Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
dabbene

Il MEDIEVALE HA FATTO BOOM ?

Risposte migliori

dabbene
Supporter

Mi è sempre piaciuto guardare non solo l'aspetto tecnico del forum ,ma riflettere anche sull'evoluzione ,la partecipazione,il consenso di questo ; curioso come sono, leggo ,osservo ,cerco anche di analizzare le tendenze e i comportamenti che possono spingere il forum in una certa direzione .

Sono riflessioni a voce alta ,che mi piacerebbe approfondire con voi ,mi fermerei essenzialmente a parlare della sezione medievale ,che è poi quella che frequento di più ,anche se mi piace molto frequentare la piazzetta e la parte organizzativa dei circoli.

Il medievale in passato è stato considerato ,sia a livello di studi ,pubblicazioni,collezionismo ,sicuramente a torto, minore rispetto ad ad altri periodi storici ; sicuramente a torto ,ma secondo me le cose sono cambiate e stanno cambiando : negli ultimi anni si sono moltiplicati gli studi in questo campo ,la moneta povera ,svilita ,non bella a vedersi spesso attrae sia gli addetti ai lavori ,che gli studiosi ,di certo nel medievale c'è molto da studiare ,molto da capire e a volte la parola fine non viene mai messa.

Questo aspetto intrigante ,di difficoltà a capire la monetazione medievale credo sia uno degli aspetti che hanno spinto molti a seguirla ,a volte le cose complicate ,se poi sviscerate sono quelle che danno più soddisfazioni : quindi rivincita della snobbata ,immobile ,spesso ripetitiva , a bassa conservazione moneta medievale.

Quindi l'aumento degli studi degli addetti ai lavori in questo periodo storico che danno dignità e importanza alla monetazione di questo periodo storico , ma anche il mondo del collezionismo vedo seguire sempre di più questo periodo ,gli appassionati crescono.

Giorni fa parlavo con due giovani molto bravi del forum ,uno mi diceva ,vorrei partecipare alle discussioni sul medievale ,vorrei seguire questa monetazione da studio ,da ricerca ,mi affascina in poche parole ,l'altro mi dice ,io seguo un altro periodo ,ma vorrei ,se mi presti qualche moneta medievale ,vederle ,cercare di leggere queste difficili legende ,i segni identificativi ,tutte queste cose mi incuriosiscono : questo è un piccolo spaccato del forum , ma reale e attuale a oggi.

Ma veniamo al forum ,io ritengo ,ovviamente è una mia opinione personale ,che il medievale nell'ultimo periodo ha fatto boom ,ha avuto una grande performance ; mi spiego meglio ,basta vedere il numero di nuove discussioni recenti ,una più interessante dell'altra ,al punto che io credo fra poco i curatori avranno dei problemi perchè la fascia di quelle fisse quasi supera quella delle nuove.

Alcuni si sono spostati da altre sezioni ,agli utenti classici di questa area ,tra l'altro secondo me tutti molto competenti e appassionati ,ultimamente si sono aggiunti altri ,alcuni giovani ,che stanno crescendo di giorno,in giorno .

Cosa può essere successo ? Tante cose si dovrebbero dire ,e un post non è sufficiente : l'interesse di una monetazione che ha ancora molto da dire e da scoprire ,questo sicuro ,l'effetto traino ,utenti bravi che sanno porsi e sanno attirare e portano altri consensi direi ,come in tutti gli ambiti la tendenza spesso se gestita bene tende ad ampliarsi ,un altro aspetto che ritengo fondamentale rispetto ad altre sezioni ,in particolare quella classica ,la possibilità più tranquilla da parte dell'utente di poter postare le proprie monete ,e questo ritengo sia fondamentale per la riuscita di una discussione ,apportare immagini e commentarle insieme diventa circolo reale e fonte di studio continuato ,nella sezione medievale diciamo in questi ultimi tempi sono state postate immagini di monete medievale con quantità direi industriali ,veramenti enormi ,ormai sul forum c'è di tutto e anche di un certo livello.

Ultimo ,ma non l'ultimo ,la novità, .l'apporto direi essenziale di alcuni addetti ai lavori ,in particolare in questa sezione : si disse ai tempi ,i due mondi quello degli addetti ai lavori e quello del collezionismo ,degli appassionati ,degli studiosi si devono unire ,avvicinare in un qualche modo ; beh qui su lamoneta ,qualcosa del genere sta succedendo ,certamente ,non è facile, è un mix da gestire abilmente da ambo le parti ,io vorrei citare come esempio positivo quello che sta facendo sul forum Monbalda ,ma anche altri comunque ,un dare le proprie conoscenze con grande semplicità ,garbo ,senza intimorire l'utente in particolare meno avvezzo, tentandolo di conquistarlo,incuriosirlo,insegnando a piccoli passi.

