Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
miglio81

Reperimento Benzotriazolo

Risposte migliori

miglio81

Potreste gentilmente indicarmi come reperire l'ormai famoso Benzotriazolo senza dover comprare all'estero o fare peripezie???

Ho provato dal mio fotografo di fiducia, ma purtroppo per lo sviluppo, utilizza soluzioni preparate, in cui il benzotriazolo è presente in percentuale, ma in soluzione con altri composti.... :(

Grazie in anticipo per l'aiuto. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

C'è qualcuno????

Rinnovo la richiesta d'aiuto... ;)

Grazie e scusate ancora il disturbo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alteras

Non mi ricordo chi, ma qualcuno al circolo parlava delle farmacie... Prendilo però con le molle...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81
Non mi ricordo chi, ma qualcuno al circolo parlava delle farmacie... Prendilo però con le molle...

195946[/snapback]

Grazie Andrea, non sai come lo vendono o qualche informazione sull'acquisto??

Cioè se vado in farmacia e dico: "vorrei del Benzotriazolo" non è che mi prendono per Unabomber !?!? :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Non mi ricordo chi, ma qualcuno al circolo parlava delle farmacie... Prendilo però con le molle...

195946[/snapback]

Grazie Andrea, non sai come lo vendono o qualche informazione sull'acquisto??

Cioè se vado in farmacia e dico: "vorrei del Benzotriazolo" non è che mi prendono per Unabomber !?!? :P

195983[/snapback]

io...ci sono andato, conoscono la sostanza...risulta nel loro elenco, ma non sanno dove reperirla...

L'unica cosa da fare é rivolgersi ad un laboratorio chimico agrario....sperando che non ti prendono per un dinamitardo...

In tutti i casi, sembra che sia in polvere...va diluito con alcool etilico e la mistura, conviene farsela preparare da chi sa maneggiare la sostanza...questo perché esiste una formula specifica per il trattamento delle monete...

Queste, le informazioni che ho ricevuto...

domani posto il seguito...con la formula

Marco

Modificato da cori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Grazie Marco, ma tu sei riuscito a trovarlo da qualche parte??? :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori

BENZOTRIAZOLO

polvere bianca aghiforme; inibitore della corrosione del rame e delle sue leghe. Stabilizza i processi di corrosione. Particolarmente usato nella protezione in esterno di bronzi. Da utilizzare in soluzione al 2,5% al 6% in vari solventi.

Solventi: etanolo (alcool etilico) e isopropanolo (propanolo)

http://www.antaresrestauro.it/default.asp

vicino a casa tua....

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

15x60

Mi pare (ma correggetemi, vi prego, se sbaglio) sia una sostanza nociva o dotata di un certo grado di tossicità; precauzioni e/o accorgimenti su come utilizzarla senza esporsi eccessivamente?

Non sento, per ora, la necessità di impiegarla, ma i bronzi potrebbero richiederne l'uso in futuro..................sto facendo gli scongiuri.................. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lorenzobassi
Mi pare (ma correggetemi, vi prego, se sbaglio) sia una sostanza nociva o dotata di un certo grado di tossicità; precauzioni e/o accorgimenti su come utilizzarla senza esporsi eccessivamente?

Non sento, per ora, la necessità di impiegarla, ma i bronzi potrebbero richiederne l'uso in futuro..................sto facendo gli scongiuri.................. :D

196393[/snapback]

Qui trovi la scheda di sicurezza del benzotriazolo: http://www.cdc.gov/niosh/ipcsnitl/nitl1091.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori

...giustamente, si tratta di una sostanza chimica da non sottovalutare...comunque, quando la miscela viene diluita nell'alcool e chiusa in un barattolo, con scritto di cosa si tratta, penso che si è al sicuro...

...proprio per il fatto che si presenta in polvere, la rende particolarmente pericolosa...ma come avevo già scritto prima, conviene farsela confezionare da mani esperte....

