Jump to content
IGNORED

Piccola moneta priva di iscrizioni


Recommended Posts

gigetto13
1 ora fa, Ghideon dice:

Grazie. Seguendo questa informazione ho scoperto tanti fatti storici prima ignorati.

Per esempio? Raccontaci...

Questo è un esempio di come una monetina nemmeno tanto attraente ci possa aprire a conoscenze storiche che non immaginavamo. Come si fa a pensare che la numismatica sia noiosa e poco stimolante?

Link to post
Share on other sites

caravelle82

A me piace,perchè nonostante sia spartana,ha un non so cosa di antico,la diversitá di quel periodo....poi sarei curioso anche io dei fatti storici scoperti😉....la.numismatica è cultura non mettere in bacheca e stop✌️

Link to post
Share on other sites

Beh, nulla di eccezionale. Non sono, come avrete capito, un esperto di numismatica. Mi interessa, però,  sapere che cosa sta dietro la produzione di questi piccoli dischetti di metallo. Il fatto di sapere chi ha coniato la monetina mi ha spinto ad approfondire la storia del Regno di Boemia. Non sapevo molto delle vicende storico-politiche dell'Europa centro-orientale. Naturalmente ho attinto alle risorse di internet che, usate con il dovuto buon senso, sono una utilissima fonte di informazioni.

Posso raccontare brevemente come sono venuto in possesso della monetina. Se interessa e se non si va oltre i limiti imposti dal regolamento per i temi delle discussioni.

Link to post
Share on other sites

DOGE82
22 ore fa, Ghideon dice:

Beh, nulla di eccezionale. Non sono, come avrete capito, un esperto di numismatica. Mi interessa, però,  sapere che cosa sta dietro la produzione di questi piccoli dischetti di metallo. Il fatto di sapere chi ha coniato la monetina mi ha spinto ad approfondire la storia del Regno di Boemia. Non sapevo molto delle vicende storico-politiche dell'Europa centro-orientale. Naturalmente ho attinto alle risorse di internet che, usate con il dovuto buon senso, sono una utilissima fonte di informazioni.

Posso raccontare brevemente come sono venuto in possesso della monetina. Se interessa e se non si va oltre i limiti imposti dal regolamento per i temi delle discussioni.

Racconta pure! È sempre bello scoprire cose nuove! Saluti. 

Link to post
Share on other sites

La piccola moneta di cui parliamo era tra le poche cose che mio padre riportò dall'Austria finita la guerra (WWII). Si chiamava Dante e frequentò la scuola apprendisti delle "Officine Reggiane"; attestato di idoneità come tornitore del febbraio1943. Dopo l'8 settembre, all'età di 17 anni (era del 1926), fu deportato in Austria per lavorare nell' industria bellica del terzo Reich‎. Alle Reggiane lavorava nel reparto che produceva i componenti dei motori degli aerei Caproni. Il campo in cui fu internato era nei pressi di Vienna. Non so dire il nome. Mi raccontava che le officine erano ben mimetizzate e le macchine utensili erano disposte le une sulle altre in castelli realizzati con traversine da ferrovia. Come operai avevano diritto ad un vitto relativamente sufficiente. Il campo degli operai italiani confinava con un campo di prigionieri di guerra russi. Quando potevano, gli operai lanciavano di notte delle patate ai russi, perchè questi non ricevevano quasi nulla da mangiare.
Dopo un bombardamento fu portato e rimuovere delle macerie e, tra queste, trovò delle monete e dei francobolli. Era la casa di un numismatico? Di un collezionista?
Possiedo ancora alcune di quelle monete e alcuni francobolli. In effetti sono quasi tutte monete degli stati della mitteleuropa del XVIII e XIX secolo con alcune monete greche, alcune con simboli alfabetici arabi (un paio le ho postate anni fa sul sito) e altre che si presentano come dischetti informi con strani simboli da un solo lato.
Mi incuriosiva quella monetina senza scritte, con la sola data e uno strano leone rampante con due code.
Ricordo che da bambino (quindi circa 60 anni fa) in casa c'era uno strano libro (forse l'unico; gli altri sono arrivati quando ho cominciato ad andare a scuola), di piccole dimensioni e scritto in tedesco . C'erano una infinità di pagine molto sottili e la riproduzione in bianco e nero di uno sterminato numero di monete e di francobolli; il tutto corredato da sigle, numeri e date. Anche quello fu trovato fra le macerie del bombardamento. Certamente un catalogo numismatico e filatelico.
Mentre scrivo e riguardo le monete aggiungo questa. E' coniata da una sola parte e porta la data 1667. La cifra "1" ha lo stesso "stile" della monetina boema. Moneta del regno di boemia?
Bello parlare di monete non solo come oggetti da collezione da valutare.
Stefano.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.