Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 11/19/2019 in all areas

  1. Si, vengo direttamente da Crotone... quasi mille chilometri 😫 finalmente quest’anno ci riesco!
  2. Paolino67

    Monete euro

    Per prima cosa suggerirei di cestinare le informazioni che si leggono sui vari siti spazzatura. Sono solo notizie click-bait, ossia volutamente esagerate e/o bufale perchè l'utente medio vi clicchi sopra generando pubblicità ed introiti per il sito. Le monete postate sono due comunissimi spiccioli di Slovenia ed Austria che non hanno alcun errore di conio, visto che sono fatti proprio così nella loro totalità. Il messaggio che traspare dai siti di cui sopra è confusissimo, e non è certo quello che hai capito tu. D'altronde, per rendersene conto bastava anche solo leggere su Wikipedia o qualsiasi altro sito dove sono presenti immagini degli Euro in questione (bastava anche solo google, a voler essere sinceri). Le altre due monete sono altrettanto comunissimi spiccioli di Spagna e Francia, e anche qui bastava una banale ricerca per rendersi conto che la data 1999 è normalissima, visto che questi paesi (come anche altri) hanno deciso di inserire sulle loro monete l'anno effettivo di conio e non l'anno di emissione 2002 come ha fatto l'Italia. La cosa strana e che continuo a faticare a capire è come a quasi 20 anni dall'emissione di queste monete in molti non si siano ancora resi conto che esistono milioni e milioni di pezzi di questi paesi che riportano come date 1999, 2000 o 2001.
  3. Brig

    Thurium con contromarca ?

    Apparentemente si tratta di una civetta rivolta a s. ritta su una colonna (vedi allegato), ma, trattandosi di una tipologia non altrimenti nota e, per di più, in condizioni molto precarie, non è possibile averne un minimo di certezza. Posso anche aggiungere che, personalmente, non conosco altre contromarche su questo tipo di moneta di base, né altre contromarche civetta su colonna. Si incontra invece la civetta da sola, ma rivolta a s., e di diam. mm 3,50/4,00, applicata però su dramma in argento dei Lucani del tipo Testa Elmata di Atena a d./Spiga. Ne deriva che il tipo in esame necessita di conferma e che l'apparente civetta su colonna potrebbe anche essere, semplicemente, frutto di uno slittamento del punzone in sede di applicazione di una contromarca non altrimenti nota.
  4. Buongiorno. Non per prendere le difese di nessuno, ma tra i molti buoni consigli che ti sono già stati dati, ne vorrei aggiungere uno che spero sia altrettanto utile: non serve proseguire gli studi per far propria una grammatica di base "accettabile". Non servono nemmeno "soldi". Serve solo la coscienza dell'importanza della cosa, ed un minimo di impegno. Saluti.
  5. Se vieni da Crotone dovremmo metterti a capotavola e passare uno alla volta a salutarti ...
  6. 10 Centesimi o "parpagliola" (a Milano) 1809 Regno d'Italia napoleonico zecca Milano
  7. Ciao Rocco, Ad occhio mi sembra che il ritratto del Re del 1843 sia diverso da quelle dei millesimi vicini. Ad esempio il naso... Noto anche delle differenze nella capigliatura. Posto la mia moneta per confronto, scusandomi per la scarsa qualità ( è scannerizzata ) Ciao Beppe
  8. Io posso solo riferirmi ad una esperienza personale. Ho capito, col tempo, che collezionare delle buste di plastica con dentro monete che mai avrebbero circolato e mai avrebbero assolto al loro compito primario, non era sentirsi un collezionista di monete, un numismatico, ma un colelzionista di buste di plastica.......come spiegarti, altrimenti, il piacere di tenere in mano una moneta, studiare i motivi per i quali è stata emessa. Sono cose che puoi valutare solo con una moneta che era/è legittimata a circolare; che puoi trovare in circolazione, con qualche segno del tempo, ma anche in condizioni eccelse. Cosa puoi studiare di una moneta emessa per soli "numismatici" (dichiaratamente a scopo speculativo)? Ripeto che è una considerazione totalmente personale....a chi piace raccogliere le monete, i dittici, i trittici, le serie e via discorrendo sigillate, per soli "numismatici" fanno bene se ciò li appaga. ;) In fondo che cosa è collezionare se non trarre appagamento dal ricercare e disporre in buon ordine determinate cose? :)
  9. Un po’ difficile smentirti. Se questo è oro io sono Maria Teresa d’Austria! 😃🤣🤩😜😝
  10. Si soltanto minime differenze la 1844 ancora mi manca in collezione ma non ho fretta bisogna avere pazienza tanto per come ho impostato la mia collezione da MB allo SPL se ne trovano molte in giro.
  11. Condivido, una bellezza, è un rame fiammeggiante che sembra forgiato ieri. Le mie felicitazioni! 👍🏾
  12. Veramente straordinaria, complimenti @gallo83 Saluti Marfir
  13. Beh 100 euro sarebbe quasi regalato, è un ottimo sesterzio.
  14. Grazie a tutti per queste belle anticipazioni, il Gazzettino credo che sia in questo mondo Numismatico dove abbiamo di tutto una luce di speranza e di ingenua e sincera passione fatto per gli altri. Piu’ conosco la numismatica più capisco che forse oltre a idealisti, sognatori, siamo un qualcosa di unico nel panorama Numismatico e forse anche non solo ...mi auguro che la gente che crede ancora nei valori capisca quanto e’ stato fatto e le motivazioni civiche di tutto questo, lo spero anche se mi permetto di dubitarne ormai ...
  15. Rocco secondo me nelle piastre dal 1840-1851 ci sono molte differenze di busto ho fatto una foto veloce prelevando solo i busti di alcune mie piastre di queste annate io vedo molte differenze scusate la foto.
  16. Ho cercato, nel mio piccolo, di far conoscere i falsi coevi prodotti e usati nelle diverse piazze commerciali dell'alto Adriatico. Il mio articolo, lungi dall'essere un catalogo, tocca la monetazione in stile frisacense, veneziana. Un imput per chi si volesse addentrare in questo campo.
  17. Stilicho

