Jump to content
IGNORED

Cataloghi numismatici a colori


Fid
 Share

Recommended Posts

il "Coins of England" è un bel catalogo sulle monete inglesi di oltre 560 Pg (costo £ 25!)

il "Le Franc" è un bel catalogo sulle monete francesi di circa 560 Pg (costo 29€!)

il "Red Book" è un bel catalogo di oltre 400 Pg (costo solo 20$!!)

vi ho fatto l'esempio di tre cataloghi commerciali che pubblicano (come il Gigante,il Montenegro e l'Alfa) le monete del proprio paese

Cosa aspettano i nostri editori a pubblicare un bel catalogo della monetazione italiana interamente con immagini a colori e ad alta definizione ???

Utilizzo pochissimo i cataloghi commerciali in commercio ma li sfoglio volentieri e dal mio punto di vista posso assicurarvi che sfogliare un "coins of england" o un "leFranc" con quelle stupende immagini perfette e a colori da tutta un' altra soddisfazione

reputo che sarebbe una gran cosa per tutti i collezionisti (sopratutto i neofiti) dotare il mercato italiano di un catalogo interamente a colori e ad alta definizione così come quelli da me citati.

Sarà possibile in Italia?

speriamo di si

altra cosa strana è la pubblicazione anno per anno dei nostri cataloghi

ma cosa volete che cambi dopo soli 12 mesi?!!

non sarebbe preferibile una pubblicazione (anche leggermente più costosa) a colori ogni 2 anni??

speriamo che questa discussione dia spunti e suggerimenti

Edited by Ieronimoy
Link to comment
Share on other sites


  • Replies 51
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Fid

    18

  • incuso

    9

  • piergi00

    6

  • Alberto Varesi

    4

Guest carledo49

Concordo pienamente con te; è una carenza tutta italiana. A volte, nei nostri cataloghi, non si riesce a distinguere dei vistosi particolari neppure con la lente di ingrandimento, figuriamoci se poi si deve scendere nel dettaglio. Solo foto scarsamente definite e rigorosamente in bianco e nero.

Carlo

Link to comment
Share on other sites

Cosa aspettano i nostri editori a pubblicare un bel catalogo della monetazione italiana interamente con immagini a colori e ad alta definizione ???

Probabilmente e' un mero fatto di mercato ;)

Se il prezzo da pagare per avere cataloghi con foto di qualita' e a colori e' il raddoppio del costo al pubblico , temo che non tutti sarebbero disposti ad acquistarli

Anche i costi attuali , non cosi' alti, frenano le vendite

Inoltre le tirature non sono certo a livello di quelle inglesi, francesi ed americane che possono permettere agli editori un tale prezzo di copertina.

Se si e' alla ricerca di migliori immagini e di studi piu' profondi bisogna rivolgersi a ben altre opere gia' in parte esistenti che richiedono agli acquirenti un maggior sforzo economico.

Edited by piergi00
Link to comment
Share on other sites


Inoltre le tirature non sono certo a livello di quelle inglesi, francesi ed americane che possono permettere agli editori un tale prezzo di copertina.

346285[/snapback]

Hai sicuramente ragione, e questo è un problema sempre presente nell'editoria di lingue di nicchia, come è l'italiano: i costi di produzione (traduzione, revisione, stampa ecc.) vanno a gravare su relativamente poche copie e quindi incidono molto di più sul prezzo finale.

E' anche vero però che se si usasse un po' di buona volontà, se nel corso degli anni ci si fosse impegnati un po' di più, si fossero gradatamente sostituite foto risalenti a 40 e più anni fa (Bobba...), invece di inventarsi nuove classificazioni, adesso avremmo dei cataloghi un po' più decenti, nei quali si capirebbe che l'oggetto rappresentato è una moneta e non un treno merci :P :P

Sono anche convinto che se per altri cataloghi, già ora dotati di immagini ben più decenti, si facesse uno sforzo, anche graduale, per sostituire le immagini attuali con altre a risoluzione migliore, gli utenti sarebbero ben disposti a spendere qualche euro in più, visto che otterrebbero in cambio uno strumento molto più utile.

Link to comment
Share on other sites


Inoltre le tirature non sono certo a livello di quelle inglesi, francesi ed americane che possono permettere agli editori un tale prezzo di copertina.

