Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Cinna74

IL TONDELLO DEI SOGNI

Recommended Posts

Afranio_Burro

Io ne ho un' infinità di sogni irrealizzabili... Prima di pubblicare qualcosa dovrò pensarci bene! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

refero1980

io lo so qual' è la moneta dei tuoi sogni furbacchione...)) ed è anche quella dei miei...ma non ti voglio togliere il gusto del presentarla..

"ripiego" quindi su quella che in realtà rappresenta una moneta a metà tra il sogno irraggiungibile e la pazzia costosamente reale cui magari un giorno la mia mente corrosa dagli anni mi condurrà..

si tratta della sterlina d'oro 1819, il terzo dei quattro millesimi coniati sotto il regno di Giorgio III.

3574 esemplari, e una classificazione R3 assolutamente poco veritiera, dato che di questa "simpatica" sovrana se ne conoscono meno di una dozzina d'esemplari in mani private e, le poche volte in cui la nostra amichetta si manifesta in qualche asta, il conquistarla è impresa per pochi, e dal costo elevatissimo. La cosa che mi intriga (e per ora non ho trovato notizie al riguardo) è capire perché in quell'anno ne vennero coniate cosi poche, e perché l oro necessario fu reperito non attraverso i "soliti" canali ufficiali, ma tramite "private donors". Inoltre, per quanto gli strumenti dell'epoca fossero tutt'altro che precisi ed efficienti, 3574 pezzi potevano essere prodotti nell'arco di un giorno mentre un tale esiguo quantitativo fu coniato nell'arco di 3 mesi.

Non credo proprio che alla base di queste stranezze ci siano stati "calcoli numismatici", furberie cui ci ha abituato l ultimo re di casa nostra.

La foto non credo aggiunga molto al mito di questo pezzo, dato che è come una "normale" sovrana del 1817 o 1818 o 1820, con la "sola" differenza che è del 1819

 

gold sov. 1819.jpg

Edited by refero1980
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

dabbene
Supporter

Bella discussione che presuppone oltre ad avere dei sogni numismatici :D, anche il poterli però mostrare perché questo potrebbe creare una galleria di monete da mille e una notte.

Io sono un tipo semplice  😜 e quindi mi accontenterei di questa monetina semplice...semplice, un doppio ducato di Gian Galeazzo Maria Sforza ( 1476 - 1494 ), zecca Milano , moneta indubbiamente per pochi o meglio pochissimi che fa sognare con quel giovane ritratto del Duca e quell'incredibile e affascinante cappello a pan di zucchero, moneta dell'Asta Nac.

doppio ducato.jpg

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

refero1980

scusa cinna74 ma con il tuo stratagemma "del eccone una di esempio ma non è la mia preferita preferitissima preferitissimissima" alla fine posterai due monete...mi oppongo cribbio! allora 2 monete per tutti!!😁

Share this post


Link to post
Share on other sites

monetiere

A proposito di sogni...



sch144.jpg(immagine presa dal catalogo rhinocoins)
  • Like 7

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cinna74
scusa cinna74 ma con il tuo stratagemma "del eccone una di esempio ma non è la mia preferita preferitissima preferitissimissima" alla fine posterai due monete...mi oppongo cribbio! allora 2 monete per tutti!!


Mi hai smascherato. Se vi va postate pure due monete. Diciamo però almeno di epoche diverse e in interventi separati.
Sogni d'oro. ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

favaldar

Ce ne sono tante,rare e meno rare che vorrei anche solo tener in mano per 24 ore e che forse non vedrò,dal vivo, nemmeno un'attimo.

Già mi contenterei di questa,senza strafare troppo e sopratutto possibile:

Posso aggiungere che questa Oncia o Onza inizialmente era una moneta di conto,cioè usata solo per far di conto ma non coniata fisicamente.Lo fece Carlo III d'Asburgo Re di Sicilia in argento e in oro,nel 1732 solo argento e nel 1733 oro e argento. Argento dal peso di gr.74,0 e in oro da gr.4,4. Nel R/ dove la Fenice risorge dal fuoco verso il sole la scritta in legenda tradotta" Dimenticata in oro rinasce in Argento"

Oncia 1733 Carlo III Palermo.jpg

Edited by favaldar
  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

nikita_
Supporter

Anch'io avrei scelto questo 30 tarì, ci avevo pure pensato... più che altro per passione.

ma è stato chiesto l'impossibile...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Erdrückt

10_L_1869.jpg

Edited by Erdrückt
Grecia: 10 Lepta coniate solo nel 1869 e 1870 a tiratura di 14.994.162 pezzi. Al rovescio: Effige di Giorgio I di Grecia. L'ho scelta perchè adoro la monetazione moderna greca e perchè non si vede spesso in Fdc anche se non costa tantissimo
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

refero1980

se potete sarebbe carino presentare anche un po' la moneta (non tutti conoscono tutte le monetazioni), qualche cenno storico se lo conoscete, tiratura e rarità, o altri elementi che la rendono "un sogno".