Credo che questa sia la strada giusta da seguire ,non facile ,ma possibile ,certo le due parti devono collaborare ,non solo dal punto di vista tecnico ,ma anche di come ci si rapporta con gli altri.

Nel medievale ,direi che la strada intrapresa da Monbalda felicemente debba rimanere un riferimento e un punto di arrivo per tutti : questa è un altro motivo per il quale il mediavele sta performando .

Che i due mondi ,non debbano stare separati e non gioverebbe assolutamente a nessuno dei due,lo leggo anche nell'ultimo libro di Monica Baldassarri " Zecca e monete del Comune di Pisa ",il riferimento è a quello che dice Lucia Travaini in proposito ,( e visto che siamo nel Medievale ,non potevo sceglire persona migliore per fare la chiosa finale ) la stessa ci dice . " ci deve essere la voglia di non fare una ricerca fine a sè stessa,ma aperta e comunicativa anche ai non addetti ai lavori."

Tanti pensieri ,tante riflessioni possibili ,a voi ,se vorrete ,la parola e comunque buon Medievale a tutti !

Modificato da dabbene
  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand
Supporter

La tua discussione è molto stimolante. E' un bene che la numismatica medievale stia venendo alla ribalta; può sembrare un paradosso ma fino a poco tempo fa si sapeva di più sul mondo romano - repubblicano e imperiale - che su quello medievale, soprattutto altomedievale. Senza dubbio il merito è di alcuni storici e numismatici che hanno privilegiato l'Età di mezzo a quella classica. Sono d'accordo nel riconoscere i meriti di alcune discussioni che da un po di tempo vengono postati sul nostro forum. E non a caso alcuni anni orsono assunsi l'onere della compilazione di una bibliografia che privilegiasse proprio l'ambito medievale.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Caro Mario (dabbene) hai proprio ragione.

Vedo per le medioevali, all'interno del forum, una vivacità impensata e non sempre spinta dagli "anta" o da riconosciuti studiosi, ma da ragazzi; giovani e giovanissimi.

Per chi ama la numismatica in generale, cosa si può chiedere di più, se non avere delle nuove leve alle quali passare il testimone, intendendo per tale, il metodo di studio, la passione, la curiosità, la sete di sapere?

Le medioevali...croce e delizia degli appassionati; spesso (quasi sempre) così ripetitive, povere di immagini e piene di simboli da decifrare, piccole da perderci la vista, emesse in centinaia di zecche sparse per il territorio, che solo a pensare di studiarle viene il cimurro; spesso brutte (lo sappiamo e non ce lo nascondiamo).

Forse però è questo il loro fascino; almeno per me.

Saluti

Luciano

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bavastro

forse parlare di boom è eccessivo, comunque c'è un diffuso interesse culturale sul Medioevo.

saggi storici (es. Teodora e Giustiniano)

romanzi (es. il nome della rosa)

cinema (es. le crociate)

rievocazioni storiche (es. il Palio)

e altri stimoli, che possono indirizzare il collezionista/studioso di monete, verso questo complicato periodo.

Lamoneta nel suo piccolo, sta piazzando diversi tasselli di questo enorme mosaico.

Modificato da bavastro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

flepre

Da parte mia devo dire che dopo anni di interesse nelle monete del regno di Italia, mi sono avvicinato alla numismatica medioevale (Milano fino agli sforza) perché mi affascinano gli aspetti legati a tale monetazione.

Se le monete moderne sono così "ovvie" le monete medioevali celano una storia economica e sociale molto diversa dalla nostra, ma che ne rappresenta l'embrione stesso.

Leggo con molto interesse in questi mesi le interessanti discussioni promosse da alcuni di voi, a cui faccio i miei complimenti.

Fabrizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

1000Coins
Supporter

Anch'io mi sto avvicinando allo studio di questa monetazione.

Particolarmente ai Visconti e Sforza.

Per ora ho comprato solo il libro di Varesi e Negrini: La monetazione di Milano e niente monete perchè sto cercando di capirci di più....

Riguardo appunto le monete, volevo chiedere, a chi di questo ne sa sicuramente più di me, se occorre per questa tipologia (sto parlando di monete comuni a basso valore, non rare o particolari) qualche cosa che attesti la lecita provenienza.

Si trovano facilmente, monete comuni, sul noto sito e/o in mercatini.

