Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
palpi62

FALSIFICAZIONE di PIACENZA ?

Risposte migliori

palpi62
Supporter

Chi riesce a capire che moneta è ?? con lo scanner più di così non riesco a fare.

Grazie

post-12140-0-59908600-1365773679_thumb.j

post-12140-0-69728900-1365773701_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar

Sembrava il 4° tipo Carlo Emanuele III monetazione per Piacenza ma la Corona è differente e non dovrebbe avere scritte al bordo e sotto la corona deve esserci il nodo d'amore dei Savoia,quindi per il conio molto rozzo potrebbe trattarsi come anche tu hai pensato ad un falso dell'epoca. Bisognerebbe vederlo bene,bene.

Ciao F

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

incuso
Supporter

Non vedo nessuna corona né capisco la legenda; sembra esserci un 5 e una N ma potrebbero essere mi interpretazioni e non esserci alcuna legenda. Che si tratti dei sesini dell'assedio del 1746?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar

Intendevo la corona dello stemma!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

palpi62
Supporter

è lo stemma che non è farnesiano, io spero che sia un'imitazione della zecca di Pietra Gavina, aspetto che la veda Mariov

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

incuso
Supporter

Sì, ma nello stemma non mi sembrano esserci corone... Invochiamo @@mariov60 o @@giollo2.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mariov60

Cari amici, mi spiace tradire la vostra fiducia, ma non ho una soluzione a questo quesito.

Confesso di aver cercato in tutta la mia documentazione ma senza risultati significativi.

Solo alcune valutazioni; La produzione di questa tipologia di sesini (fondi delle interzature separati, sfalsati ed arrotondati) è iniziata con le emissioni di Ranuccio II (il sesino leggero) per terminare con Antonio Farnese e quindi dal 1673 al 1731.

Lo scudo araldico della moneta di Palpi62 si presenta interzato in palo ma non riesco a capire quasi nulla dei simboli rappresentati, unica eccezione per le bande ondeggianti del terzo di mezzo (porzione alta) che potrebbero rimandare alle armi dei Landi (http://www.stemmario.it/stemmi/landi) già in uso su alcune monete dei Doria-Landi di Loano. Per questa zecca inoltre sarebbe stato prodotta la contraffazione del 10 soldi di Piacenza per Odoardo Farnese (per Crocicchio-Fusconi attribuibile a Pietra Gavina). Del 10 soldi ha scritto M.Bazzini nella monografia sulla collezione Carige (allego estratto).

post-20130-0-35959100-1365868343_thumb.j

Altre zecche hanno imitato i sesini piacentini quali Desana e Frinco ma non ho trovato corrispondenze fra i loro tipi e quello della moneta in identificazione.

Incuso, rifacendosi alla forma quadrangolare della moneta (tipo maltagliato), fa accenno all'emissione ossidionale del 1746 (emissione d'emergenza attivata dai tedeschi rinchiusi ed assediati nella cittadella di Piacenza), da quel che mi risulta, oggetto di studio da parte di G. Crocicchio. Con questo tipo di taglio (a cesoia e non per mezzo di fustellatura) io ho rinvenuto anche un sesino per Francesco Farnese per cui da una parte si potrebbe, a mio parere, limitare ulteriormente il periodo di emissione della moneta in oggetto (dal 1694) ed anticipare l'uso della pratica del taglio "manuale", senza però arrivare fino al periodo dell'ipotizzata emissione ossidionale (sino ad ora riferita soio ai sesini per Maria Teresa). Dubito infatti che eventuali falsari si sarebbero presi la briga di imitare monete già così "brutte" e penso poco accettabili.

Per concludere temo che dovremo attendere un intervento dei più esperti e preparati @@teofrasto o @@giollo2

ciao

Mario

Modificato da mariov60
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teofrasto

Buonasera a voi,

ho leggermente schiarito le due foto di palpi62 e ve le ripropongo.

In questo momento non riesco a partecipare alla discussione, anche se mi piacerebbe.

Il sesino è interessante. Per la forma dello scudo e dell'interzatura, non credo che imiti l'analogo nominale emesso a nome di Maria Teresa, ma piuttosto quello farnesiano.