Mi sono chiesto invece....come mai, come per la cera microcristallina, questo preparato non venga venduto pronto all'uso, visto che si tratta dell'unico metodo efficacie per fermare il cancro del bronzo...

La sostanza infatti é in uso comune a tutti i restauratori....ma il problema é che non si trova.....

...e per chi colleziona monete antiche diventa quasi indispensabile...

per cui...chi sà..."vuoti il sacco" :D grazie...

Marco

Modificato da cori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Grazie Marco, grazie Lorenzo... ;)

Per ora ho contattato l'azienda che mi hai linkato...aspetto risposta, vi saprò dire!!

Grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81
BENZOTRIAZOLO

polvere bianca aghiforme; inibitore della corrosione del rame e delle sue leghe. Stabilizza i processi di corrosione. Particolarmente usato nella protezione in esterno di bronzi. Da utilizzare in soluzione al 2,5% al 6% in vari solventi.

Solventi: etanolo (alcool etilico) e isopropanolo (propanolo)

http://www.antaresrestauro.it/default.asp

vicino a casa tua....

Marco

196225[/snapback]

Ho ricevuto subito questa mattina notizie in merito.

Sono stati molto gentili e mi hanno comunicato il prezzo per un kg di Benzotriazolo.

Mi hanno detto che posso andare direttamente ad acquistarlo.

Inoltre, preso dalla curiosità, ho guardato se nel trattamento di protezione dei metalli, avessero la famosa cera microcristallina e ho trovato questa, di cui ho subito chiesto informazioni all'azienda, cosa dite potrebbe sostituire la "Renaissance"??

http://www.antaresrestauro.it/cat_dett.asp

Questa è applicata nel resaturo dei metalli, non dovrebbe essere nociva. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
BENZOTRIAZOLO

polvere bianca aghiforme; inibitore della corrosione del rame e delle sue leghe. Stabilizza i processi di corrosione. Particolarmente usato nella protezione in esterno di bronzi. Da utilizzare in soluzione al 2,5% al 6% in vari solventi.

Solventi: etanolo (alcool etilico) e isopropanolo (propanolo)

http://www.antaresrestauro.it/default.asp

vicino a casa tua....

Marco

196225[/snapback]

...tutte le informazioni tecniche che riesci a raccogliere saranno sicuramente gradite da tutti gli utenti...

Marco

Ho ricevuto subito questa mattina notizie in merito.

Sono stati molto gentili e mi hanno comunicato il prezzo per un kg di Benzotriazolo.

Mi hanno detto che posso andare direttamente ad acquistarlo.

Inoltre, preso dalla curiosità, ho guardato se nel trattamento di protezione dei metalli, avessero la famosa cera microcristallina e ho trovato questa, di cui ho subito chiesto informazioni all'azienda, cosa dite potrebbe sostituire la "Renaissance"??

http://www.antaresrestauro.it/cat_dett.asp

Questa è applicata nel resaturo dei metalli, non dovrebbe essere nociva. ;)

197023[/snapback]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Credo di fare visita a quest'azienda oggi pomeriggio, vi saprò dire. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Vista l'irreperibilità a Bolzano potresti acquistarne anche per noi?

Potremmo ricaricarti la paypal per la spesa e poi ci vediamo a Vr?

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Bene...ho ultimato tutti i miei esperimenti su bronzi vari... :lol:

Ho ottenuto davvero ottimi risultati, ovviamente visibili solo al momento dell'applicazione della cera microcristallina in soluzione al 10%.

Il benzotriazolo dovrebbe aver fatto il suo lavoro in silenzio, stabilizzando i processi di corrosione e altri pericoli... :)

Solo in uno o due casi ho potuto notare una variazione di patina o addirittura una patinatura con conseguente miglioramento visivo e dei rilievi, già tramite il benzotriazolo.

Vi mostro un esempio, su un sesterzio di Commodo, che appariva come coperto di ruggine e con riflessi che lo facevano sembrare (soprattutto osservandolo di lato) come spatinato.

