Jump to content
IGNORED

ADRIANO sesterzio


romanus
 Share

Recommended Posts

Salve

Sarei curioso di sapere cosa ne pensate di questo sesterzio di Adriano.

GRAZIE

romanus

ad 1.jpg

Link to comment
Share on other sites


Salve , cosa intendi con "cosa ne pensate" ?

vero o falso ? classificazione ? stato di conservazione ? comune o raro ? patina originale oppure no ?

se l' hai acquistato da un numismatico professionista sicuramente hai gia' tutte o quasi le risposte , ad iniziare dall' originalita' . 

Link to comment
Share on other sites


17 minuti fa, Legio II Italica dice:

se l' hai acquistato da un numismatico professionista sicuramente hai gia' tutte o quasi le risposte , ad iniziare dall' originalita' .

Ciao @Legio II Italica

Non voglio iniziare una inutile e sterile polemica ma non è proprio così.

E' vero che dove ho acquistato io non era un venditore professionale italiano ma inglese (con tanto di fattura e cartellino di certificazione della moneta), ma il follis acquistato si è rivelato quasi sicuramente affetto dal cancro del bronzo e sicuramente ripatinato (e male).

E temo che i rivenditori truffaldini non siano presenti solamente oltremanica.

Ciao @romanus

A me piace, soprattutto la patina, anche se non ti so dire se sia buona o meno.
Non capisco se al R/ le lettere siano state o meno un po' "aiutate"...

Ciao!

TWF

 

Link to comment
Share on other sites


Mahh.. diciamo che se vedete qualche cosa che non torna di quelle elencate da Legio II Italica, esclusa la classificazione

che è Cohen 763,  mi interesserebbe saperlo. Nel 2006 l'avevo pagato 72 €.

Di nuovo grazie

Link to comment
Share on other sites


non ne conosco la classificazione. se devo pronunciarmi in base a queste foto direi autentica  80 % . non mi convincono del tutto i fondi.

Link to comment
Share on other sites


32 minuti fa, TheWhiteFly dice:

Ciao @Legio II Italica

Non voglio iniziare una inutile e sterile polemica ma non è proprio così.

E' vero che dove ho acquistato io non era un venditore professionale italiano ma inglese (con tanto di fattura e cartellino di certificazione della moneta), ma il follis acquistato si è rivelato quasi sicuramente affetto dal cancro del bronzo e sicuramente ripatinato (e male).

E temo che i rivenditori truffaldini non siano presenti solamente oltremanica.

Ciao @romanus

A me piace, soprattutto la patina, anche se non ti so dire se sia buona o meno.
Non capisco se al R/ le lettere siano state o meno un po' "aiutate"...

Ciao!

TWF

 

Scusami @TheWhiteFly, ma non capisco proprio perché ti sei intromesso "minacciando" polemiche , quando @romanus nella sua risposta ha ben capito il senso delle mio intervento , comunque ti rispondo circa i numismatici professionisti italiani , quelli esteri non mi interessano , dai primi nel 99,9% dei casi non hai sorprese di qualche genere , lascio un 0,1% perché nessuno e' completamente infallibile .

Un saluto

Link to comment
Share on other sites


@Legio II Italica "intromesso"?  Guarda che ho risposto prima che @romanus ti replicasse e, comunque non ho "minacciato polemiche" ma anzi, ho premesso che non ne voglio fare! :-)

In ogni caso queste sono discussioni aperte al pubblico e se ci si scrive non ci si "intromette".

Mi fa piacere il tuo ottimismo... io, invece, non mi fido molto della natura umana! :-) Mi spiace, vorrei vederla come te.

@dux-sab I fondi?  E' una sensazione o mi puoi spiegare meglio?  Sto cercando di imparare.

Ciao a tutti.

TWF

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

DE GREGE EPICURI

Anche a me sembra autentica; non escludo che abbiano leggermente abbassato i fondi intorno alle lettere T ed U. La cosa più interessante è il colore: se è reso bene quello originale, direi che c'è una buona quota di azzurrite, patina non comune.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


La classificazione secondo il RIC (il Cohen è un po' desueto...) è la seguente:

Sesterzio, RIC II 759, 134-138 dC, Rarità del RIC (C)

D: HADRIANVS AVG -  COS III PP Testa laureata laureata a destra

R: FORTV - NA AVG / S-C Fortuna stante a sinistra con timone e cornucopia

Si tratta di un sesterzio decisamente comune che si vede molto spesso nelle varie vendite. La moneta, anche se non conservata in modo eccelso, è comunque leggibile e decisamente godibile.

Considera che la Fortuna veniva sovente rappresentata nelle monete di Adriano per celebrare le partenza ed i ritorni (in quest'ultimo caso ad esempio con la dicitura "FORTVNAE REDUCI") dai numerosi viaggi nelle province dell'impero.

Edited by Ross14
Link to comment
Share on other sites


Grazie a tutti per avere espresso le Vs. opinioni. Io mi rifaccio al Cohen perché ai tempi, aihmè lontani , avevo acquistato

tutti gli otto volumi per avere un'idea precisa di cosa mi stavo occupando. Ho anche il RIC ma, nostalgicamente,

preferisco il Cohen!

ciao

 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.