Jump to content
IGNORED

Vir clarissimus


Recommended Posts

VALTERI

Così Martino "in nome di Dio visdominus" , in veste di testimone alla stesura di un testamento, definisce il testatore, Totone da Campione .

Nato verso il 750 a Campione "nel territorio del Seprio" e vissutovi fin verso l'807, Totone è membro di una importante e ricca famiglia di Longobardi : l'8 Marzo 777, in Milano, rende nelle mani di Tommaso, arcivescovo di S. Ambrogio, il proprio testamento con il quale nomina erede del suo intero patrimonio e possedimenti, l'arcidiocesi di Milano .

Degne di nota, la disposizione con la quale Totone vincola la propria residenza in Campione alla trasformazione in xenodochio (ospizio per poveri) ed il lascito con il quale, a tutti i suoi servi ed ancelle (schiavi) da emancipare come aldii (semi-liberi) , lega un solido pro-capite .

L'effetto a lungo termine del testamento di Totone, sarà la trasformazione di Campione in feudo dell'arcidiocesi di Milano, poi riconosciuto nei secoli successivi come entità giurisdizionale autonoma anche dal Sacro Romano Impero .

Con il testamento di Totone sono pervenuti anche un insieme di documenti del suo gruppo familiare che datano dal 721 al 877 : 22 carte, 14  relative ad azioni dei membri del clan familiare (721 - 799) ed 8 riferite alla gestione della chiesa di famiglia, di S. Zeno in Campione .

L'esordio del testamento con "regnante il signore nostro Carlo  vir excellentissimus re in Italia" , dice dell'importanza delle carte dei 'Totonidi' per meglio conoscere e ragionare sul particolare periodo altomedievale che vede la transizione dal regno dei Longobardi al regno di Carlo magno in Italia .

I solidi in lascito da Totone ai  servi emancipati, in monete correnti, potrebbero essere stati ancora in tremissi d'oro longobarde magari di Desiderio, o forse già nei nuovi denari d'argento di Carlo magno, essendo, verso l'800, monetati in Italia i soli solidi longobardi del lontano principato di Benevento e circolanti i soli solidi dell'ancor più lontana Costantinopoli .

 

401.png

402 Campione.jpg

403 testamento di Totone.jpg

404.jpg

405.jpg

406.jpg

407.jpg

408.jpg

409 RM Fonti - Dossier Totone.jpg

410 RM Fonti - Dossier Totone.jpg

411 NAC 122 n. 302.jpg

412 NAC ! n. 302.jpg

413 NAC 57 n. 111.jpg

414 NAC 57 n. 111.jpg

415 NAC 109 n. 1306.jpg

416 NAC 109 n. 1306.jpg

417 NOMOS 14 n. 473.jpg

418 NOMOS 14 n. 473.jpg

Link to post
Share on other sites

Adelchi66

Ottima domanda, secondo me gli aldii furono liquidati, vista a data di morte di Totone, in denari argentei. 

Tremissi di Desiderio neanche a parlarne, da tempo ormai tesaurizzati o rifusi. 

Più interessante l'ipotesi tremissi di Carlo Rex longobardorum, probabilmente Totone ne avrà anche avuti ma sicuramente gli eredi non li avranno dati ai servi liberati, optando per l'equivalente in argento. 

Link to post
Share on other sites

VALTERI

Dal manuale di Biaggi, magari un poco vecchio (1992), i tremissi di Carlo magno censiti, sono di sole 6 zecche ed estremamente rari, almeno per quanto pervenutici, dunque magari anche scarsamente prodotti .

Poichè i 'Totonidi' , dal post 1 " sembrano (ma questa è un'ipotesi da verificare) in possesso di denaro contante attraverso il quale possono esercitare l'attività di prestatori " , chissà che, a solo una ventina di anni dalla calata dei Franchi, non potessero avere in cassaforte un buon tesoretto di vecchi tremissi e/o di buoni solidi bizantini ?

001.jpg

Link to post
Share on other sites

Adelchi66

Sicuramente avendo mantenuto una posizione di prestigio anche sotto Carlomagno i Totonidi traghettarono il loro patrimonio dall' "amministrazione" di Desiderio a quella franca e certamente possedevano oro monetato longobardo e franco ma la "quaestio" era: con quale pezzatura furono liquidati i servi liberati? Ammettendo che tutto si sia svolto secondo le ultime volontà di Totone se io fossi stato uno dei discendenti avrei preferito pagare in argento piuttosto che con l'equivalente in oro, sempre che i denari carolingi fossero già disponibili sul territorio cosa che ritengo probabile. 

Edited by Adelchi66
Link to post
Share on other sites

VALTERI

Possiamo ben immaginare @Adelchi66 che Totone legando 1 solido, ne intendesse l'importo come moneta di conto e non come moneta reale .

Il pagamento in moneta corrente, presumibilmente da eseguirsi dall'arcidiocesi di Milano (unica erede), ove puntualmente corrisposto, concordo possa essere stato più facilmente  in nuovi denari d'argento carolingi .

Link to post
Share on other sites

Adelchi66

Aggiungo alcuni dati, a quanto pare le "foemine" della famiglia avevano e mantennero un ruolo di rilievo nell'amministrazione del patrimonio, oltre ai dati di archivio, lo si desume dai reperti superstiti del corredo di alcune tombe violate ab antiquo in San Zenone a Campione d'Italia, tra cui un anello che definirei ,forse esagerando, "sigillare" comunque simbolo di status elevato e di potere. 

 

 

 

 

Screenshot_20210117_211908.jpg

Screenshot_20210117_214021.jpg

Screenshot_20210117_214057.jpg

Screenshot_20210117_212247.jpg

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.