    Virtus Probi

    Ciao, ho letto con molta curiosità e interesse il preciso e puntuale commento di @Illyricum65. Sono quindi andato a fare una ricerca. Devo ammettere che ho fatto un po' fatica, essendo la materia ostica alla luce della mia inesperienza. Comunque, ho voluto provarci, per passione. Ho trovato che tra il 280 ed il 282 d.C. Probo coniò un gruppo di antoniniani appartenenti alla cosiddetta serie "AEQVITI" nella zecca di Roma e appartenenti invece alle serie "AEQVIT" ed "EQVITI" nella zecca di Ticinum. Da come ho capito, le parole AEQVITI/AEQVIT/EQVITI rappresenterebbero una specie di codice. In effetti le lettere che compongono le parole suddette le troviamo proprio sulle monete di quelle specifiche serie. Per chiarire meglio il tutto metto questo link a mio giudizio molto utile: https://probvs.net/probvs/ Consiglio di cliccare sulla nostra moneta (RIC 491) nell'elenco posto a sinistra. Si viene indirizzati sulla pagina di quella moneta e da lì, cliccando su EQVITI (subito sotto la moneta) si viene indirizzati alla classificazione completa. Da questa pagina, seguendo i link, si viene poi inviati ad altre pagine in cui si cerca di dare una spiegazione sull'origine dei nomi di queste serie davvero particolari. Nella fattispecie della moneta di @Ser. Broccolo, come si evince dalla tabella, la serie specifica e' la "EQVITI", nona emissione di Ticinum, anno 281, quarto consolato di Probo. Spero di non aver detto inesattezze e di essermi spiegato. Anzi, mi farebbe piacere se @Illyricum65 (con la competenza e la disponibilità che lo contraddistinguono) volesse aggiungere le sue considerazioni e spiegazioni in proposito. Quante cose sto imparando! Buona serata. Stilicho
  18. Ho cercato con i pochi mezzi a disposizione di avvicinare per confronto i due busti. La proporzione non è identica, ma le differenze si notano.
  19. Purtroppo sono 10 giorni che non vediamo il sole ed ho dovuto fare la foto con luce radente e risulta anche un pò sfocata... La differenza principale che vedo, rispetto a quelle postate è che le labbra sono più aperte e la punta del naso più aguzzo. Tu quali differenze noti tra le due tipologie ? Ciao Beppe ( appena posso la fotografo nuovamente)
  20. Ho scritto un articolo semplice e divulgativo. Spero che qualche lettore mi proponga una riflessione sulla parte storica per la quale ho inserito quelle che, secondo me, sono le cose più significative occorse a Genova dal 1528 al 1814, non è detto che lo sia in generale...
  21. Buonasera a tutti, Quindi in conclusione per il millesimo 1843 esistono due tipologie di busto: Quello da me condiviso è diverso nella parte posteriore della testa e per la "bocca aperta". Di seguito il dritto di una Piastra 1843 con il busto normale. Immagine presa dalla rete.
  22. Anxur

