Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Victorinus

Chiarimento su patine.

Risposte migliori

Victorinus

Salve a tutti, mi rivolgo alla vostra competenza per chiedere cortesemente dei chiarimenti riguardo alle diverse patine che presentano i bronzi imperiali e la loro importanza, dato che in questi anni non sono riuscito a trovare fonti esaustive riguardo all'argomento.

In pratica noto continuamente bronzi tardo imperiali che presentano patine di svariate colorazioni, dal nero (???) al grigio piombo (???), al verde smeraldo al marrone nocciola, marrone ramato (???) e poi patine lucide, opache..... poi anche Antoniniani dello stesso imperatore (es. Probo) alcuni completamente argentati altri in stato di conservazione + che splendidi ma di color grigio scuro...

Vi chiedo:

- c'è un modo sicuro per valutare la patina?

- un bronzo privo di patina che valore ha? e come si presenta?

- potete postarmi delle foto come riferimento.

Spero di esser stato chiaro :blink:

Molte grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ariminvm

il colore della patina dipende sia dal materiale di cui è costituita la moneta, sia dalle condizioni chimico fisiche dall'ambiente in cui la moneta si è conservata... per cui è possibile trovare patine dai colori più svariati, ce ne sono di rosse, verdi, marroni fino al nero e varie tonalità di questi colori.

La patina sulle monete antiche è importante perchè ne attesta l'autenticità, infatti la patina, non è un deposito sul metallo della moneta ma è il metallo stesso che in particolari condizioni e soprattutto nel corso di molte centinaia di anni, si trasforma; quindi la patina non è un semplice velo ma deve avere uno spessore importante e non è così facile da riprodurre in maniera credibile.

Per quanto riguarda gli antoniniani devi sapere che quando Caracalla li ha introdotti erano in ottima lega di argento, poi col passare del tempo, a causa della crisi economica e del difficile approvvigionamento di argento si cominciò a produrli "suberati" ovvero in rame rivestiti in argento; sotto certi imperatori l'argentatura era fatta in maniera approssimativa e ben presto spariva, altri, tra cui Probo migliorarono la tecnica di produzione ed ottennero un'aregentatura molto più resistente capace a volte di arrivare fino ai giorni nostri.

Per cui gli antoniniani argentati sono quelli che conservano tutt'oggi l'argentatura originale, gli altri avendola persa, mostrano l'anima in rame che reagisce producendo le solite patine.

Le monete in argento producono una patina sottile che il più delle volte è un semplice annerimento altre assume colori iridescenti, mentre l'oro non produce alcuna patina.

C'è un tipo di patina detta "fiume" tipica delle monete rinvenute appunto nei fiumi, essa non è una vera e propria patina, il colore è nocciola, ocra, rossiccio opaco, senza spessore e trasparente che lascia intravedere il metallo.

Per quanto riguarda le monete spatinate esse perdono gran parte del loro valore, anche perchè diviene difficile attestarne l'autenticità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Victorinus

Molte grazie ariminvm dell'interessamento e della dettagliata risposta, inoltre scusami per la risposta un pò tardiva.

Per essere più preciso e focalizzare bene quello che voglio dire faccio un esempio riguardante due maiorine o centennionali dello stesso imperatore Costante I ma visibilmente diversi per:

- la patina, una verde l'altra marrone

- e la conservazione, una sembra appena coniata

Faccio questo esempio perchè riproduce il problema in cui mi trovo spesso, noto l'evidente differenza mi piacciono entrambi ma se dovessi scegliere preferirei il secondo (anche se mi mette qualche dubbio per la perfetta conservazione, la patina e la precisione di conio) ma probabilmente sbaglio.

Cosa mi sapete dire?

Molte grazie di nuovo, spero non vi sembrino banalità.

post-4672-1169469040_thumb.jpg

post-4672-1169469123_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ariminvm

Delle due monete che hai postato, una conserva la patina (quella verde), l'altra sembra essere stata spatinata in passato: dalla superficie scura si vede affiorare il colore del rame brunito, e quella che sembra patina in realtà poterbbe essere solo sporco o semplice ossidazione del rame, ma dalla fotografia così scura è difficile giudicare.