Share this post


Link to post
Share on other sites

karl

Il medaglione di Augusto ritrovato a Pompei nel 1759... R5. ... unico esemplare conosciuto conservato al Museo Archeologico di Napoli.... più che un sogno. ... una chimera!

Share this post


Link to post
Share on other sites

King John
Supporter
3 ore fa, nikita_ dice:

Complimenti per la discussione! almeno posso realizzare, seppur virtualmente, un sogno :)

La ma collezione principale riguarda le monete straniere moderne, quindi mi accontenterei di una monetina in rame U.S.A.

 

bime179922.jpg

Segnalo questo mio articolo che parla del Silver Center Cent

https://www.academia.edu/24761806/Il_Silver_Center_Cent_il_centesimo_che_vale_un_milione_di_dollari

Share this post


Link to post
Share on other sites

Filippo1948

-

Edited by Filippo1948
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Graziano67

Ciao a tutti. Quella postata da @Cinna74 rappresenta un buco anche nella mia collezione tipologica ☺️ e, quindi, uno dei (purtroppo) tanti sogni proibiti.

Ne posto un altro. 

E' una moneta battuta dalla Compagnia della Nuova Guinea Tedesca. Tale Compagnia fu fondata nel 1884 con lo scopo di fondare una nuova colonia commerciale dell'Impero Tedesco nell'area della Nuova Guinea. Tale colonia e' durata fino al 1919 (Trattato di Versailles).  

La monetazione della Nuova Guinea Tedesca ha integrato quella standard dal 1894 al 1911 e ne rispecchiava gli standard.

Al giorno d'oggi, i 20 marchi non sono cosi' inaccessibili (in assoluto) come la Sovrana di Edoardo VIII, ma, comunque, quanto basta per essere un mio sogno proibito...     

 

images.jpg

images 2.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

clairdelune
20 ore fa, Erdrückt dice:

10_L_1869.jpg

Salve a tutti, scusate se mi intrometto ma quando l'ho vista non ho resistito! 😁 Vorrei aggiungere la foto della mia moneta, trovata qualche tempo fa in un mercatino in una ciotola da tre pezzi a 5 euro 😉

Chiedo scusa per la foto che non rende il color cuoio della moneta...

 

DSC03471.JPG

DSC03472.JPG

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

bizerba62

Ciao a tutti.

Le monete dei sogni sono molte, ma se devo restringere il campo al settore monetale al quale sono più affezionato, ovvero a quello del Regno d'Italia, non posso che mettere in prima fila una moneta molto controversa di V.E. III, da alcuni persino giudicata falsa, che venne "scoperta" solo al principio degli anni '70 del secolo scorso e della quale si continua a parlare oggi, con rinnovato interesse, dopo l'annunciato ritrovamento di alcuni esemplari, persino in proof, all'interno di alcuni barili contenenti monete d'oro esaminati recentemente e custoditi n un caveau del MEF.

Mi riferisco alla moneta in oro .900 da 100 lire 1940 anno XVIII dell'Era Fascista: Peso 5,19 grammi e diam. 20,7 mm.

wa2elt.jpg

Come detto, questa moneta venne letteralmente "scoperta" dall'Ing. Vico D'Incerti, che ne diede per primo e per la prima volta notizia in un articolo pubblicato nella R.I.N. del 1970.

Il tondello era ricompreso nella Coll. Reale; un cartellino autografo di V.E. III lo accompagnava precisando che si trattava di un "dono della Banca d'Italia".

Non si è mai saputo quanti esemplari di questa moneta siano stati coniati. Si suppone, peraltro, che oltre all'esemplare della ex Coll. Reale ve ne sia almeno un altro, dal momento che a partire dagli anni '80 del secolo scorso, la moneta registrò alcuni passaggi in asta pubblica, inserita all'interno di un astuccio contenente altri 9 valore, tutti con millesimo 1940. 

