Jump to content

Recommended Posts

Già che siamo in tema di Sicilia, vi posto un acquisto di novembre. In sala da Bolaffi c’è stata un po’ di bagarre, ho dovuto superare la base non di poco per potermela aggiudicare.

 

Vittorio Amedeo II

grano 1719

ex coll. Denina, asta Bolaffi 29 nov. 2018

MIR 902

 

Vi lascio alle foto di Bolaffi e ai commenti, sono curioso di sapere la vostra in merito a questa controversa coniazione.

N.

B2498841-588B-4A47-9E04-161DEE66DC71.jpeg

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, blaise dice:

@niko_

Come ti dissi quando ci siamo incontrati a ritirare le monete per me è un falso d'epoca. 

blaise

Ciao Biagio,

Grazie per il tuo messaggio. Mi ricordo di quel che mi hai detto! Effettivamente i rilievi abbozzati (seppur coniata... certamente non ottenuta per fusione) indicherebbero una certa approssimazione nell’esecuzione e si potrebbe propendere per un falso d’epoca (anche se... a che pro falsificare un anno inesistente?). Abbiamo comunque un’emissione dubbia ad opera di non si sa chi. Senza considerare che la Sicilia era già stata occupata dagli spagnoli dal 1718 e dal 1719 era già sotto dominio asburgico, nonostante VAII prenda effettivo possesso della Sardegna solo dal 1720 (non dimentichiamoci però anche le emissioni col titolo di Re di Sicilia del 1722... certamente il cambio non gli era andato giù)

 

N.

Link to comment
Share on other sites


Io molto tempo indietro non ricordo dove avevo letto che se un falsario in una moneta metteva un qualcosa di diverso dall'originale come in questo caso la data inesistente, se il falsario veniva catturato la pena poteva essere un pochino più lieve.Io nel regno d'Italia ho diverse monete con date inesistenti.

Blaise

Link to comment
Share on other sites


Mi ricordo Caro Biagio che un illustre collezionista sabaudo anni fa pagò cara la stessa moneta e ritenne oggettivamente autentica la stessa come andò a finire ? Aspetto la fine della storia o il proseguimento [emoji4]

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Nonostante la monetazione di Palermo non sia il massimo come qualità di conio in questo caso l'impronta sembra parecchio approssimativa, propendo anche io per il falso..

Poi come dare torto a Biagio ...

:)

 

Link to comment
Share on other sites


Interessante anche notare come su questa moneta ci siano le sigle di Don Calcerano (DD AC) mentre al R/ manchi il TS o il CP.

Vi riporto una nota del catalogo Artemide XXXII:

L'estrema rarità è dovuta al fatto che il 30 giugno 1718 il marchese di Leida, a capo delle truppe spagnole occupò Palermo; il conte Maffei con l'esercito dei Savoia si ritirò nella Sicilia orientale fino al maggio 1719. E' pertanto possibile che questa moneta possa essere stata coniata in una zecca della Sicilia orientale.

N.

Edited by niko
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

A meno che si tratti di un inedito...

Per questi grani la conservazione latita sempre, quindi non guarderei troppo la stato conservativo quasi la regola..

Teniamo anche conto che i coni venivano sfruttati sino allo sfinimento degli stessi, infatti alcuni tondelli appena battuti mostravano già grandi limiti conservativi, se poi ci mettiamo il lavoro svolto del tondello, il tempo, e le condizioni...

Forse...

Ciao Niko mi ricordo quando si discorreva di questi nominali bei tempi, vedo che continui imperterrito sulla tipologia...

Ciao

Eros 

Link to comment
Share on other sites


Il 17/7/2019 alle 03:29, eracle62 dice:

A meno che si tratti di un inedito...

Per questi grani la conservazione latita sempre, quindi non guarderei troppo la stato conservativo quasi la regola..

Teniamo anche conto che i coni venivano sfruttati sino allo sfinimento degli stessi, infatti alcuni tondelli appena battuti mostravano già grandi limiti conservativi, se poi ci mettiamo il lavoro svolto del tondello, il tempo, e le condizioni...

Forse...

Ciao Niko mi ricordo quando si discorreva di questi nominali bei tempi, vedo che continui imperterrito sulla tipologia...

Ciao

Eros 

Ciao Eros,

che bello rileggerti! Ti ringrazio per il commento ma ci sono effettivamente degli elementi di diversità rispetto alle emissioni degli anni precedenti (meno sulle legende - sempre approssimative- più sulle impronte), l’ipotesi del falso d’epoca potrebbe anche reggere... ma mai dire mai, potrebbe anche essere un’emissione di emergenza, come scrive Artemide... il dubbio rimarrà.

 

(eh si, ho continuato con la monetazione del periodo siciliano di VAII... 🤪)

 

A presto,

N.

Link to comment
Share on other sites


Il 18/7/2019 alle 19:23, niko dice:

Ciao Eros,

che bello rileggerti! Ti ringrazio per il commento ma ci sono effettivamente degli elementi di diversità rispetto alle emissioni degli anni precedenti (meno sulle legende - sempre approssimative- più sulle impronte), l’ipotesi del falso d’epoca potrebbe anche reggere... ma mai dire mai, potrebbe anche essere un’emissione di emergenza, come scrive Artemide... il dubbio rimarrà.

 

(eh si, ho continuato con la monetazione del periodo siciliano di VAII... 🤪)

 

A presto,

N.

La numismatica è bella anche per questo, ogni giorno può essere quello buono, e le certezze a volte...

Quando vuoi passa che mi fa sempre piacere rivederti avvisami prima.

I Grani li ho sempre amati facendo anche Palermo da sempre..

Come potrei non condividere certi amori..

Caio Niko

 

Link to comment
Share on other sites


  • 4 weeks later...

Nel libro "Appunti numismatici 2019" edito dal circolo numismatico romano laziale, ho pubblicato un mio lavoro relativo alla moneta da un grano coniata in Sicilia.

Allego la pagina iniziale e quelle relative alla moneta da un grano coniata nel 1719 da Vittorio Amedeo II

pag223.jpg.e606e322ce513499326ebe45877553b9.jpgpag249.jpg.7bd76283fcd24264a0ce48ccf298aeca.jpgpag251.jpg.706e1e31d18dd497177c37fabb1f4551.jpg

Dove scrivo che la moneta datata 1719 è stata coniata dai piemontesi a Siracusa. La fattura grossolana è dovuta al fatto che sia il conio e sia la moneta sono stati realizzati con mezzi di fortuna.

Chi ci suggerisce questa chiave di lettura? Antonino Della Rovere su Memorie storiche ed economiche sopra la moneta bassa di Sicilia del 1814.

Allego le pagine del libro dove Della Rovere scrive su questa moneta

1822647220_dellarovere149.JPG.54a8ff010b51a1d263882612ae1f0c05.JPG2016940052_dellarovere150.JPG.6c12926cf41172caa52bcd8bb95b55d4.JPG

Per me la moneta è autentica

Antonio

Edited by carlino
Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...

Ho appena acquistato un esemplare di questo millesimo sempre piu' convinto che sia un falso d'epoca .  Purtroppo le memorie di Antonino Della Rovere , scritte un secolo dopo e quindi non di prima mano , parlano genericamente di monete in bronzo battute durante gli assedi di Messina e Siracusa nel 1718 e 1719 (quali ? ) ma non citano alcuna fonte a supporto.

Edited by piergi00
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.