Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
il lanzo

Pietro III di Vico [ERA: Denarino che non conosco]

63 risposte in questa discussione

Mi aiutate a catalogare questo denarino che non conosco?

post-19436-0-19572800-1325435149_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

altro lato, ciao vi ringrazio

post-19436-0-76391000-1325435559_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi scuso per la confusione, ciao

post-19436-0-12678300-1325436106_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao

puoi mandarci le foto solamente della moneta e in maniera più chiara?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao

puoi mandarci le foto solamente della moneta e in maniera più chiara?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao

puoi mandarci le foto solamente della moneta e in maniera più chiara?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adolfos questo e' il massimo che posso fare, comunque il lato della croce e' abbastanza nitido.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ti aiuterei volentieri, ma non riesco a leggere la moneta. Se non puoi mandare foto migliori, almeno comunica le lettere che vedi e il diametro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adolfos questo e' il massimo che posso fare, comunque il lato della croce e' abbastanza nitido.

Mi vorrei sbilanciare ma prima voglio essere sicuro. Potrebbe essere una moneta della più grande rarità.

Prova a rifare le foto.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adolfos non e' una questione di foto e' la moneta che e' in queste condizioni, comunque il diametro e' mm. 15 e nel lato della croce patente mi sembra di leggere BETRDUICO.Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adolfos non e' una questione di foto e' la moneta che e' in queste condizioni, comunque il diametro e' mm. 15 e nel lato della croce patente mi sembra di leggere BETRDUICO.Ciao

La moneta è in buone condizioni.

E' un denaro di Pietro III di Vico per Viterbo. Eccellente. Abbiamo appena pubblicato un articolo su Panorama Numismatico di Gennaio 2012.

Per ora guarda il nostro catalogo online.

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-VIT2/1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

capperi, bel colpo!!!

Grazie Ad dell' anticipazione !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Complimenti ad entrambi, ad Adolfo per l'articolo, a Lanzo per la moneta, un R5 è un R5 !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti ad entrambi, ad Adolfo per l'articolo, a Lanzo per la moneta, un R5 è un R5 !

Complimenti ad entrambi, ad Adolfo per l'articolo, a Lanzo per la moneta, un R5 è un R5 !

Complimenti ad entrambi, ad Adolfo per l'articolo, a Lanzo per la moneta, un R5 è un R5 !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vi ringrazio a tutti e' proprio lei, il lato della croce recita PETR.D'VICO il retro ora che lo so' intuisco scritto PREFET'URB' mi avete fatto un bel regalo per il primo dell'anno; auguri di nuovo a tutti. Dove trovo Panorama numismatico?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vi ringrazio a tutti e' proprio lei, il lato della croce recita PETR.D'VICO il retro ora che lo so' intuisco scritto PREFET'URB' mi avete fatto un bel regalo per il primo dell'anno; auguri di nuovo a tutti. Dove trovo Panorama numismatico?

Siamo noi a ringraziare te per averci dato la possibilità di vedere la moneta.

Mi piacerebbe avere ulteriori informazioni quale il peso etc. per motivi di studio. Eventualmente in seguito, se vorrai (grazie!).

E sarebbe interessante fare alcune considerazioni a riguardo. Quella che si vede è una bianchitura oppure un effetto della foto?

Panorama Numismatico viene venduto solo su abbonamento. Ma contattando il relativo sito lo puoi ordinare su internet.

Cordiali saluti a tutti

Adolfo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Nel frattempo, anche se forse la discussione potrebbe essere ritenuta chiusa, continuo a riflettere. Da quel poco che si può vedere dalle immagini, il conio del denaro del lanzo mi sembra diverso dagli altri esemplari che ho analizzato personalmente in precedenza. Se prendiamo in considerazione il fatto che con un conio di martello si potevano battere circa 8.000 pezzi e fino a 15.000 con uno di incudine, arriviamo genericamte ad un numero considerevole di produzione. Che fine hanno fatto? Parliamone. Forse ritirate dal circolante monetario per un qualche motivo? Se siete d'accordo io proporrei di spostare la discussione nella sezione medievale. Che ne dite? Saluti

Modificato da adolfos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

E si....

saluti e buon anno

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Adolfos non e' una questione di foto e' la moneta che e' in queste condizioni, comunque il diametro e' mm. 15 e nel lato della croce patente mi sembra di leggere BETRDUICO.Ciao

La moneta è in buone condizioni.

E' un denaro di Pietro III di Vico per Viterbo. Eccellente. Abbiamo appena pubblicato un articolo su Panorama Numismatico di Gennaio 2012.

Per ora guarda il nostro catalogo online.

http://numismatica-i...moneta/W-VIT2/1

Non posso che rallegrarmi con te Adolfos e con Paleologo per l'articolo pubblicato su PN di gennaio 2012

"Pietro III Di Vico e la zecca di Viterbo nel XIII secolo ", che leggerò con molto piacere ed interesse appena, nei prossimi giorni, riceverò la rivista.

Complimenti ed auguri vivissimi.

