FEC-A9-D8-E9-C798753-D

 

Ma scusa di che…?🤗

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.