Ma avere qualche cosa che attesti che sono "correttamente possedute" in questi casi è difficile..

Serve poi?

Grazie per chi mi aiuterà a chiarire questo dubbio

Ciao

M.

Modificato da 1000Coins

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

ho notato anche io che ultimamente il medioevo è incima alle hit parade... sono mode... :D anche l' argento ultimamente è molto ricercato, al contrario di 2-3 mesi fa, quando era l' oro ad essere maggiormente scelto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

1000Coins
Supporter

Anch'io mi sto avvicinando allo studio di questa monetazione.

Particolarmente ai Visconti e Sforza.

Per ora ho comprato solo il libro di Varesi e Negrini: La monetazione di Milano e niente monete perchè sto cercando di capirci di più....

Riguardo appunto le monete, volevo chiedere, a chi di questo ne sa sicuramente più di me, se occorre per questa tipologia (sto parlando di monete comuni a basso valore, non rare o particolari) qualche cosa che attesti la lecita provenienza.

Si trovano facilmente, monete comuni, sul noto sito e/o in mercatini.

Ma avere qualche cosa che attesti che sono "correttamente possedute" in questi casi è difficile..

Serve poi?

Grazie per chi mi aiuterà a chiarire questo dubbio

Ciao

M.

Va beh

non credevo di aver posto una domanda così complessa.....

nessuno ne sa più di me?

Grazie

Ciao

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Il quesito posto da Dabbene è , come sempre stimolante, per aiutarci a riflettere su una tendenza che nbon sarà sfuggita all'attento osservatore delle vicende del forum.

In realtà, per rispondere al quesito, credo che una delle ragioni trainanti (anche se Dabbene ne ha elencate diverse e tutte pienamente condivisibili) sia stata una "massa critica" di interessati/appassionati e mettiamo anche collezionisti, che, tutti validi, hanno saputo dare vita non solo a stimolanti ricerche e approfondimenti (sempre chiaramente nei limiti imposti dalla dialettica di un Forum) ma anche a portare alla ribalta argomenti nuovi, domande, richieste di dettaglio con un'esperienza e passione che prima risultavano appannagio più di un singolo di volta in volta che di un insieme di vari utenti, ripeto tutti qualificati , che hanno saputo/potuto determinare l'elevazione del livello qualitativo della sezione.

Non voglio fare nomi, ma scorrendo la frequenza degli interventi nella sezione ci si può rendere conto da soli del valore di certi contributi, ma ci terrei a menzionare anche quegli utenti che pur non essendo numismatici di professione, hanno dato e stanno dando contributi con articoli e pubbòlicistica di livello professionale, quali ad esempio Basetti e Giollo, nei rispettivi campi di specializzazione, entrambi contributori della sezione.

Rilevo anche, visto che è una sezione che conosco abbastanza , che un certo diradamento degli interventi che riguardano le classiche (in particolar modo le greche) potrebbe purtroppo derivare anche daila recente evoluzione normativa riguardante in articolare la monetazione classica che ha portato , inevitabilmente, ad un certo disorientamento e ad un possibile conseguente disamoramento (sperabilmente temporaneo) verso questa specializzazione, rafforzando magari i ranghi della sezione medioevale meno turbata da queste problematiche.

Per 1000coins ricordo infine, a proposito, che pur non rivestendo carattere di sensibilità quali appunto quello della monetazione antica, è sempre opportuno se ci si avvicina come collezionista acquistare sempre con regolare fattura da commercianti riconoscuti che costituirà già di per se un'ottima garanzia di provenienza.

un cordiale saluto..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Credo che una parte del fascino delle monete medievali sia anche legato alla storia locale. Chi colleziona queste monete non può prescindere da una buona conoscenza della storia della città che le emetteva. E spesso delle città che interagivano con essa. Inoltre per molti versi sono monete ancora da scoprire e questo aumenta il loro fascino...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

ho notato anche io che ultimamente il medioevo è incima alle hit parade... sono mode... :D anche l' argento ultimamente è molto ricercato, al contrario di 2-3 mesi fa, quando era l' oro ad essere maggiormente scelto

Buona serata magdi,

personalmente non credo sia una moda.....e se per caso qualche persona si avvicinasse alle monete medioevali per moda, credo che rinuncerebbe dopo qualche settimana/mese.

E' una monetazione che non può prescindere da conoscenze di natura storica, economica, politica (almeno a livello sufficiente) e come tutte tutte le collezioni "complicate", dove c'è da studiare prima ancora di collezionare, non sono oggetto di mode.

