Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Zenzero

Toscana Picciolo Comune di Pisa

Risposte migliori

Zenzero
Supporter

Buonasera, ho di recente acquistato in asta questo denaro minuto o picciolo, emesso dal Comune di Pisa al nome di Federico II, 1370 circa - 1390 circa, è in mistura, ritagliato da lamina metallica e coniato a freddo, del peso di 0.63gr

Classificarlo con il Mir è relativamente semplice perche generalizza a 4 varianti, perciò si tratta di un Mir 418/4.

Il bello è andare a classificarlo seguendo il  metodo della Baldassarri ( @monbalda ) , che giustamente aumenta il numero delle varianti a seconda delle differenti legende e interpunzioni, e qui che ci vuole occhi di falco, tanta esperienza e... molta calma (fattore X). Senza dubbio doti molto particolari che stò cercando di migliorare anche facendomi aiutare dall'amico  @margheludo che riesce a sopportarmi :D .  Proviamoci:

D/ Nel campo P in palo ornata, con Io (o chiave) a sinistra , in c. lineare.  Nella Legenda  ✙PISAHI°COHVHIS in c. perlinato

R/ Nel campo Aquila coronata voltata a sinistra su capitello in c. lineare finissimo. Nella Legenda FEDERIC°IHPATO in c. perlinato

Perciò assegnerei il codice A.XV.2q.

Un dubbio potrebbe essere il peso che come tipologia è abbastanza pesante ma ci può stare, ma l'unico esemplare citato dalla Monica appartiene al Museo Nazionale Romano, Ex Collezione Reale n. 116 ed ha un peso di 0.28gr.

Un altro particolare (forse solo mistico) L'anelletto accanto alla I o L (come riporta il mir nel suo segno 59)  è quell'anelletto che accomuna molte monete medievali? 

 

Mi piacerebbe riuscire a confrontarci ed avere conferme o smentite per accrescere il fattore :D

picdr.jpg

picrv.jpg

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Bello, ma tu vuoi che studi sempre ? 😁

Dai ci penso ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

@Zenzero mi piace molto la tua passione, e soprattutto la tua tenacia..:good:

Un tondello da occhio di falco..:D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

@margheludo siamo come spesso nelle tue mani ...so che sei sul pezzo 😜

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

buona sera a tutti e scusate il ritardo, @Zenzero con queste monetine ci rinc.......nisci:silly:. ci credo che fatichi a catalogarle, è perché sui cataloghi non ci sono:moon:. scherzi a parte hai sempre del materiale interessante e questa monetina non fa eccezione. per quanto riguarda il peso credo che sia regolare in virtu' del fatto che la moneta è al massimo della sua grandezza originale e il che, è al quanto inusuale, di solito si legge a malapena parte della legenda perché il resto non stà nel tondello che è spesso di dimensioni ridotte, non c'è uno standard sia nel diametro che nello spessore e questo influisce anche sulla grande variabilità del peso. io ne ho tre da 0,45  0'50  e 0,55 e quella che pesa di più è la più piccola di diametro:whome:. credo che tu abbia fatto il ragionamento più logico catalogandola A.XV.2q. per 2 motivi, il primo è la somiglianza piu' prossima nell'interpunzione ed il secondo in riferimento al fatto che è l'unico della serie ad avere le lettere N di PISA(N)I , M ed N di CO(M)U(N)IS uguali tra loro. detto questo osserva la foggia delle A sulla tua moneta, sono quelle della serie A.XV.2j. che è l'unica ad averle così ed in oltre guarda le tre (N) del dritto di cui abbiamo parlato poco fa, sono tre (N) rovesciate che in questa combinazione non sono presenti in nessuna variante .bella moneta, è raro infatti leggere tutta la legenda e in piu' direi senza dubbio variante inedita:clapping:.PS. vedo anche un puntino tra CO e MUNIS ma per questo vorrei sentire prima i vostri pareri.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter
6 ore fa, margheludo dice:

credo che tu abbia fatto il ragionamento più logico catalogandola A.XV.2q. per 2 motivi, il primo è la somiglianza piu' prossima nell'interpunzione ed il secondo in riferimento al fatto che è l'unico della serie ad avere le lettere N di PISA(N)I , M ed N di CO(M)U(N)IS uguali tra loro

@margheludo  Giovanni hai centrato in pieno il mio ragionamento per catalogarla!!!

Sono d'accordo anche sul fatto che non assegnandola A.XV.2q , e non poterla assegnare neppure alla serie A.XV.2j.  rimane una variante da aggiungere. 

6 ore fa, margheludo dice:

vedo anche un puntino tra CO e MUNIS ma per questo vorrei sentire prima i vostri pareri.

Il punto c'è!

@foglionco, Massimo te cosa ne pensi?  Antonio @anto R te? @magdi?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

Il punto si vede benissimo...tra CO . MUNIS

Si dovrà aggiungere...

.

Modificato da eracle62
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Il punto c'è e sembra non essere una foglia del trifoglio che orna la P, nella serie successiva di denari che comunque si sovrappone a questa per circa un decennio c'è una variante con punto il legenda( PIS•NI ) punto che in questo caso sostituisce una lettera, in uno dei miei c'è una spina sotto la P che neanche Monica aveva mai osservato, che siano segni con un significato?  Di sicuro non errori ne tanto meno abbagli, nelle serie di denari con la F di un secolo e mezzo antecedenti già erano in uso segni identificativi come cuneo e bisante forse inizio di una nuova emissione con cambio di fino d' argento?

2018-06-14_20.06.11.jpg

Modificato da margheludo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

monbalda

E invece altre spiegazioni possibili... ;) ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

O capperi mi sa allora che siamo fuori strada:help::cray:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter

@margheludo, Giò, ne va del nostro onore :aggressive:  forza con le meningi :D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Zenzero
Supporter

Proviamo a riassumere alcuni dati:

Il peso 0,63gr;  si tratta di un peso medio alto, ma  ci aiuta poco perchè non credo che porti ad avvenimenti storici particolari o ad altre deduzioni, dovrebbe esser solo dovuto alla buona forma del tondello.

Il periodo di coniazione;  entrambe le 2 varianti una più simile per le lettere e una più simile per l'interpunzione sono nel periodo 1370-1390.  Ho controllato tutte le emissioni dei periodi precedenti e posteriori, anche con altri simboli, e non ne esiste nessuna censita che abbia un punto che interrompe la parola CO.MUNIS

 

Cosa significa questo punto? Perchè spezzare la parola COMUNIS? Che significato  assume la parola CO.MUNIS?

Adesso divago :D : inserendo il punto  le parole diventavano 2:  CO  e MUNIS, prese singolarmente cosa potrebbero dire?  CO può anche significare CON e MUNIS un dono,  qualcosa di condiviso, una carica condivisa?

 

Per adesso mi fermo qui ma domani ci ripenso

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×