Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Giov60

Troppi multipli in oro

Recommended Posts

Giov60

Sono sempre perplesso quando vedo multipli in oro veneziani. Mi risulta esistano più falsi (per lo più di origine friulana) che non monete originali, e la rarità di queste ultime è così elevata che comparare i primi con le seconde non è facile.

Mi piacerebbe un parere da parte dei "Venetici" su alcune di queste esitate in una recente asta. Parto con questo "Scudo della croce in oro" da 12 zecchini del peso di ben 41,40 g.

L'aspetto delle lettere è bombato, i fondi porosi (strano per l'oro) e la coniazione di aspetto trascurato per essere di oro zecchino (24 carati). Proveniva da un'asta Auktionen Frühwald 130, Lotto 984 (del 2018) , dove da una base di soli € 7.500, realizzava € 13.000 (relativamente pochi); nell'asta più recente partiva da € 10.000 (non so il prezzo di aggiudicazione). Che vi pare?

01034q00.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

Questo tipo di moneta va vista in mano. E in mano, nella maggior parte dei casi, si riesce subito a vedere la genuinità o meno della moneta.

Arka

Diligite iustitiam

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giov60

Nella medesima asta di cui sopra, un'altra "moneta" ha attirato la mia attenzione. Si tratta di uno scudo della croce in oro da 12 zecchini, peso g 41,21 (base d'asta € 15.000, realizzo ?). L'esemplare potrebbe provenire da una vendita Heritage del 2017 (Heritage World Coin Auctions - NYINC Sale 3051, Lot 34323, realizzo $ 13.000). Posto una foto con entrambi gli esemplari che presentano vistosissime similitudini a livello di debolezze, ribattiture (?!) ecc., ma anche alcune strane differenze che non sembrerebbero frutto della luce con cui sono state prese le foto. Si vedano a tale proposito i cerchi rossi ad indicare carenze di metallo nell'uno o nell'altro esemplare, ma soprattutto l'esergo del D/ e il bordo che sembrano differenti (è pur vero che un esemplare superiore è entro lo slab [AU Details - Surface Hairlines] e potrebbe essere stato malamente scontornato, ma al R/ il suo contorno corrisponde grossolanamente a quello dell'esemplare inferiore mentre al D/ è molto differente). Se i due esemplari fossero diversi sarebbero certamente frutto della coniazione di un conio artefatto (con impresse ribattiture e carenze fittizie). Se fossero lo stesso esemplare resta da spiegare perchè estrarre il primo da uno slab in cui è indicato AU (per poi venire classificato qSPL), perché le differenze (artefatte?) ed anche in tal caso perché questa strana trascuratezza di conio per una "moneta da ostentazione". Infine 2 scudi in oro multipli da 12 zecchini che provengono entrambi da aste molto recenti è un fatto eccezionale ... o spiegabile altrimenti.

Come giustamente osservato da @Arka: da vedere in mano (qualcuno ha potuto?).

Loredan.jpg

Edited by Giov60

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

Molto probabilmente è la stessa moneta. La luce è differente e i difetti risaltano in maniera diversa. Sulla differente valutazione della qualità, devo sinceramente dire che gli americani, tanto competenti sulle loro monete, di monete coniate a martello capiscono poco (o fanno finta per fini commerciali).

Queste monete non sono monete di ostentazione, ma semplicemente coniazioni fatte su ordinazione e destinate come regalo agli sposi, al neonato, al laureato come ricordo o come regalo in denaro, anche se non sembra (non è fine regalare soldi, giusto?). Quindi la qualità della coniazione non cambia rispetto al solito.

Rispetto a una coniazione ufficiale sono sicuramente più rare, ma non rarissime, anche per la relativa rarità di collezionisti.

Arka

Diligite iustitiam

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giov60

Caro Artur, ma il multiplo da 12 zecchini è un R4-R5. Il problema delle foto me lo sono già posto ma in questo caso qualcosa non quadra del tutto.
Per quanto concerne l'originalità direi che per questa tipologia il rapporto tra autentiche e false presenti in asta potrebbe non differire molto da 1:1. D'altra parte non sono molti coloro che possono dirsi capaci di riconoscere alcuni di questi falsi

Per quanto poi riguarda chi le ha avute in mano, credo vi siano state forti perplessità (si tratta di un understatement) da parte di chi le ha esaminate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter

Buona serata.

