Jump to content
IGNORED

Quando si vuole....quando si può....


dabbene
 Share

Recommended Posts

...Una al giorno?? ...Ma...non è che assumono personale?? Vado io!! :D ..

 

Beh, un lavoro così "centellinato" sarà sicuramente ben curato, preciso e fatto ..con amore!....Brave.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Buona serata

 

Chissà se leggono il forum e si sono riconosciute .... se lo meriterebbero un encomio, anche se virtuale.

 

Molto spesso, sono proprio queste gratificazioni che mancano, purtroppo.

 

saluti

luciano

Link to comment
Share on other sites


Sicuramente Luciano svelerò l'arcano, se lo merita il Comune, la Regione, e le due appassionate Responsabili, il fatto merita di essere divulgato...anche come esempio e stimolo....

Edited by dabbene
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Sicuramente Luciano svelerò l'arcano, se lo merita il Comune, la Regione, e le due appassionate Responsabili, il fatto merita di essere divulgato...anche come esempio e stimolo....

Una bella letterina di segnalazione al "Touring Club Italiano" per ringraziare queste due Signore?

Link to comment
Share on other sites


Intanto diciamo che tutto questo e' reale, realissimo, si trova in Sardegna, all'interno in un comune di nome Ozieri in provincia di Sassari di circa 10.000 abitanti.

La Sardegna e' stata terra di conquiste, di commerci, di occultamenti di tesoretti a volte ritrovati, tutto ciò che rappresenta la loro identità lo troviamo qui., monete puniche, della Repubblica Romana e dell' Impero, monete bizantine, vandale, medievali, in particolare genovesi, poi aragonesi, spagnole e sabaude di zecca sarda.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


fà molto piacere sapere che esistono ancora realtà,persone del genere penso che che rendere pubblico  sarebbe per loro un grande riconoscimento,un piccolo modo per dire .....GRAZIE.

Link to comment
Share on other sites


Chissà.... se fossero in grado di fotografare le monete in modo da poterle catalogare a "distanza" probabilmente all'interno del forum troverebbero un aiuto a "costo zero"  :)

Link to comment
Share on other sites


Ciao Mario.

 

La Tua segnalazione da un lato è certamente edificante, perché ci ricorda che esistono, anche nella "cosa Pubblica",  realtà virtuose che dovrebbero rappresentare un esempio per tutti.

 

D'altra parte, tuttavia, la notizia dimostra come siamo messi in questo Paese, se ci stupiamo e dobbiamo considerare come fatto degno di nota che in un Museo due persone riescano a censire addirittura una moneta al giorno

 

Capisco anche da queste cose come tutto ciò che ci circonda, in effetti, possa essere relativo.

 

Cercavo poi di collegare la Tua segnalazione a quanto mi raccontava qualche mese fa una Utente del Forum, che proprio in Sardegna sta conducendo la catalogazione di un ripostiglio di monete medievali e che, da sola, arriva a catalogare, inventariare, misurare, pesare  e fotografare, fino a 200 monete al giorno.

 

Vabbè, forse questa Utente quando arriva in Sardegna si dedica solo a questa attività e non ha altre incombenze.

 

In effetti, una moneta al giorno, alla fine dei conti, è sempre meglio di niente.

 

Dicevano gli antenati: "Beati monoculi in terra caecorum". :pardon:

 

Saluti. :hi:

Michele

Edited by bizerba62
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Ciao Michele, grazie dell'intervento che mi permette di dire qualcosa ancora, certamente tutto e' relativo, però oggi il " modello Ozieri " chiamiamolo così mi piacerebbe venisse esportato in grandi realtà italiche, Milano compresa, la mia città.

Nel raccontare le due Responsabili quasi sì schernivano dicendo che si potrebbe fare di più, in realtà loro avevano e hanno un progetto chiaro che procede e anche molto bene, fra qualche anno avranno tutto catologato e la possibilità di ruotare ogni anno 365 monete per il visitatore, per l'appassionato.

In fondo se poi ci sono i cataloghi cartacei 365 monete a rotazione sono già un buon esempio da far vedere , un campione delle monete della loro identità.

Oggi se un ragazzo, un turista dell'Expo, un curioso , un potenziale nuovo numismatico volesse vedere monete a Milano si dovrebbe accontentare delle 9 , classiche tra l'altro, presenti nel nuovo Museo Archeologico di corso Magenta, delle 160.000 del Castello nulla ....per vederne alcune bisogna seguire un protocollo, dovresti portare l'eventuale appassionato a Biassono in Brianza da Arslan o al limite a Legnano, questo e'...

Quindi sicuramente una piccola realtà e' facilitata nelle iniziative ma ciò non toglie che oggi a un visitatore curioso e interessato Ozieri possa offrire molto di più di una città come Milano, dico Milano ma potrei citarne altre...