346285[/snapback]

Hai sicuramente ragione, e questo è un problema sempre presente nell'editoria di lingue di nicchia, come è l'italiano: i costi di produzione (traduzione, revisione, stampa ecc.) vanno a gravare su relativamente poche copie e quindi incidono molto di più sul prezzo finale.

E' anche vero però che se si usasse un po' di buona volontà, se nel corso degli anni ci si fosse impegnati un po' di più, si fossero gradatamente sostituite foto risalenti a 40 e più anni fa (Bobba...), invece di inventarsi nuove classificazioni, adesso avremmo dei cataloghi un po' più decenti, nei quali si capirebbe che l'oggetto rappresentato è una moneta e non un treno merci :P :P

Sono anche convinto che se per altri cataloghi, già ora dotati di immagini ben più decenti, si facesse uno sforzo, anche graduale, per sostituire le immagini attuali con altre a risoluzione migliore, gli utenti sarebbero ben disposti a spendere qualche euro in più, visto che otterrebbero in cambio uno strumento molto più utile.

346373[/snapback]

Magari aggiungendo foto dei bordi e spessore degli stessi, anche.

Ciao Giò :D :D :P

Link to comment
Share on other sites

Awards

  • ADMIN
Staff

Dopo aver avuto tra le mani un "Le Franc" non posso che condividere quanto espresso da Ieronimoy. Aggiungerei anche che non solo le foto sono a colori ma spesso vi sono piú foto per le differenti varianti e per alcuni dettagli e una descrizione ragionevolmente analitica dei differenti stati di conservazione.

Se esistesse una pubblicazione del genere in Italia non avrei dubbi sull'acquisto periodico :)

Peraltro esce ogni due anni, se non erro, di conseguenza il discorso tirature andrebbe anche meditato in questa ottica; perlomeno, io non acquisto il catalogo tutti gli anni e come me credo facciano molti collezionisti.

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Una piccola correzione, il red book costa 11 dollari pari a 7 euri! :lol:

Link to comment
Share on other sites


"altra cosa strana è la pubblicazione anno per anno dei nostri cataloghi

ma cosa volete che cambi dopo soli 12 mesi?!!

non sarebbe preferibile una pubblicazione (anche leggermente più costosa) a colori ogni 2 anni??"

Concordo pienamente e lo dissi anche a "Cronaca" di qualche tempo fa, durante una della interviste che fanno agli operatori a Verona; l'intervista uscì e qualcuno non gradì (fa anche rima :) :) )

Le foto a colori appagano molto di più l'occhio, ovviamente, ma i costi cambiano completamente (più del doppio, almeno 2,5 volte) e viste le tirature, in alcuni casi non basse ma certo differenti da quelle francesi, tedesche o inglesi/anglosassoni.....

Per aver un buon risultato in termini di qualità e di omogeneità delle foto bisognerebbe poter disporre di fotografie originali, non di riproduzioni di cataloghi (uno scuro, l'altro chiaro, uno con foto contrastate, l'altro con foto "morbide", uno tendente al rossiccio, l'atro con tanto blu ecc. ecc.); diversamente si spenderebbero tanti soldi per un miglioramento "parziale"

Link to comment
Share on other sites


Supporter
Cosa aspettano i nostri editori a pubblicare un bel catalogo della monetazione italiana interamente con immagini a colori e ad alta definizione ???

Probabilmente e' un mero fatto di mercato  ;)

Se il prezzo da pagare per avere cataloghi con foto di qualita' e a colori e' il raddoppio del costo al pubblico , temo che non tutti sarebbero disposti ad acquistarli

Anche i costi attuali , non cosi' alti, frenano le vendite

Inoltre le tirature non sono certo a livello di quelle inglesi, francesi ed americane che possono permettere agli editori un tale prezzo di copertina.

Se si e' alla ricerca di migliori immagini e di studi piu' profondi bisogna rivolgersi a ben altre opere gia' in parte esistenti che richiedono agli acquirenti un maggior sforzo economico.

346285[/snapback]

E' vero anche che a volte la domanda è stimolata dall'offerta. Non è che manca un po' di coraggio tra gli editori?

Link to comment
Share on other sites


E' vero anche che a volte la domanda è stimolata dall'offerta. Non è che manca un po' di coraggio tra gli editori?

