Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
gpittini

Due sestanti di Lucera

Risposte migliori

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Oggi volevo mostrarvi due sestanti di Lucera: uno bello e uno brutto. Quello bello pesa 12,50 g. e misura 25 mm. Si tratta di un tondello piuttosto grande, che specie al D mostra all'esterno il cosiddetto "marciapiede". Ritratto molto ben disegnato; il busto porta un mantello assai evidente ; il tutto è in un cerchio di ovali allungati. Al R, L fra due globetti in esergo, e ROMA in alto. Mi pare si tratti del Cr. 43/4, Russo RBW 155.

PIC_4965.png

PIC_4963.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

Ed ecco il sestante più malridotto. Questo pesa 9.1 g. e misura 21 mm.  Al D, il ritratto è più rozzo rispetto al precedente; delle due ali del petaso, una è quasi verticale. Al R. la L fra i due globetti si legge appena; in alto, ROMA.  Si tratta sicuramente di una emissione diversa (e successiva) rispetto alla precedene, ma non l'ho individuata con sicurezza.

3025.JPG

3026.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Theodor Mommsen

Salve @gpittini, il primo sestante è certamente un Russo RBW 155 (=RRC 43/4), mentre il secondo sono quasi certo sia un Russo RBW 403 (= RRC 97/6b). Si tratta di due monete estremamente affascinanti dal punto di vista storico.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

Due monete per me interessanti, soprattutto se messe a confronto con i sestanti, generalmente catalogati come 56/6, anonimi, senza simboli, di piccolo peso e diametro! Se, come appunto è, il secondo sestante qui proposto ha un peso intorno ai 9 gr, un diametro intorno ai 20 mm e una grafia della A di ROMA ancora arcaica ed è datato intorno al 211-208, dà molto da pensare: i sestantini cui accennavo sopra, intorno agli 1-2 gr, di diametro intorno ai 15 mm e con grafia né arcaica né grecizzante della A, bensì normale, devono essere sicuramente distinti dai 56/6 propriamente detti (di peso e diametro più o meno superiore, con A arcaica o grecizzante e della zecca di Roma o di area siculo-sarda) e forse datati ben dopo alla seconda punica. Probabilmente al II-I sec. a.C. (nel catalogo del Kestner Museum, di questi sestantini, quelli più leggeri e piccoli mi pare infatti che siano messi insieme ai RRC 339, 91 a.C. ca., cioè l'epoca della guerra sociale). 

Modificato da osio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

gr 2,20, mm 17, A normale: 

fullsizeoutput_2a7.jpeg

fullsizeoutput_2a6.jpeg

Modificato da osio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

@osioQui sopra leggo "g. 20", ma suppongo siano invece g.2,0 !

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×