Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
alainrib

Antoniniano di Volusiano da identificare.

Risposte migliori

alainrib

Buonasera.

Sarebbe possibile d'identificare la zecca e l'officina che hanno emesso questo antoniniano di Volusiano?

Su peso= g.3,84.

Su diametro= mm.22

Grazie in anticipo per i vostri pareri.p1050312.jpgp1050313.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

TheWhiteFly
Supporter

Io direi:

Volusian AR Antoninianus.
Mediolanum Mint.
D/IMP C C VIB VOLVSIANVS AVG, radiate, draped and cuirassed bust right
R/FELICITAS PVBL, Felicitas standing left with caduceus and cornucopiae.
RIC 205, RSC 32, Sear 9746.

Ciao.

TWF

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alainrib

Grazie mille per la vostra risposta. Dunque, zecca di Milano.

Buonasera.

Alain.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Salve , scusate , a parte quello che dice il RIC  :blink: , ma la zecca di Mediolanum non comincio' a battere monete imperiali nel 260 al tempo di Gallieno che apri la zecca ?

come puo' essere che la moneta di Volusiano sia stata emessa a Mediolanum ? io penso sia zecca di Roma .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica
4 minuti fa, Legio II Italica dice:

Salve , scusate , a parte quello che dice il RIC  :blink: , ma la zecca di Mediolanum non comincio' a battere monete imperiali nel 260 al tempo di Gallieno che apri la zecca ?

come puo' essere che la moneta di Volusiano sia stata emessa a Mediolanum ? io penso sia zecca di Roma .

P.S. Non essendo ben visibile l' esergo in parte mancante di metallo , forse anche zecca di Antiochia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alainrib

Grazie Legio II Italica. Avevo un'altra domanda (come attribuire questo antoniniano a tale o talaltra zecca?) ma la risposta è scritta a l'esergo. Purtroppo non è leggibile qui.(Sembrebbe essere la parte superiore d'una R per Roma?) Forse il stile del rittrato puo dare qualche indicazione di più?

A presto.

Alain.

Modificato da alainrib

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica
9 minuti fa, alainrib dice:

Grazie Legio II Italica. Avevo un'altra domanda (come attribuire questo antoniniano a tale o talaltra zecca?) ma la risposta è scritta a l'esergo. Purtroppo non è leggibile qui. Forse il stile del rittrato puo dare qualche indicazione?

A presto.

Alain.

Ciao @alainrib, in base al profilo di Volusiano sarei piu' propenso verso la zecca di Antiochia , pero' non essendo ben visibile l' esergo per mancanza di metallo , rimane solo una ipotesi personale , comunque secondo me come spiegato sopra , non e' Mediolanum .

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sirlad

Guarda @Legio II Italica da una piccola ricerca che ho fatto, sembra che la zecca di Milano riaprì nel III secolo d.c. con l'imperatore Decio (251), quindi sembrerebbe compatibile la coniazione di questo antoniniano presso la zecca di Milano.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alainrib

Grazie Sirlab per questa informazione. Se andate su "acsearch", potete trovare 3 o 4 antoniniani di Volusiano attribuiti a la zecca di Milano. Ma come fare la differenza con la zecca di Roma?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Falaride
8 minuti fa, alainrib dice:

Grazie Sirlab per questa informazione. Se andate su "acsearch", potete trovare 3 o 4 antoniniani di Volusiano attribuiti a la zecca di Milano. Ma come fare la differenza con la zecca di Roma?

Ciao, si sa che la zecca di Mediolanum aprì nel III secolo sotto Valeriano I (quando era prigioniero del Re sassanide Sapore I). L'attività in questa zecca iniziò con la coniazione di rarissime emissioni congiunte  in nome di Valeriano, Gallieno, Salonina e Salonino.

E' troppo fantasioso dire che la moneta da te postata sia compatibile con la zecca di Mediolanum...dovrebbe essere Roma o Antiochia come ti è stato suggerito

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica
43 minuti fa, Sirlad dice:

Guarda @Legio II Italica da una piccola ricerca che ho fatto, sembra che la zecca di Milano riaprì nel III secolo d.c. con l'imperatore Decio (251), quindi sembrerebbe compatibile la coniazione di questo antoniniano presso la zecca di Milano.

