Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
eg1979

Perchè Anastasio?!?!?

Risposte migliori

eg1979

Perchè molti dicono che Anastasio, numismaticamente, è l'ultimo imperatore con monetazione romana e, contemporaneamente, il primo bizantino?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

yafet_rasnal

Perche' abbandono' il sistema monetario romano e nel 498 introdusse quello basato sul follis da 40 nummi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa

Per cui di Anastasio ci ritroviamo due monetazioni... una contemplata dai testi che trattano le monete romane e l'altra che tratta le monete byzantine...

agrì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Per quanto tempo ancora ha adottato la monetazione romana?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Psello

L’impero romano non termina bruscamente in una data precisa, per proseguire, o essere sostituito dall’impero bizantino - anche se convenzionalmente è presa a riferimento la deposizione dell’ultimo imperatore d’Occidente Romolo Augustolo nel 476 d. C. - ma si tratta di una lenta e lunga evoluzione che trasforma il principato d’Augusto in una monarchia cristiana e orientale.

Questa lenta evoluzione crea delle incertezze sull’inizio della storia bizantina che si riflettono sul momento da cui far iniziare la monetazione bizantina , considerando che una data è pur sempre una semplificazione di una realtà storica molto più complessa.

Negli studi numismatici queste incertezze si manifestano nelle differenti scuole di pensiero che individuano il passaggio tra la monetazione romana e quella bizantina in date diverse.

Inoltre bisogna aggiungere che né i “romani” né i “barbari” avevano avuto la sensazione che l’Oriente e l’Occidente erano ormai divisi e l’idea di un impero unico governato da un collegio imperiale rimaneva viva, come le tradizioni amministrative e culturali romane che rimasero attive almeno fino al VII secolo.

L'ipotesi che attribuisce la nascita della monetazione bizantina al regno di Anastasio I (491 – 518 d.C.) ed alle altre riforme avvenute nel corso del VI secolo, nasce sopratutto dallr sue riforme.

Anastasio I era un burocrate oscuro ed anziano ai tempi della sua elevazione alla porpora ed avrebbe regnato per ventisette anni rivelandosi un energico amministratore e mostrando notevoli capacità nella riorganizzazione del sistema finanziario.

È dalle riforme di questo imperatore in campo fiscale ed in campo monetario che possiamo far iniziare la numismatica bizantina.

Il sistema monetale bizantino si basava sul solidus, moneta d’oro che pesava circa g. 4,50 introdotta dalla riforma di Costantino il Grande del 310 d.C. .

Questo sistema si rivelò straordinariamente stabile: per un intero millennio il solidus fu la base del sistema monetario bizantino e godette di un grande credito nel commercio mondiale per molti secoli.

Alla fine del V secolo il rapporto tra la moneta aurea e quella in bronzo era soggetto ad ampie oscillazioni, tanto che erano necessari circa 12000 nummi di bronzo per un solidus d’oro .

La riforma del 498 d.C. di Anastasio I manteneva i nominali d’oro costantiniani (il solidus, la sua metà, il semisse ed il suo terzo, il tremisse), ma modificava fondamentalmente i nominali di bronzo con l’introduzione di una moneta di circa g. 9 dal valore di 40 nummi, chiamato follis e da altre monete sottomultiple del follis da 20 e 10 nummi.

Il diritto di queste monete recava l’immagine dell’imperatore, mentre il rovescio era contrassegnato dal segno di valore con il sistema numerico greco, M = 40, K = 20, I = 10.

Queste nuove monete di bronzo rappresentavano una completa rottura rispetto ai modelli romani tardo antichi.

Nel 512 d.C. il peso di questi nominali in bronzo fu raddoppiato e fu introdotta una nuova moneta di bronzo da 5 nummi, contrassegnata dal segno di valore E (in greco E = 5), mentre la moneta da 1 nummo aveva a volte la lettera A (in greco A = 1) a volte il monogramma dell’imperatore .

Infine nel 539 durante il regno di Giustiniano I abbiamo l’introduzione, sulle monte di bronzo, della rappresentazione frontale dell’imperatore e l’indicazione degli anni di regno sulle monete.

Dall’insieme delle riforme del VI secolo ed in particolare con quella del 498 di Anastasio I la monetazione, di quella che era stata la parte orientale dell’impero romano, tende sempre di più, man mano che ci si allontana dal primo periodo (tipologia latina), ad assumere caratteristiche orientali ed autonome.

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×