Jump to content
IGNORED

Tribute penny


roth37
 Share

Recommended Posts

Ciao Roth,

molto interessante, l'hai preso??

Una volta mi sono lasciato sfuggire (e stupidamente non ho salvato la foto.... :( ) di un tribute con il rovescio di Caio e Lucio cesare....forse un falso dell'epoca perchè forse (ma non ne sono sicuro) era suberato.

Link to comment
Share on other sites


Interssante...ma al diritto che cosa ha ?? Sembra una contromarca....oppure e' solamente uno schiacciamento dovuto al rovescio incuso....???

150142[/snapback]

Me lo sono chiesto anch'io. sembra una contromarca. Solo un saggio ? Adesso provo un ingrandimento (x 4)

Rispondo a Claudius: sì

post-1738-1157550585_thumb.jpg

Edited by roth37
Link to comment
Share on other sites


...quello che non capisco è perchè viene indicato come imitazione orientale o indiana (anche se non mi sembra) e poi citi i riferimenti del ric nonchè la zecca di lione..... :)

150148[/snapback]

E' per illuminarmi anche su queste questioni che l'ho preso...

Qualcuno mi sa dire di più ?

Ho riportato l'etichetta che ho trovato ... non l'ho scritta io, ma generalmente viene redatta da persone molto competenti ...

roth37

Link to comment
Share on other sites


E' per illuminarmi anche su queste questioni che l'ho preso...

Qualcuno mi sa dire di più ?

Ciao

questo è un link in cui si parla di queste imitazioni, magari lo conosci già :)

Lo stile delle indiane è molto crudo, molto meglio erano quelle di Alessandro magno, ma erano tanti secoli prima....

http://dougsmith.ancients.info/feac5.html

Link to comment
Share on other sites


Io ho visto alcune imitazioni indiane ma erano diverse e soprattutto erano quasi tutte del periodo degli Antonini..

Non sono sicuro che esistano della prima metà primo secolo dc. Se così fosse sarebbe un gran colpo !!!

Speriamo Roth... :)

Link to comment
Share on other sites


Ciao

quindi ritieni si tratti di una imitazione indiana?

Grazie

PS: intendevo "citi" nel senso della terza singolare (lui il venditore) citi i riferimenti del RIC

150158[/snapback]

Esattamente "egli citi" ....

roth37

Link to comment
Share on other sites


Eccolo quindi, il brockage che aspettavi. E' estremamente interessante.

posso aggiungere solo che come imitativo, potremmo valutare anche i Celti del Danubio, che in quel periodo (tarda repubblica) emettevano numerario d'imitazione dei denari repubblicani.

Ci sono poi altre popolazioni del Limes che nel primo periodo imperiale emettevano moneta d'occorrenza pseudoimperiale, lungo il Reno (mi viene in mente l'Asse di Agrippa di tipologia cruda) e zecche inglesi al tempo di Claudio.

La cosa veramente strana è che questa zecca periferica, legale o d'imitazione, abbia sentito la necessità di emettere una moneta incusa. Perché che gli incusi siano errori io ormai lo escludo, non lo credo assolutamente più. Evidentemente, osservando nelle monete romane una certa (piccola) quantità di incusi, hanno voluto replicarla.

se qualcuno avesse dellle certezze su questa moneta, sono proprio benvenute.

Caius

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.