    Perizie di monete

    Le rispondo con piacere. In merito al punto 1: la scheda è concepita per tutta la produzione monetaria a martello in tutti i metalli, quindi anche in lega di rame. Può pensare anche alle emissioni moderne a martello, in tutti i metalli, che certamente non sempre hanno una pasta metallica compatta: cito solo le emissioni milanesi del Seicento. In merito al punto 2: dei conii è valutato il livello di usura. Su un aureo di Adriano sarà ben difficile reperire un conio usurato (volgarmente detto stanco); è sufficiente pensare a un antoniniano della metà del III sec. e ne coglierà la funzione.
  23. Illyricum65

    Philippus 1 retro non identificato

    Di solito VICTORIA AVG regge la corona. L'esemplare in osservazione mi pare regga una sorta di ramo d'ulivo come nel confronto che allego. Anche se ritengo che alla fine sia una corona mal rappresentata. Inoltre la palma è maggiormente evidente. Ciao Illyricum
  24. apollonia

    Raccolta di rebus attinenti alla Numismatica

    Volevo ricordare che Minosse trovò la morte a Camico, antica città siciliana nei pressi di Agrigento dove Dedalo, dopo la fuga dal labirinto e la morte di Icaro, si era trasferito mettendosi a servizio del re Cocalo. Minosse si trovava in Sicilia, alla corte del re Cocalo, perché quando a Cnosso giunse notizia della tragica fine di Icaro ma che Dedalo era ancora vivo e aveva trovato rifugio da qualche parte, il re di Creta che non aveva rinunciato a riacciuffare il fuggitivo dal labirinto, escogitò un piano per rintracciarlo. Allestì una grande flotta e ad ogni approdo prometteva una grossa ricompensa a chiunque avesse trovato il modo di far passare un filo di lino da un capo all’altro di una conchiglia, attraverso le sue spirali. Minosse sapeva che solo la genialità di Dedalo avrebbe potuto risolvere questo problema. Infatti, quando approdò a Camico e offrì la conchiglia a Cocalo proponendogli di tentare la prova, questi la passò a Dedalo che scoprì subito come fare praticando nella conchiglia un forellino, legando il filo di lino a una formica e facendola entrare da quella fessura che prima era stata cosparsa di miele. La formica uscì dall’altro capo della conchiglia tirandosi dietro il filo. Quando Cocalo portò la conchiglia attraversata da un capo all’altro dal filo a Minosse chiedendo la ricompensa promessa, questi si rese conto d’aver trovato finalmente il nascondiglio di Dedalo e ordinò che gli fosse consegnato. Ma Cocalo non era disposto a privarsi del suo geniale ospite e decise di uccidere Minosse per salvare Dedalo. Vi riuscì con l’aiuto delle figlie che, dopo aver convinto Minosse a prendere un bagno in una delle maestose vasche (costruite proprio da Dedalo) della reggia che sarebbe servito a dargli l’eterna giovinezza, fecero confluire acqua bollente nella vasca, uccidendolo. Le giovani principesse giustificarono poi la morte di Minosse attribuendola alla sua distrazione, facendo credere che fosse caduto in un calderone d’acqua bollente dopo esser inciampato in un tappeto. Il cadavere di Minosse venne restituito ai suoi compagni che lo seppellirono a Camico con un grande rito in una tomba che occupava il centro del tempio di Afrodite. Minosse fu onorato per molte generazioni da una folla di Siciliani che venivano a rendere omaggio ad Afrodite e vedevano la sua tomba nel tempio della dea dell’amore e della bellezza, finchè le sue ossa non furono restituite a Creta da Terone, tiranno di Agrigento. La leggenda vuole che Minosse, per la sua integrità morale e la sua rettitudine, fosse stato assunto da Zeus con Eaco e Radamanto come giudice supremo dell'Ade. Così ce lo presenta il Poeta: ‘Stavvi Minòs orribilmente, e ringhia: essamina le colpe ne l'intrata; giudica e manda secondo ch'avvinghia…’ (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, V, 4-12).
  25. Non esistono degli algoritmi o altri calcoli di precisione. Sicuramente i colpi al bordo deprezzano fortemente la moneta, qualsiasi moneta. E la tua ne ha da vendere purtroppo. Sicuramente i rilievi sono importanti ma non vanno sottovalutati altri aspetti quali appunto i colpi al bordo, le mancanze di metallo, i graffi quando non di conio, le rotture del tondello e così via.
  26. palpi62

