Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
centurioneamico

Esempio di Restauro di un Sesterzio di Caligola

Recommended Posts

aemilianus253

Mi sa che più che un restauratore qui ci voglia l'esorcista! Mi si perdoni la battutaccia, ma (da ignorante o quasi) non vedo grandi miglioramenti possibili. Lascio comunque la parola a chi ne sa più di me!

Share this post


Link to post
Share on other sites

r-29

Capire se possono esserci almeno margini di miglioramento :-(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Michy19761

Penso avrai risolto, cmq provo a darti il mio parere da inesperto.

Per me la moneta è molto compromessa, specie sul rovescio, ma sul diritto qulcosa puoi recuperare. Io come trattamento acido per rimuovere ispessimenti di patine e cancri uso il cloruro ferrico oppure l edta, acido etilen diammonico tetracetico. Questo in base al tipo di ossidante, incrostazione, cancro che hanno colpito la moneta. Ovviamente dopo i bagni dovrai provvedere a rimuovere i residui acidi dalla moneta, per poi rimuovere le ossidazioni, cancri ecc con bisturi o altri strumenti meccanici e successivamente stabilizzare il tutto con benzotriazolo.

La tua moneta al dritto la tratterei con il cloruro ferrico. La soluzione è quella utilizzata per i circuiti stampati. Il cloruro aggredisce la parte carcerosa, ma non la patina, meno che la moneta non resti immersa per ore. Il cloruro lo puoi usare per immersione, ma dovrai stare attento ai progressi di disgregazione degli ossdanti o cancri e appena vedi che si stanno sgregando devi togliere la moneta. La lavi h20 distillata fredda e poi la bolli in h20 distillata dentro un ciottolino di acciaio. In tale maniera asporti la parte polverulenta aggredita dall'acido e rimuovi l' acido rimasto. La raffreddi con h20 distillata, asciugandola a tampone. A questo puntopuoi iniziare il lavoro meccanico di rimozione. Il bisturi sempre perpendicolare, è importante per evitare graffi. Il cancro dovrà essere rimosso fino al metallo se necessario, quindi potrà rendersi necessario rimuovere la patina, anche se solitamente ciò non è necessario. Con questa procedura recuperi un alta % delle monete illeggibili, perchè sotto la coltre di cancro, almeno nel in un  alta % delle monete, vi è la moneta vera e propria con tutti i dettagli annessi e connessi.finite leoperazioni di pulizia e recupero dovrai trattarla come descritto in questa discussione, quindi benzo e paraloid. La cera reinassance puoi usarla, ma a mio parere lucida troppo le patine. Per quanto riguarda le zone, ove la patina è stata asportata, potrai trattarla con fegato di zolfo,anche se la ripatinatura non è apprezzata con il fegato di zolfo riesci a ripristinare una patinatura quasi originale che non si nota ad occhio nudo, ma solo al microscopio o co lenti oltre i 6x. Ovviamente la patinatura richiede stabilizzazione e fissativo, quindi benzo e paraloid. 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Palio999
Il ‎13‎/‎01‎/‎2012 alle 09:17, centurioneamico dice:

 

  1. rapidi e ripetuti bagni in soluzione acida per ammorbidire e rimuovere alcune tra le incrostazioni dure

 

che soluzione usate per le incrostazioni dure tendenti al bianco-grigio che spesso si formano sulle zone + in rilievo? io stò provando con aceto

Share this post


Link to post
Share on other sites

centurioneamico

Riesci a mostrare una foto delle incrostazioni? Da quello che scrivi potrebbe trattarsi di corrosione ai danni di alcune concentrazioni superficiali del piombo o dello stagno contenuto in lega. L’aceto (acido acetico) non è consigliabile perché troppo aggressivo e difficilmente gestibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sigi64

ho il solito problema su una moneta regalatami da un collezzionista perche ritenuta irrecuperabile.

qual soluzione acida ha usato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Palio999

per assottiliare la patina cosa utilizzate? mi sembra che possa appiattire i rilievi….

Share this post


Link to post
Share on other sites

NeroDrusus
Il 13/1/2012 alle 09:17, centurioneamico dice:

Visto lo stato iniziale, prima di iniziare il vero restauro, il restauratore si è preoccupato di stabilizzare il più possibile il metallo procedendo prima con dei bagni per eliminare i sali insoluti in eccesso e poi con l'applicazione di benzotriazolo sulla zona di cancro attiva.

Solo successivamente è cominciata la rimozione delle incorstazioni. Il restauratore ha così proceduto:

  1. protezione delle zone scoperte (laddove il metallo era già libero dalle incrostazioni o dove risultava essere già privo di patina) o dove la patina andava preservata con un protettivo, da rimuovere poi in seguito
  2. rapidi e ripetuti bagni in soluzione acida per ammorbidire e rimuovere alcune tra le incrostazioni dure
  3. rimozione del protettivo precedentemente utilizzato sulle zone da non trattare con la soluzione acida
  4. nuova stabilizzazione del metallo
  5. intervento meccanico con bisturi ed ablatore ad ultrasuoni a bassissima frequenza per rimuovere le incrostazioni più dure avendo cura di non intaccare il livello buono della patina da preservare (a tal proposito è stata preservata la patina marrone sottostante conservatasi al 90% mentre è stata rimossa la patina verde presente solo ormai in minima parte al dritto come si può vedere dalla prima foto)
  6. stabilizzazione del metallo. In seguito, dopo un naturale tempo di test della moneta in ambiente umido, il restauratore mi informa dell'avvenuto innesco di nuove corrosioni al R nella zona precedentemente curata e anche in altre zone precedentemente ricoperte dalle incrostazioni. Tale nuovo innesco ha quindi necessitato di una nuova ed approfondita operazione di stabilizzazione del metallo e conseguente trattamento con inibitore (benzotriazolo) per circa 48 h.
  7. Protezione esterna con Paraloid B72 e cerac microcristallina superficiale.

