Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
anto R

Lombardia Francesco I Sforza - Sesino falso d'epoca

Risposte migliori

anto R

Quando si vede un tondello così in una ciotola come si fa a non portarselo a casa?

 

post-32073-0-89901200-1434904208_thumb.j

post-32073-0-19796500-1434904212_thumb.j

 

Credo che anche dalle foto sia ben visibile la sottilissima argentatura, in alcuni punti ormai assente, che serviva a nascondere il metallo vile sottostante (ottone?).

La fattura è abbastanza rozza e non sono presenti le classiche porosità tipiche delle fusioni, quindi sono propenso a pensare che il falso sia stato realizzato per coniazione. Crippa non censisce falsi di questa tipologia (simile al 14/A per quel poco che si intravede) quindi penso che già questo dato sia indice di una - magari piccola - rarità aggiuntiva.

Ovviamente sono graditissime segnalazioni di altri esemplari e considerazioni varie.... Il peso potrò comunicarvelo domani.

 

Sperando di aver interessato qualche appassionato di Milano, buona serata,

Antonio

  • Mi piace 6

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

E' sicuramente una moneta interessante, vi consiglierei di guardare anche le spire del biscione....

Diciamo che vi sono altri periodi della monetazione milanese dove falsi, imitazioni, contraffazioni vengono coniati a ritmi impressionanti, in questo periodo direi che forse e' più la tosatura, anche la brutta fattura di alcune monete la preponderante attività e caratteristica ; e' particolare che poi sia un sesino e non per esempio un grosso, magari @@giancarlone forse potrebbe dirci altro.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anto R

Risultato della media delle pesate appena effettuate: 1,34 gr. Il peso è decisamente alto per un sesino così tosato e consunto, probabilmente già ai tempi avrebbe potuto destare qualche sospetto...

 

Concordo pienamente sulla stranezza del soggetto della falsificazione: era sicuramente più redditizia la produzione clandestina di grossi, forse proprio per questo i tagli più piccoli erano meno soggetti a controlli e quindi i falsi relativi venivano scoperti con minor frequenza.

Molto particolare il biscione in alto a destra, con la spira canonicamente presente sotto al capo dell'animale presente in questo a metà corpo. Entrambi i biscioni poi non hanno tra le fauci il fanciullo, si vede bene specialmente nella biscia in basso. Le aquile imperiali sono invece abbastanza fedeli ai modelli ufficiali, almeno ai miei occhi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Parpajola

Ottimo occhio, complimenti bella falsificazione.

 

Non c' è da stupirsi di trovare falsificazioni di questi nominali, è vero quello che dici falsificazioni di queste monete riuscivano sicuramente a passare inosservate in confronto ad un grosso che veniva pesato.

 

Questo tipo è anche ben riprodotto.

 

Bravo Antonio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×