Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
adolfos

Umbria Zecca di Spoleto

Recommended Posts

adolfos

Se qualche utente avesse in collezione un sestino o un bolognino di Spoleto e fosse così gentile di postare le immagini :) , sarebbe interessante fare qualche considerazione.

Grazie per la collaborazione

Saluti a tutti

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

fedafa

In collezione non ne ho, ma se può interessare ho qualche foto in archivio di sestini.

Del primo non ho il riferimento dell'asta (spero per questo di non essere messo alla pubblica gogna):

post-1880-0-90852100-1372507056_thumb.jp

I secondi, per i quali chiedo venia per la qualità delle immagini, provengono da listini a prezzi fissi Baranowsky.

post-1880-0-20045100-1372507442_thumb.jp

post-1880-0-80111600-1372507459_thumb.jp

Caro co-curatore, interessante post... cosa bolle in pentola? :D :D

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

Grazie, fedafa.

E' una zecca di cui non abbiamo mai parlato e che presenta alcuni punti da chiarie, a mio avviso.

Inoltre sto facendo una ricerca riguardo produzione e circolazione monetaria dell'area in argomento. Ma piccola, piccola......così per passare un poco di tempo :)

Speriamo intervengano gli esperti delle zecche umbre.

Salutoni e a presto

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Inasta - Asta 23 del 10.11.2007 - lotto 1548

post-11314-0-06331300-1372511977_thumb.j

post-11314-0-84206400-1372511999_thumb.j

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Inasta - Asta 47 dell'8.12.2012 - lotto 1249

post-11314-0-51708300-1372512072_thumb.j

post-11314-0-32683400-1372512084_thumb.j

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

Inasta - Asta 47 dell'8.12.2012 - lotto 1249

Bellissimo pezzo !!!! Tutte le caratteristiche sono leggibili ed in splendida evidenza. Molto bene. Attendiamo qualche commento.

Grazie Miro.

@@Liutprand

Grazie per la segnalazione ;)

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

dabbene

Possiamo distinguere intanto cronologicamente due periodi :

1) periodo semi-autonomo pre-1383 con coniazione dei sestini

2) periodo della Signoria di Rinaldo Orsini ( 1383 - 1390 ) con coniazione dei bolognini simili a quelli di produzione papale.

Questa cronologia segue gli studi di Panvini - Rosati, che al momento sono quelli riferimento, certamente sono due monetazioni ben differenti per iconografia e simbologia, la prima segue i dettami della moneta di identità, col DE. SPOLETO, l'altra richiama le monete pontificie col busto mitrato.

La circolazione di queste è della bassa Umbria e alto Lazio secondo Ganganelli in " Le Zecche Italiane fino all' Unità ", certamente il periodo di autonomia di queste zecche è sempre un periodo da studio anche se poi le motivazioni che ricorrono hanno poi dei tratti comuni.

ma credo che

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

vi hanno battuto anche i duchi longobardi ?

Faroaldo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

@@dabbene

Grazie per avere citato Panvini Rosati e le Zecche Italiane, il massimo ad oggi ;) .

@@scacchi

Ciao Mirco. Forse nella sezione Papali. Ti risultano ritrovamenti di sestini nella tua zona? Famme sapè :) .

@@numa numa

Che fai, lanci il sasso :D ?

Ora sono curioso. Tu che ne dici?

Salutoni a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

fedafa

vi hanno battuto anche i duchi longobardi ?

Faroaldo...

@@numa numa

Che fai, lanci il sasso :D ?

Ora sono curioso. Tu che ne dici?

Salutoni a tutti

Credo che numa numa si riferisse alla 1/2 siliqua attribuita (?) da Grierson e Blakburn nel MEC 1 a Faroaldo duca di Spoleto. (MEC n°300, p. 455 con note sull'attribuzione a pag. 631).