Ecco perché il titolo quando si vuole.... quando si può.....in fondo basta poco ....un progetto, due persone, un minimo di spazi, un Comune che segua la cultura e la propria identità, se c'è una Banca locale che aiuta meglio ancora .....e poi fare.....anche una al giorno....e poi esporla.....

Link to comment
Share on other sites


Vi voglio raccontare la mia esperienza:

un paio di anni fa volevo vedere le monete che sono nella collezione numismatica del Castello Sforzesco a Milano, ho telefonato al responsabile (Dott. Rodolfo Martini), ho chiesto se era possibile veder le monete di Genova, mi ha dato un appuntamento e mi ha ricevuto.

 

Sono rimasto stupefatto: mi ha accolto in una saletta e sulla scrivania mi ha presentato tutti i vassoi (erano una decina) delle monete genovesi, pezzi unici, rarissimi, incredibili (alcune provenienti dal ripostiglio della Val Polcevera: "il Tesoro di San Quirico") . 

Ero talmente emozionato che sono rimasto senza parole: le potevo toccare, girarmele tra le mani, pesare, fotografare (anzi mi metteva a disposizione uno stativo, che io stupidamente ho rifiutato, con il risultato che alcune fotografie sono risultate mosse ....e sì ...mi tremavano le mani).

Non avrei mai pensato a tanta disponibilità.

E' stata un'esperienza fortissima e non vedo l'ora di poterla ripetere, ero a disagio perchè mi sembrava di approfittare del tempo che mi dedicava e ho visionato tutto quel materiale in troppa fretta credendo di disturbare troppo.

Link to comment
Share on other sites


In realtà appunto al Castello Sforzesco di Milano è molto facile accedere alle collezioni. E' sufficiente telefonare al Dott.Martini con un paio di giorni di preavviso, anche solo uno a volte, prendere un appuntamento e poi recarsi nel sottotetto in cui c'è il medagliere per avere accesso a tutto cio' che si vuole visionare liberamente. Lui e i suoi collaboratori sono anche abbastanza contenti di vedere facce nuove e sono molto ospitali (se vi recate là portategli i vostri cataloghi d'asta di cui vi volete disfare, a loro sono utilissimi ed hanno sempre difficoltà a farseli spedire dalle case d'asta, soprattutto estere). E non chiedono referenze o che voi siate ricercatori, sono contenti anche di accogliere collezionisti ed appassionati senza nessuna discriminazione.

Quindi Milano è una realtà tutto sommato felice, provate a chiedere di accedere alle collezioni a Roma o a Napoli e vedrete come cambia la musica....

Link to comment
Share on other sites


Certamente, rimane però secondo me, l'indubbia importanza per la divulgazione numismatica di uno spazio espositivo disponibile per tutti senza preavvisi e appuntamenti, magari monete della città o con mostre a tema a rotazione, basterebbe poco, a Legnano e' bastato avere uno sponsor come il Lions locale per fare tutto, bacheche, monete, cataloghi....io la vedo così....noi siamo persone che sanno già muoversi io vorrei che servissero ad altri per accendere la scintilla.....

Link to comment
Share on other sites


Creare musei e biblioteche numismatiche aperti a tutti con la possibilità di visionare e consultare liberamente e in tutta tranquillità monete e libri, sembrerebbe un sogno, un'utopia, e invece l'amico Dabbene ci racconta di come con passione e competenza anche poche persone in un piccolo comune possano far nascere realtà importanti. E' un esempio significativo che ci deve stimolare a operare incessantemente affinchè altre realtà di tal genere possano nascere, anche dal basso senza necessariamente coinvolgere le istituzioni pubbliche in molti casi lontane da sensibilità culturali, associazioni culturali e circoli numismatici magari potrebbero fare di più in tal senso. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Credo che @@talpa abbia capito lo spirito e l'intento di questa discussione, credo che il concetto di Museo debba cambiare, evolversi e se non lo fanno le istituzioni lo possono fare volontari privati, finanziatori, donatori, associazioni private.

Gli esempi ci sono rimanendo in Lombardia a Legnano ci ha pensato il Lions comprando anche monete e donandole, a Biassono Arslan fonda un museo che è anche circolo culturale, punto di incontro, le donazioni di monete vengono esposte e valorizzate, si creano giornate di studio, conferenze serali, le monete sono esposte, sono anche on line, catalogate, si è formata una Associazione Culturale chiamata del Gral formata da volontari, lavorano molto per rendere questa realtà viva e per tutti.

Hanno una bella biblioteca, e se vi interessa e avete le competenze, i volontari che vogliono catalogare monete sono benvenuti, il cittadino si sente parte attiva e integrata in tutto questo.

Quindi si può ....se si vuole....

Edited by dabbene
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.