Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
lgmoris

Zecca della Repubblica Rivoluzionaria Veneta

Risposte migliori

lgmoris

Salve a tutti. Per gli appassionbati di questo periodo vi posto un bel 15 Centesimi del 1848 coniato dal Governo Provvisorio della Repubblica Rivoluzionaria di Venezia.

La moneta che rappresenta un periodo molto turbolento della storia Italiana e' stata coniata dalla Zecca di Venezia. Da qui le mie domande:

Puo' qualcuno dirmi dove era situata la zecca di Venezia in quel periodo rivoluzionario? Era la stessa usata dalla Zecca del Regno Lombardo Veneto? Infine mi piacerebbe sapere se nella composizione della mistura vi osse una piccola parte di argento. La moneta e' infatti molto bianca e risplendente, ma la sua sofficita' sembra puntare allo stagno.......:)

IMG_2643.jpg

IMG_2637.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Ecco che con modica spesa si acquista un pezzetto della nostra storia....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
417sonia
Supporter

Buona Domenica

La zecca di Venezia non fu smantellata, ne' dai francesi, ne' dagli austriaci, quindi queste monete furono prodotte in loco.

E' una moneta in mistura, ma non ho trovato in quale percentuale e' presente l'argento. Temo sia molto variabile, come lo e' il peso che va da gr. 1,22 a 1,88. Piuttosto la moneta presenta la classica ''bianchizzatura'' cioe' una argentatura superficiale.

Saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar

Buona Domenica

La zecca di Venezia non fu smantellata, ne' dai francesi, ne' dagli austriaci, quindi queste monete furono prodotte in loco.

E' una moneta in mistura, ma non ho trovato in quale percentuale e' presente l'argento. Temo sia molto variabile, come lo e' il peso che va da gr. 1,22 a 1,88. Piuttosto la moneta presenta la classica ''bianchizzatura'' cioe' una argentatura superficiale.

Saluti

Luciano

Confermo quanto sopra.

Fu una delle prime monete che mi appassiono scoprendo che il peso era spesso differente anche con monete in ottima conservazione e cosi per l'argento o l'argentatura,cosa che ancora non era riportata dai cataloghi come regola ma solo come eccezione.

Secondo me le più leggere sono le più rare e con quantità d'argento maggiore. Cambia anche il diametro da mm.18,0 a mm.18,5 In alcune si nota benissimo il passaggio dal nobile metallo al vile,tipo il 20 Soldi Vittorio Amedeo III.

Forse stando sotto assedio le scorte andavano finendo e risparmiavano sulla percentuale d'argento

Moneta sottovalutata sopratutto in SPL e FDC e per la bassa tiratura 155.196

F.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lgmoris

Grazie a tutti delle esaurienti informazioni. Il palazzo stesso della Zecca si trovava su terra ferma o nella citta' stessa ? Nel qual caso doveva essere stato laborioso portare tonnellate di metallo su barconi nei calli.:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Eccola qui

10pahjs.jpg

Proprio sul bacino di San Marco; questo che vedi è il palazzo edificato su progetto del Sansovino e oggi è parte della Biblioteca Marciana.

Prima di questo il palazzo era meno "bello", ma sempre nel medesimo luogo. Fu trasferita qui, la zecca, poichè precedentemente stava a Rialto...troppo lontana dai controlli. ;)

Saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lgmoris

Eccola qui

10pahjs.jpg

Proprio sul bacino di San Marco; questo che vedi è il palazzo edificato su progetto del Sansovino e oggi è parte della Biblioteca Marciana.

Prima di questo il palazzo era meno "bello", ma sempre nel medesimo luogo. Fu trasferita qui, la zecca, poichè precedentemente stava a Rialto...troppo lontana dai controlli. ;)

Saluti

Luciano

Grazie Luciano. Posizione centralissima per un edificio per produzione industriale. Penso sia stata la piu' bella posizione delle Zecche del tempo....:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

Lamberto vedo che ti piace spaziare, questo tondello come dice Favaldar,è troppo sottovalutato, affascinantissimio.......

Anche il tuo non è messo niente male per la tipologia.

E degli edifici del Sansovino???

Spettacolari........ :rolleyes:

Modificato da eracle62

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lgmoris

Ciao, Eros, si mi diverto a spaziare postando monete che ho ai lati delle mia collezione ma che sono molto interessanti e belle. la Moneta mi ha dato l'opportunita' di "riscoprirle". I palazzo del Sansovino bellissimo! Troppo per una Zecca! Appropiato per la Bibloteca... Ciao!:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Buona serata

C'è da sottolineare una cosa, ancor prima che il Sansovino ci mettesse mano, la zecca di Venezia era già una delle prime industrie della città.

Fu senza dubbio una industria atipica, dal momento che non era gestita dall’iniziativa privata per un profitto privato, ma da funzionari pubblici in conformità a leggi stabilite dal Governo; ma sebbene nettamente diversa dalle industrie private, essa stessa doveva rispondere a requisiti di mercato, di standardizzazione del prodotto, di economicità e qualità, tali che ne rendevano simili alcuni aspetti.

Nei primi anni del 1400, ma anche successivamente, poteva certamente competere con l’Arsenale, a cui era stato dato un nuovo impulso dopo l’ultimo ampliamento e con altre imprese, quali l’industria estrattiva del sale, l’industria vetraria e della raffinazione dello zucchero.

Penso che fosse un grande "vanto" dello Stato e come tale doveva avere una sede appropriata.....e Sansovino ci riuscì in pieno; gli diede una veste ed un carattere che nessuno mai avrebbe potuto pensare che quella fosse una fabbrica, che li si fondessero i metalli.......

Interpretò così bene l'esigenza dell'arredo urbano da fare un "monumento" bellissimo, interpretando l'architettura monumentale del tardo rinascimento che, di li a pochi anni, diventerà barocco, con esponenti del calibro del Longhena, dello Scamozzi, e così via, fino al Palladio.

Saluti

luciano

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lgmoris

Buona serata

C'è da sottolineare una cosa, ancor prima che il Sansovino ci mettesse mano, la zecca di Venezia era già una delle prime industrie della città.

Fu senza dubbio una industria atipica, dal momento che non era gestita dall'iniziativa privata per un profitto privato, ma da funzionari pubblici in conformità a leggi stabilite dal Governo; ma sebbene nettamente diversa dalle industrie private, essa stessa doveva rispondere a requisiti di mercato, di standardizzazione del prodotto, di economicità e qualità, tali che ne rendevano simili alcuni aspetti.

Nei primi anni del 1400, ma anche successivamente, poteva certamente competere con l'Arsenale, a cui era stato dato un nuovo impulso dopo l'ultimo ampliamento e con altre imprese, quali l'industria estrattiva del sale, l'industria vetraria e della raffinazione dello zucchero.

Penso che fosse un grande "vanto" dello Stato e come tale doveva avere una sede appropriata.....e Sansovino ci riuscì in pieno; gli diede una veste ed un carattere che nessuno mai avrebbe potuto pensare che quella fosse una fabbrica, che li si fondessero i metalli.......

Interpretò così bene l'esigenza dell'arredo urbano da fare un "monumento" bellissimo, interpretando l'architettura monumentale del tardo rinascimento che, di li a pochi anni, diventerà barocco, con esponenti del calibro del Longhena, dello Scamozzi, e così via, fino al Palladio.

Saluti

luciano

Grazie ancora Luciano. Ottima rappresentazione storica dell'edificio e delle esigenze del tempo. Senz'altro fra le piu' belle Zecche di tutti i tempi...A presto!

Lamberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×