Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
sixtus78

ma quanti siamo ?......

Risposte migliori

sixtus78

ciao a tutti. alcuni giorno fa chiaccherando con un amico collezionista abbiamo parlato tra le altre cose anche di quanti collezionisti numismatici ( o se preferite raccoglitori-accumulatori ) ci siano qui nel nostro paese. mi spiego meglio: intendo tra chi compra e colleziona o anche vende saltuariamente o di professione, monete estere vecchie e nuove, euro, romane-greche, regno, ecc.ecc. quanti potremmo essere secondo voi ? il mio amico parlava di circa 100.000 appassionati ( considerando pero' chi lo fa con costanza e metodo naturalmente ). io avevo letto su un indagine di pochi anni fa su cronaca numismatica che ipotizzavano un numero di circa 1 milione di "numismatici". quali sono le vostre opinioni ? x me siamo piu' di 100.000, ma certamente molti di meno rispetto al milione ( a meno di considerare chi compra 4 monetine all'anno nella ciotola del mercatino spendendo 2€..... senza offesa x nessuno perche' chi fa questo molto spesso puo' essere considerato uno dei nostri ).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rongom

Tenendo conto che l'Italia conta 60.325.805 abitanti (bambini compresi), se i collezionisti, o semplicemente gli appassionati, fossero un milione vorrebbe dire che un'italiano su 60 colleziona monete; però fra tutte le persone con cui ho avuto a che fare al di fuori del mondo numismatico, fra amicizie e lavoro (giro tutta l'italia con una certa frequenza e conosco personalmente quasi 600 colleghi) non ho mai incontrato nessuno con la mia passione per la numismatica che tendo regolarmente a publicizzare.

Secondo me, con valore statistico strettamente legato al campione che ti ho esposto, penso che siamo meno di 100.000.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Lo zoccolo duro è qua su Lamoneta circa 15.000 persone,moltiplicalo per circa 5 arrivi sui 70/80.000 di appassionati anche tiepidi,comunque anch'io penso sotto i 100.000 non penso di più,delle persone che conosco solo 1 è collezionista,bisogna essere realisti,in Italia è cosa da "stranicchia".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

I collezionisti sono molti ma molti meno di 100.000! Penso sul 10.000, considerando anche avventizi, persone con interessi sporadici e le collezioni dormienti. Per le classiche, ipotizzo un numero compreso tra 1000 e 3000 di coraggiosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fufieno

Già, saremo circa 5'000..Molto meno di 100'000..La numismatica è più diffusa in Germania, Inghilterra, che in Italia, purtroppo.:(

Saluti,

Fuf.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

allora vorrei fare anch io delle considerazioni

la moneta ha 15.000 iscritti , ma di questi 10.000 almeno sono inattivi perche` gli serviva un valore e un identificazione di monete trovate e una volta avutolo se ne vanno.

cioe quanta gente si iscrive per chiedere una valutazione di una moneta trovata nel cassetto

di utenti attivi secondo me ce ne sono tra 1000 e 2000 , massimo

il totale numismatici in italia secondo me va dalle 10.000 alle 50.000 persone.

e non e` un hobby molto diffuso , anch io non conosco nessuno con questo hobby al difuori del giro.

poi ci sono altre considerazioni .

dei 1000 utenti attivi , 500 fanno euro e 300 regno e repubblica 100 classiche ,se date un occhio al numero di post e discussioni vedrete che li si concentrano. per cui questo lascia 100 utenti che coprono i preunitari. io sono tra questi

detto questo vi dico che io abito a Londra , citta di 6.500.000 di abitanti ed il mercatino settimanale delle monete e una cosa che sta in 300 metri quadri e le persone che lo frequentano sono sempre le stesse e ci conosciamo tutti per nome. addirittura il mercatino viene diviso con francobolli e cartoline. secondo me che frequentano il mercatino sono 100-200 persone ( su 6.5 milioni)

ai convegni e diverso , pero` c`e` gente da tutta europa , e a quelli piu` grandi ci sono 100 espositori e penso 2000-3000 persone , ma non molte di piu`.

altri posti dove si vendono monete sono solo per turisti , come portobello road (ma con antiquariato in genere) o covent garden (1-2 espositori di monete il resto e bricabrac) e hatton garden dove non sono mai stato.

anche qui in inghilterra non penso ci siano 100.000 collezionisti, e comunque l eta media e` abbastanza elevata.

e si dividono su romane, Hammered coins (pre 1660) e milled coins (post 1660) non c`e` nessuno che fa monete commemorative o correnti e pochissimi che fanno elisabetta 2 , di solito si parte con Giorgio V e Giorgio VI che sono considerati come stracomuni.

per cui credo che sia un hobby in declino (meno comunque dei francobolli) che dovrebbe essere rivitalizzato

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Claudio I

Ciao a tutti, posso fare una semplice valutazione: io lavoro in un reparto di circa 350 persone, i collezionisti certi, me compreso, siamo circa 15 di cui iscritto al nostro sito solo io. Credo dunque che siamo molti di piu dei 1000/2000 ipotizzati. Cordiali saluti Claudio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cembruno5500
Supporter

in quattro giorni sapete quanti appassionati raduna il Convegno di Verona?.

