Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
teodato

Sapete dirmi chi potrebbe essere l'Imperatore?

Risposte migliori

teodato

Vi allego l'immagine di una monetina grande come um pisello (termine usato dal venditore) mi ci sono alambiccato ma non ho proprio idea di che Imperatore si tratti.

C'è qualcuno disposto a darmi una mano?

post-1966-1154089677_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arcano

Non mi sembra di stile romano questa moneta :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Il tipo e' quello della moneta celebrativa di Costantinopoli (rappresentata elmata al D.) con al R. la Vittoria su prora, coniata sotto i Costantinidi. Purtroppo non si riesce a leggere la zecca, per una precisa identificazione, comunque lo stile mi pare quello ufficiale -aspetto conferme dagli esperti del periodo-.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979
Ma è bizantina?

140828[/snapback]

no. concordo con avgvsts (almeno in parte). La moneta è la commemoprativa di Costantinopoli. Dico "in parte" perchè io non sono convinto sia ufficiale, opterei per l'imitazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa

Concordo con eg, è una imitazione barbarica del follis CONSTANTINOPOLIS.

agrì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

crivoz

Pienamente d'accordo con eg1979 e Agrippa sul fatto che si tratti di una emissione barbarica..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

denario69

Anche a me sembrerebbe un' imitazione barbarica (area balcanica ?).

denario69

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dupondio

Concordo anch'io con eg direi imitazione barbarica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teodato

Ringrazio i cortesi utenti che hanno voluto partecipare alla discussione, immaginavo che fosse barbarica nello stile come avevo supposto nel sottotilo della discussione ma non riuscivo a leggere le lettere, ora mi pare di leggere più chiaramente VRBS.

Chissà quale popolazione aveva imitato la moneta Romana! Penso che non lo sapremo mai a meno che una moneta simile non venga trovata in qualche sito archeologico.

Grazoe a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Quindi è un'imitazione barbarica del III-IV sec. d.c..

Ma queste imitazioni barbariche circolavano nell'impero o fuori?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979
Quindi è un'imitazione barbarica del III-IV sec. d.c..

Ma queste imitazioni barbariche circolavano nell'impero o fuori?

140891[/snapback]

cito Luigi (tacrolimus)

La classe delle imitazioni barbariche è molto eterogenea, ma sostanzialmente il termine è usato per indicare uno stile crudo (per non dire rozzo) non emissioni delle popolazioni che invasero l'impero romano provenendo dall'est.

E' un termine probabilmente improprio, anche per l'accezione dispregiativa che sottintende, a cui preferisco il temine imitazione (o imitazione di stile barbaro), ma è ormai ampiamente utilizzato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

crivoz:

Le monete oggetto del post sono a parere mio fra le piu' interessanti e meno studiate della monetazione classica...

La moneta romana e' stata per secoli cio' che rappresenta oggi il dollaro e piu' recentemente l'euro per gli scambi mondiali e le popolazioni poste ai confini dell'Impero ( e sovente anche falsari gallici e britannici) hanno iniziato a copiare molto presto le monete in bronzo ed in argento...molto piu' raramente quelle in oro (oggetto invece di falsificazioni in discrete quantità nei regni indiani).

Sovente frazionavano monete a corso legale e da ogni parte ricavavano un'altra moneta..ne sono prova alcuni antoniniani ritrovati nelle Gallie segnati a spicchi e mancanti di alcuni quarti, ritrovati però nelle immediate vicinanze.

Questo spiega perche' una buona parte dei radiati barbarici (concordo anche io pero' nel definire barbarici un termine un po' troppo dispregiativo) siano di peso e diametro ridotto.

I ritratti sono sovente caratterizzati da un eccesso di linee e non sempre le interpretazioni di legende e rovesci sono veritiere...

Pensate che in un museo inglese (Colchester mi pare) c'e' una copia britannica di un bronzo di Lucio Vero (o Marco Aurelio..non ricordo bene) con al rovescio i due imperatori che si stringono la mano (CONCORDIA AVGUSTORVM). Ebbene il falsario, interpretando male il rovescio l'ha' trasformato in un pescatore che tiene alla lenza un grosso pesce . Da non credere...

Proprio ieri sera, solleticato dall'interessante post, ho rispolverato la mia sezione "barbarica" e ho trovato in particolare un paio di pezzi interessanti.

Un radiato del diametro di pochi millimetri di diametro con un testa di circa 3 mm di dimensione...probabilmente la piu' piccola che abbia mai visto impressa. Gli ae4 del basso impero sembrano sesterzi in confronto. La postero' a breve per documentare visivamente quanto sopra riportato.

Ci sarebbe poi un denario anche se OT per questa discussione di Caracalla giovane con capelli a spazzola e soprattutto rovescio con crescente lunare e stelle...mai visto per i giovani severi...ma utilizzato dall'usurpatore Pescennio Nigro con SAECULI FELICITAS.

Sinceramente sono convinto che questi "bronzi" abbiano il potere di risvegliare in noi un desiderio ancestrale, quello del dove, come, quando e perche'... proprio a causa dello scarso interesse che hanno suscitato finora nella maggior parte dei collezionisti a imputabile allo stile e della scarsa quantità di informazioni che ri riesce a reperire a riguardo.

I cataloghi d'asta poco per volta iniziano pero' a proporle in sezioni distinte, ispirati probailmente da un parco clienti oggigiorno piu' propenso ad accetarle e ricercarle...e dallapossibilità di buni realizzi.

Un consiglio quindi...iniziamo a metterle da parte...prima o poi arriverà anche un testo di riferimento per assegnarle correttamente a zone geografiche e popolazioni.. Per ora costano relativamente poco e danno comunque soddisfazioni anche a numismatici esigenti.

Non sono brutte...sono solo diverse...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

ancora Luigi:

Le aree di produzione delle imitazioni barbariche di bronzi romani tardo imperiali sono sostanzialmente quella britannica e quella del Danubio.

Una prima grande classe comprende le imitazioni degli antoniniani e comprendono imitazioni più o meno grossolane di Claudio II, Tetrico I e II, Vittorino, etc.

La seconda classe riguarda le imitazioni delle emissioni di Costantino e della sua famiglia.

Più rare le imitazioni di monete di Arcadio, Onorio e Teodosio, a quanto ne so.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Grazie per la spiegazione eg1979. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979
Grazie per la spiegazione eg1979. :)

140901[/snapback]

de nada ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×