Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
dabbene

NUMISMATICA E STORIA

Risposte migliori

dabbene
Supporter

Numismatica e storia : per generazioni nel passato le monete furono guardate come fossero oggetti individuali,si guardavano i ritratti,la tipologia,la conservazione, le legende,la numismatica era vista come una specializzazione,da sola, quasi sempre scollegata alle altre discipline in particolare alla storia.

Oggi e nel passato recente i pareri e gli studi hanno cambiato parere,non sempre sono concordi,ma sono più vicini:la numismatica e la storia sono un binomio indissolubile,o solo in parte o con dei se e dei ma?

Vediamo cosa ne pensano gli altri su questo argomento,da semplici definizioni a dotte dissertazioni,da un giovane del forum fino ad arrivare ai più autorevoli pareri della numismatica

Un giovane del forum ,Magdi " io non colleziono monete,colleziono storie"

Giuseppe Palmisano ne fa addirittura un titolo di un suo libro :"La moneta,il più grande romanzo della storia"

Laura Breglia."La numismatica affonda le proprie radici nell'archeologia avendo la propria testa nella storia,rappresenta una branca disciplinare che deve necessariamente confrontarsi con la serie di problematiche derivanti dalle letture di queste differenti fonti"

Da " Archeologia della moneta",Federico Barello : "Per leggere e interpretare la moneta c'è bisogno di mettere in campo tutti gli strumenti possibili per inquadrarla,nell'ambito della tecnologia antica,della storia,sociale ed economica,dei meccanismi con i quali le tracce materiali della presenza umana sul nostro pianeta sono rimaste,stratificate e solo in parte indisturbate,sotto i nostri piedi,disponibili a chi voglia analizzarle;le enormi potenzialità dei dati che emergono da uno scavo archeologico cominciano solo ora ad essere pienamente sfruttate e lo saranno sempre più,ma bisogna conoscere anche i limiti e con quali strumenti vada avvicinato".

La famosa definizione di Marc Bloch: "Tra tutti gli apparecchi registratori capaci di rivelare allo storico i movimenti profondi dell'economia,i fenomeni monetari sono senza dubbio i più sensibili".

L'insigne Grierson : "Quanto le monete ci dicono non è necessariamente imparziale e l'attendibilità delle informazioni che esse ci trasmettono deve essere stabilita criticamente,ma almeno queste informazioni non sono state prodotte con l'intento di influenzare il giudizio dei posteri;inoltre poichè la coniazione è una delle più antiche forme di produzione di massa,essendo il suo scopo la fabricazione di migliaia di oggetti identici,le monete ci danno una testimonianza su larga scala intorno al passato."

E Arslan,cosa dice a riguardo?:"La moneta,che è un multiplo,presenta possibilità di elaborazione uniche tra le le classi di documenti che il passato ci ha trasmesso;la ricerca numismatica in anni recenti ha subito,divenendo scienza sussidiaria alla storia,una netta evoluzione di analisi più sofisticate dei materiali".

E' però Lucia Travaini in BDN N°5-1985 ad affrontare in modo capillare l'argomento:"Non basta studiare il singolo pezzo,le informazioni importanti si ottengono dall'esame di grosse campionature,dai ripostigli,è utile per datare gli strati;il numismatico ,come l'archeologo ,dovrebbe essere uno storico che usa un tipo di fonti particolari,con metodi particolari,che lo distinguono nettamente dagli storici che usano solo le fonti scritte."

L'argomento è corposo,le opinioni sono varie,esistono sfumature,dei se,dei ma,anche se di massima oggi concordano in una stessa direzione,avete opinioni o pareri anche semplici a riguardo?

Modificato da dabbene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Come hai già detto tu, lo studio numismatico è indissolubilmente legato alla storia, ma anche ad una serie si altre discipline (già citate, più volte) più o meno necessarie, per capire le caratteristiche di una moneta.

Non si può, cioè, tralasciare l'inquadramento storico/geo-politico, per analizzare effigie, legenda, etc.

All'interno delle discipline "storiche", la storia economico-sociale assume, ovviamente, un ruolo determinante.

Pur senza voler apparire troppo "integralista", poi, non vedo come si possa ignorare, completamente, lo studio (anche minimale) dell'economia politica, per comprendere riforme monetarie, monetazioni, etc.

Si rischia, a mio parere, di dare una connotazione esclusivamente "collezionistica" alla moneta, tralasciando le vere ragioni, che hanno portato alla nascita di una particolare monetazione e trattando, allo stesso modo, monete commemorative e monete da circolazione, confondendo, perciò "monete", con "moneta".