346404[/snapback]

Forse, ma è comprensibile; la differenza tra 20.000 e 45-50.000 Euro non è proprio una "quisquiglia"

Link to comment
Share on other sites


Concordo pienamente e lo dissi anche a "Cronaca" di qualche tempo fa, durante una della interviste che fanno agli operatori a Verona; l'intervista uscì e qualcuno non gradì (fa anche rima  :)  :) )

346403[/snapback]

Scommetto che quei qualcuno erano proprio gli editori dei Cataloghi :lol: :lol: :lol:

Link to comment
Share on other sites


Scusatemi se la domanda può sembrare banale ma penso che l'autore di un qualsiasi catalogo sicuramente ci guadagna qualcosa e non può rimetterci altrimenti non avrebbe senso;mase quindi i cataloghi di oggi fanno schifo,e talvolta sono molto carenti di informazioni anche basilari che noi qui sul forum abbiamo,non potremmo costruire noi del forum un CATALOGO LAMONETA,cartaceo simile com impostazione al Montenegro o al gigante o a quello che volete voi ma con l'aggiunta di tutte quelle informazioni che qui sul forum circolano ogni giorno,con l'aggiunta di queste benedette foto a colori,con i prezzi di stima delle monete una volta tanto aderenti ai reali prezzi di mercato tenendo conto che alla fine i prezzi sappiamo tutti che variano da transazione a transizione... questa iniziativa potrebbe poi finanziare i costi di mantenimentdel sito perchè anche se non sono pratico penso che qualcuno che debba gestirlo e qualcosa da pagare debba esserci...i costi di produzione se ritenuti alti potrebbero poi essere alleggeriti stampando un catalogo ogni 2/3 anni e con l'aiuto di una sezione finale dedicata agli sponsor che potrebbero finanziare tale iniziativa ovvero l numismatiche di tutta italia che da parte loro avrebbero poi una pubblicità sullo stesso catalogo.

Se ho detto qualche ca.....ta ditelo pure,vediamo un po' cosa ne pensate,il lavoro non sarebbe penso così ingente in quanto un catalogo on-line esiste già e basterebbe esportarlo sulla carta con qualche ritocco.

Link to comment
Share on other sites


Concordo pienamente e lo dissi anche a "Cronaca" di qualche tempo fa, durante una della interviste che fanno agli operatori a Verona; l'intervista uscì e qualcuno non gradì (fa anche rima  :)  :) )

346403[/snapback]

Scommetto che quei qualcuno erano proprio gli editori dei Cataloghi :lol: :lol: :lol:

346410[/snapback]

YES...

Scusatemi se la domanda può sembrare banale ma penso che  l'autore di un qualsiasi catalogo sicuramente ci guadagna qualcosa e non può rimetterci altrimenti non avrebbe senso;mase quindi i cataloghi di oggi fanno schifo,e talvolta sono molto carenti di informazioni anche basilari che noi qui sul forum abbiamo,non potremmo costruire noi del forum un CATALOGO LAMONETA,cartaceo simile com impostazione al Montenegro o al gigante o a quello che volete voi ma con l'aggiunta di tutte quelle informazioni che qui sul forum circolano ogni giorno,con l'aggiunta di queste benedette foto a colori,con i prezzi di stima delle monete una volta tanto aderenti ai reali prezzi di mercato tenendo conto che alla fine i prezzi sappiamo tutti che variano da transazione a transizione... questa iniziativa potrebbe poi finanziare i costi di mantenimentdel sito perchè anche se non sono pratico penso che qualcuno che debba gestirlo e qualcosa da pagare debba esserci...i costi di produzione se ritenuti alti potrebbero poi essere alleggeriti stampando un catalogo ogni 2/3 anni e con l'aiuto di una sezione finale dedicata agli sponsor che potrebbero finanziare tale iniziativa ovvero l numismatiche di tutta italia che da parte loro avrebbero poi una pubblicità sullo stesso catalogo.

Se ho detto qualche ca.....ta ditelo pure,vediamo un po' cosa ne pensate,il lavoro non sarebbe penso così ingente in quanto un catalogo on-line esiste già e basterebbe esportarlo sulla carta con qualche ritocco.

346412[/snapback]

Nessuna cavolata, anzi, è un'idea. Hai lanciato il sasso nello stagno, come si usa dire, vediamo se avrà un seguito.

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Beh, non è che i prezzari attuali facciano schifo, anzi. Le foto sì che non sono un gran che purtroppo.

Certo dal punto di vista fotografico, i cataloghi online di lamoneta sono viceversa una buona soluzione per il problema, ma ammetto che anche io preferisco sfogliare un libro piú che un sito web :lol:

In passato ho lavorato ad una versione PDF e quindi stampabile del catalogo; è ancora incompleta e non prevedo di proseguire (a breve).

