Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
boltzmann

timbro con stemma da identificare

Risposte migliori

boltzmann
Buongiorno a tutti. Mi è stato proposto un libro antico da acquistare (la compravendita è il mio mestiere) e alla sguardia ho trovato il timbretto che riporto. Il proprietario (di Sasso Marconi, BO) mi ha assicurato trattarsi del timbro di famiglia di un precedente proprietario; io, prima dell'acquisto, vorrei escludere si trattasse del timbro di una biblioteca pubblica. L'identificazione dell'eventuale famiglia mi interessa solo relativamente e comunque in un secondo tempo.

Non so praticamente nulla di araldica; distinguo: uno stemma gotico, tre stelle a 6 punte nella parte superiore, una corona con 7 punte visibili e, sotto, due rami di alloro che 'reggono' lo scudo. Sono questi che mi fanno pensare ad un Municipio; è possibile trovarli anche anche in stemmi di privati?


Grazie in anticipo, Ludwig

post-38281-0-02514900-1382878297_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Corbiniano

Gentile amico,

è vero che due rami ai lati dello scudo sono la caratteristica degli stemmi civici italiani moderni e contemporanei.

Poco importa che la consuetudine li voglia di quercia e d'alloro.

Viceversa, tutto ciò non significa che due rami ai lati dello scudo siano esclusivi dell'araldica civica.

:nea:

Di sicuro, in questo timbretto la corona è radiale (o all'antica), quindi ben diversa dalla corona murale usata da comuni e città.

Avresti modo di postare un'immagine più nitida, per favore?

Può darsi che vedendo meglio lo stemma emergano altri dettagli utili per il ragionamento.

:good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

boltzmann
Gentile Corbiniano, grazie mille per la risposta, già incoraggiante.

Ho appena prodotto un'altra immagine, molto più nitida; il problema purtroppo è data dalla qualità del timbretto che, tra l'altro, è piuttosto piccolo (2 cm la lunghezza massima).

Spero si capisca comunque qualcosa di più; ecco qui.

post-38281-0-18845000-1382899916_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Corbiniano

Ti ringrazio, questa seconda foto è ottimamente chiara.

Peccato che il timbro, più che esser piccolo, è "sgranato".

Comunque l'immagine mi conferma quel che credevo di vedere nella prima foto: la figura principale dello stemma (quella al di sotto delle stelle) non sembra una figura araldica.

Anzi, non saprei nemmeno :unknw: dirti cosa sembri...

...ma ho la netta impressione che potrebbe essere un monogramma formato dalla fusione di due (o più) lettere.

Ribadisco: è un'impressione.

Ma se davvero fosse un monogramma, il titolare potrebbe essere un ente ---> biblioteca? fondazione? istituto? boh... :mega_shok:

Altrove nel libro non ci sono scritte, sigle, o altri segni riconducibili a una classificazione interna di un possessore "ben organizzato"?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sandokan
Supporter

Penso sia il monogramma di un privato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

boltzmann
Grazie ad entrambi. Dunque la versione del proprietario sembrerebbe esatta: si tratterebbe del timbro di precedenti proprietari, o forse di una vecchia biblioteca scomparsa.


Soprattutto, si può escludere che si tratti di un comune: era questo il mio primo timore. Del resto avevo guardato gli stemmi di quasi tutti i comuni del bolognese, senza trovare somiglianze.


Penso che un'infarinatura di araldica mi servirebbe veramente! neppure sapevo che le figure araldiche fossero interamente codificate: pensavo si potessero aggiungere a piacimento. Seguirò senz'altro questo forum e magari mi procurerò un buon manuale di base.


Di nuovo grazie
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sorante

ahi...se Corbiniano non ci vede nulla se non monogramma mi taccio. Ma va là...chi mi conosce sa che non lo faccio mai ;) altrimenti come emendare i miei errori?
Lo dico: io ci avevo intravisto, con tutte le riserve del caso, un qualcosa tipo due acciarini (mal)fatti, a "beta" simil-Paleologo. :)

Un caro saluto a tutti!

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Flag_of_Palaeologus_Dynasty.svg

Modificato da Sorante

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

boltzmann
Intanto una precisazione che avevo scordato nel messaggio precedente: purtroppo nel volume non c'è altra traccia di precedenti proprietà. Questo porta ad escludere le biblioteche pubbliche, almeno recenti, che hanno la buona abitudine di timbrare anche l'interno; senza contare che i timbri recenti sono sempre 'parlanti'.


Aggiungo che il propietario dice di averne o averne avuti parecchi con quello stemma, il ché fa pensare all'acquisto - diretto o no - di una eredità.


Da inesperto, l'osservazione di Sorante sembra buona: sembrano due acciarini contrapposti; paiono anche legati, come a formare una H (forse: B.H.B., dunque). Ho guardato gli stemmi delle famiglie senatorie bolognesi e non c'è nulla di simile.


Ancora grazie a tutti e tre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Corbiniano
(...) neppure sapevo che le figure araldiche fossero interamente codificate: pensavo si potessero aggiungere a piacimento.
Pensavi bene: le figure si possono "aggiungere a piacimento". :good:
Nel senso che qualsiasi figura (umana, animale, ideale, artificiale, ecc.) può entrare, e di fatto è entrata, all'interno di uno scudo araldico.
"Codificata" può esserne la forma, specialmente per talune figure di antico e consolidato utilizzo: uno per tutte, il leone.
"Codificata" ne è spesso la posizione, di norma coerente con gli assi di simmetria dello scudo.
Codificata ne è la descrizione: la terminologia araldica è articolata e dettagliata (anche se di fatto la massima parte delle figure viene indicata col proprio nome "naturale").
Seguirò senz'altro questo forum e magari mi procurerò un buon manuale di base.
Suggerisco la Grammatica araldica di Felice Tribolati, testo ormai secolare ma insuperato per chiarezza e qualità.
Di nuovo grazie

Grazie a te!

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

karnescim

non potrebbe trattarsi di un ex-libris di fantasia?

magari inserendo questa foto anche in Piazzetta nella discussione sugli EX-libris appunto a qualcuno potrebbe ricordare qualcosa....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

boltzmann
Sì, karnescim: a questo punto è la cosa più probabile. In realtà, non ho molto interesse ad identificare la famiglia: più che altro ci tenevo ad accertarmi che non fosse uno stemma municipale - e su questo sono stato rassicurato. Per quanto riguarda le biblioteche pubbliche, i timbri recenti sono "parlanti", quelli molto vecchi sono perlopiù assai diversi: non ne ho mai visti che avessero l'aspetto di uno stemma.


Grazie anche a te per l'interessamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×