Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
alteras

Hutt River Province

Recommended Posts

alteras

Il mondo non finisce mai di stupirmi...

Oggi sono venuto a conoscenza di un "nuovo Stato", Hutt River Province. Stato che batte moneta e che ha pure un consolato nel nostro paese (a Bergamo per l'esattezza). Questo piccolo Stato, nato per iniziativa di un contadino australiano, Leonard Casley, nel 1971 si trova nella parte occidentale dell'Australia, in un territorio di circa 18.500 acri.

Il motivo di questa secessione è, come quasi sempre accade, economico e riguardava una certa quantità di frummento che la famiglia Casley avrebbe dovuto produrre. Per non sottostare alle decisioni del Governo australiano il signor Leonard avviò un processo di secessione, ceh l'Australia non contestò (forse, aggiungo io, perchè riteneva questo tentativo solo una goliardata).

Insomma a farla breve, il 21 aprile del 1971 la Provincia si dichiarò indipendente e annunciò al mondo intero la secessione. In australia ovviamente questa vicenda scatenò l'interesse dei media e in molti decisero di stabilirsi nelle vicinanze della terra dei Casley, soprattutto per poter sfuggire alle imposizioni fiscali australiane.

Qualche mese dopo, gli abitanti di Hutt River decisero di trasformare il loro Stato in Principato e di elevare il loro amministratore al rango di Principe ereditario. Fu così che Leonard Casley divenne "Sua Altezza Reale, il Principe Leonard". Stranamente il Governo dell’Australia Occidentale rinunciò a tutte le offensive, sia giuridiche che militari contro Hutt River Province. Il passo seguente fu la proclamazione dell'uscita di Hutt River Province anche dal Commonwealth d’Australia, ma garantì la prosecuzione dell'alleanza con la Regina Elisabetta II.

Insomma Hutt River Province era diventato uno Stato sovrano indipendente secondo le norme del diritto internazionale.

In allegato posto una moneta da 20 centesimi emessa da "Sua Altezza Reale" nel 1976.

Nel fronte si vede un ritratto del Principe Leonard volto a sinistra, circondato da due spighe. Nel contorno si legge la scritta "Prince Leonard" e l'anno di conio "1976".

Nel retro: il simbolo della "Hutt River Province", una colomba ad ali spiegate con una bilancia. Nel contorno la scritta "Hutt River Province" ed il valore "Twenty Cents".

La moneta è in rame e alluminio, il diametro di 20,00 mm ed il peso 3.80 grammi.

post-289-1141298712_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

sadomenico

la faccia da nobile non c'e'l'ha di sicuro , pero mi devo informare su queste norme internazionali , chi sa mai che mi autoproclamo imperatore di casa mia heheheh

Share this post


Link to post
Share on other sites

alteras

Temo che l'Italia con il bisogno che ha di entrate, difficilmente ti lascerebbe dichiarare l'indipendenza economica...

Share this post


Link to post
Share on other sites

danielealberti

Notizia veramente curiosa ed interessante, complimenti alteras

Certo che il tipo ne ha d'iniziativa.

Lele

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maffeo

Per dire la verità, l'intera cosa è una bufala a scopo di tentare di stimolare un po' il turismo in una zona economicamente depressa. Le "monete" sono dei semplici gettoni souvenir per turisti. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

william

di sicuro sono notizie interessanti, però si vedo che questo non ha la faccia da nobile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko
si vedo che questo non ha la faccia da nobile

perché scusa i nobili che faccia hanno?

Share this post


Link to post
Share on other sites

william
si vedo che questo non ha la faccia da nobile

perché scusa i nobili che faccia hanno?

103860[/snapback]

si vede che questo è un contadino, mentre i nobili hanno facce diverse. :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko

ah. Facce come queste?

carlo2.jpg

Carlo II di Borbone

mariart.jpg

Maria Luisa di Borbone

giangastone.jpg

Giangastone dei Medici

leopoldoII.jpg

Leopoldo II del Belgio

00080q00.jpg

Leopoldo II d'Asburgo

E tralascio Carlo d'Inghilterra, la sua Augusta Genitrice, la sua attuale Consorte ecc. ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67
ah. Facce come queste?

00080q00.jpg

Leopoldo II d'Asburgo

Beh, ma megalollone :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

alteras
Per dire la verità, l'intera cosa è una bufala a scopo di tentare di stimolare un po' il turismo in una zona economicamente depressa. Le "monete" sono dei semplici gettoni souvenir per turisti. ;)

103846[/snapback]

In questo modo è considerata dal Governo Australiano, ma in realtà la cosa è un po' più complessa. La situazione ricorda un po' quella di altre zone del mondo in cui ci sono tentativi (non riconosciuti) di secessione. In questo caso nessun organismo internazionale riconosce una vera e propria indipendenza a Hutt River, d'altra parte a norma di legge, dato che l'Australia non è corsa ai ripari per impedirne la nascita, questa zona avrebbe la possibilità di essere davvero indipendente. E' un interessante caso di diritto internazionale...

