Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
francesco77

Clemente XIV. Medaglia annuale 1774. Un rompicapo?

Risposte migliori

francesco77

Oggi spero di avere dai massimi esperti di medaglie papali che frequentano questa sezione lumi sull'attribuzione dell'avvenimento di questa medaglia.

Come anticipato nel titolo della discussione si tratta della medaglia annuale del 1774 di Clemente XIV (papa Ganganelli), opera di Filippo Cropanese.

Come ben tutti sanno è un tipo di medaglia tradizionalmente attribuita alla commemorazione per la soppressione dell'ordine dei gesuiti, poi nel 2009 “l'optimus” Adolfo Modesti attribuì la stessa alla riannessione dei territori di Avignone, Benevento e Pontecorvo allo Stato Pontificio. In effetti, pensandoci bene (ma questo è un mio pensiero), sembra paradossale che un pontefice abbia autorizzato la coniazione di una medaglia per la soppressione di un ordine religioso con tanto di motto che tradotto in italiano significa “con la perseveranza ottenne il frutto”. Mi sa troppo di autogol da parte delle autorità ecclesiastiche. Più plausibile è l'attribuzione alla restituzione dei territori papali appartenenti alla Francia e al Regno di Napoli. Su tali attribuzioni non esiste alcun documento e per tanto spero di farvi cosa gradita postando la pagina del Modesti affinché diate un'occhiata alla scheda del testo. Cosa ne pensate voi?

Ovviamente, se oggi sono qui a rompervi le scatole è perché, se la teoria e le ricerche di Modesti dovessero essere esatte, allora è una medaglia che riguarda non solo la storia dello Stato Pontificio, ma anche quella del Regno di Napoli, quindi collezionabile anche da me! Rammento infatti che la medaglia annuale del 1755 di Benedetto XIV per il concordato tra Ordine di Malta e Regno di Napoli è papale ma anche borbonica. Grazie anticipatamente per la vostra disponibilità.

Ultima cosa: tempo fa vidi in un'asta Nummus et Ars un esemplare in argento a 650 euro in conservazione spl, ora lo stesso è in vendita in una prossima asta a 1200 CHF di partenza: qual è secondo voi la cifra giusta da pagare per un argento spl?

post-8333-0-31574800-1348761252_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

[URL=http://imageshack.us/photo/my-images/337/image01346w.jpg/]image01346w.jpg[/url]

Uploaded with ImageShack.us

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veridio

650-800 euro è un prezzo normale, oltre diventa esoso.

Ma daltronde dipende tutto dal mercato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

renzo1940

Gli studi del Modesti sono sempre molto puntuali e noi collezionisti di medaglie papali siamo "modesti" seguaci del Maestro. La modificazione della tesi del Patrignani (confermata dal Bartolotti) in ordine all'evento commemorato con la medaglia annuale di Clemente XIV - anno VI pare anche a me convincente, anche se non e' stato reperito documento ufficiale.

Quanto alla valutazione della medaglia in argento, mi sembra che quella in asta Divo (base di asta circa euro 1.000) sia originale, mentre - se ben ricordo - avevo qualche incertezza per quella proposta un po' di tempo fa da Nummus et Ars(base di asta euro 650).

Le medaglie papali in argento in bella conservazione appaiono raramente sul mercato e quindi non esiste una base statistica adeguata per valutazioni abbastanza precise; il prezzo di aggiudicazione spesso varia per occasionali circostanze di competizione tra collezionisti.

Tra i vari papi la richiesta di medaglie per Clemente XIV non e' in genere particolarmente sostenuta. La base di asta di euro 1.000 proposta da Hess Divo e'a mio giudizio un po' elevata, considerando anche diritti e immposte per importazione in Italia; ma in questi giorni ci sono state aste di medaglie papali all'estero (in Germania e USA) con prezzi di aggiudicazione rispetto ai quali sembra un regalo.

Modificato da renzo1940

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil

Quanto alla valutazione della medaglia in argento, mi sembra che quella in asta Divo (base di asta circa euro 1.000) sia originale, mentre - se ben ricordo - avevo qualche incertezza per quella proposta un po' di tempo fa da Nummus et Ars(base di asta euro 650).

Ciao, non ho l'immagine della medaglia passata da Nummus et Ars per confronto, ma ho notato che sulle medaglie in bronzo presenti sul catalogo lamonetiano è presente un'escrescenza di metallo sulla spalla del pontefice, dovuta alla rottura del conio del diritto.

AVICacciatadeiGesuitiP23_1774_33912.jpg

E' da questo particolare che possiamo distinguere gli originali (conio integro) dai riconi successivi ?

Ciao, RCAMIL.

Modificato da rcamil

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

renzo1940

Quanto alla valutazione della medaglia in argento, mi sembra che quella in asta Divo (base di asta circa euro 1.000) sia originale, mentre - se ben ricordo - avevo qualche incertezza per quella proposta un po' di tempo fa da Nummus et Ars(base di asta euro 650).

Ciao, non ho l'immagine della medaglia passata da Nummus et Ars per confronto, ma ho notato che sulle medaglie in bronzo presenti sul catalogo lamonetiano è presente un'escrescenza di metallo sulla spalla del pontefice, dovuta alla rottura del conio del diritto.

AVICacciatadeiGesuitiP23_1774_33912.jpg

E' da questo particolare che possiamo distinguere gli originali (conio integro) dai riconi successivi ?

Ciao, RCAMIL.

La presenza della escrescenza e' l'indicazione di una coniazione posteriore. In alcune di queste medaglie l'escrescenza e' minima, in altre - come quella proposta in foto - assolutamente evidente: cosi' si puo' stabilire la sequenza dei coni. Per la medaglia di Nummus et Ars mi affido ad un ricordo debole, un po' fumoso e andrebbe ricercata e riguardata.

Va precisato che per Clemente XIV coniazioni originali e successive sono quasi coeve e quindi non vi sono cambiamenti tangibili di metallo usato, di tecniche di coniazione, dell'aspetto complessivo della medaglia.

In alcuni mercati esteri, in recenti aste, si assiste ad una certa assimilazione di quotazioni tra coniazioni originali e riconi. In Italia c'e' ancora la resistenza.... del nostro piccolo gruppo di "puristi".

Modificato da rcamil

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao Renzo, grazie mille per le delucidazioni, a questo punto andrebbe rettificato sul catalogo Lamoneta il titolo dell'avvenimento oppure no? Voi che dite?

In questi giorni mi sono confrontato con Ganganelli (un discendente del pontefice) e dal suo discorso ho capito che è d'accordo con l'attribuzione di Modesti, confermato anche ora da Renzo. Ovviamente il tutto è attribuibile ma senza documenti che stabiliscono ciò con certezza. Se davvero fosse come dice Modesti allora la medaglia ha grande importanza storica per lo Stato Pontificio e per il Regno di Napoli. Grazie di nuovo. :hi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×