    Enrico Pestalozzi (1746-1827)

    Ciao, l'incisore è lo Svizzero HUGUENIN famosa ditta di medaglisti e orologiai.
  27. Illyricum65

    Virtus Probi

    Classificazione corretta, manca però l'indicazione della zecca che è Ticinum. Fa parte infatti della serie AEQVITI di Ticinum. Ciao Illyricum
  28. C'è scritto nella categoria di quella scheda
  29. renzo1940

    Medaglia massimo modulo prossima asta

    La medaglia di massimo modulo dei romani pontefici ha il diametro di mm. 82. Per la medaglia in asta, della quale parliamo, è indicato il diametro di mm. 80. Questa differenza è predittiva della fusione, ancorché realizzata con grande cura, come è possibile con i mezzi odierni. Altra spiegazione è difficile (a meno che il curatore dell'asta abbia indicato un diametro inesatto). Quanto all'asta Thesaurus e al relativo realizzo, mi pare di ricordare che l'esemplare era coniato. Sulle motivazioni della variante di diritto, che determina la maggiore rarità di questa tipologia di medaglia, la spiegazione non è facile. Cerco di semplificare. Se ben ricordo, per le medaglie di massimo modulo di Pio IX sono stati coniati nel tempo tre diritti (incisori in sequenza Cerbara, Bianchi, Speranza). Mentre i massimi moduli emessi per eventi specifici hanno uno specifico diritto, per le medaglie delle basiliche il Pontefice ha provveduto nel tempo a diverse commissioni per farne dono (il massimo modulo era con tutta evidenza una medaglia di rappresentanza). In queste emissioni successive, nel tempo del suo pontificato, si sono determinate alcune varianti del diritto, non essendo stato utilizzato quello originario.
  30. si potrebbe seguire l'esempio della fiera dei minerali di Verona, che si svolge 2 volte all'anno e quasi sempre con il veronafil. E' sempre stata gratuita, ma negli ultimi anni hanno messo un biglietto da 5/6 euro. Questo non ne ha diminuito l'affluenza..anzi è aumentata. Se fare pagare un biglietto ( 5 euro ) e investire quei soldi nella sicurezza , ( questo per i grandi convegni, dove i ladri ci sguazzano ) ben venga. Anche perchè continuando in questo modo, sempre meno commercianti saranno presenti a queste fiere..decretandone la fine di esse. E' quello che vogliamo?
  31. Beh se uno per 5 euro decide di non andare a un convegno vengono dubbi sulla sua passione reale.... È chiaro che se devo pagarne 50 è un po diverso.
  32. Anche io trovo questi cataloghi antichi molto affascinanti. Non conosco il mercato, ma quelle poche volte che ho provato a prenderne qualcuno, risalenti alla prima metà del XX secolo, sono sempre stato superato. L'impressione è che siano molto rari e quindi bastano anche pochi collezionisti interessati a far lievitare i prezzi.
  33. Già; bel mistero, che intriga non poco perchè fuori dalle "regole" di zecca. Da parte mia ho raccolto una piccola variante sempre sul Grimani, che riporta GRIMAN° sul dritto, rispetto al più consueto GRIMANO. Qui il massaro è Sebastian Marcello, che prese incarico dal 18.05.1595. I ponderali sono gr. 31,68 e mm. 41. Paolo
  34. Non ti deluderà ne sono sicuro, ho partecipato a tanti ma e’ sempre un arricchimento di conoscenze umane o vecchie o nuove, tu che monetazione segui ?
  35. Erano 10 anni che volevo essere presente al veronafil e soprattuto al pranzo! Stavolta sembrerebbe la volta buona!! 😁
  36. Buonasera Tiziano, i 100 mon di Morioka sono monete molto rare che possono valere anche 40000 euro, e naturalmente a causa della pregiata rarità girano numerosissimi falsi. Con tutta onestà non mi esprimo sull'autenticità della moneta perché sono inesperto verso i 100 mon particolari. Nella guida di Zeno.ru sono elencate alcune varianti rare, ma non dà informazioni sulla rarità delle zecche principali. Mesi fa ho trovato un sito giapponese che fornisce informazioni sulla rarità di alcune zecche mediante una scala che parte da 1 (molto comune) a 5 (rarissimi), inoltre è presente anche una valutazione generale in yen. Riassumendo per quelle di Edo il grado è 1; per Satsuma, Mito e Tosa un grado di rarità 2 (molto probabilmente vale anche per Osaka) e infine per Akita il grado 3. Ecco il link del sito. https://xn--1sq5l29g5ufyzmdp9e.com/anasen/tempou_tsuuhou Probabilmente i gradi di rarità sono stati presi da qualche catalogo giapponese.
