Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
sovietpilot

Pulizia e Restauro questi sconosciuti

Salve a tutti, mi chiamo roberto e sono un nuovo inscritto appassionato di monetazione classica Greco-Romana avrei bisogno di qualche consiglio aggiornato sul tema "pulizie di primavera".

Premessa:Non inorridite ma nel 2007 non ho intenzione di usare il metoto "Mettiti le mani in tasca" , il termine pulire per me non vuol dire alterare ,spatinare, distruggere o ritoccare ne monete ma solo poterle conservare e fruirle nel miglior modo possibile .

Venuto in possesso di collezione di famiglia (risalente a circa 120 anni) ed esaminatala mi sono accorto che parecchi pezzi necessitano del "tagliando" , per presenza di terra, sporco o concrezioni, poichè su vari siti e presso altri amici appassionati ne ho sentite a decine, più o meno invasive e vi chiedo informazioni sul seguente "decalogo".

-Acqua distillata e spazzolino (Lenta ma efficace, alla lunga (mesi) porta alla luce il bronzo originale della moneta) :rolleyes:

-Olio di oliva e spazzolino (Funziona ma l'olio potrebbe penetrare nelle fessure del metallo ed "impuzzolentire" la moneta inacidendosi , inoltre di difficile rimozione anche col TSP) ;)

-Olii minerali vari(Come sopra e scuriscono le patine) <_<

-Acqua ossiggenata(la moneta , una volta trattata anche se ripristinata in olio di vasellina dopo il trattamento assume un colorito spento e verdognolo) :o

-Leggerissime concentrazioni di acido nitrico , fosforico o solforico (1%) in acqua distillata per brevissimi intervalli, giusto per "smuovere appena" lo sporco e poi proseguire con altro (intaccano comunque il metallo della moneta) :(

-Olio di vasellina (secondo mè non funziona bene perchè non penetra nello sporco e non lo ammorbidisce , poi moneta risulta troppo untuosa) :huh:

-Dripping(Sgocciolamento , da approfondire , anzi se qualcuno ne sà qualcosa ;)

-Sostanze varie (Sesquicarbonato,TSP,Benzotriazolo ecc. , difficile reperibilità controindicazioni all'uso) ;)

-Limone,aceto,bicarbonato,dentifricio, (troppo aggessivi per il bronzo) :o

-Vulpex , Gringrott , Sidol , cillit , coca cola e liquidi pulenti vari (nemmeno a parlarne) :o

-Alcool etilico , o puro (mai provato, qualcuno ha sperimentato) :unsure:

-Olii spray deccappanti (scuriscono le patine)

-Rimozione sporco con colle (Potrebbe strappare la patina buona) :unsure:

-Congelamento o riscaldamento (Se la patina non è stabile fai danni) :o

-Rimozione meccanica (Bisturi, attrezzi dentistici e microscopio) :D

-Ritrovati alchemici :o

-Metodi della Nonna (ceneri di legni particolari sfregati sulle monete) :o

-Penne con punta in vetro ceramica. :o

-Altro (Il laser non sono riuscito a procurarmelo) :D

Come avete capito per me si tratta di sfida e dannazione, io i metodi sopra esposti li ho provati tutti e vorrei scambiare esperienze ed opinoni, sono in grado di fornire dettagli precisi per l'effettuazione delle operazioni.

Qualcuno a qualcosa di diverso da suggerirmi ???

Qualcuno è in grado di retrofittarmi sul Dripping ???

P.S. Qualcuno è in possesso dell'articolo di Roberto Taito apparso su C.N. nr 140 dl 2002, vorrei leggerlo ma non sono riuscito a procuramelo.

Se qualcuno lo scannerizza e me lo posta avrà il mio ringraziamento imperituro ed eterno.(grazie anticipate :D )

Preso invierò le foto dei D e R per contribure al sito degli identificatori istantanei.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao roberto e benvenuto nel forum :)

premesso che per me si parla di pulizia solo se la moneta antica e coperta da polvere o terriccio, l'unico sistema che mi pare non invasivo è l'acqua distillata, ma senza spazzolino (che rischi di asportare la patina).

Comunque se hai provato tutti quei sistemi, resto in attesa di vedere le foto dei risultati ottenuti. :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma c'è qualcuno ?

Devo dedurre che o la pulizia non interessa o siete fautori della pulizia fatta con le mani in tasca?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Premesso che nel forum ci sono molti utenti che considerano nessuna pulizia la pulizia migliore, ciascuno dei metodi che hai citato (ad eccezione del fantomatico "dripping" che non ho mai sentito nominare prima) richiederebbe una discussione approfondita dei pro (se ci sono) e dei contro. Hai già provato a cercare sul forum i risultati delle precedenti discussioni? Visto che sei forse l'unico qui dentro che ha provato tutti i metodi elencati, perchè non provi a fare tu stesso una sintesi delle tue conclusioni? Potrebbe essere la volta buono per sistematizzare le nostre conoscenze sperimentali su metodi un po' più "esoterici". Posto comunque che un buon punto di partenza sono sempre i MANUALI.

