Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
2006augustod

10 tornesi 1833 - parere di conservazione

Risposte migliori

2006augustod

attendo il vostro parere

post-13664-0-52046100-1353522513_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand
Supporter

"molto vissuta", comunque è pur sempre un pezzo di storia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Più di BB, patina leggera molto piacevole, noto una lesione del tondello ed una mancanza di metallo sulla capigliatura, entrambi brutti difetti di conio, confermi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cembruno5500
Supporter

moneta che ha fatto il suo onesto lavoro, ricca di storia ma bassa la conservazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2006augustod

Più di BB, patina leggera molto piacevole, noto una lesione del tondello ed una mancanza di metallo sulla capigliatura, entrambi brutti difetti di conio, confermi?

vero - ma di presenza risulta gradevole

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabione191

Più di BB, patina leggera molto piacevole, noto una lesione del tondello ed una mancanza di metallo sulla capigliatura, entrambi brutti difetti di conio, confermi?

Sei stato molto generoso sulla conservazione di questa moneta specialmente per il dritto, i rilievi sono in parte consumati come l'orecchio i capelli, come pure la X di rex e una parte del collo, ha una evidente frattura, graffi sul viso,e mancanza di metallo, malgrado ciò una bellissima!! Ti confesso che mi hai spiazzato, ma se lo dici tu ci credo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2006augustod

Più di BB, patina leggera molto piacevole, noto una lesione del tondello ed una mancanza di metallo sulla capigliatura, entrambi brutti difetti di conio, confermi?

Sei stato molto generoso sulla conservazione di questa moneta specialmente per il dritto, i rilievi sono in parte consumati come l'orecchio i capelli, come pure la X di rex e una parte del collo, ha una evidente frattura, graffi sul viso,e mancanza di metallo, malgrado ciò una bellissima!! Ti confesso che mi hai spiazzato, ma se lo dici tu ci credo.

La foto postata riproduce le dimensioni reali della moneta, dalla foto si nota solo la mancanza di conio, ed è l'unico difetto che si evidenzia dal vivo (è chiaro che ingrandendo si vedano tutti i difetti) - in ogni caso Francesco è stato molto generoso, potremmo dire q/BB - BB, però non è facile trovarle superiori a MB.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

Più di BB, patina leggera molto piacevole, noto una lesione del tondello ed una mancanza di metallo sulla capigliatura, entrambi brutti difetti di conio, confermi?

Sei stato molto generoso sulla conservazione di questa moneta specialmente per il dritto, i rilievi sono in parte consumati come l'orecchio i capelli, come pure la X di rex e una parte del collo, ha una evidente frattura, graffi sul viso,e mancanza di metallo, malgrado ciò una bellissima!! Ti confesso che mi hai spiazzato, ma se lo dici tu ci credo.

La foto postata riproduce le dimensioni reali della moneta, dalla foto si nota solo la mancanza di conio, ed è l'unico difetto che si evidenzia dal vivo (è chiaro che ingrandendo si vedano tutti i difetti) - in ogni caso Francesco è stato molto generoso, potremmo dire q/BB - BB, però non è facile trovarle superiori a MB.

Daccordo con te Augusto.....soprattutto per l'ultima parte del discorso.....i dettagli dell'incisione ci sono ancora e il suo aspetto è ancora accettabile anche se mostra chiaramente che è stata in circolazione.

Pietro

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

IpseDixit

Considerata la spaccatura, la mancanza di materiale sulla testa del sovrano, i colpetti a ore 4 e ore 7, io non andrei oltre il qBB.

Saluti,

Pasquale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabione191

Pardon non avevo controllato il livello di rarità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

Caro Augusto, sai che io non amo definire i gradi di conservazione attraverso i classici canoni imposti dai vari cataloghi/prezzari, anche perché per le Napoletane e le Palermitane sarebbe opportuno fare considerazioni da tondello a tondello esulando la tipologia di appartenenza.

Infatti, pur facenti parti dello stesso tipo taluni tondelli si differenziano per data, e ancora essendo dello stesso millesimo e facile trovare incongruenze, questo è il bello della monetazione che da qualche tempo ci tiene compagnia.

Sono un po’ come quegli “oggetti misteriosi” dei grani Palermitani del periodo Borbonico dove la conservazione latita e non solo, infatti trovarne diventa sempre una caccia al tesoro, ( in questo caso ci sarebbe da scrivere parecchio), e il loro grado di rarità andrebbe rivisto in base allo stato conservativo, idem per le Napoletane.

