Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
L. Licinio Lucullo

Asse fiduciario di Luceria

Risposte migliori

L. Licinio Lucullo

Esistono molti esemplari di "assi" del peso di 2-6 grammi, diametro da 17 a 19 mm.

Su di essi può dirsi che:
- la gran parte è di fattura apparentemente imitativa (usualmente, di peso 2-3 grammi);
- alcuni invece sono di fattura apparentemente ufficiale (usualmente, di peso 4-6 grammi), e in particolare somigliano ai tipi con P (serie RRC 99) e CA (serie RRC 100), due serie sestantali rispettivamente attribuite a Luceria e Canusimum;
- nessuno, però, mostra evidenti segni di zecca;
- alcuni ritrovamenti noti vengono dall'Apulia;
- un esemplare risulta ribattuto su un bronzo dell'Oeniadae.

Sulla cronologia (escludendo gli assi imitativi, studiati da Clive Stannard):
- Crawford attribuisce questi minuscoli assi a Luceria (RRC 97/28 e 99/10), sulla base di evanescenti segni di zecca e di somiglianze stilistiche, e li data alla fine del III secolo (211-208 a.C.);
- McCabe nega l'esistenza dei segni di zecca, ma concorda su attribuzione a Luceria (serie RRC 99 però), cui aggiunge Canusium (serie RRC 100: http://www.lamoneta.it/topic/100904-asse-fiduciario-di-canusium/), e sulla datazione. Tuttavia, fonda queste sue convinzioni su considerazioni stilistiche e nell'assunto che il bronzo dell'Oeniadae sia stato riconiato fra la fine del III secolo e l'inizio del II (la lega fu sconfitta da Roma nel 211); inoltre aggiunge la notizia (che egli stesso ha in corso di pubblicazione) della comparsa sul mercato di questi minuscoli assi unitamente a bronzi sestantali di Luceria e Canusium (ma non può dire se provenissero da un tesoretto, oppure dalla vendita di un collezionista, magari suggestionato dalle teorie del Crawford);
- Campana nota che la provenienza apula concorda con la riconiazione di bronzi provenienti dai Balcani, ma propone come ipotesi di studio una emissione d'emergenza con datazione a cavallo fra II e I secolo, quando i pesi oscillanti delle emissioni di bronzo dimostrano che anche a Roma si faceva strada l'idea di una moneta enea fiduciara;
- La Notte propone invece una datazione alla fine della Repubblica, quando effettivamente comparvero altri assi di 4-6 grammi (in particolare, la serie navale di M. Antonio), probabilmente a seguito di una riduzione quartonciale (non attestata dalle fonti), e osserva che anche la datazione dei bronzi dell'Oeniadae è problematica (la lega rimase formalmente autonoma, e quindi forse effettuò delle coniazioni, sino al 27 a.C.).

Modificato da L. Licinio Lucullo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L. Licinio Lucullo
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×