In realtà anche alcune sezioni sono ancora incomplete ma diamo tempo al tempo (volontari cercasi sempre!).

Il problema vero sono le valutazioni. Chi le mette e soprattutto le mantiene? Già adesso il catalogo contiene numerosi passaggi d'asta delle monete e tuttavia alcuni miei inviti per cercare collaboratori sono regolarmente caduti nel vuoto...

Link to comment
Share on other sites


altra cosa strana è la pubblicazione anno per anno dei nostri cataloghi

ma cosa volete che cambi dopo soli 12 mesi?!!

non sarebbe preferibile una pubblicazione (anche leggermente più costosa) a colori ogni 2 anni??

Concordo pienamente e lo dissi anche a "Cronaca" di qualche tempo fa, durante una della interviste che fanno agli operatori a Verona; l'intervista uscì e qualcuno non gradì (fa anche rima :) :) )

Le foto a colori appagano molto di più l'occhio, ovviamente, ma i costi cambiano completamente (più del doppio, almeno 2,5 volte) e viste le tirature, in alcuni casi non basse ma certo differenti da quelle francesi, tedesche o inglesi/anglosassoni.....

Per aver un buon risultato in termini di qualità e di omogeneità delle foto bisognerebbe poter disporre di fotografie originali, non di riproduzioni di cataloghi (uno scuro, l'altro chiaro, uno con foto contrastate, l'altro con foto "morbide", uno tendente al rossiccio, l'atro con tanto blu ecc. ecc.); diversamente si spenderebbero tanti soldi per un miglioramento "parziale"

346403[/snapback]

infatti, sarebbero sicuramente necessarie un bel po' di foto ed il lavoro di realizzazione sarebbe consistente ma non dovrebbe essere qualcosa di impossibile o di estremamente difficoltoso. I cataloghi possono aggiornarsi con il trascorrere del tempo e non è detto che il primo catalogo a colori pubblicato in Italia debba avere necessariamente tutte le immagini a colori

inoltre,con una pubblicazione ogni due anni e con l'utilizzo del colore, siamo proprio sicuri che l'iniziativa non sarebbe un successo editoriale?

il "leFranc VII " mi è costato 29€, ha la copertina rigida, possiede oltre 550 pg ed il colore non è usato solo nelle immagini ma persino nell'impaginazione

volendo sostenere che in Italia un catalogo costerebbe molto di più dei 29€ del "LeFranc" (facciamo 40€) ma siamo proprio sicuri che la massa dei collezionisti non spenderebbero quel qualcosa in più (il prezzo di 2-3 pizze) ogni due anni per avere un opera con gli attributi?

siamo sicuri che i collezionisti preferirebbero spendere 20€ per un catalogo sempre uguale e sempre in bianco e nero invece che spendere 40€ ogni due anni per avere un lavoro nuovo e di gran lunga migliore ????

Edited by Ieronimoy
Link to comment
Share on other sites


Una piccola correzione, il red book costa 11 dollari pari a 7 euri! :lol:

346398[/snapback]

nel mio è riportato $ 19.95/$ 23.60 can. anche se ricordo di aver speso qualcosa in meno, probabilmente la differenza di prezzo consiste nella versione del Red Book (credo che il mio sia "hardcover")

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

http://www.amazon.com/Official-Red-Book-Un...11373163&sr=1-3

Intendi questo no? Comunque da 11 a 20 la differenza è risibile. Non l'ho mai avuto in mano, devo provvedere...

Link to comment
Share on other sites


no, è esattamente quest'altro del 2008, anche se il prezzo indicato sul retro del catalogo non coincide con il prezzo di Amazon

51aKifxmqNL._SL500_AA240_.jpg

quando l'ho acquistato pensavo di ritrovarlo rilegato senza le "spirali" dell' edizione economica, purtroppo quando l'ho ricevuto ho scoperto che l'unica differenza con l'economico è che le spirali (presenti anche nel mio) non sono visibili dall'esterno.