Non è quel tipo di collezione "usa e getta", dove comperi il pezzo mancante solo perchè ti piace e fa "figo" e senza alcuna informazione, lo metti nell'album.

Ne ho viste di collezioni per "moda", durate qualche anno e poi.....l'obblio. Forse restano ancora dei "duri e puri" che a tutt'oggi collezionano i miniassegni o gli orologi Swatch ed a loro....tanto di cappello per la loro pervicacia, ma ormai il fenomeno è tramontato, come tutte le mode.

Saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tornese71

Rilevo anche, visto che è una sezione che conosco abbastanza , che un certo diradamento degli interventi che riguardano le classiche (in particolar modo le greche) potrebbe purtroppo derivare anche daila recente evoluzione normativa riguardante in articolare la monetazione classica che ha portato , inevitabilmente, ad un certo disorientamento e ad un possibile conseguente disamoramento (sperabilmente temporaneo) verso questa specializzazione, rafforzando magari i ranghi della sezione medioevale meno turbata da queste problematiche.

Secondo me questa è una delle chiavi di lettura principali del fenomeno descritto da Dabbene e che, a mio parere, è rilevabile anche al di fuori del forum.

In altre discussioni ci si è chiesti se c'è (e qual è) il legame tra collezionismo e ricerca numismatica.

Per me c'è eccome, e il successo crescente del collezionismo di medievali (estraneo alle mode) determina e favorisce la crescita della relativa ricerca.

Al contrario, le difficoltà di collezionare le classiche derivanti dall'ambigua legislazione in materia provocano un allontanamento di adepti e, secondo me, una conseguente diminuzione di studi e ricerche.

Ovviamente parlo di studi provenienti dai collezionisti, non dagli studiosi universitari i quali, credo, possono più facilmente continuare ad avere accesso (come è giusto che sia) alle monete, anche provenienti da scavo, e di conseguenza - per fortuna - proseguire nelle indagini.

Ma, poiché la storia degli studi numismatici è fatta di contributi provenienti da entrambi i fronti, ritengo che fra qualche anno, nel settore della monetazione antica, si noterà in modo ancora più netto un calo di quelli prodotti dai collezionisti.

Ed è un vero peccato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rintintin
Supporter

Buona serata magdi,

personalmente non credo sia una moda.....e se per caso qualche persona si avvicinasse alle monete medioevali per moda, credo che rinuncerebbe dopo qualche settimana/mese.

E' una monetazione che non può prescindere da conoscenze di natura storica, economica, politica (almeno a livello sufficiente) e come tutte tutte le collezioni "complicate", dove c'è da studiare prima ancora di collezionare, non sono oggetto di mode.

Non è quel tipo di collezione "usa e getta", dove comperi il pezzo mancante solo perchè ti piace e fa "figo" e senza alcuna informazione, lo metti nell'album.

Ne ho viste di collezioni per "moda", durate qualche anno e poi.....l'obblio. Forse restano ancora dei "duri e puri" che a tutt'oggi collezionano i miniassegni o gli orologi Swatch ed a loro....tanto di cappello per la loro pervicacia, ma ormai il fenomeno è tramontato, come tutte le mode.

Saluti

Luciano

 

Ciao, ho appena ereditato un mazzetto di miniassegni, circa sui 90 pezzi. Mio zio Pietro non era un collezionista, ma un genio con la testa nei suoi progetti... e quando gli davano il resto lo ha sempre accumulato (sacchettini di moneta in casa, in macchina, in garage...). Forse col prezzo di oggi dei miniassegni diventerò io un duro e puro ;) mi sono ordinato le paginette di album per metterli via bene.

 

Buona domenica 

 

P.S.: ho ancora i miei 2 swatch anni 80 e 90!

Modificato da rintintin

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Ciao, ho appena ereditato un mazzetto di miniassegni, circa sui 90 pezzi. Mio zio Pietro non era un collezionista, ma un genio con la testa nei suoi progetti... e quando gli davano il resto lo ha sempre accumulato (sacchettini di moneta in casa, in macchina, in garage...). Forse col prezzo di oggi dei miniassegni diventerò io un duro e puro ;) mi sono ordinato le paginette di album per metterli via bene.

 

Buona domenica 

 

P.S.: ho ancora i miei 2 swatch anni 80 e 90!

Buona Domenica

 

Lo zio Pietro era un accumulatore seriale. :pleasantry:

 

Ti ha lasciato un materiale da "sviluppare" e studiare. Riguardo all'aspetto economico - salvo eccezioni - è stato una perdita secca.