  37. In questo millesimo noto anche che le labbra sono più aperte, nei millesimi vicini sono più socchiuse.
  38. Ottimo grazie mille! L'ho inviato però solo a "zecca" e ad Amelia Travaglini. Sotto vi scrivo il testo della mail (è un po' lunga, ma ho scritto tutto quel che pensavo). Gentilissimi, con piacere ho visto i bozzetti delle prossime emissioni numismatiche 2020 nei Decreti pubblicati in Gazzetta Ufficiale. Il trend degli ultimi anni dell'incremento di bellezza e qualità del disegno delle monete italiane procede a mio avviso molto bene. Le nostre monete son sempre, nel complesso, più belle. Complimenti ai bozzettisti e agli incisori di IPZS! Inoltre, l'introduzione della tipologia di moneta da 5 euro bimetallica in metallo vile a partire dal 2017 ha permesso di aggiungere alla collezione di monete italiane un nuovo elemento di interesse, oltretutto ad un costo limitato, che potenzialmente diventa veicolo di attrazione per la numismatica anche per i più giovani che spesso non possono permettersi di acquistare argenti o ori. Tuttavia ho da segnalare alcune questioni che ritengo di rilievo che possono fortemente inficiare la qualità delle monete da collezione italiane e quindi l'interesse da parte dei collezionisti, anche giovani. La prima, che so essere stata segnalata alla S.V. da parte di numerosi collezionisti, riguarda le monete colorate. Le monete colorate non piacciono alla maggior parte dei collezionisti per diverse ragioni (qualità grafica, conservazione delle monete...fonte forum "Lamoneta.it", nel blog non ho ancora letto un parere positivo da qualche collezionista). Credo che le monete colorate siano più simili a medaglie. Purtroppo nel 2020 IPZS prevede l'emissione di un maggior numero di monete colorate rispetto al 2019. Dovreste, credo, ridurne il numero o addirittura non prevedere monete colorate. Personalmente so già che le monete colorate non le acquisterò, nonostante diversi bozzetti siano belli (ma è il concetto di "moneta colorata", che credo contenga un ossimoro, che non piace). La seconda questione che vi segnalo riguarda i 5 euro commemorativi in metallo vile. IPZS ha iniziato nel 2017 con la coniazione della moneta FDC dedicata a Totò e ha proseguito nel 2018 con quella FDC per Amatrice (identica alla precedente per tondello e confezionamento). Nell'ultimo anno sono iniziati un po' i pasticci: 1. Conio differente: il 5 euro dedicato agli Alpini coniato con tondello e materiale differente rispetto agli altri due (Carabinieri tutela e Fausto Coppi); 2. Confezionamento: il 5 euro di Coppi inserito in una coincard diversa rispetto a ai 5 euro 2017-2018 e al 5 euro 2019 Alpini. Per il 2020, in base ai Decreti che ho consultato su GU, le cose peggiorano: non vi è un 5 euro uguale all'altro e oltretutto tre monete su quattro sono previste colorate. Dovreste a mio avviso attenervi ad un unico standard per questo tipo di moneta (personalmente preferisco il bimetallico poligonale), così come già succede per argenti e ori. Non immagino conseguentemente quali saranno le modalità di confezionamento (coincard, blister, astuccio). Le coincard per le FDC avranno medesime dimensioni o succederà come per la questione sopra citata Coppi-Alpini? I collezionisti fanno attenzione anche a queste cose. Detto ciò, credo che rinuncerò a qualcuna di queste monete da 5 euro (che fino al 2019 ho acquistato tutte). Fatemi dire che inoltre la serie colorata sugli animali in via di estinzione, a cui appartiene il 5 euro "Tigre", scimmiotta molto quella austriaca di monete da 3 euro che reputo di interesse alquanto scarso per un collezionista italiano. Si poteva pensare ad una serie di maggiore interesse, come una dedicata al patrimonio artistico-culturale (che può sembrare banale ma il tema è sempre di attualità). Spero che alcune indicazioni da parte di questo giovane collezionista che vi scrive portino ad una riflessione (almeno in parte) da parte di chi "confeziona" i programmi numismatici annuali. Cordialmente ringrazio e saluto.
  39. aemilianus253

