Jump to content
IGNORED

Vincenzo Lazari=ABC della numismatica. Lanciano


Recommended Posts

mero mixtoque imperio

Questo ordine trascritto da Vincenzo Lazari nel XIX secolo nello studio probabilmente in possesso di tutti i numismatici, compresi queli digiuni in materia, certifica il fatto che le monete di Napoli e l'Aquila battute in oro ed argento siano uscite da queste due zecche con le iniziali del maestro di zecca, dall'epoca di Ferdinando I in poi.

Di conseguenza le monete prive delle iniziali, emesse - reitero - da questo periodo in poi, non possono essere uscite da queste due zecche.

Se questo concetto elementare e documentato è chiaro per tutti, allora possiamo cominciare a chiederci dove siano state coniate le monete senza sigle...

Qui chiudo per sempre.

File0805.jpg

Edited by mero mixtoque imperio
Link to post
Share on other sites

francesco77

L editto di Terracina lo conosco dal 1994 da quando ebbi ľonore di consultare per la prima volta il testo di Bernareggi. Lo stesso documento è presente nel mio articolo sulla classificazione del dritto e del rovescio nelle monete napoletane. Come vedi sei arrivato troppo tardi. Io ti dico invece che anche le monete senza sigle vennero coniate a Napoli. Grazie per il gentile confronto.

Link to post
Share on other sites

Gaetano95

Ipotizziamo per assurdo che le monete senza sigla non siano attribuibili ne a Napoli ne a l'Aquila..dove sta scritto PER CERTO che siano state coniate a Lanciano?

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

mero mixtoque imperio

Ipotizziamo per assurdo che le monete senza sigla non siano attribuibili ne a Napoli ne a l'Aquila..dove sta scritto PER CERTO che siano state coniate a Lanciano?

Lanciano è la zecca personale degli Aragonesi. La città è nominata tale da Alfonso e dai suoi successori e ogni sovrano fino al 1640 conferma la zecca a Lanciano.

Battere per il sovrano significa coniare con i suoi stemmi "nudi".

Link to post
Share on other sites

mero mixtoque imperio

L editto di Terracina lo conosco dal 1994 da quando ebbi ľonore di consultare per la prima volta il testo di Bernareggi. Lo stesso documento è presente nel mio articolo sulla classificazione del dritto e del rovescio nelle monete napoletane. Come vedi sei arrivato troppo tardi. Io ti dico invece che anche le monete senza sigle vennero coniate a Napoli. Grazie per il gentile confronto.

Vent'anni dovrebbero essere sufficienti per capire quello che c'è scritto!

Link to post
Share on other sites

Gaetano95

Lanciano è la zecca personale degli Aragonesi. La città è nominata tale da Alfonso e dai suoi successori e ogni sovrano fino al 1640 conferma la zecca a Lanciano.

Battere per il sovrano significa coniare con i suoi stemmi "nudi".

È scritto o no da qualche parte che a Lanciano si battevano monete senza sigle? Non ha risposto a questa mia domanda..finché non mi fa vedere un documento che lo attesta a mio parere le sue sono solo ipotesi

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

mero mixtoque imperio

Se era scritto da qualche parte, la indovinava anche mia figlia di 4 anni, ma se la mette su questo piano non è nemmeno scritto che siano state battute a Napoli.

Edited by mero mixtoque imperio
Link to post
Share on other sites

Gaetano95
Se era scritto da qualche parte, la indovinava anche mia figlia di 4 anni, ma se la mette su questo piano non è nemmeno scritto che siano state battute a Napoli.

Bene, per me la discussione può dirsi conclusa. Non avevo bisogno di altro ;)

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

  • 7 months later...
petronius arbiter

Bene, per me la discussione può dirsi conclusa. Non avevo bisogno di altro ;)

Andava bene così, perché avete voluto riaprirla e scatenare le solite polemiche che non interessano il forum? ho ripulito la discussione, e adesso la chiudo io.

petronius

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.