Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
picchio

Ducato in argento

Risposte migliori

picchio

La numismatica lega il passato al presente, ed il presente al futuro. Le monete che mi passano tra le mani, tutte, hanno qualcosa da raccontare, alcune appena un sussurro ed altre magnifiche favole.

Questo ducato in argento di Filippo II, coniato nel periodo in cui è ancora designato al trono ma non re ha molto da raccontare. Per l'amor del vero, molto è solo frutto della mia fervida voglia di immaginazione.

La moneta non reca una data, ed è una delle numerosissime emissioni del ducato della Gioia Universale, un migliore auspicio non è possibile: al principe di diventare re, ed al popolo di avere un saggio sovrano; insomma tutti contenti, cosa si può chiedere di più ad una moneta !.

Diciamo sia stata battuta nel 1555, mi sembra una bella data per venire al mondo, sotto gli occhi vigili di Giovanni Battista Ravaschieri, il maestro di zecca. Il Ducato deve essere stato un po in giro, aver partecipato a qualche traffico, ma sempre in zona, Napoli e dintorni; la città è splendida, ricca, c'è il sole, il mare, le belle signore; insomma il Ducato ci stava propio bene.

Dopo un breve girare deve essere finito tra le mani di uno dei grandi banchieri di Napoli, un Citarella, o Paparo, oppure di Palma. Depositato in un forziere del Banco, pronto per partire per Genova (i banchieri napoletani erano sovente associati ai genovesi). Qualcosa va per il buon verso, e non si mosse da Napoli. Anzi per esserne sicuro finì in un muro per 200 anni, ma il terremoto del 29.XI.1732 fece crollare le vetuste mura ed il forziere tornò a nuova vita. Quasi tutto il contenuto in argento fini nel crogiulo per battere le piastre di Carlo di Borbone (Carlo III di Spagna entra a Napoli nel 1734). Ducato se ne stava sul fondo del barile, immobile ispirato da una frase che diventerà celebre: "io speriamo che me la cavo": preghiera ascoltata, fu acquistato da un antiquario. Passato di generazione in generazione finalmente trovò un acquirente (fantasia !), il nobile Francesco Pignatelli (1775-1853) che combatté con Gioacchino Murat contro gli inglesi, partecipò ai moti del 1820-21 e scrisse : “Memoria del Regno di Napoli dal 1790 al 1815.”

Rimase nella collezione Pignatelli sino a che questa non fu ceduta all'antiquario Canessa di Napoli (fantasia!) il più importante d'Europa, basti solo pensare che vendette il tesoro di Boscoreale e le monete erano davvero poca cosa. Quando i Canessa chiusero la moneta era già in una collezione privata a Napoli dove il Professore Angelo Signorelli l'acquistò nel primo dopoguerra, 1947. (probabile !). Da li è storia recente, la Collezione Signorelli viene venduta da P P Santamaria parte V, Roma 21.3.1955 n. 1126 realizzo di £. 28.000, acquistata dal Conte Alessandro Magnaguti (vero!). Trasferitasi un pò fuori Mantova vi rimane di proprietà del grande numismatico sino alla vendita della Ex Nummis Historia la collezione Magnaguti parte XII, Roma 6 10 1959, n. 135 £. 85.000 comprata dai numismatici londinesi di Spink's and son (vero!). A Londra per poco tempo, durante un viaggio d'affari un collezionista lombardo (probabile!) la nota, e la riporta nel belpaese. Per anni non accade nulla, sino a che il collezionista, decide di venderla in asta, e chiama al dignitoso compito un noto studio numismatico milanese.... . . ed eccola qui :

Regno di Napoli Filippo II di Spagna (1556-1598) I periodo, re di Napoli e principe di Spagna, 1554-1556 Ducato Napoli Arg.

D/ PHILIP • R • ANG • FRAN •NEAP • PR • HISP• testa nuda e busto corazzato a destra, con colletto alla spagnola. Nel campo a sinistra, IBR (Giovanni Battista Ravaschieri); in basso, nel giro ✤ • • •

R/ * / HILARI / •TAS• / VNIVER / •SA• su quattro righe entro ghirlanda di foglie e fiori legate in basso

T/ liscio ↓

Certo è quasi tutto inventato di sana pianta . . . , ma potrebbe anche non esserlo.

Non l'ho classificata, per me resterà sempre il mio piccolo contatto con due grandi studiosi numismatici, ex Signorelli, ex Magnaguti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar

La Fantasia,spesso,ha anticipato la Realta!

Quella che oggi noi chiamiamo Fantasia un prossimo futuro potrebbe chiamarsi in altro modo!

:D

Dimenticavo: Bella conservazione!!!!!!

Modificato da favaldar

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×