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bombenm

in quattro giorni sapete quanti appassionati raduna il Convegno di Verona?.

:)

Sicuramente diverse migliaia, ma considera che ci sono anche appassionati nel mondo della filatelia :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cembruno5500
Supporter

è vero, ci sono anche le cartoline che hanno un notevole seguito di appassionati, ma gli innamorati dei tondelli

sono tantissimi, più di diecimila (sicuramente) da quello che ho potuto constatare in tanti anni di onorato servizio. ;) :D

Modificato da cembruno5500

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Fino a qualche anno fa, quando era ancora edita dalla Eder, Cronaca Numismatica, la più diffusa rivista del settore, certificava la tiratura, che era intorno alle 11.000 copie al mese; da quando è passata alla Edolimpia questa certificazione non c'è più, ma non credo che la cifra sia variata di molto, ci fosse stato un crollo verticale avrebbero chiuso, quindi anche tenendo conto dell'invenduto ci sono almeno 8.000-9.000 acquirenti al mese, collezionisti "veri" perchè tale mi sento di definire chi acquista regolarmente una rivista specializzata, quale che sia il suo campo d'interesse numismatico.

E poi ogni copia può essere scambiata, prestata, regalata, rivenduta, insomma letta da più persone; io ad esempio compro la mia copia ogni mese, ma quando vado al Circolo fil-num la trovo sempre e sono molti a consultarla lì anzichè comprarla :rolleyes:

In conclusione, credo che il numero dei collezionisti, più o meno assidui, sia intorno ai 20.000.

petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Piacentine

è vero, ci sono anche le cartoline che hanno un notevole seguito di appassionati, ma gli innamorati dei tondelli

sono tantissimi, più di diecimila (sicuramente) da quello che ho potuto constatare in tanti anni di onorato servizio. ;) :D

Anche io penso che i collezionisti siano più di diecimila diciamo: tra i 15.000 e 35-40.000

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

franco obetto

I collezionisti sono molti ma molti meno di 100.000! Penso sul 10.000, considerando anche avventizi, persone con interessi sporadici e le collezioni dormienti. Per le classiche, ipotizzo un numero compreso tra 1000 e 3000 di coraggiosi.

dici bene caius...per le classiche bisogna avereTANTO coraggio...direi piu' 1000 che 3000 ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danieles1981

Beh, nel paese dove abito siamo circa 3500 abitanti e i numismatici che affrontano tale passione con costanza siamo in 3. Che io sappia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cibcib

anch'io credo che un numero verosimile potrebbe essere tra i 10 ed i 20.000

la rivista ed il sito non coprono l'intera popolazione, molti che conosco non sono

iscritti al sito e pochi comprano C.N.

è vero che è un hobby molto particolare, ed ho sentito sia di persone che lo hanno

abbandonato ma anche altre che si sono avvicinate, tutte però avevano un minimo

comune multiplo: in caso di abbandono spostavano l'interesse verso un altro tipo

di collezione ed altri il contrario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra18

io non abito nella mia città natale, ma ho comunque tantissimi amici ed i parenti di mia moglie, per non parlare dei colleghi.

bè, conosco un solo collezionista (un collega) e di francobolli, per giunta.

non parliamo poi della mia passione personale (cartamoneta italiana), un disastro... fortuna che ci sono siti come questo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

20.000 collezionisti significa 1: 2750 persone, mi sembra una incidenza decisamente alta. Significa che mediamente in ogni paesucolo con almeno 3000 abitanti c'è un collezionista e che nelle grandi città ce n'è a grappoli ( a Roma non meno di 730!)

<_< <_< Sono perplesso, secondo me sono meno di 10.000. Io mi sono sempre considerato una mosca bianca e se non ci fosse il forum non avrei conosciuto assolutamente nessuno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piakos

Il tema di questa discussione esce annulmente in Piazzetta...l'ultima volta l'ho postata io, ero iscritto da poco nel Sito.