Qui l'immagine della moneta dal British Museum:

http://www.britishmuseum.org/research/collection_online/collection_object_details.aspx?objectId=3300187&partId=1&searchText=farwald

Share this post


Link to post
Share on other sites

aemilianus253

Ottima la discussione sulla zecca di Spoleto. Aggiungo il link di un esemplare davvero rarissimo, un grosso di Paolo II° in vendita attualmente in uno shop online: http://www.moruzzi.it/ashop/ItemDetail.asp?IDItem=2889&IDCategory=127&

Ricordo un altro esemplare simile, ma di qualità migliore, passato in asta Nomisma qualche tempo fa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gianni1984

Saluti a tutti. Bella discussione come sempre. Questi Sestini di che materiale erano, mistura? Un saluto a tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

aemilianus253

Mistura, ma all'occhio appaiono quasi di rame puro. Erano stati studiati per imitare quelli della zecca di Perugia, presenti massicciamente sul mercato. I tipi sono molto simili in effetti. Lo stesso avvenne anche per quelli coniati da Viterbo, che risultano ancora più rari di quelli spoletini.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

dabbene

Ciao,

i sestini in mistura, i bolognini in argento.

Credo che Adolfo, puntasse al circolante di queste monete, certo che i bolognini per la loro somiglianza con quelli romani potevano inserirsi bene nel circolante laziale e non solo, quindi fu forse una operazione fatta dall'Orsini, anche studiata e bene ; i sestini, invece, ipotizzo, essendo monete autonome probabilmente avevano una movimentazione più da ambito locale, sembra la moneta fatta per ribadire l'identità, ma anche questa con tipologie già note e conosciute.

Edited by dabbene
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Credo che numa numa si riferisse alla 1/2 siliqua attribuita (?) da Grierson e Blakburn nel MEC 1 a Faroaldo duca di Spoleto. (MEC n°300, p. 455 con note sull'attribuzione a pag. 631).

Qui l'immagine della moneta dal British Museum:

http://www.britishmuseum.org/research/collection_online/collection_object_details.aspx?objectId=3300187&partId=1&searchText=farwald

Bravissimo Fedafa, si è proprio questa quella a cui mi riferivo.

Grierson l'attribuisce a Spoleto , e credo battuta nella zecca di Spoleto come riportato in MEC , mentre la scheda del BM la dà battuta a Ravenna se non erro. Non so come la classificava Sambon nel suo Repertorio (ma non ho controllato se vi era riportata)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

Mi chiedo come mai nella scheda relativa a Spoleto in "Zecche Italiane" abbiano escluso a priori l'esistenza di monete e documenti che comprovino tale ipotesi oo).

Saluti

Edited by adolfos

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

e' una moneta la cui attribuzione è stata piuttosto discussa (vedi quanto riporta Grierson in MEC), inoltre è, credo, rarissima (pochi gli esemplari conosciuti)

La cosa abbastanza certa sembrerebbe pero' la lettura del monogramma, sciolto in FAROALD che corrisponde al duca longobardo di stanza a Spoleto

Il fatto che non risultino altre coniazioni certe per Spoleto legate a quel periodo o comunque successive induce ad una certa prudenza

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

e' una moneta la cui attribuzione è stata piuttosto discussa (vedi quanto riporta Grierson in MEC), inoltre è, credo, rarissima (pochi gli esemplari conosciuti)

La cosa abbastanza certa sembrerebbe pero' la lettura del monogramma, sciolto in FAROALD che corrisponde al duca longobardo di stanza a Spoleto

Il fatto che non risultino altre coniazioni certe per Spoleto legate a quel periodo o comunque successive induce ad una certa prudenza

Giusto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

teofrasto

Mi chiedo come mai nella scheda relativa a Spoleto in "Zecche Italiane" abbiano escluso a priori l'esistenza di monete e documenti che comprovino tale ipotesi oo).

Saluti

Buonasera Adolfos,

in realtà, andando a leggere bene quello che scrive Arslan nella parte della Guida delle zecche relativa a "La produzione della moneta nell'Italia Ostrogota e Longobarda"... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

Buonasera Adolfos,

in realtà, andando a leggere bene quello che scrive Arslan nella parte della Guida delle zecche relativa a "La produzione della moneta nell'Italia Ostrogota e Longobarda"... ;)

Ti aspettavo :)

Grazie e saluti

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

aemilianus253

Sbaglio o non molto tempo fa una monetina con il monogramma di Faroaldo, con il bordo un po' frammentato, era in vendita anche da Varesi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.