Dopo il benzotriazolo la moneta si è piacevolmente scurita acquistando una patina color cuoio che, con il procedimento finale con cera microcristallina al 10%, ha rafforzato piacevolmente i rilievi che prima non erano così chiari e netti. :)

http://img521.imageshack.us/my.php?image=s...oprimaedvr4.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Kainon
Bene...ho ultimato tutti i miei esperimenti su bronzi vari... :lol:

Ho ottenuto davvero ottimi risultati, ovviamente visibili solo al momento dell'applicazione della cera microcristallina in soluzione al 10%.

Il benzotriazolo dovrebbe aver fatto il suo lavoro in silenzio, stabilizzando i processi di corrosione e altri pericoli... :)

Solo in uno o due casi ho potuto notare una variazione di patina o addirittura una patinatura con conseguente miglioramento visivo e dei rilievi, già tramite il benzotriazolo.

Vi mostro un esempio, su un sesterzio di Commodo, che appariva come coperto di ruggine e con riflessi che lo facevano sembrare (soprattutto osservandolo di lato) come spatinato.

Dopo il benzotriazolo la moneta si è piacevolmente scurita acquistando una patina color cuoio che, con il procedimento finale con cera microcristallina al 10%, ha rafforzato piacevolmente i rilievi che prima non erano così chiari e netti. :)

http://img521.imageshack.us/my.php?image=s...oprimaedvr4.jpg

200525[/snapback]

Ho notato anche io ,in alcuni casi , una varizione della tonalita' della patina,dopo il trattamento col benzotriazolo.In tutti i casi la variazione ha migliorato l'aspetto generale della moneta ,spesso rendendo piu' uniforme la tinta della patina.

Non ho capito una cosa: hai aggiunto la cera microcristallina al benzotriazolo?

Kainon

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Dopo il trattamento di un'oretta al Benzotriazolo, ho risciacquato le monete con acqua demineralizzata e una leggera spazzolatura con spazzolino da denti a setole morbide.

Dopodichè con un pennellino ho passato la cera microcristallina in soluzione con acqua ragia al 10% riscaldata.

Ho lasciato la moneta qualche minuto in un luogo freddo perchè si raffreddasse e si solidificasse e con un panno ho passato per bene la moneta e i rilievi.

Devo dire ottimi risultati.

Diciamo che il Benzotriazolo non ha avuto risultati visibili su ottime patine consolidate e colorate, mentre ha modificato in meglio patine precarie o quasi assenti. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Bene...ho ultimato tutti i miei esperimenti su bronzi vari... :lol:

Ho ottenuto davvero ottimi risultati, ovviamente visibili solo al momento dell'applicazione della cera microcristallina in soluzione al 10%.

Il benzotriazolo dovrebbe aver fatto il suo lavoro in silenzio, stabilizzando i processi di corrosione e altri pericoli... :)

Solo in uno o due casi ho potuto notare una variazione di patina o addirittura una patinatura con conseguente miglioramento visivo e dei rilievi, già tramite il benzotriazolo.

Vi mostro un esempio, su un sesterzio di Commodo, che appariva come coperto di ruggine e con riflessi che lo facevano sembrare (soprattutto osservandolo di lato) come spatinato.

Dopo il benzotriazolo la moneta si è piacevolmente scurita acquistando una patina color cuoio che, con il procedimento finale con cera microcristallina al 10%, ha rafforzato piacevolmente i rilievi che prima non erano così chiari e netti. :)

http://img521.imageshack.us/my.php?image=s...oprimaedvr4.jpg

200525[/snapback]

riguardo all'immagine che hai postato...su quella moneta, non vedo patina...

..o forse é colpa della luce?

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Diciamo che prima dell'operazione, aveva questo color ruggine, ma non sembrava una vera e propria patina opaca e spessa.

Ora invece la moneta sembra ben patinata di un color cuoio, con diverse sfumature dei livelli del campo e dei rilievi, soprattutto per merito della cera.

Le foto rispecchiano bene i colori senza falsarli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×