Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
joker67

lascito del nonno.

Recommended Posts

joker67

Ciao a tutti,

Non so se è questa la sezione giusta..

da molti anni posseggo questo oggetto che apparteneva a mio nonno, classe '900.

Lui se ne andato tanti anni fa, mi ricordo solo che raccontava che fu chiamato alle armi durante la prima guerra mondiale, e per sua fortuna, una volta al fronte...la guerra finì.

Non sò ricollegare se questo oggetto possa appartenere a quell'epoca.

Mi potreste aiutare?

Grazie

post-37850-0-75670700-1410472983_thumb.j

Edited by joker67
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

sandokan
Supporter

Ciao Joker : una bella catena da orologio da tasca, molto lavorata : quattro fili tubolari di maglia con due cursori che sembrano conservare tracce di smalto. Il moschettone serviva ad agganciare l'orologio, mentre l'anello circolare andava a chiudersi in un'asola del panciotto, senza impedire per questo il passaggio del bottone.

Un altro sistema per fermare la catena era costituito da una barretta al posto della chiusura ad anello, barretta che veniva infilata nell'asola e che poi, raddrizzandosi, la bloccava. Era un uso diffuso quello di appendere alle catene uno o più ciondoli : monete, piccoli amuleti, sigilli di metallo o in pietra dura. Alla tua catena è applicato un cuore, penso in argento (magari di lega inferiore alla 800/1000, quello che spesso veniva chiamata "argentone").

Ti mostro un esemplare simile, ma meno bella e meno antica della tua : una catena d'argento acquistata a Londra, assieme al ciondolo : il sigillo invece è italiano ed è stato aggiunto successivamente.

Non sono in grado di datare la tua : potrebbe anche risalire a fine '800.

Un bell'oggetto, e un bel ricordo, saluti.

post-2460-0-53305000-1410512031_thumb.jp

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

joker67

Ciao Joker : una bella catena da orologio da tasca, molto lavorata : quattro fili tubolari di maglia con due cursori che sembrano conservare tracce di smalto. Il moschettone serviva ad agganciare l'orologio, mentre l'anello circolare andava a chiudersi in un'asola del panciotto, senza impedire per questo il passaggio del bottone.

Un altro sistema per fermare la catena era costituito da una barretta al posto della chiusura ad anello, barretta che veniva infilata nell'asola e che poi, raddrizzandosi, la bloccava. Era un uso diffuso quello di appendere alle catene uno o più ciondoli : monete, piccoli amuleti, sigilli di metallo o in pietra dura. Alla tua catena è applicato un cuore, penso in argento (magari di lega inferiore alla 800/1000, quello che spesso veniva chiamata "argentone").

Ti mostro un esemplare simile, ma meno bella e meno antica della tua : una catena d'argento acquistata a Londra, assieme al ciondolo : il sigillo invece è italiano ed è stato aggiunto successivamente.

Non sono in grado di datare la tua : potrebbe anche risalire a fine '800.

Un bell'oggetto, e un bel ricordo, saluti.

Ciao Sandokan, e grazie per le info :rolleyes: , evidentemente il nonno lo indossava, peccato non ci sia più l'orologio.

Per quanto riguarda la lega, non so ma credo non sia d'argento....il colore è bronzo.....pesa 28 gr. circa ed è lunga 33 cm.

Per quanto riguarda il cuore....dentro è vuoto, cioè dietro vi è un incavo ed è tutto vuoto....

Share this post


Link to post
Share on other sites

sandokan
Supporter

Joker, Il cuore è vuoto nel senso che è apribile ? Oppure presenta solo una facciata lavorata ? Strano, perché essendo appeso a tre maglie di catena può rovesciarsi, con effetto estetico modesto....

Quanto al metallo impiegato, anche se è difficile giudicare da una foto, pare anche a me che stata usata una lega a basso grado di argento (un tempo, anche l'oro veniva spesso usato a 14 carati, anziché ai 18 poi adottati ( pari a 750/1000 di oro più 250/1000 di rame o argento).

Belli i cursori, che sembrano essere stati in origine intarsiati a smalto : è così ?

@@joker67

post-2460-0-68852100-1410518489_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

joker67

Joker, Il cuore è vuoto nel senso che è apribile ? Oppure presenta solo una facciata lavorata ? Strano, perché essendo appeso a tre maglie di catena può rovesciarsi, con effetto estetico modesto....