Per intenderci ti posto la foto della versione più a buon prezzo

51aqluZFWbL._SL500_AA240_.jpg

chiaramente stiamo parlando di cataloghi che costano quattro soldi in qualsiasi versione li compri, cataloghi di oltre 400pg tutte interamente con impaginazioni a colori e con foto sublimi (ovviamente tutte a colori e di alta qualità! )

Edited by Ieronimoy
Link to comment
Share on other sites


siamo sicuri che i collezionisti preferirebbero spendere 20€ per un catalogo sempre uguale e sempre in bianco e nero  invece che spendere 40€  ogni due anni per avere un lavoro nuovo e di gran lunga migliore ????

346433[/snapback]

Sui testi numismatici , secondo me , la maggioranza dei collezionisti tende a risparmiare preferendo l' acquisto di monete anche senza conoscerle bene

Molti comprano purtroppo il solito prezzario a cadenza ben superiore a due anni :(

Inoltre opere piu' specifiche rimangono dominio di pochi , basta osservare il numero degli utenti che possiedono tali volumi nell' elenco della bibliografia presente nella monetapedia per farsi una idea della realta'

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff
Link to comment
Share on other sites


siamo sicuri che i collezionisti preferirebbero spendere 20€ per un catalogo sempre uguale e sempre in bianco e nero  invece che spendere 40€  ogni due anni per avere un lavoro nuovo e di gran lunga migliore ????

346433[/snapback]

Sui testi numismatici , secondo me , la maggioranza dei collezionisti tende a risparmiare preferendo l' acquisto di monete anche senza conoscerle bene

Molti comprano purtroppo il solito prezzario a cadenza ben superiore a due anni :(

Inoltre opere piu' specifiche rimangono dominio di pochi , basta osservare il numero degli utenti che possiedono tali volumi nell' elenco della bibliografia presente nella monetapedia per farsi una idea della realta'

346504[/snapback]

credo che su "la monetapedia" solo in pochissimi riportano i testi posseduti.Il fatto che tanti altri non lo facciano non vuol dire che gli utenti non posseggano altri testi.Per ciò che riguarda quelli più importanti (e costosi) è abbastanza naturale che il loro possesso sia limitato a poche persone (solo una minima parte dei numismatici sentono il desiderio o hanno la possibilità di approfondire).Probabilmente le poche annotazioni su "lamonetapedia" sono la conseguenza di un po' di pigrizia, un po' di disinteresse, un po' di scarsa informazione, un po' perchè alcuni non vedono un utilità, un po' di gelosia dei testi posseduti, un po' di timore etc etc non mi allarmerei più di tanto.In generale mi sono fatto l'idea che bisogna sempre contare sui pochi che riescono a seguirci, la gente non ha spesso voglia,tempo e anche denaro (sopratutto di questi tempi)

tornando all'argomento della discussione

i testi di un certo livello non costano certamente gli ipotetici 40€ dell'ipotetico catalogo commerciale a colori e solitamente i testi importanti non sono immediatamente e facilmente reperibili. Un nuovo catalogo commerciale a colori sarebbe un prodotto "ludico" (sopratutto per chi è già passato a testi di approfondimento) ma sicuramente un prodotto utile e piacevole per tutti.

Edited by Ieronimoy
Link to comment
Share on other sites


E' la nozione stessa di prezzario che trovo un po' ingombrante.

Forse un prezzario sarà anche utile per il collezionista alle prime armi. Ma qualunque collezionista con un po' di esperienza preferisce consultare il catalogo che fa da testo nel suo settore e poi si aggiorna sui prezzi seguendo l'andamento del mercato - difatti spesso i prezzi forniti dai prezzari sono fuorvianti. :(

Link to comment
Share on other sites


i prezzari servono pochissimo agli "istruiti" ma molto ai neofiti o a coloro che non possono/vogliono approfondire (la maggioranza dei collezionisti)

Un prezzario a colori e con foto ad alta definizione avrebbe comunque una piacevolezza estetica che appagherebbe anche i gusti di chi è molto esigente e di chi può fare a meno del prezzario.

Provate a pensare al piacere che potrebbe darvi visionare ad esempio tutte le monete del Regno D'italia in un unico catalogo "assaporando" i colori e i dettagli delle immagini di alta qualità di tutta questa monetazione rappresentata in poche pagine,pensate alla piacevolezza di poter osservare tutta la monetazione del Regno di Sardegna, del Regno di Napoli ,del Lombardo-veneto etc etc

Provate a dare un occhiata ad esempio al "LeFranc" e ditemi, anche se non avete mai comprato un catalogo-prezzario, se non lo comprereste :rolleyes:

Edited by Ieronimoy
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share


×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.