 

Tieni conto che con un miniassegno da 100 lire, all'epoca ti potevi comperare un bel cono gelato. Oggi 100 lire non valgono più nulla, ma al cambio sarebbero stati ca €. 0,05. Oggi un cono gelato lo paghi €. 1,50 - 2,00.

 

Il valore odierno dei miniassegni non lo conosco, ma vedo un sacco di offerte su eBay che partono da €. 0,50 e non se li prende nessuno o quasi; folse qualche chance in più ce l'hanno quelli rari ....

 

Resta certamente un bel ricordo dello zio.

 

saluti

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4mori

Sicuramente il medioevo è un periodo molto affascinante sia dal punto di vista Numismatico e che da quello storico, infatti non sono moltissime le informazioni giunte sino a noi di questo periodo, ma le monete che come sempre sono usate come metodo di propagazione di messaggi, fanno si che non solo si riscopra questo periodo che per molto tempo è stato considerato buio, cosa che non credo, ma che anzi con lo studio delle monete si possa nche far luce su momenti storici ancora nascosti, insomma una bella parte della Numismatica ancora tutta da scoprire.

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chievolan

Sicuramente il medioevo è un periodo molto affascinante sia dal punto di vista Numismatico e che da quello storico, infatti non sono moltissime le informazioni giunte sino a noi di questo periodo, ma le monete che come sempre sono usate come metodo di propagazione di messaggi, fanno si che non solo si riscopra questo periodo che per molto tempo è stato considerato buio, cosa che non credo, ma che anzi con lo studio delle monete si possa nche far luce su momenti storici ancora nascosti, insomma una bella parte della Numismatica ancora tutta da scoprire.

Se il medioevo è "un secolo buio" è perché non sono state aperte le finestre. Dei secoli medievali abbiamo cronache, documenti contabili, documenti notarili, ... bauli di documenti. Basterebbe aprire le finestre delle stanze dove sono conservati, al buio, per far luce.

E luce viene fatta, sempre più negli ultimi anni. Dipende soprattutto dalla volontà di istituzioni locali, dalla passione di ricercatori e studiosi, che spesso entrano in quelle stanze buie magari con un lumicino. Alle volte sono le "istituzioni" ad aprire le finestre. Altre volte queste chiudono a doppia serrata le porte. Le cose variano da Regione a Regione.

Il Medioevo non è un periodo buio (Non come l'Alto Medioevo), ... abbiamo tanto, ... tanto già conosciamo e sempre più conosciamo, tanto dobbiamo ancora conoscere, ... abbiamo un monte di archivi da consultare (sempre sperando che i topi non rosichino troppo).

E per quanto riguarda le monete, .... sempre più in questi anni si ha interesse e cura degli scavi in siti medievali, con ritrovamenti interessanti e importanti, .... poi qui dipende dalle Soprintendenze, .... c'è quella che pubblica e fa conoscere e quella che archivia  "al buio" e non fa conoscere.

Per quanto attiene, ad esempio, alla mia Regione, il Friuli, sia per pubblicazioni di documenti che per la catalogazione di reperti e monete, direi che l' appassionato, lo studioso, il curioso, può ben essere contento, ... C'è luce, c'è luce.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

penso che nel futuro ci sarà luce, perché da dire c'è moltissimo.... uno dei modi per "fare luce" è a mio modesto avviso superare il concetto del numismatico "onnisciente", quello che parla con la medesima verve di monete greche antiche, romane imperiali, medievali e di euro.

un po' se ne vedono ancora...ma si vedono anche tante nicchie di approfondimento vero e non "di facciata"...

 

non c'è nulla di male ad accettare che un' alta specializzazione su 2 o 3 secoli, sia "contorniata" da una conoscenza sufficiente o al massimo buona di tutta l'altra monetazione...

 

sapere tutto a volte vuol dire non sapere nulla...

nel mio piccolo quando parliamo di V e VI secolo spesso parlo..... quando si parla di monete greche o medievali, ascolto e imparo...

 

questa è la  mia filosofia

così forse si fa un passo avanti....

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4mori

Si è sicuramente come dici tu chievolan, il medioevo aspetta solo di essere studiato e conosciuto, nella mia breve esperienza in giro qua e la ho notato che molto si spende e si pubblica sul periodo Romano e su quello Rinascimentale, mentre su quello medievale essendo ancora un periodo in fase di studio non è che si trova poi così tanto, ma l'inversione di tendenza che si nota in questi anni sta portando forse a rivalutare il periodo e non solo dal punto di vista archeologico ma anche da quello Numismatico.

 

Speriamo che i topi di archivio che studiano questa epoca siano sempre di più............

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×