Senza perderci in teorie che troppe volte ho perorato, il tuo piacevole tondello racchiude tutto il fascino di questo inizio anni 30, dove la monetazione di rame subisce valori diversi di attribuzione conservativa, vista la sua difficoltà nel reperirla in qualità medio alte.

Per la tipologia, per la data, un piacevolissimo tondello, questo ritratto giovanile di Ferdinando II è uno dei miei preferiti, specialmente sui tre tornesi…….

Eros

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2006augustod

Più di BB, patina leggera molto piacevole, noto una lesione del tondello ed una mancanza di metallo sulla capigliatura, entrambi brutti difetti di conio, confermi?

LA MONETA HA IL BORDO LISCIO - SI DEVE CONSIDERARE PIU' RARA O MENO RARA DI QUELLA COL BORDO RIGATO IN INCUSO ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gennydbmoney

LA MONETA HA IL BORDO LISCIO - SI DEVE CONSIDERARE PIU' RARA O MENO RARA DI QUELLA COL BORDO RIGATO IN INCUSO ?

ciao augustod,con il bordo rigato obliquo è considerato R4 e mai apparsa sul mercato,come anche il 31,32 e 35...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Beh dai è BB per chi vende e qBB per chi compra ;) .

La moneta ha dei difetti di conio quali una spaccatura ,una mancanza di metallo sulla testa del Re ed una inflessione di metallo ad ore 4.Magari è nata con conio stanco ed i rilievi erano compromessi per la maggior parte già da quando la moneta è uscita dal conio,avrà ,inoltre ,un po' circolato,e,forse chi l'ha conservata ,prima di te,l'avrà pulita con panni che hanno intaccato maggiormente i rilievi

E'sicuramente collezionabile

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

LA MONETA HA IL BORDO LISCIO - SI DEVE CONSIDERARE PIU' RARA O MENO RARA DI QUELLA COL BORDO RIGATO IN INCUSO ?

Domanda all'apparenza banalissima, ma qualche perplessità deve averla fatta sorgere anche a un "vecchio" collezionista come te evidentemente.

Caro Augusto, immagino e comprendo a cosa ti voglia riferire ma, sai benissimo che questa scienza è bella anche per questo, altrimenti non saremmo qui a chiederci, a comprendere, a conoscere, a chiarire, e a confrontarci per cercare una fantomatica verità.

Le tue perplessità saranno nate attraverso la lettura di un noto catalogo prezzario, che riporta questo nominale con contorno liscio addirittura R5, e l'altro catalogo prezzario invece un indice di rarità pari al Raro, così come nell'opera del grande Vico D'Incerti - LE MONETE BORBONICHE DELLE DUE SICILIE - periodo 1799 - 1860 (un lavoro fondamentale per chi raccoglie e studia questo

periodo), che considera anch'egli questo nominale Raro.

Dove si trova la verità?

Posso solo far presente che l'esimio Vico D'Incerti, prima di redigere la sua fatica, consultò le più grandi opere sulla zecca Napoletana, e infine per avere delle certezze dal punto di vista statistico, consultò le principali raccolte museali e fondazioni (compreso il medagliere di Londra e di Monaco) e parecchie collezioni private, fra cui talune di vero spessore:

Collezione del Sig. Rodolfo Spahr, - Catania, Prof. Dott. Giovanni Jaja - Bari, Dott. Ing. Vincenzo Vitozzi - Napoli, Duchessa Agnese Catemario di Quadri - Napoli, Conti Pancera di Zoppola - Brescia, Nobile Dott. Ing. Ippolito Zucchieri Tosio - Milano,

Dott. Corrado Astengo - Genova, Rag. Gaetano Gardini - Milano, e altre ancora hanno preferito mantenere l'anonimato.

Lascio a voi ogni deduzione logica...

Eros

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2006augustod

Domanda all'apparenza banalissima, ma qualche perplessità deve averla fatta sorgere anche a un "vecchio" collezionista come te evidentemente.

Caro Augusto, immagino e comprendo a cosa ti voglia riferire ma, sai benissimo che questa scienza è bella anche per questo, altrimenti non saremmo qui a chiederci, a comprendere, a conoscere, a chiarire, e a confrontarci per cercare una fantomatica verità.

Le tue perplessità saranno nate attraverso la lettura di un noto catalogo prezzario, che riporta questo nominale con contorno liscio addirittura R5, e l'altro catalogo prezzario invece un indice di rarità pari al Raro, così come nell'opera del grande Vico D'Incerti - LE MONETE BORBONICHE DELLE DUE SICILIE - periodo 1799 - 1860 (un lavoro fondamentale per chi raccoglie e studia questo

periodo), che considera anch'egli questo nominale Raro.

