Jump to content
IGNORED

Costruire un monetiere: Quale legno?


Recommended Posts

Ciao ragazzi, lo so che dovrei leggete le discussioni ma è una cosa urgente!

Domani vado ad un mercatino dell'usato e vorrei prendere un mobile per poterlo restaurare e farlo diventare un monetiere per quelle del regno.

Che legno devo cercare e come lo riconosco? So che non tutti vanno bene.

Grazie!

Link to post
Share on other sites

magellano83

castagno o noce o rovere o ciliegio caschi sempre bene...sono tutti legni più o meno pregiati e più o meno tutti i mobili antichi sono fatti con una di queste specie legnose...buona caccia ;)

Link to post
Share on other sites

Quindi non prendere pino, abete, larice. Se ti dicono che è un mobile "arte povera", lascia stare. Non perchè è arte povera, ma perchè il legno usato è resinoso.

Ciao , ma sei proprio sicuro.... che i mobili in" arte povera " siano fatti : in pino , larice , abete , a me risultano altri tipi di legno. però posso anche sbagliarmi... :pardon:

Link to post
Share on other sites

soleshine

Per arte povera si intende lo stile lineare e semplice che avevano i mobili delle case rurali, non ce nessuna regola che stabilisce: arte povera = legno povero.

L'unica cosa che ti suggerisco prima di scegliere il mobile oltre al tipo di essenza del legno è di considerare come farai i vassoi in velluto e le loro dimensioni, se hai intenzione di farlo da solo o se vuoi appoggiarti a degli artigiani.

Non è semplice fare i vassoi in velluto, potrebbe essere conveniente solo se tu fossi in grado di fare gran parte dei lavori da solo, diversamente se ti appoggiassi a dei professionisti forse alla fine ti converrebbe acquistarne uno fatto.

Link to post
Share on other sites

Per arte povera si intende lo stile lineare e semplice che avevano i mobili delle case rurali, non ce nessuna regola che stabilisce: arte povera = legno povero.

L'unica cosa che ti suggerisco prima di scegliere il mobile oltre al tipo di essenza del legno è di considerare come farai i vassoi in velluto e le loro dimensioni, se hai intenzione di farlo da solo o se vuoi appoggiarti a degli artigiani.

Non è semplice fare i vassoi in velluto, potrebbe essere conveniente solo se tu fossi in grado di fare gran parte dei lavori da solo, diversamente se ti appoggiassi a dei professionisti forse alla fine ti converrebbe acquistarne uno fatto.

Io credo di fare dei cassettini dove mettere dei vassoi che ho già, una cosa del genere insomma (Risposta #100) http://www.lamoneta.it/topic/98280-monetiere-faidate/page-7?hl=%20costruire%20%20monetiere

Ovvio che dovrò prendere le misure etc, ma credo che anche se non saranno proprio perfetti mi andranno bene (da pignolo che sono :D ) anche perché sarà il mio primo monetiere :D

Link to post
Share on other sites

  • 2 months later...
claudioc47

Ciao ragazzi, sono in un brico, hanno solo resinosi.. un truciolato ricoperto da tipo plastica (quello per fare un mobile per capirci) potrebbe andare bene? :)

Non và bene. Puoi usare anche l'abete (io l' ho usato e non ha creato alcun problema). Per la costruzione vai a vedere in questa sezione la discussione di Maverich del 24 Maggio. Ha allegato anche i disegni esecutivi con tutte le misure.

Saluti

Edited by claudioc47
Link to post
Share on other sites

rintintin

piuttosto che il truciolare impiallacciato con plastica effetto legno magari meglio del compensato (sono fogli di legno incollati a strati con le venature in senso diverso, resistente ed meno soggetto a deformazione). Come detto da @magellano83 noce o ciliegio o rovere o castagno (in ordine di prezzo più o meno) aggiungerei anche il frassino. Attenzione che il noce è molto duro da lavorare ed il castagno può avere dei nodi grossi. Il ciliegio è il mio preferito tende al rosso :)

Link to post
Share on other sites

piuttosto che il truciolare impiallacciato con plastica effetto legno magari meglio del compensato (sono fogli di legno incollati a strati con le venature in senso diverso, resistente ed meno soggetto a deformazione). Come detto da @@magellano83 noce o ciliegio o rovere o castagno (in ordine di prezzo più o meno) aggiungerei anche il frassino. Attenzione che il noce è molto duro da lavorare ed il castagno può avere dei nodi grossi. Il ciliegio è il mio preferito tende al rosso :)

@@rintintin Grazie mille! Pensavo di fare soltanto la scatola esterna in uno di quei legni, i cassetti li farei con del compensato 4 mm. Il problema è trovare uno di quei tipi di legno..non si trovano in commercio (ho girato tre Brico, hai suggerimenti?) e temo costino parecchio. Credi che come detto @@claudioc47 l'abete possa andare bene o meglio evitare poiché resinoso? :)

Link to post
Share on other sites

rintintin

potresti anche farlo tutto di compensato... negli anni 70 e 80 andavano di gran moda i mobili in compensato (o legno lamellare), ad alcuni non piace perché non è massello, perché c'è la colla e perché quando guardi di taglio vedi tutte le righine dei fogli di legno incollati.

ha il vantaggio di essere durevole, di deformarsi difficilmente e che i fogli di legno esterni possono essere di un legno nobile, esiste il compensato marino che è fatto per le barche, costa un po di più ...

puoi provare a cercare da mobilieri o falegnami, ma se te lo devono ordinare e poi tagliare su misura molto probabilmente ti costerà caruccio.

secondo me l'abete o il larice possono andare bene per l'esterno, basta che sia stagionato bene e che non ci siano nodi che "trasudino resina", tieni conto che una un colpetto sull'abete fa un buco, sul noce un minimo segnetto...

potresti provare da una ditta di onoranze funebri, anche se ormai quasi tutti le bare le ordinano già fatte e non le fanno più...

e se pensi di poterlo tagliare tu su misura prova su internet, ad esempio:

http://www.regnodellegno.it/costruire/massicciofrassino

buona fortuna!

Link to post
Share on other sites

O lo faccio di compensato o esterno in abete, poiché gli altri sono difficilmente reperibili.

Grazie mille! Non ho capito soltanto una cosa: tieni conto che una un colpetto sull'abete fa un buco, sul noce un minimo segnetto...

Grazie! @@rintintin

Link to post
Share on other sites

rintintin

intendo che l'abete è un legno tenero, morbido... il larice già un filino meno. Quindi se un pezzo di abete prende un colpo si segna subito ed in profondità, mentre il noce è duro e si segna "difficilmente".

bravo! vai di compensato che a me le righine che si vedono di taglio piacciono!!!

mi raccomando posta le foto del progetto nelle varie fasi di lavorazione :)

Link to post
Share on other sites

intendo che l'abete è un legno tenero, morbido... il larice già un filino meno. Quindi se un pezzo di abete prende un colpo si segna subito ed in profondità, mentre il noce è duro e si segna "difficilmente".

bravo! vai di compensato che a me le righine che si vedono di taglio piacciono!!!

mi raccomando posta le foto del progetto nelle varie fasi di lavorazione :)

Grazie! Penso che lo realizzerò il prossimo mese se tutto va bene! ;)

Sarà fatto! ;)

Link to post
Share on other sites

sulinus

Quindi non prendere pino, abete, larice. Se ti dicono che è un mobile "arte povera", lascia stare. Non perchè è arte povera, ma perchè il legno usato è resinoso.

Hahahahahha quindi quelli in arte povera sono tutti resinosi?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.