Jump to content
IGNORED

Peover Superior Hoard


Illyricum65
 Share

Recommended Posts

Ciao,

ecco un hoard britannico abbastanza recente come data di rinvenimento. Si tratta del Peover Superior Hoard.

 

hoard.JPGmonete.JPG

Scoperto nel gennaio 2015 da due cercatori con MD nei pressi di Altrincham, Cheshire, tra Manchester e Liverpool. Nonostante il freddo pungente Rick Parker e Ronald Lees compirono vari surveys e dopo quattro infruttuose uscite decisero di tentare un’ultima volta. Il metal detector iniziò a suonare e il sessantaduenne Lees iniziò a rimuovere il terreno, trovando una moneta. Ben presto si resero conto di aver individuato un deposito monetale di una certa consistenza e si recarono a denunciare la scoperta al locale Finds Liaison Officer. Sono emerse in totale circa 7.000 monete (6.959 per l’esattezza)! L’hoard si trovava deposto in un vaso ceramico.

vaso e monete.JPG

Il deposito monetale al momento del ritrovamento

vaso rimosso.JPG

Il deposito rimosso per il recupero

vaso rimosso bis.JPG

Dopo la ripulitura in studio

vaso rimosso e ripulito.JPG

L'asportazione del deposito monetale

Edited by Illyricum65
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Eccone la composizione:

Summary:

Commodus (AD 180-92), 1 (sestertius)
Trebonianus Gallus (AD 251-3), 2
Valerian I (AD 253-60), 27
Diva Mariniana, 1
Gallienus (joint reign) , 20
Salonina (joint reign), 34
Divus Valerian II, 8
Saloninus Caesar, 5
Gallienus (sole reign, AD 260-8), 939
Salonina (sole reign), 79
Claudius II (AD 268-70), 620
Quintillus (AD 270), 63
Divus Claudius II, 38
Aurelian (AD 270-5), 9
Gallic Empire:
Postumus (AD 260-9), 394
Laelian (AD 269), 5
Marius (AD 269), 22
Victorinus (AD 269-71), 1721
Divus Victorinus, 7
Tetricus I (AD 271-4), 1973
Tetricus II, 773
Victorinus or Tetricus I (brockage), 2
Irregular (ancient forgeries), 217

Fonte: https://finds.org.uk/database/artefacts/record/id/661249

treboniano.JPG

Treboniano Gallico

gallieno.JPG

Gallieno

salonina.JPG

Salonina

tetrico o vittorino VIRTVS.JPG

Tetrico o Vittorino (VIRTVS AVG)

aureliano.JPG

Aureliano

Quindi un tipico hoard romano britannico della seconda metà del III secolo, se si eccettua il sesterzio molto consunto di Commodo.

Le monete più tarde non sono quelle di Aureliano perché proveniente dai primi anni di regno bensì quelle a nome di Tetrico I e II.

Vi segnalo la presenza di 5 Laelianus (ma quanti ne saltano fuori ultimamente!) e ben 22 Marius. Le imitative, raccolte alla voce “Irregular” sono 217, pari al 3% circa. Valore invero abbastanza bassino… come spiegarlo?

-          Raccolta selezionata che privilegiava la monetazione ufficiale diciamo così “di pregio”?

-          Forse che il fenomeno “imitative” era in una fase iniziale e quindi non erano ben rappresentate numericamente?

Ciao

Illyricum

;)

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Supporter

DE GREGE EPICURI

Colpisce la quantità "esagerata" di Vittorino e Tetrico 1°, oltre che dei 5 Leliano e 22 Mario: quindi, netta prevalenza (ma non esclusività) del Regno delle Gallie.  Quanto alla scarsità di imitative: entrambe le tue ipotesi sembrano plausibili. La percentuale di imitative nei tesori della 2a metà del terzo secolo è estremamente variabile, anche se pare dipendere molto dal luogo di ritrovamento. Sarebbe interessante avere la percentuale media dei tesoretti britannici.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Che strano quel sesterzio di Commodo,....che sia stato tenuto come ricordo? ..o solo per il bronzo?

R.

Link to comment
Share on other sites


DE GREGE EPICURI

Colpisce la quantità "esagerata" di Vittorino e Tetrico 1°, oltre che dei 5 Leliano e 22 Mario: quindi, netta prevalenza (ma non esclusività) del Regno delle Gallie.  Quanto alla scarsità di imitative: entrambe le tue ipotesi sembrano plausibili. La percentuale di imitative nei tesori della 2a metà del terzo secolo è estremamente variabile, anche se pare dipendere molto dal luogo di ritrovamento. Sarebbe interessante avere la percentuale media dei tesoretti britannici.


Beh ma é un deposito romano-britannico quindi é normale che la parte del leone la facciano i Gallici. Viceversa mi son sempre stupito della presenza dei "centrali" che a rigor di logica non dovrebbero esserci o quasi. Ma mi son rassegnato all'idea che o erano monete comunque tollerate oppure giunte piú tardivamente.
La percentuale media delle imitative (e magari la loro distribuzione geografica) in effetti sarebbe un dato interessante.

Ciao
Illyricum
;)
Link to comment
Share on other sites


51 minuti fa, ciosky68 dice:

Che strano quel sesterzio di Commodo,....che sia stato tenuto come ricordo? ..o solo per il bronzo?

R.

Un relitto del passato ancora in circolazione?

Link to comment
Share on other sites


Un relitto del passato ancora in circolazione?


Non dispongo di immagini del sesterzio. Di solito si tratta comunque di "worn" sestertii ovvero di tondelli semi lisci.
Non sono infrequenti negli hoard piú tardi e mi rimandano alla mente altri depositi monetali (Biassono?).
A mio avviso sono tesaurizzazioni basate sul peso dell'oricalco.
Non dimentichiamo che abbiamo attestazioni di ribattitura di sesterzi lisci o di riutilizzo degli stessi come materia prima per ottenere antoniniani anche imitativi.
Ciao
Illyricum
[emoji6]
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter
13 ore fa, Illyricum65 dice:


Non dispongo di immagini del sesterzio. Di solito si tratta comunque di "worn" sestertii ovvero di tondelli semi lisci.
Non sono infrequenti negli hoard piú tardi e mi rimandano alla mente altri depositi monetali (Biassono?).
A mio avviso sono tesaurizzazioni basate sul peso dell'oricalco.
Non dimentichiamo che abbiamo attestazioni di ribattitura di sesterzi lisci o di riutilizzo degli stessi come materia prima per ottenere antoniniani anche imitativi.
Ciao
Illyricum
emoji6.png

Hai centrato il  mio pensiero, ho sempre in mente cosa ci faceva quel Divos Iulius, tra le altre.

Link to comment
Share on other sites


Il sesterzio è stato indubbiamente tesaurizzato per il peso (poteva fornire un congruo numero di imitative). 

il deposito è molto interessante e sarebbero da vedere meglio le imitative. quasi sicuramente non ci sono minimi, ma solo imitative di stile buono o cmq di dimensioni simili alle ufficiali. se le monete dei Tetrici son quelle di chiusura, le imitative minime dovevano ancora prendere piene (cronologicamente parlando). 

Di contro dovevano già essere ben diffuse le imitative di modulo maggiore e la loro scarsa rappresentanza a mio avviso rientra in un processo di selezione teso a privilegiare le monete migliori per la tesaurizzazione.

Ritornando al numero dei Leliano e Mario... Mi sa che ce ne sono alquante ancora in giro!  

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.