Ciao, P. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, secondo me, ogni moneta (a parte che meno si toccano e meglio è) deve essere pulita con un "suo" metodo e non si puo generalizzare. l'acqua distillata va sempre bene, si scioglie lo sporco se ce migliorando i particolari.

Cosa sarebbe il Dripping?.

Altra sistema puo essere l'elettrolisi, (con e senza corrente).

puo succedere che un sistema efficacissimo per una moneta e dannoso per un altra e quindi e difficile generalizzare.

posto la foto di una moneta di Probo che ultimamente ho pulito con l'elettrolisi. i risultati sono stati eccezionali, visto anche lo stato delle incrostazioni presenti sulla moneta (peccato non l'ho fotografata).

non posto pero un altra moneta di Aureliano che sottoposta al solito metodo a evidenziato danni irreparabili sul rovesvcio della moneta, forse (?) dovuti al metodo di pulizia (e affiorato il cancro del bronzo su buona parte della moneta) forse con l'acqua distillata la moneta sarebbe rimasta godibile anche se non del tutto leggibile.

Concludendo meglio far poco (non niente), ma poco.

Ciao Alberto

post-195-1195756662_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

l'altro lato.

post-195-1195756718_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

scusa Alberto, ma non so trattenermi :P : io e Dimitrios facciamo foto proprio brutte, ma anche tu non scherzi :P :P (antoniniani blu ?). Comunque benvenuto nel gruppo :lol: :lol: :lol:

Modificato da mmon

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la risposta , Paleologo, vorrei inviare qualche foto al forum per documentarvi i miei work in progress con i vari metodi utilizzati , con pro e contro ma se non erro (???) la dimesione max degli allegati è di 65 kb?????? <_<

Le mie foto sono dal 2 mb in su come faccio ? :blink:

Chi mi sà dire qualcosa su questo sesterzio/medaglione ?? non so se ce la fa ma provo ad inviarlo lo stesso.

Per quanto riguarda il "dripping" sò per certo che è un metodo di pulizia molto efficace, utilizzato dai restauratori professionali , ma la mia fonte ha bocca cucita, sarà siciliano forse. Se digitate la parola su motori di ricerca vari appare qualcosa ma non ci sono dettagli.

:ph34r: :ph34r: :ph34r:

Saluti Sovietpilot

Attendo reply................

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

questo è quello che ho trovato su internet per "dripping"

"Professional dealers often offer a coin cleaning service using a method called "dripping" that should not be attempted by an amateur".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve anche i miei amici all'opifico non parlano, o non ne sannno nulla o hanno stretto un patto di non divulgazione ;) In effetti non si capisce, mi dicono solo che se dripping è sgocciolare farebbe pensare a cose come l'imersione dell'oggetto dentro sostanze liquide per poi esserne liberato senza strofinamento ma solo per sgocciolatura o addirittura per soffiaggio, un pò come quando soffio sugli occhiali per liberarli dalle grosse goccie d'acqua di pioggia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per l'inserimento di immagini prova a dare un'occhiata qui

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, in quanto alle foto, il blu deriva dal fatto che ultimamente fa freddo...... :lol:

La luce e veramente importante, assicuro che il colore e scuro ma non blu.

Cerchero di migliorare.

Ciao ALberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io sto usando l'elettrolisi in questi giorni...

ho dei dubbi:

1-come faccio a sapere con certezza a quale polo mettere la moneta e a quale il cucchiaio?

2-quanto bicarbonato o sale metto per 1/2 litro d'acqua?

3-quanto tempo va tenuta la moneta a friggere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nuovi esperimenti con acqua ossiggenata.

Avevo scartato il metodo tempo fa , in quanto il metodo (immersione fino a che l'acqua non frizza più), determinava alla fine una sorta di patina verde chiaro spento sulle monete ed il ripristino, con ammollo in olio di vasellina per una notte, dava solo un tocco di lucentezza e "vitalità"

GRANDE SCOPERTA; chi aveva testato il metodo dell'a.o. aveva pubblicato i suoi esperimenti dicendo che, se monete erano state trattate prima con l'olio, il metodo non funzionava.

Presi due "cadaveri greci" dopo circa 6 mesi di trattamento in olio e "not results" prima di seppellirli definitivamente le ho passate in alcool isopropolico per asportare olio e acqua di condensa e poi immerse in a.o. stabilizzata a 10 volumi per tre giorni e .......

Sorpresa !!!!

La "cresciuta", inespugniabile prima, veniva via (con una spina di acacia) molto facilmente, e con 4 cicli di immersione e scrubbing ,ho riportato alla luce una buona hemi-litra Siracusana (c.a. 400 bc).