Per la conservazione, non capisco cosa intendi dire; certe monete hanno circolato di più quindi sono più consumate, oppure il terreno che le ha conservate aveva caratteristiche chimiche tali da corrodere più o meno il metallo... per quanto riguarda la scelta è sempre più opportuno scegliere i pezzi meglio conservati perchè mantengono meglio il prezzo e sono più facilmente rivendibili, però a mio avviso gioca un ruolo importante anche il gusto personale.

Se sei all'inizio di una collezione ti do qualche altro consiglio importante:

-evita di comprare monete in cui compaiono macchioline in rilievo di colore verde chiaro tendente all'azzuro e farinose che si possono sfaldare passandoci sopra l'unghia... si tratta di cancro del bronzo, un processo degenerativo difficile da bloccare e che si espande nel tempo.

-diffida di monete troppo bene conservate come la seconda che hai postato soprattutto se sono a buon mecato, a volte può trattarsi di falsi.

-nei primi tempi cerca di comprare monete di poco valore e di tipologie diverse, impara a classificarle e a conoscere le patine; quando ti capita esamina bene i falsi e cerca di guardare e toccare quante più monete possibili... solo quando avrai fatto esperienza comincia a comprare monete più importanti e lascia perdere quelle di conservazione troppo bassa... tutto questo per evitare di incappare in qualche falso, ce ne sono in circolazione un'infinità!

-consulta sempre il forum è uno strumento utilissimo e non preoccuparti di fare domande banali... però impara anche ad usare la funzione cerca... quasi tutti gli argomenti che potrebberero interessarti in futuro sono già stati ampiamente trattati.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Victorinus

Ok, grazie di nuovo e seguirò attentamente i tuoi consigli.

E' qualche anno che ho iniziato a comprare bronzi tardo imperiali, dato le mie poche disponibilità, mi sono indirizzato su pezzi comuni ma nel migliore stato di conservazione possibili, dato che mi appassionano i particolari....

Come testo di riferimento uso il volume della Montenegro - Monete Imperiali Romane con il quale in genere riesco a classificare le monete.

Il problema che ho diversi bronzetti e qualche follis in stato di conservazione molto simile alla seconda moneta che ho postato, con sottile patina marrone tendente al rosso come quella e particolari perfetti, inoltre in commercio se ne trovano molti cosi e vedo che continuano ad andare venduti...

Ho scelto di comprare monete comuni anche per evitare falsi, dato che pensavo non circolassero falsi di piccoli bronzi o follis da poche decine di euro, o almeno molto di rado.... sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ariminvm

Falso trovi di tutto e in tutte le conservazioni... certo che se spendi 10€ e scopri di aver comprato un falso brucia molto meno che non se ne avessi spesi 1000!

Per questo è importante prima di comprarle, conoscerle le monete.

Molti falsari producono pezzi di poco conto perchè confidano nel fatto che chi le compra si accontenta di un'occhiata sommaria convinto come te che nessuno fabbrichi falsi da pochi euro... stai sempre attento e nel dubbio lasciala dov'è!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Victorinus

Daccordissimo ariminvm, in generale riesco con il Montenegro a identificare le monete, certo se avessi il RIC sarebbe meglio.

Più che controllare le leggende, il diametro, il peso e i ritratti dove possibile visto le numerose varianti, per ora non posso fare.

Fino a poco tempo fa facevo la monetazione di Vittorio Emanuele III, ora ho ripreso con la monetazione romana imperiali perchè la trovo molto più affascinante, ma anche molto più difficile da valutarne l'autenticità... date le innumerevoli varianti e la vastissime emissioni.

Quindi appena mi portano la macchina digitale posto qualche mia moneta, niente di eccezionale... tanto per vedere cosa ne pensate e se mi hanno rifilato quanche pacco :ph34r:

Certo 10 euro buttati via non sono 1000, ma 10...20 monete da 20/30 o + euro false un pò farebbero girare...

Anche perchè sul mercato monete comunissime a meno di una 30 euro che salgono a 60 -80 per qualcosa di particolare, non ho trovato mai niente.

Grazie dei consigli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×