Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
alainrib

Gettone di chiesa ,ma quele chiesa?

27 risposte in questa discussione

Inviato (modificato)

Buongiorno. Cerco a identificare questo gettone di chiesa con una tiara e le lettere E e S sopra il dritto, trovato vicino a il confine con Italia, ma non posso trovare a quale chiesa in Francia. È possibile che sià uno gettone per una chiesa in Italia? Rame, diametro 16mm, peso 0,70g.

Grazie.esav11.jpgesrev11.jpg

Modificato da alainrib

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' possibile, la croce mi farebbe pensare ad un qualcosa di francese ma non ho trovato nessun riferimento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Difficile a identificare, penso a uno gettone francese, ma il esperto francese non puo trovare la localita.

Cmq, grazie per vostra risposta.

Alain.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bello, curioso e interessante (mai visto...!)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

E' possibile, la croce mi farebbe pensare ad un qualcosa di francese ma non ho trovato nessun riferimento.

Ciao Avgvstvs : ti sarei grato se potessi dirmi cosa sono i "gettoni da chiesa". Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve

Riguardo l'identificazione del 'gettone di chiesa', mi hanno detto che potrebbe trattarsi di un peso monetale lombardo con le iniziali di sant’Eligio.

Quanto alla domanda di sandokan, conosco un tipo di gettoni che possono definirsi propriamente ‘di chiesa’ in quanto erano utilizzati nel XX sec. in tempi di scarsità di moneta spicciola per pagare l’uso della sedia nelle funzioni religiose.

Se ne trovano esempi in ‘Medaglie devozionali e dintorni’, Part 3, n. inv. 02998, 03164, 04236, 06014, 04693, sul sito di Paolo Pitotto http://xoomer.virgilio.it/paolopitotto/devozionali/

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Apollonia, per vostro aiuto. Si capisco bene, potrebbe essere uno peso monetale lombardo, ma per quale moneta?( Su peso è molto basso per una moneta d'argento o di oro.)

A presto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non mi sembra un peso monetale, certamente non lombardo.

Saluti Gzav

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Penso che hai raggione, Czav. Concordo, È uno gettone di presenza di chiesa per li officii. Cerco il diocesi.

A presto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve

Premesso che non m'intendo di pesi monetali nè di monete di Milano, da quanto ho appreso da chi ha sicuramente voce in capitolo, le monete milanesi che presentano sul rovescio una croce trifogliata sono numerose.

Il trifoglio compare poi ad esempio sul grosso da 2 soldi e sul soldo di Enrico VII, per cui fa parte della iconografia delle monete milanesi e S. Eligio è il protettore degli zecchieri di Milano.

Anche il peso è comune a molte monete di quel tempo: il mezzo soldo o sesino ha un range 0,6-1,2 g, il denaro 0,4-0,6 g, per cui si tratta quasi certamente del peso di una moneta milanese (forse del denaro anonimo di Filippo Maria Visconti - II repubblica, che presenta una croce simile su un lato e il busto di un santo sull'altro).

Per saperne di più occorre leggere le pubblicazioni di Mazza.

Questo è quanto.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appunto, leggendo i libri del mio amico Mazza si vede come i pesi monetali milanesi abbiano in genere il rovescio liscio (salvo marchi di fabbrica o bolli di verifica) e siano relativi a monete d'oro o d'argento, ma quest'ultime solo se di peso e titolo significativi, diciamo come minimo il Grosso.

E nemmeno si tratta di Sant' Eligio, la cui effigie spesso è usata a Milano come marchio di fabbrica o bollo di verifica: S. Eligio si abbrevia infatti SE e non ES.

Credi proprio che si tratti invece di un Méreau, gettone di chiesa, detto in Spagna Pellofa.

Saluti Gzav

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

<LI>Scan-110507-0002.jpg

Ciao Alain

Il tuo oggetto è una imitazione dei Savoia Quarto di Emanuele Filiberto del Vescovado di Sion o Satten - Svizzera Vallese -

ILDEBRANDO di RIEDMATTEN - 1565-1604 - Vescovo

Vedi sopra dettaglio tratto dal ... Gamberini

COMPLIMENTI!!!!!!! Pezzo Raro!!!!

