Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
subcomandante

patina verde su 500 lire d'argento

Recommended Posts

subcomandante
Ciao ragazzi,

Ho un problema: si è formata una patina verdastra su delle 500 lire d'argento fdc

So che dovrebbe trattarsi di un cosiddetto cancro, non è vero?

posso eliminarlo?

quali metodi mi consigliate?

grazie e ciao ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

subcomandante
ragazzi vorrei mettere una foto, ma non c'è più sotto il link per aggiungerle

cos'è successo? :huh: Edited by subcomandante

Share this post


Link to post
Share on other sites

Michele2198
sei in agorà, qui non puoi postare immagini!

anche io ho lo stesso problema con 1paio di vecchie monete (1lira Napoleone, 1 lira V.Em III aquila sabauda). La cosa brutta è le avevo pulite e la patina è sparita ma dopo alcuni anni è tornata. Purtroppo non ho suggerimenti e resto in linea

Share this post


Link to post
Share on other sites

subcomandante
Ok, grazie cmq, vediamo che dicono gli altri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

max65
Ciao subcomandante,

si potrebbe provare a pulirle con il bicarbonato di sodio purissimo, prova a metterne una a bagno con acqua e bicarbonato di sodio per un quarto d'ora,senza strofinarla,però e dopo risciacquala sotto il rubinetto delicatamente, la patina "storica" non verrà alterata, forse quella verde andrà via.L'alternativa è il dentifricio,massaggia delicatamente la parte sporca di verde e dopo risciacquala con cura.

Saluti da Max65 :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko
A volte basta un po' di alcool.
Di solito a causare questa patina verdastra sul rame è il cloro contenuto nella plastica dei contenitori (bustine, capsule, fogli...). Prova a cambiare marca e comunque a cambiare il contenitore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Newton
A me è capitato con un 5 Marchi Guglielmo II di Prussia.

Bagno in acqua e succo di limone per alcuni minuti e lavaggio con dentifricio (mi raccomando, non di quelli con i microgranuli). Per adesso è andata a posto.


:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

piergi00
A me e' capitato per le monete commemorative in argento di San Marino , Vaticano (prime date ) e per alcune monete in rame (spiga,ape) tenute in fogli
Con una semplice passata di cotone ho tolto il verde e messo le monete in nuove buste

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

picchio
Acido citrico ed acqua calda, lasciare a mollo per qualche ora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

picchio
Acido citrico ed acqua calda, lasciare a mollo per qualche ora. Da ueare solo sull'argento. Sul rame toglie la patina. Si può usare shampoo neutro. Sapone di Marsiglia.
Il rame con il cotone, ovatta ed olio di oliva. Comunque il rame meno lo si tocca e meglio è.

Share this post


Link to post
Share on other sites

subcomandante
Aspetta picchio, vediamo se ho capito bene:

Succo di limone ( quanto? ) + acqua calda per le monete d'argento o in alternativa shampoo o sapone ( o questi ultimi per il rame? )

ciao ;)

p.s.: avevo sentito dire di usare acqua distillata, confermi? O è UGUAL?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giovenaledavetralla
Anche con il sale, non quello di Wanna Marchi, ma del comune sale da cucina disciolto in acua calda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

picchio
Dear Subcomandante,

Acido citrico per il verderame sull'argento.
A: due cucchiaini di acido citrico si disciolgono in acqua calda (un quarto di bicchiere da vino). Ci si pone la moneta per circa due ore, poi si ripete l'operazione cambiando in verso della moneta.

B: il rame non si manipola, se proprio non si resite alla tentazione di mettersi le mani in tasca, si prende dell'ovatta e la si imbeve appena appena di olio di oliva o di vasellina, e con grazia si strofina sulla parte colpita dal verderame (questo per le monete moderne, eviterei comunque con monete medioevali e men che meno con i rame classico), con dell'altra ovatta si asciuga.

C: Dentifricio e shampoo sono in alternativa all'acido citrico per l'argento, non da usare sul rame.

D: Per l'argento si può usare anche il silver deep e la moneta diventa lucente. Il Sidol o il Duralgit fanno danni. Volendo andare nelle spese anche la lavatrice ad ultrasuoni se si dispone di un amico dentista.

E: L'oro si usa come per l'argento, è sensibile solo all'acqua regia (se mi ricordo bene da scuola).

F. Altri metalli non ho la minima esperienza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricca770
Bicarbonato o sapone di marsiglia è ciò che uso.
Fondamentalmente cambierei i contenitori o le bustine.


A presto. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giovenaledavetralla
Vedo che ognuno di noi a il suo metodo per la pulizia delle monete.

Share this post


Link to post
Share on other sites

subcomandante
quoto quello letto in una recente discussione:

[quote]ombre scure[/quote]

Anche a me si sono formate, sono le macchie nere tipiche dell'argento, ma si possono pulire?

Share this post


Link to post
Share on other sites

max65
Ciao Subcomandante,

quelle verdi sì perchè non occorre alcun trattamento particolare,solo l'ovatta, quelle scure io le lascerei così,anzi alcuni sostengono, forse a ragione, che rendano più interessante la moneta.

Saluti da Max65 ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

subcomandante
Ciao max e grazie

Ma se le monete sono fdc, credi possano considerarsi lo stesso in tale stato di conservazione, o no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

max65
Ciao Subcomandante,

ci sono dei pareri discordanti a riguardo, per esempio,per le monete della Repubblica Italiana,quelli nei classici folder tipo anno 1968-69 ecc...se la moneta da 500 lire si ossida un pò e accade quasi sempre, non incide sul valore della serie, il catalogo Gigante, ma fa riferimento alle monete del Vaticano da Paolo VI andando indietro nel tempo e solo quelle contenute in quei bruttissimi folders color rosso fatti di plasticaccia di quart'ordine,le declassa da FDC a SPL.Le altre non le cita.
Penso che il valore rimanga inalterato, è solo una questione di estetica e gusto personale,in generale.

Saluti da Max65 ;) Edited by max65

Share this post


Link to post
Share on other sites

subcomandante
Ok, grazie

Mi sei stato di grande aiuto, come sempre ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
Dato che FDC (ovvero UNC, uncirculated) si riferisce alla totale assenza di qualunque segno di _usura_dovuta_alla_circolazione_ (questo è quello che sta scritto in tutti i sacri testi) la presenza di una patina non dovrebbe in nessun modo ridurre il grado di conservazione e quindi il valore della moneta. Di fatto poi se parliamo di monete moderne spesso è vero il contrario tanto che sui testi inglesi si parla di brilliant uncirculated, gem uncirculated ecc. Però questo dovrebbe essere legato eventualmente al prezzo, NON alla stima del grado di conservazione. Si sbalio corigeteme :) Edited by Paleologo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.