Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
centurioneamico

Salonino del Becker, dal Workshop di Pisa

A seguito dell'interessantissimo workshop di Pisa tenutosi lo scorso 7 Maggio, ho pensato di pubblicare i dati relativi all'analisi con il metodo dell'XRF a fluorescenza ottenuti grazie all'Ingegnere Marco Ferretti del CNR di Roma.

La prima analisi è stata condotta su un falso realizzato dal famoso falsario tedesco C.W.Becker (1772-1830) di cui conserviamo ancora il cartellino che lo avvolgeva.

post-66-1275318278,29_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-66-1275318677,74_thumb.jpg

Questo è il cartellino che avvolgeva la moneta.

Il metallo potrebbe sembrare argento o comunque, come si vede anche in foto, si tratta di una lega bianca simile all'argento.

Dall'analisi è emerso che la moneta si compone di Piombo per il 91,2 % e di Stagno per l'8,8%

come visibile anche dalla tabella che segue:

post-66-1275319041,95_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il metodo qui indicato è molto apprezzabile dal momento che non è distruttivo e non provoca alcun danno alla moneta; è molto più preciso di altri sistemi similari (vedi pdf allegato). Il limite di questo sistema è però legato alla possibilitò di effettuare l'analisi della sola porzione superficiale della moneta tralasciando quindi i dati della porzione interna della moneta.

L'esito della prova è comunque stupefacente e certamente questa nuova tecnologia apre nuovi orizzonti e probabilmente potrà esserci di grande aiuto per scovare i tanto temuti falsi.

Prossimamente vorrei postarvi anche gli esiti di una seconda prova.

Spettrometro XRF _2_.pdf

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il metodo qui indicato è molto apprezzabile dal momento che non è distruttivo e non provoca alcun danno alla moneta; è molto più preciso di altri sistemi similari (vedi pdf allegato). Il limite di questo sistema è però legato alla possibilitò di effettuare l'analisi della sola porzione superficiale della moneta tralasciando quindi i dati della porzione interna della moneta.

L'esito della prova è comunque stupefacente e certamente questa nuova tecnologia apre nuovi orizzonti e probabilmente potrà esserci di grande aiuto per scovare i tanto temuti falsi.

Prossimamente vorrei postarvi anche gli esiti di una seconda prova.

Spettrometro XRF _2_.pdf

le indagini spettroscopiche le ho effettuate anch'io, personalmente, per lo studio dei degradi nell'edilizia storica..non pensavo ad un ipotetico utilizzo in campo numismatico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante argomento. Come già detto altrove, questa è la vera frontiera del collezionismo, va presa con molta serietà, senza analisi scientifiche, saremo inesorabilmente sommersi dai falsi. Il tempo dell'espertone cui basta un'occhiata alla moneta per decretarne l'autenticità, è ormai finito.

Pongo una domanda: esiste una campionatura che porti dei dati normativi sul contenuto dei vari metalli nelle monete antiche? (denario sesterzio ecc ecc)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa la ritengo veramente una grande innovazione. Già mi è bastata la bilancina vista a Verona, è superba.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La bilancina è geniale, direi indispensabile per gli aurei. sulle monete a lega (potenzialmente) variabile come il denario è di meno immediato utilizzo (o forse bisogna imparare ad usarlo),

Per i bronzi, dei quali è indispensabile l'analisi della superficie, mi aspettios ia più utile la spettrometria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?