Quanto al metallo impiegato, anche se è difficile giudicare da una foto, pare anche a me che stata usata una lega a basso grado di argento (un tempo, anche l'oro veniva spesso usato a 14 carati, anziché ai 18 poi adottati ( pari a 750/1000 di oro più 250/1000 di rame o argento).

Belli i cursori, che sembrano essere stati in origine intarsiati a smalto : è così ?

@@joker67

@@sandokan,

no, il cuore nel rovescio è praticamente vuoto e non è apribile, è solo collegato ad un appiccicagnolo che a sua volta è collegato alla catena.

Per quanto riguarda i cursori, non so dirti nulla, a parte 4 incisioni per cursore di colore rosso.

Pensi sia d'argento?

più tardi cercherò di inviarti altre foto, adesso sono ancora al lavoro :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

joker67

@@sandokan

eccomi, ti posto due foto rispettivamente del cuore al rovescio e dei cursori...

vi è qualche modo per stabilire il tipo di metallo di cui è fatto?

post-37850-0-13348100-1410525820_thumb.j

post-37850-0-81494800-1410525832_thumb.j

Edited by joker67

Share this post


Link to post
Share on other sites

sandokan
Supporter

Davvero belli i cursori, smaltati in rosso e blu (o nero, non vedo bene).

Singolare il cuore, non ne ho mai visto uno simile : a meno che non ci fosse un dischetto che poteva chiudere - a pressione - la cavità....

Non sono in grado di stabilite in quale materiale sia stata ricavata la tua catena : a mio avviso, una parte di argento dovrebbe esserci, un metallo molto duttile e che si presta alla lavorazione (ad esempio, quella del cuore, realizzato con una lamina molto sottile).

Volendo conoscere la composizione della lega, puoi mostrarlo ad un laboratorio d'oreficeria, dove possono saggiare il metallo senza danneggiare l'oggetto : sicuramente è più ricca la lavorazione del metallo impiegato.

Mio bisnonno ne aveva una d'oro, da cui pendevano due monete d'oro : una era inserita con due minuscoli perni in un cerchio per cui - dandole un colpetto o soffiandoci sopra, si metteva a frullare e a me piaceva molto !

Di quella catena a me è rimasto solo il "remontoir", cioè la sbarretta finale, che reca ancora tracce alle estremità di smalto nero.

Impugnandola a due mani e facendola scorrere, da una parte fuoriesce per un paio di millimetri un minuscolo perno di ferro a sezione quadrangolare, forato : serviva per ricaricare i vecchi orologi da tasca, molti dei quali avevano sul bordo della cassa un perno che serviva appunto per caricarne la molla, per cui la barretta aveva anche la funzione di una chiave.

@@joker67

post-2460-0-32524900-1410528562_thumb.jp

Edited by sandokan
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

joker67

Davvero belli i cursori, smaltati in rosso e blu (o nero, non vedo bene).

Singolare il cuore, non ne ho mai visto uno simile : a meno che non ci fosse un dischetto che poteva chiudere - a pressione - la cavità....

Non sono in grado di stabilite in quale materiale sia stata ricavata la tua catena : a mio avviso, una parte di argento dovrebbe esserci, un metallo molto duttile e che si presta alla lavorazione (ad esempio, quella del cuore, realizzato con una lamina molto sottile).

Volendo conoscere la composizione della lega, puoi mostrarlo ad un laboratorio d'oreficeria, dove possono saggiare il metallo senza danneggiare l'oggetto : sicuramente è più ricca la lavorazione del metallo impiegato.

Mio bisnonno ne aveva una d'oro, da cui pendevano due monete d'oro : una era inserita con due minuscoli perni in un cerchio per cui - dandole un colpetto o soffiandoci sopra, si metteva a frullare e a me piaceva molto !

Di quella catena a me è rimasto solo il "remontoir", cioè la sbarretta finale, che reca ancora tracce alle estremità di smalto nero.

Impugnandola a due mani e facendola scorrere, da una parte fuoriesce per un paio di millimetri un minuscolo perno di ferro a sezione quadrangolare, forato : serviva per ricaricare i vecchi orologi da tasca, molti dei quali avevano sul bordo della cassa un perno che serviva appunto per caricarne la molla, per cui la barretta aveva anche la funzione di una chiave.

@@joker67

@@sandokan

Grazie di tutto....sono bei ricordi, intendo i nonni, che non mi ritorneranno più.

A presto. :good:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.