Dove si trova la verità?

Posso solo far presente che l'esimio Vico D'Incerti, prima di redigere la sua fatica, consultò le più grandi opere sulla zecca Napoletana, e infine per avere delle certezze dal punto di vista statistico, consultò le principali raccolte museali e fondazioni (compreso il medagliere di Londra e di Monaco) e parecchie collezioni private, fra cui talune di vero spessore:

Collezione del Sig. Rodolfo Spahr, - Catania, Prof. Dott. Giovanni Jaja - Bari, Dott. Ing. Vincenzo Vitozzi - Napoli, Duchessa Agnese Catemario di Quadri - Napoli, Conti Pancera di Zoppola - Brescia, Nobile Dott. Ing. Ippolito Zucchieri Tosio - Milano,

Dott. Corrado Astengo - Genova, Rag. Gaetano Gardini - Milano, e altre ancora hanno preferito mantenere l'anonimato.

Lascio a voi ogni deduzione logica...

Eros

Sinceramente la lettura delle due opere, e principalmente l'attribuzione di un R5 nel catalogo Montenegro, mi ha lasciato interdetto.

Devo dedurre che quella più rara è quella con la rigatura in incuso, e che la mia è semplicemente R come riportato dal D'incerti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Domanda all'apparenza banalissima, ma qualche perplessità deve averla fatta sorgere anche a un "vecchio" collezionista come te evidentemente.

Caro Augusto, immagino e comprendo a cosa ti voglia riferire ma, sai benissimo che questa scienza è bella anche per questo, altrimenti non saremmo qui a chiederci, a comprendere, a conoscere, a chiarire, e a confrontarci per cercare una fantomatica verità.

Le tue perplessità saranno nate attraverso la lettura di un noto catalogo prezzario, che riporta questo nominale con contorno liscio addirittura R5, e l'altro catalogo prezzario invece un indice di rarità pari al Raro, così come nell'opera del grande Vico D'Incerti - LE MONETE BORBONICHE DELLE DUE SICILIE - periodo 1799 - 1860 (un lavoro fondamentale per chi raccoglie e studia questo

periodo), che considera anch'egli questo nominale Raro.

Dove si trova la verità?

Posso solo far presente che l'esimio Vico D'Incerti, prima di redigere la sua fatica, consultò le più grandi opere sulla zecca Napoletana, e infine per avere delle certezze dal punto di vista statistico, consultò le principali raccolte museali e fondazioni (compreso il medagliere di Londra e di Monaco) e parecchie collezioni private, fra cui talune di vero spessore:

Collezione del Sig. Rodolfo Spahr, - Catania, Prof. Dott. Giovanni Jaja - Bari, Dott. Ing. Vincenzo Vitozzi - Napoli, Duchessa Agnese Catemario di Quadri - Napoli, Conti Pancera di Zoppola - Brescia, Nobile Dott. Ing. Ippolito Zucchieri Tosio - Milano,

Dott. Corrado Astengo - Genova, Rag. Gaetano Gardini - Milano, e altre ancora hanno preferito mantenere l'anonimato.

Lascio a voi ogni deduzione logica...

Eros

Ciao Erodoto, a mio parere si tratta di qualche svista del passato, il 99% dei 10 tornesi 1833 presentano il taglio liscio, in vita mia ne ho visto uno solo con la rigatura obliqua (in pessima conservazione oltretutto).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

Ciao Erodoto, a mio parere si tratta di qualche svista del passato, il 99% dei 10 tornesi 1833 presentano il taglio liscio, in vita mia ne ho visto uno solo con la rigatura obliqua (in pessima conservazione oltretutto).

Si infàtt è chello ca' pensò anch''iò, a me è capitàt cacc annò fa e' bberè in na' grande colleziòn e' Ferdinànd II, nu' sul esemplarè, passàt sott' o' tram...

Comunquè nun aia' approfittartèn accussì tantò, sul perchè aie nu' nomè comunissimo... :D

Eros

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Darkslide

Salve a tutti, da poco mi sono giunte in eredità delle monete e tra queste vi è una 10 tornesi...ho comprato il Gigante, ho cercato un po su internet ma penso che il miglior aiuto possa pervenire solo da persone più esperte di me!

Cosa si intende per bordo obliquo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Darkslide

per caso risultano delle monete del genere con il bordo in argento?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

per caso risultano delle monete del genere con il bordo in argento?

No.......riesci a farci vedere una foto ?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

domani o nei prossimi giorni provvedo. Sarà Mica Un falso?

Qui siamo molto curiosi....e soprattutto dopo che hai fornito questi particolari.........

Aspettiamo !!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×