 

Ore totali di lavoro effettivo del restauratore (non vengono conteggiate le ore in cui la moneta è rimasta nelle soluzioni per la stabilizzazione): circa 18

Costi attrezzature/materiali utilizzati (lame bisturi, soluzioni, etc): €15

post-66-0-06791200-1326442547_thumb.jpg

 

Il 13/1/2012 alle 09:17, centurioneamico dice:

Visto lo stato iniziale, prima di iniziare il vero restauro, il restauratore si è preoccupato di stabilizzare il più possibile il metallo procedendo prima con dei bagni per eliminare i sali insoluti in eccesso e poi con l'applicazione di benzotriazolo sulla zona di cancro attiva.

Solo successivamente è cominciata la rimozione delle incorstazioni. Il restauratore ha così proceduto:

  1. protezione delle zone scoperte (laddove il metallo era già libero dalle incrostazioni o dove risultava essere già privo di patina) o dove la patina andava preservata con un protettivo, da rimuovere poi in seguito
  2. rapidi e ripetuti bagni in soluzione acida per ammorbidire e rimuovere alcune tra le incrostazioni dure
  3. rimozione del protettivo precedentemente utilizzato sulle zone da non trattare con la soluzione acida
  4. nuova stabilizzazione del metallo
  5. intervento meccanico con bisturi ed ablatore ad ultrasuoni a bassissima frequenza per rimuovere le incrostazioni più dure avendo cura di non intaccare il livello buono della patina da preservare (a tal proposito è stata preservata la patina marrone sottostante conservatasi al 90% mentre è stata rimossa la patina verde presente solo ormai in minima parte al dritto come si può vedere dalla prima foto)
  6. stabilizzazione del metallo. In seguito, dopo un naturale tempo di test della moneta in ambiente umido, il restauratore mi informa dell'avvenuto innesco di nuove corrosioni al R nella zona precedentemente curata e anche in altre zone precedentemente ricoperte dalle incrostazioni. Tale nuovo innesco ha quindi necessitato di una nuova ed approfondita operazione di stabilizzazione del metallo e conseguente trattamento con inibitore (benzotriazolo) per circa 48 h.
  7. Protezione esterna con Paraloid B72 e cerac microcristallina superficiale.

 

Ore totali di lavoro effettivo del restauratore (non vengono conteggiate le ore in cui la moneta è rimasta nelle soluzioni per la stabilizzazione): circa 18

Costi attrezzature/materiali utilizzati (lame bisturi, soluzioni, etc): €15

post-66-0-06791200-1326442547_thumb.jpg

G

 

Il 13/1/2012 alle 09:17, centurioneamico dice:

Visto lo stato iniziale, prima di iniziare il vero restauro, il restauratore si è preoccupato di stabilizzare il più possibile il metallo procedendo prima con dei bagni per eliminare i sali insoluti in eccesso e poi con l'applicazione di benzotriazolo sulla zona di cancro attiva.

Solo successivamente è cominciata la rimozione delle incorstazioni. Il restauratore ha così proceduto:

  1. protezione delle zone scoperte (laddove il metallo era già libero dalle incrostazioni o dove risultava essere già privo di patina) o dove la patina andava preservata con un protettivo, da rimuovere poi in seguito
  2. rapidi e ripetuti bagni in soluzione acida per ammorbidire e rimuovere alcune tra le incrostazioni dure
  3. rimozione del protettivo precedentemente utilizzato sulle zone da non trattare con la soluzione acida
  4. nuova stabilizzazione del metallo
  5. intervento meccanico con bisturi ed ablatore ad ultrasuoni a bassissima frequenza per rimuovere le incrostazioni più dure avendo cura di non intaccare il livello buono della patina da preservare (a tal proposito è stata preservata la patina marrone sottostante conservatasi al 90% mentre è stata rimossa la patina verde presente solo ormai in minima parte al dritto come si può vedere dalla prima foto)
  6. stabilizzazione del metallo. In seguito, dopo un naturale tempo di test della moneta in ambiente umido, il restauratore mi informa dell'avvenuto innesco di nuove corrosioni al R nella zona precedentemente curata e anche in altre zone precedentemente ricoperte dalle incrostazioni. Tale nuovo innesco ha quindi necessitato di una nuova ed approfondita operazione di stabilizzazione del metallo e conseguente trattamento con inibitore (benzotriazolo) per circa 48 h.
  7. Protezione esterna con Paraloid B72 e cerac microcristallina superficiale.

 

Ore totali di lavoro effettivo del restauratore (non vengono conteggiate le ore in cui la moneta è rimasta nelle soluzioni per la stabilizzazione): circa 18

Costi attrezzature/materiali utilizzati (lame bisturi, soluzioni, etc): €15

post-66-0-06791200-1326442547_thumb.jpg

Grazie per condividere le tue esperienze con noi, se potessi mettere 100k like! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Simone Spadaccini

Scusate una domanda (sicuramente ovvia) ma in che acido va messa la moneta(acido ossalico va bene?) grazie in anticipo... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.