L'altro cadavere invece , si è pulito solo parzialmente , credo poiche la "cresciuta" non era di natura "organica" ma di provenienza ossidativa.

Colpo di c.... o qualcuno mi erudisce con appropiate spiegazioni ???

Grazie. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ah dimenticavo x T3NAX.......

Positivo/Filo Rosso/barra di metallo

Negativo/filo Nero/moneta

tempo dai 5 ai 15 minuti a seconda dell'intensità (milliampere utilizzati) della corrente controlla a vista!

Occhio a non far danni a te e alle monete e dai un'occhiata all'allegato.

Saluti :D

P.s. se servono dettagli più precisi sono a disposizione (la trattazione originale è molto più grande e per motivi di spazio dell'allegato ho dovuto sforbiciare parecchio)

Nuovo_Documento_di_Microsoft_Word.doc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tra i vari metodi ne ho visti alcuni devastanti-l'olio d'oliva per esempio,contiene acidi che col tempo si mangiano e patina e metallo-l'elettrolisi la userei solo su argento o addio patina-l'olio di vaselina lo considero il meglio ed esiste anche in forma liquida (maggiore penetrazione)

l'untuosità dopo un giorno d'ammollo, si toglie con uno straccio,tanto le porosità sono sature

con bisturi e paglietta 00 e spazzola ottone si tolgono incrostazioni spesse(estrema cautela e esperienza)risultati eccellenti senza dropping

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono d'accordo con marchemilio, olio oliva max x 2/3 mesi.

Spazzola ottone ok, anche se la moneta va risciacquata in acqua distillata, perchè l'ottone , più morbido del bronzo, lascia qualche scoria dorata sulla moneta.

Ho qualche perplessità sulla paglietta acciaio 00, la usi solo inizialmente sulle incrostazioni di terra o anche quando sei arrivato a buon punto del restauro ma c'è ancora qualche incrostazione più dura ???

Io sto continuando con i cicli di acqua distillata dopo acqua ossigenata e viceversa , i risultati sono sempre in miglioramento, ogli volta che alterno il metodo sulla stessa moneta e la ripulisco con uno straccio di cotone, la stessa diventa sempre più leggibile (conservano la patina intatta !!!).

Credo sia il metodo migliore fra gli innumerevoli metodi provati, anche se molto lungo (alcune monete le ho a bagno da 8 mesi)

Saluti Sovietpilot

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma le foto? :huh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fine del processo di pulizia !!!! :P :P :P

Trattamento: bagni alternati in acqua ossiggenata e acqua distillata

Tempo di trattamento: circa 9 mesi per gli esemplari più sporchi

Strumenti aggiuntivi: Spine di cactus , bisturi , punte ad ago.

Risultato: Tutto lo sporco naturale (organico) è andato via, lasciando le patine

intatte, chiaramente non tutte le monete sono Spl , dipende dal loro

stato iniziale di conservazione, ma almeno ora posso catalogarle.

Sono soddisfatto dei risultati, anche se ci vuole parecchio tempo, ed il metodo non agisce sulle ossidazioni "pesanti", speravo in qualche aiuto da parte dei "chimici-alchimisti" del sito ma......................... "nemo propheta in patria ".

Non posto le foto perchè non ho un programma per la riduzione nè saprei dove trovarlo (le mie foto sono circa 2 MB)

Perchè gli administator non ne mettono uno scaricabile o utilizzabile magari solo nel sito indicando dove è ? ( Suggerimento )

Saluti a risentirci al prossimo esperimento.

Sovietpilot :)

:beerchug: :beerchug: :beerchug:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
Non posto le foto perchè non ho un programma per la riduzione nè saprei dove trovarlo (le mie foto sono circa 2 MB)

Perchè gli administator non ne mettono uno scaricabile o utilizzabile magari solo nel sito indicando dove è ? ( Suggerimento )

Perché è già stato fatto :D

http://www.lamonetapedia.it/index.php/Ridi...re_una_immagine

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma questi bagni alternati acqua ossigenata e acqua distillata quanto devono durare tra un ciclo e l'altro? vale anche pert le monete in rame ein mistura d'argento del XVIII sec?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma questi bagni alternati acqua ossigenata e acqua distillata quanto devono durare tra un ciclo e l'altro? vale anche pert le monete in rame ein mistura d'argento del XVIII sec?

Non conosco gli effetti della sola acqua ossigenata (perossido di idrogeno 3-6%) ma so invece che viene aggiunta talvolta per potenziare alcune miscele impiegate nella pulizia dei metalli.

Per rimuovere semplice sporcizia consiglio l'uso di acqua demineralizzata o deionizzata e semplice sapone detergente.

Per rimuovere invece ossidazioni più tenaci occorre prima stabilire la natura dell'incrostazione da rimuovere, lo stato conservativo della moneta, etc.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?