Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
letizia

Genovese?

Questa l'ho trovata a Castelnuovo Magra SP sempre negli uliveti, qualcuno riconosce il tipo? cioè nome della moneta e quale valore puà avere? Mi pare che sia d'Argento, o comunque una mistura tipica del '300 o giù di li.

post-6151-1188596991_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lo stemma e' quello dei Cybo Malaspina... dovrebbe essere un bolognino di Massa di Lunigiana, ma altri saranno piu' precisi.

Ma non stai trovando un po' "troppe" monete? :huh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lo stemma e' quello dei Cybo Malaspina... dovrebbe essere un bolognino di Massa di Lunigiana, ma altri saranno piu' precisi.

Ma non stai trovando un po' "troppe" monete?  :huh:

257301[/snapback]

Heheheh, avg, ricorda, ritrovamenti fortuiti :huh: :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chi cerca trova!!! Brava Letizia ;) :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma il periodo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

ciao,

difficile stabilire il periodo, la moneta è troppo usurata. Tra l'altro si nota un braccio della croce spostato. Forse ribattuta o frattura di conio.

Brani di leggenda:" + IN . H.....SIG..."

fan pensare a "IN HOC SIGNO etc".

Non è detto che sia stata battuta a Massa. I Malaspina avevano diversi feudi.

Ci vorrebbe il Biaggi :rolleyes:

Modificato da bavastro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Non avendo testi a disposizione e' difficile dare riferimenti precisi, vista anche la conservazione.

Sul web trovo che l'iscrizione del R. dovrebbe essere qualcosa del tipo:

+ IN HAC GLORIARI OPPORT

ll periodo e' attorno al fine XVI-XVII secolo

Chi cerca trova!!!  Brava Letizia  ;)  :P

257356[/snapback]

Per quanto riguarda questo punto, rimando a quanto gia' detto in altre discussioni quali questa:

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=23483&st=8

Modificato da avgvstvs

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chi cerca trova!!!  Brava Letizia  ;)  :P

257356[/snapback]

Per quanto riguarda questo punto, rimando a quanto gia' detto in altre discussioni quali questa:

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=23483&st=8

257407[/snapback]

Hai ragione!! meglio lasciare marcire tutto sotto terra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Evidentemente in questo forum c'è gente che o non ci sente o non ci vuole sentire.

IN ITALIA, AI SENSI DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE, E' VIETATA AI PRIVATI LA RICERCA DI COSE DI INTERESSE ARCHEOLOGICO. Punto e basta.

Se il messaggio non viene recepito, si provvederà alla chiusura della discussione e se necessario a ulteriori misure disciplinari. Odio essere scortese e pedante, ma non ci arrivate da soli che lo staff non può tollerare pubblici incitamenti alla violazione delle leggi ???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per tua informazione è vietato cercare in zone archeologiche, non nell'uliveto di mio nonno, cercare col metaldetector non è vietato da nessuna legge. E tutto ciò è confermato dalle autorità che ben mi conoscono in queste zone. Comunque ho capito bene il messaggio, dalla prossima volta bisogna che scriva cose del tipo mio cugino ha una moneta e vuole che gliela identifico, oppure mi hanno regalato una moneta che vorrei identificare..Così siamo tutti più contenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per tua informazione è vietato cercare in zone archeologiche, non nell'uliveto di mio nonno, cercare col metaldetector non è vietato da nessuna legge.

257926[/snapback]

Esattamente. Per tua informazione, in Italia, ai sensi della legislazione vigente, è VIETATA AI PRIVATI LA RICERCA DI COSE DI INTERESSE ARCHEOLOGICO. Con il metal detector, il telemetro laser, via satellite e anche con la bacchetta del rabdomante. In zone archeologiche e anche FUORI dalle zone archeologiche. A parte questo l'uso del MD è perfettamente legittimo, purchè si abbia il consenso del proprietario del fondo. Questo dice la legge. Coda di paglia?

P.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Solo ora leggo le risposte più o meno fantasiose sull'identificazione di questa moneta.

Si tratta certamente e senza dubbio alcuno di un bolognino fatto coniare nella zecca di Massa di Lunigiana da Alberico I Cybo-Malaspina.

Il periodo è facilmente identificabile, altrochè, dato che i bolognini furono coniati da Alberico con il titolo di principe e quindi dopo il 1568.

Nella fattispecie il bolognino in foto pare essere di quelli senza data e con stemma semiovale.

La sua corretta classificazione è la seguente (sciolgo le leggende dato che non sono sull'esemplare del tutto leggibili):

C.N.I. 219/239

D:/ ALBERICVS ∙ CYBO ∙ MALASPINA ∙ MASSAE ∙ PRINCEPS ∙ I

(come detto sopra in realtà la leggenda appare abbreviata, vi sono tra l'altro molte e diverse abbreviazioni)

“Alberico Cybo Malaspina primo principe di Massa”

Stemma Cybo semiovale sormontato da corona.

R:/ + IN ∙ HAC ∙ GLORIARI ∙ OPORTET

“Di questa ci si deve gloriare”

Croce patente in cornice di sette centine.

La moneta nella conservazione in cui si trova non riveste un particolare interesse

ed il suo valore commerciale ne risulta pesantemente compromesso (20-30 Euro, esemplari simili ultimamente sono stati proposti a 25 euro e sono rimasti invenduti).

Importante invece il valore storico, tanto più se si pensa che i ritrovamenti di monete albericiane sono evento veramente raro e difficilmente documentato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?