A suo tempo, avevo proposto la creazione di una sezione di economia e geo-politica, strettamente legata alle monetazioni, ma non ha riscosso quasi alcun interesse e, necessariamente, non è stata presa , in considerazione. Soprattutto per le monete contemporanee, mi sembrava un valido strumento di appoggio, per lo studio di alcune monete, non destinate alla circolazione, che non sono, soltanto, un mero strumento commerciale, bensì un'affermazione di sovranità di piccoli paesi e territori, più o meno riconosciuti. Emissioni commemorative del Regno d'Italia vengono trattate con grande rispetto, mentre le analoghe coniazioni contemporanee, vengono spesso bollate come medagliette o gettoni. Se da un punto di vista economico, lo sono entrambe, per la storia e la geo-politica non lo sono mai...

Tutto questo discorso, in pratica, per appoggiare quanto tu stesso hai detto... la numismatica va di pari passo, con lo studio di altre discipline, anche se conoscerle tutte è impossibile...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ggpp The Top

la Numismatica è una scienza esatta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Buona giornata a tutti; ciao Mario.

Devo dire che sei partito "volando alto", cioè da un modo di concepire la numismatica che non è di tutti i collezionisti.

Se è vero che tanti ritengono inscindibile collezionare una moneta dalla sua contestualizzazione con il periodo nel quale è stata coniata, le motivazioni storiche e socio-economiche, le tecniche di coniazione, ecc. ecc.; tanti altri intendono la numismatica come un hobby, cioè collezionare un tipo di moneta senza fare ulteriori ricerche sui perché....

Non ricordo chi fosse quello studioso che differenziò, secondo me a ragione, le varie anime della numismatica; dal gradino più basso degli "ammassatori" (quelli che collezionano qualsiasi tipo di moneta, senza alcuna metodologia o razio), ai "numismatici" (quelli che, come sopra definito, non possono pensare alla moneta senza studiare tutto quanto questa suggerisce).

Nel mezzo ci sono tante altre anime, ognuna delle quali ha motivazioni e approcci diversi. Tutte nel loro insieme sono ovviamente rispettabili.

Credo che derivi da diverse motivazioni che fanno accostare una persona a questo "mare magnum"; penso a chi predilige l'aspetto ludico della raccolta di monete, come succede per una qualsiasi diversa tipologia di cose.....penso a chi effettua collezioni "tematiche" concentrandosi sull'immagine che riporta una moneta, non curandosi dello stato che l'ha coniata, dell'anno, del valore, del metallo, ecc.

Dubito che in queste tipologie di raccolte ci siano degli studi approfonditi del come, quando e perchè è nato quel tondello. Penso anche a coloro che collezionano monete contemporanee, soprattutto quelle "per numismatici", oppure quelle che emette annualmente una data Zecca in metalli più o meno pregiati; penso a coloro che hanno deciso di collezionare un tipo di moneta specifica, comune a vari stati (es. i marenghi, gli scudi....).

Personalmente ritengo più facile individuare il "collezionista storico" tra coloro che hanno deciso di collezionare monete concentrandosi su di un periodo, su di uno stato, su di un tipo di moneta specifico; collezioni che nascono da un interesse non esclusivo sulla moneta, ma da altre motivazioni culturali e collaterali..... penso a coloro che amano la propria città e la sua storia, a chi si è fatto ammaliare dalla storia di Roma o di altri imperi, a coloro che, semplicemente, sono stati per qualche motivo affascinati da un periodo storico. Ebbene in queste persone, quando è "scattata" la molla del collezionare monete, forse hanno più facimente trovato il loro obiettivo.

In questa ottica, faccio mio il concetto del Conte Magnaguti: ex nummis historia.

Per me è così.

Buone feste

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Scusate, solo ora nel rileggere il pezzo, mi sono accorto di aver tralasciato una premessa importante e cioè che mi sono riferito principalmente al nostro amico che "colleziona storia", privilegiando l'aspetto collezionistico numismatico alla Numismatica con la "N maiuscola".

Quest'ultima è una scienza e come tale intende - oggi - lo studio della moneta a 360° con tutto il suo corollario tecnico-socio-economico. Le dessertazioni in proposito credo riguardino, soprattutto, concezioni ormai "datate" e superate.

Scusate

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rorey36

Ci sono collezionisti,come è stato ricordato,che collezionano monete di un certo periodo, oppure della città dove vivono o sono nati, oppure di un certo Imperatore Romano, o cercano di mettere insieme il maggior numero di ritratti degli stessi Imperatori, oppure ancora dei denari delle famiglie della repubblica romana...

Ma c'è anche il collezionista, qualcuno lo chiama raccoglitore ,che compra le monete che lo hanno particolarmente colpito per la loro bellezza ,o per la loro importanza nella storia della monetazione.