Allora le cose starebbero così come segue.

Mediamente le case d'asta più mportanti hanno circa 5.000/6.000 recapiti ... compresi quelli internazionali.

Ovvio che ogni Casa spedirà la gran parte dei listini a collezionisti della loro nazione...eccettuate le case specializzate come la NAC Zurigo che spedisce veramente anche agli antipodi...in ugual misura...o quasi.

Il numero 5.000 ricorre, pertanto, piuttosto spesso...ed è un dato fondato su coloro che partecipano agli incanti, quanto meno inviano delle commissioni...anche al minimo della stima.

In quei 5.000 ci sono anche le altre Case ...i commercianti ed i trafficanti.

Quindi:

- sembrerebbe sia corretto il numero di circa 20.000 persone che interagiscono con la numismatica a vario livello...ma coloro che vi muovono somme di danaro (non qualche euro...ed il fatto non è dispregiativo ma obiettivo) con qualche assiduità...sarebbero molto meno.

- acquistano monete e incidono sul mercato italiano circa 5.000 persone mediamente;

- un migliaio sono professionisti od operatori semi-professionalio o collezionisti che cercano di mettere su la collezione gratis (qualcuno sta anche qui tra noi ;) );

- 3.500 sono appassionati-conservatori-collezionisti...come volete, che operano economicamente cum grano salis, cioè non fanno follie...moltissimi si sono iscritti a questo Forum :) ;

- circa 400 sono coloro che possono spendere abbastanza...anche fino a 3.000 euro per moneta e più...una tantum ed una discreta parte partecipa a questo Forum :huh: ;

- circa un centinaio sono coloro che spendono molto se le monete in lizza sono oggetto di selezionati appetiti ... pochi di questi sono nel Forum. B)

- nei periodi di espansione economica i numeri si espandono un po'...viceversa con le vacche magre si contraggono.

I suddetti numeri (valutati per approssimazione): 3.500 - 400 - 100, sono da ripartire in percentuale nelle varie tipologie e coniazioni.

Purtroppo è così...siamo relativamente pochi.

Come faccia il giocattolo a funzionare con tali numeri...rimane un mistero.

Probabilmente la passione...quando c'è... fa miracoli.

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quasar

- 3.500 sono appassionati-conservatori-collezionisti...come volete, che operano economicamente cum grano salis, cioè non fanno follie;

Allora siamo in pochini veramente!Ecco perchè,tranne che nei momenti di aggregazione (convegni,mercatini,fiere dell'antiquariato,questo forum ecc) non riesco a parlare di monete con nessuno.

Piakos,sicuramente appartengo a questa categoria ma non intuisco bene cosa intendi per conservatore.

Ah,non ho letto bene,qualche follia l'ho fatta pure io...ma qualche!

Modificato da quasar

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

zelig

Ma allora mi chiedo, se le cifre sono cosi basse, ad esempio le 17000 divisionali Italiane 2010 dove sono finite? All'estero penso poche e le altre? I commercianti non credo siano stupidi, quindi si presume che alla fine tutte (o quasi tutte) siano collocate. E visto che i collezionisti di euro sono una fetta, e chi colleziona le divisionali Italiane un'ulteriore percentuale della stessa, non e' che magari i collezionisti siano un po' di piu' di quanto detto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piakos

Ma allora mi chiedo, se le cifre sono cosi basse, ad esempio le 17000 divisionali Italiane 2010 dove sono finite? All'estero penso poche e le altre? I commercianti non credo siano stupidi, quindi si presume che alla fine tutte (o quasi tutte) siano collocate. E visto che i collezionisti di euro sono una fetta, e chi colleziona le divisionali Italiane un'ulteriore percentuale della stessa, non e' che magari i collezionisti siano un po' di piu' di quanto detto?

Come dicevo...ci sono due categorie principali:

- chi si interessa di numismatica...ma non ci spende somme significative (diciamo quindicimila sui ventimila, circa);

- chi invece ci spende (alla fine ci si possono anche mettere la maggior parte dei risparmi di una vita...non è difficile farlo, basta amare le monete).

Anche chi compra in modo oculato...ed evita follie...comunque compra. Se compra per venti o trenta o quaranta anni...e poi la piccola follia la fanno tutti...fatevi i conti di cosa si può arrivare ad accumulare.

Uno dice: ahò! Mica sono matto come Piakos che compra lo Spl. e il FdC....quello è esaurito! Io più di tremila euri all'anno non li caccio...qualche anno anche di meno.

Ok!