Modificato da profausto
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Completo L'Identificazione

Vescovado di SION o Setten - Svizzera Vallese

ILDEBRANDO di RIEDMATTEN - Vesc. 1565-1604

Imitazione Quarto di Emaniele Filiberto di Savoia

Sopra ; MITRIA

sotto: TRIFOGLIO

ANEPIGRAFE

Mistura - diam. mm 15 - grammi 0,73

Catalogo ratto n° 4280 - parte 3° - Monete straniere LUGANO - 2/04/1927

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cento mille grazie per vostra ricerca; sono molto contento che questo pezzo sià identificato.

BRAVO!

Ciao.

Alain.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bene: smosse le acque specialmente grazie al post #10, l’obiettivo dell'identificazione è stato raggiunto con gli interventi di gzav che, ‘giocando in casa’ essendo di Milano e amico di Mazza, ha escluso che si trattasse di un peso monetale milanese, e a profausto, che, dal Cremasco, ha prodotto proprio la pagina in cui il pezzo è pubblicato tra le ‘IMITAZIONI ESTERE’.

Rimane un piccolo dubbio (almeno a me).

Nei pezzi riportati sulla stessa pagina del Gamberini trovo corrispondenza tra tipologia e iniziali: EMANVELE FILIBERTO con E F ; FRANCESCO FILIB. F. FIESCHI con F F.

In questo invece non c’è nulla che corrisponda direttamente a E S. A chi corrispondono queste iniziali?

Forse a Emanuele di Savoia?

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Buona domanda, e molto interessante, Appolonia. E si la lingua parlata in il vescovado di Sion in questo periodo era il francese, per che no E S per "évêché de Sion?"

A presto per altri avisi

Modificato da alainrib

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bonjour alainrib

Évêque de Sion, et pourquoi pas?

Non ricordavo come si traduce vescovo. E dire che la mia lingua straniera ai tempi del liceo fu il francese…

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Forse più sicuramente, in latino, qualché cosa come "Episcopus.. Sionnensis"

Modificato da alainrib

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

http://it.wikisource...a_1891.djvu/255

Questo dovrebbe "cancellare" eventuali "dubbi"

Quindi:

Le iniziali E S corrispondono a

EPISCOPUS SEDUNENSIS

ciao Alain

Profausto

Modificato da profausto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Senz'alcun dubbio.

EPISCOPUS SEDUNENSIS è la traduzione latina del nostro VESCOVO DI SION e del francese EVÊQUE DE SION.

Dovrebbe trattarsi di Hildebrand of Riedmatten (altresì citato come Hilteprand de Riedmatten) che occupò il seggio episcopale di Sion dal 1565 al 1604

http://www.wordiq.com/definition/Bishops_of_Sion

Habemus Episcopum…

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che bella ricerca! grazie a tutti due.

Alain.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Oh, bravo, Augustus, bella scoperta! Per 35 euros, é forse interessante comprarla! Che miseria, pensava che la mia moneta sia molto rara!

Ancora bravo per vostra ricerca.

Alain.

Modificato da alainrib

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

Oh, bravo, Augustus, bella scoperta! Per 35 euros, é forse interessante comprarla! Che miseria, pensava che la mia moneta sia molto rara!

Ancora bravo per vostra ricerca.

Alain.

Alain, la moneta è stata venduta a quel prezzo solamente perchè non era stata ben classificata! ...Anzi!......non l'hanno classificata per niente!........:acute: furbo e fortunato chi se ne è accorto!......... Mi sono già interessato ma è presente nel catalogo solamente per consultazione!! ecco quanto mi hanno risposto!

................Le jeton J20_0850 n'est plus disponible - Pour information, les catalogues en archives ne sont là qu'à titre consultatif - :

ciao, e non svederlo!..il tuo esemplare...!

Profausto

Modificato da profausto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve, Prof, non abbiate pauro.( Euh! no, è d'un'altro...). Per il momento, guardo tutto.

Ciao, amico, a presto.

Alain. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?