Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
oento

20 Lire 1874 Vittorio Emanuele II Milano

Risposte migliori

oento

Salve a tutti

Risultato di uno scambio, volevo chiedervi gentilmente un parere sulla conservazione della moneta,

20 lire 1874 Mi

Dritto

post-8145-1262799105,17_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maregno

Un bel BB dalle foto, in mano forse anche meglio sopratutto per il rovescio che è decisamente migliore del dritto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

joao89

per me è un bb/bb+ .... bella moneta :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tuttonero

Concordo con Maregno e Joao89: BB+.

Il fatto che il R sia senz'altro meglio del D potrebbe, una volta di più, avvalorare la tesi di coloro che sostengono che buona parte dei marenghi coniati all'epoca a Milano (specie il 1860, il 1872 e, per l'appunto, il 1874) non eccellessero, differentemente da quelli di Roma, per la nitidezza del conio, soprattutto al D.

Aggiungo che il 1874 MI, da molti ritenuto una moneta comune, è, molto più verosimilmente, un NC, come sostenuto dal Gigante.

Un caro saluto.

Giulio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

oento

Salve Giulio

Sono curioso di sapere perchè il 1874 con tiratura 255.115 pezzi è classificato NC,

mentre anni come il 1869 To con tiratura 185.355 è classificato C,

o ancora C il1876 Roma con tiratura 107.728?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tuttonero

Ciao Oento.

Per quanto sia una moneta non certo impossibile da trovare, compare nelle aste o nei listini meno delle altre da te indicate.

Tieni peraltro presente che il Montenegro non è già di questo parere. Secondo il suo catalogo, la moneta è comune.

Io però credo che il Gigante abbia ragione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

oento

Grazie per la risposta.

Ancora una domanda: il bordo più largo dalla parte della data o la leggera decentratura del conio influisce sulla quotazione della moneta, pensavo che in quel periodo

difficilmente la zecca producesse monete con qualche piccolo diffetto, avevano macchine moderne per quei tempi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tuttonero

Sono andato a controllare i miei appunti sui passaggi del 1874 MI e del 1874 R presso la nota casa d'aste "Inasta". Tieni presente che il 1874 R è classificato come Raro (anche se qualcuno lo ritiene NC). Ti sorprenderà sapere che per il 1874 MI i passaggi sono stati 18 in tre anni, mentre per il 1874 R sono stati 20!

Non dispongo invece dei passaggi per il 1869 e per il 1876. Tieni però presente che, trattandosi di monete ritenute comuni, molti le rivendono direttamente alle agenzie di cambio o ai negozi di numismatica e non tramite le case d'asta. Per questo i dati eventualmente ricavati dai cataloghi delle case d'asta non avrebbero molto peso.

Un caro saluto.

Giulio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tuttonero

A parer mio, il bordo lievemente più largo dalla parte della data o la leggera decentratura del conio non influiscono sulla quotazione della moneta.

Nei marenghi di VE II Re d'Italia io guardo prima di tutto i baffi ed i capelli, oltre all'eventuale lustro del campo. Di solito, se i rilievi di quei particolari sono nitidi, anche il resto della moneta è in ottime condizioni (salvo graffi, colpi, o sorprese sul rovescio).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

oento

Grazie per le interessanti informazioni!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maregno

pensavo che in quel periodo

difficilmente la zecca producesse monete con qualche piccolo diffetto, avevano macchine moderne per quei tempi.

Ma purtroppo non è così, fino alla monetazione di Umberto I e forse anche alle prime del Re numismatico, difetti come sbavature decentratura numeri sovrapposti o rovesciati, risultano assai comuni, riguardo ai due difetti che hai elencato ed alla loro influenza in termini di "bellezza/qualità" considera che molti collezionisti preferiscono una moneta classica un pelo più consumata ad una moneta in conservazione anche leggermente migliore ma molto decentrata, per il resto direi che è soggettivo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×