Lo stile è molto rozzo. La simbologia araldica, conseguentemente, potrebbe essere casuale, nel senso che potrebbe non rispecchiare qualche specifico blasone, ma più semplicemente (ed è quello che penso io), potrebbe essere frutto dell'imperizia dell'incisore. Dopo ave schiarito le immagini, a sinistra dello scudo si intravedono alcune lettere che dovrebbero imitare la parola DVX, ma che invece, anche in questo caso, mi sembrano stravolte.

In buona sostanza potremmo essere di fronte ad una "semplice" contraffazione posta in essere in modo artigianale in una qualche località della campagna piacentina, senza pensare sempre necessariamente a qualche zecca signorile. Alla fine del secondo tomo della Guida delle zecche, sono riportate diverse notizie relative a località nelle quali erano state impiantate zecche clandestine. Tra queste, alcune erano presenti anche nel territorio piacentino. Sfortunatamente in questo momento non ricordo in quale periodo, ma domani o nei prossimi giorni conto di guardarci e di riferirvelo.

Cordialmente, Teofrasto

post-14038-0-30835600-1365874036_thumb.j

post-14038-0-25071900-1365874062_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

palpi62
Supporter

Grazie a tutti, speriamo di aver scoperto qualche cosa di nuovo.

P.S. mariov60 ti avevo detto qualche giorno fà che ti avrei fatto tribulare, :rofl: :rofl:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giollo2

Buon giorno a tutti.

Scusatemi ma mi sono accordo solo ieri a tarda sera di questa discussione. Molto interessante la monetina! Non ne avevo mai viste di simili!

Alcune considerazioni "a caldo":

1. Non credo ci siano legami con le contraffazioni di Desana/Frinco: quelle imitavano i sesini in mistura (Ottavio F.) utilizzando un titolo in argento molto più basso o addirittura assente, da qui l'illecito vantaggio economico. In questo caso siamo in un periodo in cui i sesini erano di puro rame.

2. Non mi sembra che l'esemplare appartenga alla serie dei sesini più o meno "ufficiali" tagliati a cesoia: tutti quelli che conosco (5-6 esemplari) sono battuti con i conii utilizzati in zecca.

3. Le ipotesi di Teofrasto mi sembrano molto verosimili anche se non capisco il senso e la convenienza economica di falsificare moneta spicciola in rame.

In ogni caso si tratta davvero di una moneta molto interessante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giollo2

Potrebbe forse trattarsi dell'enigmatico sesino comparso sul listino di vendita di Nascia n. 3 del 1972, lotto 636, così descritto (ma non illustrato):

D/ I C T P I – SV CAP IAN

Stemma austriaco coronato

R/ SALVS MVNDI

Croce fogliata

Nella descrizione era riportato "stemma austriaco" ma potrebbe essere stata una lettura non corretta. Purtroppo l'esemplare non era illustrato e quindi non è possibile alcuna verifica (a meno che non salti fuori l'eventuale acquirente).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

palpi62
Supporter

@@giollo2, mariov60, teofrasto allego questo lotticino di "maltagliati" di ANTONIO FARNESE, MARIA TERESA e poi ho messo un CARLO EMANUELE curioso, se può interessarvi.

Grazie a tutti.

post-12140-0-51141900-1366012156_thumb.j

post-12140-0-28494200-1366012179_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giollo2

Complimenti! Hai davvero messo insieme un nucleo molto interessante. Se non fossi ormai sprofondato nella monetazione alto medioevale, che ormai assorbe tutto il poco tempo che riesco a dedicare alle monete, sarebbe uno stimolo irresistibile ad approfondire l'argomento. Spero che altri possano farlo.

Curioso il Carlo Emanuele, ma credo non appartenga alla serie. Dato che venivano utilizzate delle piccole lamine su cui erano impressi 5-6 esemplari, questo potrebbe essere stato il primo (o l'ultimo) di una lamina non perfettamente squadrata all'estremità (infatti per oltre metà l'esemplare appare normalmente fustellato).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

palpi62
Supporter

@@teofrasto ciao hai visto il lotticino?????????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto

Per maggior visibilità sposto la discussione nella sez. " monete moderne di zecche Italiane 1500-1800 "

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

palpi62
Supporter

Buongiorno, riapro questa vecchia discussione, allegando finalmente, anche il "maltagliato" di Carlo Emanuele.

P.S. spero sempre che qualcuno riesca ad identificare il sesino oggetto della discussione.

Grazie

post-12140-0-63997300-1406618107_thumb.j

post-12140-0-82445800-1406618122_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×