Poi si scopre che Piakos compra tre o quattro monete all'anno...e che le monete di 15 anni fa...non le ha più...per non divorziare :D ;)

Invece il nostro amico prudente in 25/30 anni può aver speso 200.000 euro. Se non di più...alla fine venderà per comprare l'appartamento ai figli e/o per evitare che i figli possano vendere male.

E' un caso non peregrino: niente di più facile.

Come?

All'inizio comprava gli euro...che comunque possono costicchiare anche quelli.

Poi ha preso anche il Regno e V.E.III...ed ecco che i tremila se ne vanno...

Poi...la vita va avanti, le ambizioni crescono...le monete piacciono e magari si fa qualche lira nella vita...il nostro amico ha finito per comprare anche le preunitarie...Gioacchino Murat...e perchè no qualche bella papalina...una medaglietta non la vogliamo?

Costano così poco rispetto alle monete! Ma poi... chi l'ha detto che qualche sesterio non me lo debba gustare...mica sono velenosi come i funghi. Li compro e non lo dico a nessuno. Anzi...no, i sesterzi ormai non sono più in tempo...faccio le medievali che le trovo facile e non le sequestrano. ;) Ecc. ecc.

Un altro dice: No! No Piakos...io non sono così come dici...non vado secondo il vento...soffro di raffeddore. Io sono serio. faccio le Pontificie. E pontificie siano. Però in trent'anni le ho fatte bene...senza follie e ne ho molte...una bella collezione.

Ok, anche questo nostro amico ha speso, almeno, i suoi 200.000 euri (come dice Pippo Franco).

Poi c'è chi cambia tipologia di volta in volta...vende gli euro e compra il regno...che poi dopo qualche anno vende per comprare le napoletane...od altro. Sono senpre soldi che girano e tengono su la numismatica commerciale.

Ecco queste sono le dinamiche che creano il miracolo...e fomentano il mercato, siamo pochi, ma la numismatica non crolla e il numero delle aste prolifica.

P.S.

Argomento criptato. :D

Esiste una categoria a parte: i criptocollezionisti. Ssssssssssh!

Non sono operatori delle pompe funebri...toccatevi!!!! Nemmeno sono dei necrofili. (Che brutto argomento...Piakos!?).

Sono appassionati prudenti.

Hanno timore di apparire o sono molto timidi e riservati. (Anche questa categoria è presente nel Forum, ma non lo dite in giro..state zitti, altrimenti non dico più niente). :D

Di solito spendono anche spessino e benino.

Nessuno sa quanti siano...operano per interposte persone e si fidano di pochissimi operatori o commercianti...sempre gli stessi...che li trattano con i guanti bianchi e con la zuppa inglese. :D

Ecco la quantità ignota che potrebbe far variare il totale del numero in esame.

L'ottimo Eugenio Fornoni diceva che sono molti e stanno sotto la punta dell'iceberg.

Io senza nulla togliere al Sig. Fornoni che è un grande Maestro ed un grandissimo Commerciante...sul punto sono scettico.

I cataloghi d'asta sempre 5.000/6.000 sono (al massimo)... e una parte finiscono ogni volta nel cestino.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Credo che nessuno possa dire una cifra precisa... I numeri delle serie vanno aggiunti a quelli delle aste, sono due categorie di collezionisti distinte. La stragrabde maggioranza dei collezionisti che conosco non partecipa al forum, non compra riviste e non è interessata a far parte di un circolo. Insomma non vuole apparire. Siamo molti di più di quanto possa sembrare, anche se sempre una piccola minoranza...

Modificato da Arka PD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danieles1981

Io non frequento il circolo numismativo di Rovereto (trento), vicino al mio paese, ma conosco 2 o 3 collezionisti. Fortunatamente che uno di questi è uno tra i più grandi collezionisti del triveneto che a Natale mi passa monete al prezzo di un caffè...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aureocollector

Secondo me la dice lunga il fatto che le serie divisionali italiane abbiano una tiratura di 150.000 pezzi nel primo anno, poi via via diminuisce a 50.000 40.000 30.000 e piu o meno si stabilisce sui 20.000 circa.

Del primo anno di coniazione di una nuova noneta, sono così ricercate che ce n'è richiesta anche dall'estero, poi gli anni successivi sono venduti quasi solo nel mercato italiano.