Modificato da miroita

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Nel frattempo, anche se forse la discussione potrebbe essere ritenuta chiusa, continuo a riflettere. Da quel poco che si può vedere dalle immagini, il conio del denaro del lanzo mi sembra diverso dagli altri esemplari che ho analizzato personalmente in precedenza. Se prendiamo in considerazione il fatto che con un conio di martello si potevano battere circa 8.000 pezzi e fino a 15.000 con uno di incudine, arriviamo genericamte ad un numero considerevole di produzione. Che fine hanno fatto? Parliamone. Forse ritirate dal circolante monetario per un qualche motivo? Se siete d'accordo io proporrei di spostare la discussione nella sezione medievale. Che ne dite? Saluti

Adolfo, quello che dici è corretto; forse non c'è stato tempo per arrivare a coniare tanti denari per altri motivi, indipendenti dagli aspetti tecnici di durata dei coni.

Io, che non conosco questa monetazione, indagherei su motivi differenti; ora io non ho testi adeguati, né mi è possibile ora dare risposte congrue, ma lume di naso, se queste nonete sono ora introvabili, controllerei:

- c'era il diritto da parte del de Vico di coniare queste monete?

- quanto è durata la sua Signoria?

- era congruo il contenuto di fino rispetto alla metrica monetale nella quale doveva inserirsi la moneta?

queste sono solo alcune cause che potrebbero far abortire una moneta nel momento nel quale è stata decisa la sua battitura e si è dato il via alla coniazione.

potrebbe esserci stata qualche congiuntura politica/finanziaria che determinò una interruzione della sua battitura o qualche "lamentela e/o pressione" di stati confinanti che hanno visto in quella moneta una minaccia ai loro commerci......

Spunti per indagare....

Leggerò con curiosità il prossimo Panorama Numismatico :good:

Saluti

Luiciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti a tutt*!

Direi senz'altro di spostare la discussione nella sezione medievale, laddove potremo approfondire, anche una volta che sarà possibile per i vari utenti aver letto il bell'articolo in uscita su PN.

Un saluto: e che sia davvero di buon auspicio per l'inizio del nuovo anno! MB

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Grazie Luciano. I tuoi spunti sono molti interessanti. Per alcuni abbiamo cercato di rispondere nell'articolo.Per altri c'è da approfondire. Un problema è stato anche lo spazio limitato che un articolo divulgativo può contenere. Ma dopo che lo avrete letto potremo discuterne molto volentieri. Le critiche non mancheranno sicuramente. Intanto abbiamo appurato che la moneta non è un R5. Non ho mai creduto in questo grado di rarità. Molti esemplari giacciono in collezioni private, non riconosciuti oppure non segnalati per egoismo collezionistico. E forse anche in qualche casseto a fare la muffa. Cari saluti Se qualche moderatore cortesemente spostasse questa discussione nella sezione Medievali di zecche italiane ci farebbe piacere. Grazie Adolfo

Monica ti leggo solo ora: le tue osservazioni ci saranno di grande aiuto. Ciao

Modificato da adolfos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel frattempo, anche se forse la discussione potrebbe essere ritenuta chiusa, continuo a riflettere. Da quel poco che si può vedere dalle immagini, il conio del denaro del lanzo mi sembra diverso dagli altri esemplari che ho analizzato personalmente in precedenza. Se prendiamo in considerazione il fatto che con un conio di martello si potevano battere circa 8.000 pezzi e fino a 15.000 con uno di incudine, arriviamo genericamte ad un numero considerevole di produzione. Che fine hanno fatto? Parliamone. Forse ritirate dal circolante monetario per un qualche motivo? Se siete d'accordo io proporrei di spostare la discussione nella sezione medievale. Che ne dite? Saluti

Monete piccole, in mistura. Non venivano tesaurizzate e difficilmente entravano anche in piccoli ripostigli.

Questo il motivo per il quale ce ne sono pervenuti pochi esemplari.

I sempre più numerosi scavi in siti medioevali riporteranno comunque sempre di più alla luce esemplari "minuti" delle zecche minori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel frattempo, anche se forse la discussione potrebbe essere ritenuta chiusa, continuo a riflettere. Da quel poco che si può vedere dalle immagini, il conio del denaro del lanzo mi sembra diverso dagli altri esemplari che ho analizzato personalmente in precedenza. Se prendiamo in considerazione il fatto che con un conio di martello si potevano battere circa 8.000 pezzi e fino a 15.000 con uno di incudine, arriviamo genericamte ad un numero considerevole di produzione. Che fine hanno fatto? Parliamone. Forse ritirate dal circolante monetario per un qualche motivo? Se siete d'accordo io proporrei di spostare la discussione nella sezione medievale. Che ne dite? Saluti

Monete piccole, in mistura. Non venivano tesaurizzate e difficilmente entravano anche in piccoli ripostigli.

Questo il motivo per il quale ce ne sono pervenuti pochi esemplari.

I sempre più numerosi scavi in siti medioevali riporteranno comunque sempre di più alla luce esemplari "minuti" delle zecche minori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adolfos, quella che tu chiami bianchitura e' forse l'effetto della lampada da tavolo sotto la quale ho scattato le foto. Per le altre cose che mi chiedi sono ben felice di aiutarti perche' tu sei un numismatico mentre io un collezionista. Il diametro come gia' avevo detto e' mm.15 il peso g.o,50. Spero nei prossimi giorni di postare foto migliori. Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?