Sono uno di quelli . Oltre ad un paio di collezioni ,diciamo così ,specializzate, compro quello che mi piace ,ma dopo averlo comprato, non mi limito a metterlo via. Devo sapere tutto ,dove,come,quando,da chi, e perchè ,che cosa viene prima e che cosa c'è dopo.

Chi erano i tiranni Deinomenidi ? Giulia Domna era solo la moglie di Settimio Severo e la madre di Caracalla e Geta? Oppure ha avuto un ruolo importante nella sua epoca? Quante e quali colonie Corinzie hanno coniato monete col Pegaso ? Dove si trovavano esattamente e fin dove è arrivata la colonizzazione di Corinto nell'antica Grecia?

Per me l'entrata in collezione di una nuova moneta significa un nuovo capitolo di Storia da imparare .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maf

Per me l'entrata in collezione di una nuova moneta significa un nuovo capitolo di Storia da imparare .

Che bel concetto!!!! Devo dire che condivido molto quello che hai detto, complimenti. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

Numismatica e storia : per generazioni nel passato le monete furono guardate come fossero oggetti individuali,si guardavano i ritratti,la tipologia,la conservazione, le legende,la numismatica era vista come una specializzazione,da sola, quasi sempre scollegata alle altre discipline in particolare alla storia.

Oggi e nel passato recente i pareri e gli studi hanno cambiato parere,non sempre sono concordi,ma sono più vicini:la numismatica e la storia sono un binomio indissolubile,o solo in parte o con dei se e dei ma?

Vediamo cosa ne pensano gli altri su questo argomento,da semplici definizioni a dotte dissertazioni,da un giovane del forum fino ad arrivare ai più autorevoli pareri della numismatica

Un giovane del forum ,Magdi " io non colleziono monete,colleziono storie"

Giuseppe Palmisano ne fa addirittura un titolo di un suo libro :"La moneta,il più grande romanzo della storia"

Laura Breglia."La numismatica affonda le proprie radici nell'archeologia avendo la propria testa nella storia,rappresenta una branca disciplinare che deve necessariamente confrontarsi con la serie di problematiche derivanti dalle letture di queste differenti fonti"

Da " Archeologia della moneta",Federico Barello : "Per leggere e interpretare la moneta c'è bisogno di mettere in campo tutti gli strumenti possibili per inquadrarla,nell'ambito della tecnologia antica,della storia,sociale ed economica,dei meccanismi con i quali le tracce materiali della presenza umana sul nostro pianeta sono rimaste,stratificate e solo in parte indisturbate,sotto i nostri piedi,disponibili a chi voglia analizzarle;le enormi potenzialità dei dati che emergono da uno scavo archeologico cominciano solo ora ad essere pienamente sfruttate e lo saranno sempre più,ma bisogna conoscere anche i limiti e con quali strumenti vada avvicinato".

La famosa definizione di Marc Bloch: "Tra tutti gli apparecchi registratori capaci di rivelare allo storico i movimenti profondi dell'economia,i fenomeni monetari sono senza dubbio i più sensibili".

L'insigne Grierson : "Quanto le monete ci dicono non è necessariamente imparziale e l'attendibilità delle informazioni che esse ci trasmettono deve essere stabilita criticamente,ma almeno queste informazioni non sono state prodotte con l'intento di influenzare il giudizio dei posteri;inoltre poichè la coniazione è una delle più antiche forme di produzione di massa,essendo il suo scopo la fabricazione di migliaia di oggetti identici,le monete ci danno una testimonianza su larga scala intorno al passato."

E Arslan,cosa dice a riguardo?:"La moneta,che è un multiplo,presenta possibilità di elaborazione uniche tra le le classi di documenti che il passato ci ha trasmesso;la ricerca numismatica in anni recenti ha subito,divenendo scienza sussidiaria alla storia,una netta evoluzione di analisi più sofisticate dei materiali".

E' però Lucia Travaini in BDN N°5-1985 ad affrontare in modo capillare l'argomento:"Non basta studiare il singolo pezzo,le informazioni importanti si ottengono dall'esame di grosse campionature,dai ripostigli,è utile per datare gli strati;il numismatico ,come l'archeologo ,dovrebbe essere uno storico che usa un tipo di fonti particolari,con metodi particolari,che lo distinguono nettamente dagli storici che usano solo le fonti scritte."

L'argomento è corposo,le opinioni sono varie,esistono sfumature,dei se,dei ma,anche se di massima oggi concordano in una stessa direzione,avete opinioni o pareri anche semplici a riguardo?

condivido pienamente !!!!!!!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×