    Fiorino d'oro di Firenze

    Potrebbe essere ciò che rimane di un numero di classificazione scritto a china, tipico delle antiche collezioni.
  40. La mia è una soluzione costosa... Per me anche la monetina più umile deve avere il suo posto d'onore, lo dico sempre che ho più valore in box che in monete! Però, su 110 box, almeno una quarantina li ho comprati usati a meno della metà del prezzo del nuovo. A parte che si debbono tenere sempre a disposizione degli spazi vuoti, tanti spazi vuoti... tipo: Le monetone, diciamo sino a 42 mm di diametro, stanno nei box misti tipo questo: è importante averne un bel po'.
  41. gpittini

    Settimio severo

    DE GREGE EPICURI Ciao, è sicuramente un sesterzio molto raro. Per ora non l'ho trovato; però posso dirti che la stessa scena del rovescio esiste per un sesterzio di Commodo (C 310, RIC 310 e) dove però in esergo, oltre a una piccola SC ai due lati, c'è la scritta LIB AUG IIII (=liberalitas augusti IIII ), cioè "quarta elargizione dell'augusto". Ma per Settimio Severo una LIBERALITAS di questo tipo, finora, non mi è nota.
  42. Litra68

    Costruire un monetiere

    Buonasera, sono d'accordo, è lo stesso motivo che mi spinge a rifiutare lo slab e qualsiasi cosa si metta tra me e le mie monete.. E poi sono consapevole che le mie monete sopravviveranno a me e andranno in altre mani, non dei ladri spero.. Saluti Alberto
  43. taglio         50 cent paese     Andorra anno 2017 tiratura 968.890 condizioni bb città Milano Note News?
  44. I cataloghi d'asta a quel tempo erano strutturati in maniera differente, non c'erano i prezzi di base d'asta o di stima e neppure la lista delle aggiudicazioni veniva stilata. In alcuni casi la vendita era fatta "a corpo" ovvero in blocco per l'intera collezione.
  45. Ciao, tre bronzetti AE3 del IV° sec. d.c., con la Securitas Rei Publice al rovescio, Credo, in ordine, Valente, Valentiniano II e Valentiniano I. La quarta sembra, invece, una costantiniana forse Costanzo Gallo, con la Fel TEMP? E' meglio postarle una alla volta. Interverranno sicuramente altri utenti più precisi Saluti Eliodoro
  46. Scudo1901

    123 indagati per traffico di reperti.

    La nostra storia è già andata in frantumi, e con essa Venezia città unica al mondo che affonda, Genova la Superba di un tempo i cui ponti crollano, Matera i cui ineguagliabili Sassi vanno a mollo per un temporale, Roma le cui strade hanno così tante buche da sembrare un groviera e non la Città Eterna. Mi dispiace dirlo ma io sono estremamente pessimista sul futuro di questo paese. Non ce la faremo a risollevarci. Ma la cosa più triste è che ciò non avverrà traumaticamente, il che sarebbe quasi meglio, ma tanto lentamente quanto inesorabilmente e le future generazioni non avranno alcun futuro e vivranno senza ideali ai margini di una umanità completamente squilibrata dove lo 0,1% degli uomini deterrà il 99,9% della ricchezza.
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.