In conclusione non credo che siamo piu di 20.000/25.000, è anche vero che non tutti collezionano le serie, c'è anche chi colleziona solo antiche, pero forse potremmo essere 30.000 al massimo :rolleyes:

ci sono andato vicino? ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nodierosette

Ma allora mi chiedo, se le cifre sono cosi basse, ad esempio le 17000 divisionali Italiane 2010 dove sono finite? All'estero penso poche e le altre? I commercianti non credo siano stupidi, quindi si presume che alla fine tutte (o quasi tutte) siano collocate. E visto che i collezionisti di euro sono una fetta, e chi colleziona le divisionali Italiane un'ulteriore percentuale della stessa, non e' che magari i collezionisti siano un po' di piu' di quanto detto?

Come dicevo...ci sono due categorie principali:

- chi si interessa di numismatica...ma non ci spende somme significative (diciamo quindicimila sui ventimila, circa);

- chi invece ci spende (alla fine ci si possono anche mettere la maggior parte dei risparmi di una vita...non è difficile farlo, basta amare le monete).

Anche chi compra in modo oculato...ed evita follie...comunque compra. Se compra per venti o trenta o quaranta anni...e poi la piccola follia la fanno tutti...fatevi i conti di cosa si può arrivare ad accumulare.

Uno dice: ahò! Mica sono matto come Piakos che compra lo Spl. e il FdC....quello è esaurito! Io più di tremila euri all'anno non li caccio...qualche anno anche di meno.

Ok!

Poi si scopre che Piakos compra tre o quattro monete all'anno...e che le monete di 15 anni fa...non le ha più...per non divorziare :D ;)

Invece il nostro amico prudente in 25/30 anni può aver speso 200.000 euro. Se non di più...alla fine venderà per comprare l'appartamento ai figli e/o per evitare che i figli possano vendere male.

E' un caso non peregrino: niente di più facile.

Come?

All'inizio comprava gli euro...che comunque possono costicchiare anche quelli.

Poi ha preso anche il Regno e V.E.III...ed ecco che i tremila se ne vanno...

Poi...la vita va avanti, le ambizioni crescono...le monete piacciono e magari si fa qualche lira nella vita...il nostro amico ha finito per comprare anche le preunitarie...Gioacchino Murat...e perchè no qualche bella papalina...una medaglietta non la vogliamo?

Costano così poco rispetto alle monete! Ma poi... chi l'ha detto che qualche sesterio non me lo debba gustare...mica sono velenosi come i funghi. Li compro e non lo dico a nessuno. Anzi...no, i sesterzi ormai non sono più in tempo...faccio le medievali che le trovo facile e non le sequestrano. ;) Ecc. ecc.

Un altro dice: No! No Piakos...io non sono così come dici...non vado secondo il vento...soffro di raffeddore. Io sono serio. faccio le Pontificie. E pontificie siano. Però in trent'anni le ho fatte bene...senza follie e ne ho molte...una bella collezione.

Ok, anche questo nostro amico ha speso, almeno, i suoi 200.000 euri (come dice Pippo Franco).

Poi c'è chi cambia tipologia di volta in volta...vende gli euro e compra il regno...che poi dopo qualche anno vende per comprare le napoletane...od altro. Sono senpre soldi che girano e tengono su la numismatica commerciale.

Ecco queste sono le dinamiche che creano il miracolo...e fomentano il mercato, siamo pochi, ma la numismatica non crolla e il numero delle aste prolifica.

P.S.

Argomento criptato. :D

Esiste una categoria a parte: i criptocollezionisti. Ssssssssssh!

Non sono operatori delle pompe funebri...toccatevi!!!! Nemmeno sono dei necrofili. (Che brutto argomento...Piakos!?).

Sono appassionati prudenti.

Hanno timore di apparire o sono molto timidi e riservati. (Anche questa categoria è presente nel Forum, ma non lo dite in giro..state zitti, altrimenti non dico più niente). :D

Di solito spendono anche spessino e benino.

Nessuno sa quanti siano...operano per interposte persone e si fidano di pochissimi operatori o commercianti...sempre gli stessi...che li trattano con i guanti bianchi e con la zuppa inglese. :D

Ecco la quantità ignota che potrebbe far variare il totale del numero in esame.

L'ottimo Eugenio Fornoni diceva che sono molti e stanno sotto la punta dell'iceberg.

Io senza nulla togliere al Sig. Fornoni che è un grande Maestro ed un grandissimo Commerciante...sul punto sono scettico.

I cataloghi d'asta sempre 5.000/6.000 sono (al massimo)... e una parte finiscono ogni volta nel cestino.

Interessante analisi con un pizzico di ironia, è molto simpatica la parte sui "criptocollezionisti".

Penso che in modo scherzoso è stato ricostruito il "modus operandi" e l'evoluzione comportamentale dei vari tipi di collezionisti.

Complimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×