Quanto al fatto che le monete siano da considerare alla stregua di gettoni è fuori di dubbio...

P.S. Sapete che è da un po' di tempo che mi interesso di Stati inesistenti o "estinti"... :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maffeo

faccia di nobile? a me sembra che Prince Leonard di Hutt River Province assomigli moltissimo a Henri, Conte di Parigi (+1999), pretendente Orleanista al trono di Francia :lol: :P :lol:

post-1393-1141311794_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

william
faccia di nobile? a me sembra che Prince Leonard di Hutt River Province assomigli moltissimo a Henri, Conte di Parigi (+1999), pretendente Orleanista al trono di Francia  :lol:  :P  :lol:

103876[/snapback]

è vero!!!!!!!!! :huh: :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ersanto
perché scusa i nobili che faccia hanno?

103860[/snapback]

Facce di bronzo, di solito. A meno che non si tratti di una moneta d'oro o d'argento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maffeo
Facce di bronzo, di solito. A meno che non si tratti di una moneta d'oro o d'argento.

"faccia di bronzo", espressione risalente al tardo '400 per indicare le maschere di metallo impiegate per coprire le deturpazioni causate dal "mal francese" (= sifilide)

:lol: (o, forse anche prima, per....dalla lebbra :( )

Edited by Maffeo

Share this post


Link to post
Share on other sites

danielealberti
ah. Facce come queste?

carlo2.jpg

Carlo II di Borbone

mariart.jpg

Maria Luisa di Borbone

giangastone.jpg

Giangastone dei Medici

leopoldoII.jpg

Leopoldo II del Belgio

00080q00.jpg

Leopoldo II d'Asburgo

E tralascio Carlo d'Inghilterra, la sua Augusta Genitrice, la sua attuale Consorte ecc. ecc.

103870[/snapback]

Sono bruttissimi!!! :D :D

lele

Share this post


Link to post
Share on other sites

william
ah. Facce come queste?

carlo2.jpg

Carlo II di Borbone

mariart.jpg

Maria Luisa di Borbone

giangastone.jpg

Giangastone dei Medici

leopoldoII.jpg

Leopoldo II del Belgio

00080q00.jpg

Leopoldo II d'Asburgo

E tralascio Carlo d'Inghilterra, la sua Augusta Genitrice, la sua attuale Consorte ecc. ecc.

103870[/snapback]

Sono bruttissimi!!! :D :D

lele

104085[/snapback]

:P

Share this post


Link to post
Share on other sites

quattrino
Supporter
Per dire la verità, l'intera cosa è una bufala a scopo di tentare di stimolare un po' il turismo in una zona economicamente depressa. Le "monete" sono dei semplici gettoni souvenir per turisti. ;)

103846[/snapback]

In questo modo è considerata dal Governo Australiano, ma in realtà la cosa è un po' più complessa. La situazione ricorda un po' quella di altre zone del mondo in cui ci sono tentativi (non riconosciuti) di secessione. In questo caso nessun organismo internazionale riconosce una vera e propria indipendenza a Hutt River, d'altra parte a norma di legge, dato che l'Australia non è corsa ai ripari per impedirne la nascita, questa zona avrebbe la possibilità di essere davvero indipendente. E' un interessante caso di diritto internazionale...

Quanto al fatto che le monete siano da considerare alla stregua di gettoni è fuori di dubbio...

P.S. Sapete che è da un po' di tempo che mi interesso di Stati inesistenti o "estinti"... :lol:

103874[/snapback]

Ciao Alteras,

allora forse ti può interessare questo sito del "Unrecognized States Numismatic Society"

http://www.usns.info/

Anch'io ho collezionato per un po' di tempo queste monete. Poi mi sono reso conto di quanti in realtà siano questi presunti "stati" e ho lasciato perdere. A volte mi sembra che ci sia un po' troppa speculazione :ph34r: .

Share this post


Link to post
Share on other sites

alteras

Sicuramente... Io ho raccolto più che altro monete di "vere" entità istituzionali (come la Saar) o di territori ben definiti e che magari sono stati solo ad un passo dall'essere riconosciuti (vedi Katanga)...

Attualmente sto completando le emissioni della Palestina, che sino alla creazione dello Stato di Israele era una Dominazione Britannica da tutti riconosciuta e che aveva la possibilità di coniare moneta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.