Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Eolo

Veneto
Blasone Michiel

Inviato (modificato)

Buona sera,

gradirei alcuni approfondimenti sulle possibili analogie tra questi due blasoni: quello datato 1634 dovrebbe risalire al doge Michiel mentre il secondo dovrebbe appartenere alla famiglia De Michele (Baroni) di Palermo.

Potreste confermare queste informazioni e qualora così fosse, dirmi se c'è una discendenza?

Vi ringrazio anticipatamente per il vostro aiuto

saluti

 

A.

IMG_0075.PNG

IMG_0076.PNG

Modificato da Eolo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, e grazie per l'interessante quesito.

Certamente i due stemmi si somigliano fra loro, e soprattutto sono analoghi a quello più usato dalla celebre famiglia veneziana Michiel.

Il secondo è tratto dal Nobiliario di Sicilia di Antonino Mango di Casalgerardo, lavoro del 1912-1915.

Il primo sembra invece essere una testimonianza diretta (forse una pittura su pietra?), sulla quale ti pregherei di darmi maggiori informazioni: se vorrai, anche tramite messaggio privato.

Il disegno del Mango è del tutto affine a quello pubblicato dal Palizzolo Gravina sul suo Blasone in Sicilia del 1871-1875 (tavola 50, n° 9) tanto che, a prima vista, mi era sembrato che la tua immagine provenisse da quest'ultimo testo.

Nel quale Blasone, a p. 258, il brevissimo cenno sui Michele non accenna a Palermo, dà la famiglia come probabilmente estinta, e ne menziona solo un'antica militanza sotto i sovrani del XIV secolo, senza dire assolutamente nulla su una eventuale origine veneziana.

Non sono un genealogista, quindi su due piedi non sono in grado di dire nulla su eventuali legami di questo genere.

Posso però dire che l'identità di stemma non sempre significa identità di origini.

Anzi, l'araldica insegna che una famiglia "piccola&nuova"  dal cognome simile o uguale a quello di una famiglia "notabile&vecchia" spesso ne imitava (uso un eufemismo) lo stemma.

Non posso dire che sia questo il caso; ma non posso nemmeno affermare il contrario.

Fammi sapere, per favore, qualcosa di più sul primo dei due stemmi.

Il 1634 che leggiamo al di sopra potrebbe essere una data.

Ma in quell'anno a Venezia era doge Francesco Erizzo (1631-1646).

E soprattutto i Michiel hanno avuto soltanto tre dogi, e nel periodo 1096-1172 (sui loro stemmi puoi trovare ampie notizie qui: https://www.academia.edu/31490663/Sugli_stemmi_di_alcune_famiglie_di_dogi_prearaldici).

E nessuno dei tre aveva un nome di battesimo iniziante con P.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Salve,

to ringrazio di cuore per l'intervento, spero si possa arrivare a far luce sul mistero.....

Il primo stemma (attribuito dal fotografante al doge Michiel) è dipinto nel Castello di Conegliano.

Spero possa aiutarti, attendo ansioso altro dettagli........

grazie

A.

Modificato da Eolo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a te per l'informazione.

Il primo dei due stemmi Michiel rientra in una serie di stemmi dipinti sulla parte alta di alcune pareti all'interno del castello di Conegliano (Treviso).

Da quel che so, dovrebbe trattarsi della sequenza araldica dei podestà veneziani che ressero la località dal Trecento in poi.

É verosimile che nel 1634 un P. Michiel rivestì tale carica (forse era il Paolo Michiel che nel 1645 fu poi capitano del Cadore?), ma una breve ricerca non mi ha dato altre notizie.

Così come non ho trovato altre informazioni circa la realizzazione del ciclo di stemmi dipinti nel castello di Conegliano.

Il quale, però, è certamente ben posteriore al termine della presenza podestarile di Venezia nella cittadina.

A occhio, penserei che possa trattarsi di dipinti realizzati fra fine Ottocento-inizio Novecento.

Era un'epoca in cui stava tornando di moda la "riscoperta" degli stili decorativi del passato, il che portò a realizzare ex novo numerose serie araldiche del genere.

Le quali, però, non sempre riuscivano a riprodurre alla lettera gli stemmi davvero usati nel passato... ma qui il discorso ci porterebbe lontano.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve,

ottimo approfondimento, grazie per il tuo tempo.

Allora forse l'analogia tracciabile sarebbe tra Paolo Michiel e i De Michele di Palermo, cosa dici?

A.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, soltanto una ricerca genealogica potrebbe aiutare a capire se vi siano stati legami fra la famiglia palermitana e quella veneziana.

La similitudine fra gli stemmi, come dicevamo prima in post#2, non implica necessariamente una parentela.

Tanto più che lo stemma del P. Michiel coneglianese è stato verosimilmente dipinto negli stessi anni in cui il Palizzolo e il Mango pubblicavano i loro...

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Corbiniano , ti ringrazio per le preziose informazioni, faremo qualche altra ricerca sulla discendenza, vediamo dove ci porterà........

Ti tengo aggiornato.

 

buon fine settimana a tutti

A.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche a te, facci sapere! :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buona Domenica

Dal libro "I Dogi di Venezia" di Andrea da Mosto, riguardo al primo dei dogi Michiel (i primi atti che lo citano sono del 998), Vitale I, si legge:

La sua illustre casata, secondo i tardi genealogisti, deriverebbe dalla gente Anicia romana, da cui sarebbero derivati non solo i Pierleoni e i Frangipani, nobili romani, ma anche la casata imperiale di Asburgo. Il somasco Lorenzo Longo scrive in proposito nella Soteria:

Anicia ast misit Michaeles Romula tellus

Quos a frangendo pane vocare solet.

Essa è annoverata tra le dodici più antiche casate veneziane (ndr. le "apostoliche"), ed alzava lo stemma d'argento a tre fasce d'azzurro.

Nessun accenno ai De Michele ... ma strada facendo chissà se qualche ramo della famiglia si è differenziato!

saluti

luciano

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?