Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
numj07

Puglia Augustale di Federico II

Risposte migliori

numj07

Non so se siete a conoscenza di ciò,

La società di Storia Patria dismette i suoi beni perché in crisi

è mette in vendita "l’Augustale di Federico II “

Sono esterrefatto per questa notizia, la cultura non ha più fondi e per poter sopravvivere vende un pezzo della sua storia, mi vengono in mente storie tipo“si dona il proprio rene per avere in cambio un incentivo alla sopravvivenza” come si può in uno stato dove la storia, la letteratura, l’arte, la musica ecc.. che sono la linfa vitale, si possa giungere a questo? Capisco anche che per non cadere nel baratro più profondo si possa fare un piccolo sacrificio, io non ci stò, e sono convinto che si possa trovare un’altra soluzione “

Mi piacerebbe conoscere i vostri pareri

Non allego l’articolo, per chi fosse interessato ad approfondire allego il link dove ho appreso la notizia EDIT

Modificato da petronius arbiter

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

La notizia più che lasciarmi esterefatto, conferma l'andamento degli ultimi anni, apatia assoluta verso ogni forma di espressione artistica..........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

L'articolo, ripreso dal Corriere del Mezzogiorno, è questo

LA PREZIOSA MONETA dell'istituto in crisi

In vendita l'augustale di Federico II

La società di Storia Patria dismette i suoi beni, il valore della collezione stimato per un milione

NAPOLI - L’augustale di Federico II è una preziosa moneta d’oro; da un lato reca l’immagine dello Stupor mundi e dall’altra quella dell’aquila imperiale. Una moneta rara, di grande valore storico. Napoli ne possiede un esemplare ben conservato, che potrebbe però presto passare ad altro proprietario: si tratta di una moneta della collezione Scacchi in possesso della Società di Storia Patria (e custodita nel caveau di una banca) che annaspa da tempo in acque pericolose per mancanza di fondi. A mali estremi, estremi rimedi. La collezione di circa duemila monete, valore stimabile intorno al milione di euro, è il primo pezzo che sarà messo in vendita per far sopravvivere la Società ospitata al Maschio Angioino.

Lo anticipa la presidente Renata De Lorenzo, prof di inesauribili risorse, che in passato per la Società di Storia patria ha cacciato perfino parecchi soldi di tasca propria. «Sì», ammette, «il consiglio direttivo nei mesi scorsi si è anche autotassato (e io per prima), ma ora siamo comunque con l’acqua alla gola perché i finanziamenti stanziati non arrivano.

Il sindaco de Magistris a luglio ci aveva promesso i 150 mila euro del 2008 ma siamo a fine settembre e non se ne vede l’ombra, abbiamo licenziato tutti i dipendenti, non ci resta che vendere, anche se non è la soluzione che preferiremmo». La decisione di far rendere le proprietà della Società fu presa durante una vivacissima assemblea dei soci nel gennaio scorso. «All’ordine del giorno», ricorda Renata De Lorenzo, «era prevista l’approvazione della proposta del consiglio direttivo di alienare parte dei beni della Società, che ha un ricco patrimonio librario, di stampe e disegni, di pergamene, monete e documenti vari. La provocazione era evidente e voluta. Un consiglio direttivo composto da studiosi che ben conoscono il valore insostituibile di ciò che si intende vendere, col rischio di smembrare il lavoro di collezionisti e di ‘‘eruditi’’, ha osato andare in direzione opposta alla natura dell’istituzione che è stato chiamato a dirigere. Il dibattito acceso e talora provocatorio che ne è seguito ha consentito ai soci presenti innanzitutto di ‘‘partecipare’’, di mostrare quanto essi sentano la Società come cosa propria, ma anche di dare la propria disponibilità personale per mantenere aperti e vivi il sodalizio e la sua biblioteca». Da gennaio a settembre la battaglia continua.

Così ieri, in una nuova assemblea, numerosi soci si sono detti disponibili a prestare gratuitamente il loro lavoro. La Società resterà aperta con l’aiuto di volontari che una volta a settimana sostituiranno il personale addetto. Praticamente l’istituzione è ormai a costo zero. Ma i debiti persistono, dal momento che i fondi stanziati negli ultimi tre anni non sono stati mai erogati e le banche hanno dovuto anticipare il necessario. Al di là degli sforzi individuali la risposta deve arrivare dalle istituzioni: in primis dal Comune, che negli ultimi anni della amministrazione Iervolino non ha impegnato risorse. Tra l’altro il contributo regionale, una volta di 200 milioni di lire, è ormai ridotto a 6.500 euro. «Solo se arriveranno i primi 150 mila più altri 100 mila euro per sanare i debiti con personale e fornitori potremo salvare la Società», conclude De Lorenzo. Ma da dove arriva la preziosa collezione che oggi è «a rischio»? Scacchi era un attento collezionista napoletano che la donò negli anni Venti alla Società. Le duemila monete del Regno di Napoli vanno dall’età angioina alla fine del Regno e per alcune si può parlare di vere e proprie opere d’arte.

In particolare, l’augustale di Federico II ha diversi significati: Francesco Senatore, socio ed esperto, spiega che «si tratta di una moneta d’oro, la prima che venne coniata dopo il crollo dell’Impero romano, dunque con un forte significato simbolico, che implica un discorso sulla rappresentazione del potere e l’imitazione degli imperatori romani da parte dello Svevo. Ne esistono diversi esemplari altrove, ma il nostro è particolarmente ben conservato e il suo valore è ampliato dal fatto che è parte di una collezione in cui tutte le serie sono complete». Una chicca insomma per gli studiosi di numismatica e per gli storici del regno meridionale, ma anche per i napoletani innamorati della propria città e delle proprie gloriose radici.

Mirella Armiero

CORRIERE DEL MEZZOGIORNO del 23 SETTEMBRE 2011.

Tutto il resto riportato nel link segnalato da numj07 non ha alcuna attinenza con l'argomento in discussione, e ho ritenuto opportuno editarlo.

petronius.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mirkoct

magari è solo una provocazione...............che cominciassero a vendere tutte le tonnellate di monete ripetitive che marciscono nei magazzini di tutti i musei italiani, risolverebbero tantissimi problemi.......e non solo di cassa :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Ciao mirko

già se le esponessero come si deve nei musei,sarebbe una gran cosa e con le visite ci serebbero più entrate.

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aemilianus253

magari è solo una provocazione...............che cominciassero a vendere tutte le tonnellate di monete ripetitive che marciscono nei magazzini di tutti i musei italiani, risolverebbero tantissimi problemi.......e non solo di cassa :ph34r:

Condivido pienamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mirkoct

domenica ho visitato il museo di agrigento, tutto molto bello, peccato che il " gabinetto numismatico" fosse attaccato al gabinetto pubblico :blink: .........faceva anche piangere per la quantità e la qualità delle monete esposte, due misere teche, erano belli solo gli assi romani in oro, un bel tesoretto..........2 sole tetra di Akragas :cry:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×