Le recenti e, per certi versi "sorprendenti notizie" riportate in una pubblicazione online del Portale Numismatico dello Stato nella ormai famosa "Nota 56", confermerebbero l'esistenza di ulteriori esemplari fra cui, come già detto, alcuni persino in proof. 

I passaggi conosciuti in asta pubblica dell'astuccio contenente la nostra moneta sono i seguenti:

1. 11.5.1984 - Asta FINARTE Lotto 161; aggiudicata ad L. 90.000.000 + diritti;

2. 16.3.1995 - Asta FINARTE Lotto 401; (non ho il dato dell'aggiudicazione);

3. 20.4.2000 - Asta VARESI  Lotto 470; L. 160.000.000 + diritti;

4. 29.9.2013 - Asta ROMA NUMISMATICS LTD.; € 187.200.

Non mi risultano altri passaggi né la presenza della moneta in listini.

Come dicevo all'inizio, all'indomani del primo passaggio in asta pubblica, apparve su "LA NUMISMATICA" n. 7/8 del luglio-agosto 1984 un articolo di Remo Cappelli che "stroncava" la moneta, definendola un falso.

Il Gigante, che in un primo momento  aveva inserito la moneta nel suo Manuale, ad un certo punto la rimosse considerandola, evidentemente, non autentica.

Negli anni successivi, intervennero sull'argomento altri Studiosi, fra cui il compianto Mario Traina (vedi C.N. n. 59 del dicembre 1994):

http://www.marcocasartelli.com/monete.web/pdf/100 lire del 1940 moneta, prova, progetto, gettone o medaglia.pdf

che confutarono le tesi del Cappelli (e del Gigante) e sostennero l'autenticità della moneta.

Chi risolse definitivamente la querelle fu il Col. Domenico Luppino (@elledi), che a seguito delle indagine svolte dalla Guardia di Finanza presso la zecca dello Stato, rinvenne il materiale creatore della nostra moneta e dunque confermò, anche documentalmente, l'esistenza e soprattutto l'ufficialità di questa emissione.

I recenti sviluppi collegati alla lettura della "Nota 56", che potrebbero portare a nuove e determinanti conoscenze sull'argomento, sono purtroppo ancora avvolti nelle nebbie della burocrazia ministeriale romana.....e non si sa quanto ancora ci vorrà anche soltanto per conoscere l'esatta consistenza e tipologia delle monete d'oro rinvenute nei barili.

Ma almeno il sogno continua....:D

Saluti.

Michele  

 

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

blaise

@bizerba62

Ciao Michele il tuo resoconto e la storia di questa affascinante moneta e il suo mistero che l'avvolge mi ha sempre incuriosito, però  io mi sono chiesto molte volte perché l'esemplare della collezione del re sia un dono della Banca d'Italia e non dalla  zecca.

Io sono sempre stato parere e Traina ci aveva fatto anche lui un pensierino, che la moneta sia stata coniata in zecca quindi autentica ma coniata con gli intrallazzi che in zecca ci sono sempre stati?

Ciao  Blaise

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ross14

L'aureo di Marco Aurelio con al rovescio la scena del matrimonio con Faustina. Di seguito un esemplare particolarmente bello che lo scorso Novembre ha totalizzato 8500 euro.

Aureus- Vota PVBLICA - Heritage Europe n°52 Lot 499 15-11-2016.jpg

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cinna74
3 ore fa, clairdelune dice:

Salve a tutti, scusate se mi intrometto ma quando l'ho vista non ho resistito! 1f601.png

Salve a te clairdelune. Abbiamo visto che sei in possesso del "sogno" di @Erdrückt. Dicci però anche il tuo. Ne hai uno in particolare? Immagino che, come tutti noi, tu ne abbia più di uno. Ci piacerebbe condividessi con noi il più "impossibile". Se ti va cercane in rete una foto e aggiungila alla nostra vetrina.

Buona serata

Edited by Cinna74

Share this post


Link to post
Share on other sites

min_ver

Come a molti è noto io non colleziono più ma mi piace aiutare gli altri a farlo nel modo migliore. 😄

Difficile quindi individuare un sogno. Vi racconto quindi quello che avevo prima di cambiare vita numismaticamente parlando. 

Collezionando solo gli aurei Savoia e dovendo necessariamente volare nell'iperuranio avrei voluto possedere i 40 Scudi d'oro 1656 di Carlo Emanuele II. 

Tale moneta probabilmente non esiste perché è citata solo nei disegni del Promis e il decreto di emissione dei massimali parte dal 20 scudi e scende...ma se si deve sognare facciamolo in First Class!! 😉

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.