 

Ciao @Sirlad, per favore puoi' indicare la fonte da cui hai tratto questa notizia ? grazie , in quanto dal recentissimo libro Mediolanum cio' non risulta .

P.S. Forse hai letto la notizia su Wikipedia che inizia il discorso del primo periodo romano con "sembra" , termine che , senza prove , non vuol dire nulla .

Modificato da Legio II Italica
P.S.
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Falaride
21 minuti fa, Legio II Italica dice:

Ciao @Sirlad, per favore puoi' indicare la fonte da cui hai tratto questa notizia ? grazie , in quanto dal recentissimo libro Mediolanum cio' non risulta .

P.S. Forse hai letto la notizia su Wikipedia che inizia il discorso del primo periodo romano con "sembra" , termine che , senza prove , non vuol dire nulla .

Concordo con te. E se anche fosse (non credo) che aprì prima:

 

57 minuti fa, Sirlad dice:

Guarda @Legio II Italica da una piccola ricerca che ho fatto, sembra che la zecca di Milano riaprì nel III secolo d.c. con l'imperatore Decio (251), quindi sembrerebbe compatibile la coniazione di questo antoniniano presso la zecca di Milano.

 

Su quali basi è compatibile la coniazione presso Mediolanum?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sirlad
38 minuti fa, Legio II Italica dice:

Ciao @Sirlad, per favore puoi' indicare la fonte da cui hai tratto questa notizia ? grazie , in quanto dal recentissimo libro Mediolanum cio' non risulta .

P.S. Forse hai letto la notizia su Wikipedia che inizia il discorso del primo periodo romano con "sembra" , termine che , senza prove , non vuol dire nulla .

Si esattamente @Legio II Italica, infatti anch'io ho usato il termine "sembrerebbe" compatibile.

Ma secondo te come mai il RIC, attribuisce la coniazione di questa moneta alla zecca di Milano? 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Massenzio

La confusione regna sovrana nel RIC, per prima cosa dobbiamo dire che questo è un profilo seen from back e non semplicemente rivolto a destra. personalmente considererei questa moneta di zecca occidentale, il ritratto dell Augusto non ha quelle fattezze che mi porterebbero ad associarlo ad Antiochia ma al rovescio comunque si intravede chiaramente una V quindi se dovessi catalogarla secondo i criteri del RIC la associerei comunque al RIC IV-III 217

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alainrib

Grazie per questo parere. Non pensate che sia piuttosto la parte superiore d'una crocetta? Per una V ,il suo angolo mi pare un poco troppo grande no? Se sia una V che significa?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto

se ingrandita la zona, si vede che quel segno è provocato da mancanze di metallo, non credo si riscontrano lettere di sorta

volusiano.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Massenzio
6 minuti fa, profausto dice:

se ingrandita la zona, si vede che quel segno è provocato da mancanze di metallo, non credo si riscontrano lettere di sorta

volusiano.jpg

Mancanza di metallo? Genera ombra con la luce radente che viene da sopra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto
1 minuto fa, Massenzio dice:

Mancanza di metallo? Genera ombra con la luce radente che viene da sopra.

prova a  ingrandire la zona  , non si vedono segni di lettere... 

in ogni caso  propendo anche io per RIC 217

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alainrib

Grazie Prof, di dare il vostro parere. Ho visto sul catalogo CGB "Rome XI", dedicato a Treboniano Gallo e la sua famiglia, che gli antoniniani di Volusiano con la leggenda del dritto "IMP C C VIB VOLVSIANVS AVG" erano attribuiti a un emissione speciale di Roma (252) o a un'officina secondaria. Cmq, niente di sicuro per questa monetina. Ho notato le vostre proposte RIC 217.

Grazie a tutti voi.

Alain.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alainrib

Se puo aiutarvi...p1050412.jpg

Modificato da alainrib

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alainrib

Sembra essere una mancanza di metallo come l'ha detto Prof.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×