Concordo con @Arka; i falsi ci sono, eccome .... A  me le foto sembrano proprio della stessa moneta

Vero che non si tratta di monete di ostentazione, ma è pur sempre una moneta fatta su commissione e avrebbe meritato maggior cura esecutiva (riguardo alla porosità ).  Non c'era la fretta che solitamente riguardava la monetazione ordinaria e probabilmente il guadagno della zecca per tali emissioni era maggiore; ciò mi porta a pensare che venivano coniate con più attenzione.

Va vista in mano per sciogliere i dubbi sulla bontà. 

Saluti

Luciano

Edited by 417sonia

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter

Giovanni,

Hai notato le striature nell'incavo della N di VENET nell'esemplare Heritage?

Mi fanno ricordare una tua discussione dove sottolinea vi le stesse striature su un pezzo falso (zecchino?).

Vado a memoria, ma sono fuori casa e cercare col telefonino il precedente è una impresa.

@Giov60

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

La N di VENET ha una doppia battitura, ed è una delle cose che mi fa pensare all'autenticita' del pezzo. La porosità potrebbe essere dovuta al fatto che sia stata portata.

Comunque vanno viste in mano.

Arka

Diligite iustitiam

Share this post


Link to post
Share on other sites

dux-sab

per me sono due monete diverse, vedi anche solo l'uno di 140 come è diverso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giov60

Caro Luciano, le striature erano a carico di alcune oselle (in primis di Silvestro Valier) riconosciute false (in particolare da @AndreaPD).

Ne posto una proveniente da asta Rauch 2013 (doge: Francesco Loredan, ex Rauch 2013) ed un'altra da asta italiana del 2014 (Alvise II Mocenigo).

Tuttavia nel caso di questi multipli si tratta di ribattiture o ... presunte tali.

Loredan VIII Rauch 2013_lot 2620.jpg

image00526 Varesi 62.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter
1 ora fa, dux-sab dice:

per me sono due monete diverse, vedi anche solo l'uno di 140 come è diverso.

Ciao!

Mah ... se guardi bene entrambi hanno sopra una escrescenza di metallo a forma di S molto sottile, più evidente in quello di Heritage, ma che io scorgo anche nell'altro...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

dux-sab
14 ore fa, 417sonia dice:

Ciao!

Mah ... se guardi bene entrambi hanno sopra una escrescenza di metallo a forma di S molto sottile, più evidente in quello di Heritage, ma che io scorgo anche nell'altro...

Probabilmente è dovuto al fatto che provengono da una stessa copia o conio con quei difetti. guarda la stella dopo venetiar è deformata diversamente.

Edited by dux-sab

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

La rosetta dopo VENETIAR è identica nelle due monete con le stesse tracce di doppia battitura. Le differenze sono dovute a luce diversa.

Arka

Diligite iustitiam

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter
5 ore fa, dux-sab dice:

Probabilmente è dovuto al fatto che provengono da una stessa copia o conio con quei difetti. guarda la stella dopo venetiar è deformata diversamente.

Ciao

Lo stesso difetto sulla I avvalora l'ipotesi che il conio sia il medesimo e non si può escludere che il difetto provenga dal punzone  stesso che, anche in questo caso, indicherebbe che è lo stesso.

Saluti

Luciano

Share this post


Link to post
Share on other sites

gigetto13

Per me sono la stessa. Oltre all'illuminazione, consideriamo che una è plastificata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

AndreaPD

guardando la SA di SANCTVS mi sembrano diverse

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

Ma proprio lì l'ombra è completamente differente. Con la moneta in mano, potendo girarla a seconda della luce, si vedrebbe che è lo stesso esemplare. Ma, non avendola in mano, magari sbaglio io...

Arka

Diligite iustitiam

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alberto Varesi

Ore 3 dalla parte del leone in soldo: la perlinatura è differente.

La rosetta di destra accanto al valore, nell'esemplare di Heritage è piena, nel secondo no.

La forma del tondello è solo simile; se ingrandite le due foto vedrete che, specie al rovescio, vi sono differenze consistenti (nel secondo caso ha molta più perlinatura)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

chievolan

Anche per me sono due monete differenti uscire dalla stessa coppia di coni, che presentavano segni di usura. Riempimenti probabilmente che hanno fatto risultare incomplete alcune lettere e interpunzioni, e una frattura che si palesa al retro delle monete da ore 2 a 5. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.