Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
commodo

PROVOCO

Risposte migliori

commodo

Ciao a tutti,

Chi mi sà dare più informazioni in merito a questa legge che dovrebbe essere stata rappresentata sul retro di questo denario di Porcius Laeca ?

Lex Porcia. The law so called was made by Porcius Laeca, tribune of the people in AD 453, in favour of Roman citizens, whom it exempted from being subjected to the ignominious punishment of the scourge.

Porcia Lex, says Cicero, virgus ab amnium civium Romanorum corpore amovit (Pro C. Rabir. c. iv). This example took place only in the cities, and was not allowed to prevail in the camp on behalf of the soldiers, who were entirely dependent on their general. An allusion to the law of appeal (Provocatio) offers itself on a coin of the Porcia family; on the obverse of which is the winged head of Minerva, with the legend P LAECA and ROMA. On the reverse is a figure in military dress; a Lictor behind crowning a citizen: on the exergue we read the word PROVOCO.

post-1231-1175331131_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vince960
Ciao a tutti,

Chi mi sà dare più informazioni in merito a questa legge che dovrebbe essere stata rappresentata sul retro di questo denario di Porcius Laeca ?

Lex Porcia. The law so called was made by Porcius Laeca, tribune of the people in AD 453, in favour of Roman citizens, whom it exempted from being subjected to the ignominious punishment of the scourge.

Porcia Lex, says Cicero, virgus ab amnium civium Romanorum corpore amovit (Pro C. Rabir. c. iv). This example took place only in the cities, and was not allowed to prevail in the camp on behalf of the soldiers, who were entirely dependent on their general. An allusion to the law of appeal (Provocatio) offers itself on a coin of the Porcia family; on the obverse of which is the winged head of Minerva, with the legend P LAECA and ROMA. On the reverse is a figure in military dress; a Lictor behind crowning a citizen: on the exergue we read the word PROVOCO.

214253[/snapback]

Salve. Una rapida scorsa della solita wikipedia mi ha rivelato che ci furono tre leggi promulgate da un 'Porzio'. La prima lex Porcia del 199 a.C. fu promulgata dal tribuno P. Porcius Laeca, e garantiva la possibilità di appello in caso di pena capitale. La seconda lex Porcia è del 195 di M. Porcius Cato e consentiva l'appello anche contro la fustigazione, mentre la terza del console L. Porcius Licinus nel 184 garantiva il diritto d'appello contro le sentenze capitali (sommarie) anche in tempo di guerra. La moneta in questione si riferisce alla prima lex Porcia, la citazione di Cicerone "Porcia lex virgas ab omnium civium Romanorum corpore amovit" mi sembra si debba riferire alla legge di Catone, e quindi non è pertinente con la moneta in questione (credo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

incuso
Supporter

proibiva la tortura di cittadini senza un'accusa e da quello che riporta wikipedia io ho capito che è la II

http://www.comune.bologna.it/iperbole/llga...na/civisrom.htm

http://www.daltramontoallalba.it/crudelta/flagellazione.htm

Modificato da incuso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Al R/ del denario è figurata la "lex de provocatione" che estendeva il diritto della provocatio, cioè di appello ad un giudice superiore, nelle cause criminali contro le decisioni del magistrato anche se in funzione di comandante militare: in pratica si concedeva all'accusato il diritto di appello al popolo contro le sentenze dei consoli e vietava ai littori di percuotere i cittadini con la verga in loro dotazione. Nella moneta infatti abbiamo un littore con una lunga verga nella mano destra e due più corte nella mano sinistra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva

Come è stato giustamente scritto, ai cittadini romani era stato concesso di "provocare ad populum". In altri termini, di opporsi all'esercizio del potere punitivo del magistrato, rivolgendosi a questo scopo al popolo riunito nei comizi. Probabilmente già concessa in età régia in alcuni casi particolari ed in via eccezionale dal rex, la possibilità di "provocare ad populum" divenne in età repubblicana un diritto: lo "ius provocationis". Sulla data, però, in cui questo diritto venne riconosciuto sono sorte numerose discussioni. Secondo alcuni, la lex Valeria sarebbe la lex Valeria Publicola approvata nel 509 a.C., il primo anno della Repubblica. Secondo altri, sarebbe la lex Valeria Horatia del 449 a.C., anno della cacciata dei decemviri. Secondo altri ancora, sarebbe la lex Valeria de provocatione del 300 a.C.

Da quando la provocatio entrò nella consuetudine giuridica della Repubblica Romana, le esecuzioni capitali finirono con il diventare, a Roma, degli eventi del tutto eccezionali (gli accusati, di solito, prendevano la via dell'esilio prima del verdetto): dopo il 90 a.C. (data dell'ultima esecuzione registrata dalle fonti), a Roma la pena di morte venne inflitta solamente in circostanze straordinarie come la congiura di Catilina.

Tutto ciò, però, non significa che in età repubblicana la pena di morte scomparve. La "securi percussio" (decapitazione con la scure), infatti, continuò ad essere usata per uccidere non solo i soldati insubordinati e ribelli, ma anche i prigionieri di guerra, quando venivano messi a morte in città, e per eseguire le sentenze pronunziate dal dictator, che non erano soggette a provocatio.

Durante il principato ed in età imperiale, poi, le esecuzioni ripresero e si moltiplicarono anche in conseguenza del fatto che nemmeno le sentenze imperiali e quelle senatorie erano soggette a provocatio.

La lex Porcia di cui in questa discussione si tratta si colloca all'interno dell'istituto dello "ius provocationis" a cui ho fatto riferimento.

Modificato da minerva

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Trovo incredibilmente affascinante il linguaggio metaforico con cui i romani hanno descritto il contenuto di questa importante legge. Apparentemente sono tre figurine mal incise. Invece a sinistra c'è il cittadino togato, colui che ricorre, credo, nel mezzo il militare che vorrebbe applicare la pena o la condanna, contro cui il togato ricorre. E' alto ed arrogante. Dietro di lui, piccolino perché figura accessoria, il littore o il soldato che simboleggia l'autorità militare.

Ne posto un secondo col rovescio piuttosto nitido, cosa abbastanza rara in questa emissione.

Caius

post-705-1175433590_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×