Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
rick2

i falsi ottenuti per fusione in conio d argilla

Recommended Posts

rick2

visitando un paio di musei e guardando un po di aste ho visto che parecchi falsi in antichita venivano prodotti attraverso l utilizzo di conii di argilla che si ottenevano per pressione su una moneta buona e successivo riempimento con metallo fuso.

pero` non ho mai visto un prodotto finito.....

qui l esempio di 2 conii di argilla

post-8662-0-24942400-1332620461_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

ed ecco il prodotto finito !

che e` stato oggetto di altra discussione

post-8662-0-15403100-1332620558_thumb.jp

post-8662-0-33348200-1332620564_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

come si riconoscono ?

dal bordo !

a parte la fattura generale che puo` far pensare ad una imitativa la chiave e` il bordo!

infatti quando si univano i 2 conii per versare il metallo le 2 estremita` non combaciavano perfettamente e cio si rifletteva dal bordo

allego foto del bordo

post-8662-0-17575900-1332620670_thumb.jp

post-8662-0-41266000-1332620677_thumb.jp

post-8662-0-44868400-1332620683_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

se avete altri esempi postateli !

perche` io in 2 anni e piu` e` la prima che vedo

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Illyricum65

Ciao Rick,

very interesting!

Inoltre i rilievi dovrebbero essere (come mi pare nel tuo esemplare) abbastanza appiattiti e sfumati, a causa del progressivo danneggiamento delle matrici soggette a surriscaldamento elevato.

Che diametro ha? Dovrebbe essere ridotto rispetto alle ufficiali a causa della riduzione, in fase di asciugatura dell'argilla, dell'impronta della "capostipite".

It's correct?

Ciao

Illyricum

:)

Edited by Illyricum65

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

corretto !!!

infatti la mia ha diametro di 16mm contro un diametro normale di 17-18mm (per questo periodo) 20-21 per quelle precendenti.

la mia dovrebbe essere TR P Dot

Share this post


Link to post
Share on other sites

Illyricum65

Mmm ... tutto merito di Grigioviola ... mi ricordavo di aver letto qualcosa in merito.

Ecco qua il link:

C'avevi partecipato pure te... magiche ciotole inglesi...

Ciao

Illyricum

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

dareios it
Supporter

Complimenti Rick, molto interessante. Sarai al convegno di Maggio a Londra? Dovrebbe essere il 5 maggio, se ci sarai sarò felice di conoscerti di persona.

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

se non sono in vacanza da qualche parte ci vado di sicuro

Share this post


Link to post
Share on other sites

grigioviola

caspita rick! sto giro hai fatto un colpaccio degno non di nota ma di stra-nota!

ottimo esempio di falso antico per fusione! rilievi piatti, bordo tipico da stampo bivalve... che dire... esistono questi tanto famigerati esemplari ottenuti dai calchi!

la cosa interessante sarebbe capire la provenienza di questo pezzo... e vedere se può essere messo in relazione con qualche sito da cui provengono esemplari superstiti di calchi in argilla... ma sarebbe una botta di fortuna non da poco!

ancora complimenti e grazie per questa condivisione!

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

grazie grigioviola

ma che tu sappia si conoscono altri pezzi ottenuti per fusione da conio in argilla o e` il primo che vedi ?

la moneta arriva da una ciotola insieme ad altre monete tutte di provenienza occidentale (germania / britannia / francia) quindi presumo che l origine sia o in queste provincie o sul limes tedesco

sul FAC justus che viene da trier mi diceva che vicino a casa sua han trovato un sacco di questi stampi di argilla

Share this post


Link to post
Share on other sites

grigioviola

so dell'esistenza di altre monete, in un post che feci a suo tempo infatti riportavo i dati di cui disponevo circa l'esistenza di questi pezzi (dati numerici riferiti a ripostigli).

personalmente a parte qualche immagine in b/n su articoli, è il primo esemplare che vedo. nemmeno in rete son riuscito a trovarne anche se probabilmente ci sono, solo che una ricerca per immagini su google non è praticabile facilmente per reperire questo materiale!

Share this post


Link to post
Share on other sites

centurioneamico

Le monete provenienti da fusione in calchi di argilla esistono e sono convinto che tante volte sfuggono all'occhio poco attento o non allenato dei collezionisti.

Ricordiamo che non esistono solo quelli provenienti da singolo calco ma anche quelle provenienti da formelle multiple dove la regola del bordo non è sempre valida.

ecco due discussioni dove se ne è parlato:

http://www.lamoneta.it/topic/82914-radiati-imitativi-tecnologie-produttive/page__fromsearch__1

http://www.lamoneta.it/topic/78617-un-sesterzio-di-volusianoparticolare/page__hl__%2Bvolusiano+%2Bparticolare__fromsearch__1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.